Giornata mondiale

Data protection day: le migliori pratiche per tutelare i dati personali e in azienda

Il Data Protection Day è un’iniziativa importante per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della privacy e della protezione dei dati. Ma è anche l’occasione per spiegare alle aziende per mitigare i rischi legati allo smarrimento o furto di dati. Ecco i consigli per tutelare i dati

Pubblicato il 28 Gen 2024

Mirella Castigli

Giornalista

Il Data protection day si celebra domenica 28 gennaio ed è l’occasione per una riflessione sul significato della tutela dei dati.

La Giornata mondiale della protezione dei dati ricorda, infatti, che la tutela dei dati personali permette la difesa della democrazia, la salvaguardia della libertà e della dignità delle persone. 

“In un mondo sempre più interconnesso, la protezione dei dati parte dall’individuo – Martina Fonzo, SOC Analyst di Swascan -. Nonostante normative come il GDPR, il Digital Services Act e l’AI Act mirino a risolvere tali problematiche, molte pratiche non etiche sfuggono ancora all’attenzione“.

Infatti “il Data Protection Day è un’iniziativa importante per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della privacy e della protezione dei dati – conferma Pierluigi Paganini, analista di cyber security e CEO Cybhorus -.  Nell’attuale società si tende a dimenticare che la protezione dei dati personali è un diritto fondamentale dell’individuo. Spesso apprendiamo di casi in cui i nostri dati sono abusati, raccolti e detenuti senza consenso, o peggio ancora, utilizzati per influenzare il nostro comportamento”. 

Ma la giornata mondiale è anche un momento di consapevolezza dei rischi, sia economici che reputazionali, che comporta la perdita o il furto di dati per le aziende di ogni dimensione.

Infatti il recente verdetto della Corte di Giustizia Europea e i nuovi regolamenti come NIS2 e DORA mettono le imprese e le organizzazioni di fronte alla necessità di una revisione delle proprie politiche e processi di sicurezza informatica.

“È più che mai importante che le organizzazioni comprendano che la protezione e la sicurezza dei dati sono interdipendenti e non possono e non devono essere considerate separatamente – commenta Christoph Bausewein, Assistant General Counsel, Data Protection & Policy di CrowdStrike – Come dimostra la Corte di giustizia europea (CGE), che a dicembre ha emesso una sentenza di ampia portata sul risarcimento dei danni a seguito di attacchi informatici ai sensi del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR)”. Ecco i consigli per tutelare i dati per aziende e cittadini.

Data protection day: i consigli per le aziende

Per valutare e ottimizzare le proprie strategie di protezione dei dati, occorre mettere la privacy in cima alle priorità aziendali. “Le organizzazioni non dovrebbero mai dover scegliere tra privacy e sicurezza dei dati”, spiega Christian Morin, Chief Security Officer di Genetec.

WHITEPAPER
La guida completa per la gestione dei dati di impianto in sicurezza grazie a un sistema OT/IIoT
Cybersecurity
Business Analytics

Ma il compito è complesso, perché, come evidenzia Rubrik Zero Labs, i dati di un’organizzazione sono aumentati del 42% solo negli ultimi 18 mesi e un’organizzazione media oggi ha superato la soglia dei 24 milioni di record di dati sensibili. Il 98% ammette problemi rilevanti di visibilità dei dati e il 66% teme che il diluvio di dati superi la propria capacità di proteggerli.

Secondo Genetec, occorre ridurre la raccolta e la conservazione solo delle informazioni essenziali, minimizzando i dati archiviati. Bisogna porre limiti all’accesso ai dati sensibili, migliorando le pratiche di condivisione dei dati, come la rimozione delle informazioni di identificazione personale per difendere la privacy individuale. Per anonimizzare le informazioni personali, pur conservandone l’utilità, conviene ricorrere alla seguenti tecniche: randomizzazione, pseudonimizzazione, tokenizzazione, generalizzazione e mascheramento.

Inoltre è necessario assicurare la privacy senza compromettere le prove e garantire trasparenza e consenso dell’utente. Aiutano la scelta di un fornitore affidabile per l’archiviazione dei dati e istituire rigide linee di condotta.

“In occasione del Data Protection Day, sottolineiamo infatti l’essenziale ruolo della protezione dei dati come fondamento per aziende e individui – evidenzia Martina Emanueli, Cyber Academy di Swascan -. Oltre agli investimenti in cybersecurity, dedicare attenzione alla formazione individuale è cruciale per creare una consapevolezza diffusa sulla sicurezza digitale, contribuendo così a preservare il patrimonio informativo e la fiducia degli stakeholders in un mondo sempre più interconnesso”.

I rischi nell’era dell’AI: come mitigarli

E se la protezione dei dati è un imperativo, come dimostrano GDPR, il Digital Services Act e l’AI Act, moltre pratiche sfuggono all’attenzione. “Al giorno d’oggi l’etica dei dati e l’etica dell’IA sono strettamente legate – continua Martina Fonzo -:  risolvere le crescenti preoccupazioni sulla privacy dei dati è imperativo prima di lanciarsi completamente nell’adozione su vasta scala dell’AI”.

“Ignorare questa connessione rischia di costruire nuove infrastrutture su basi instabili. Le imprese devono infatti adottare misure standard e promuovere una cultura aziendale incentrata sulla protezione dei dati, dove l’utilizzo di password robuste, aggiornamenti software e autenticazione a più fattori risultano pratiche indispensabili. La formazione dei dipendenti in merito è essenziale, così come la responsabilità condivisa di tutti nell’assicurare la sicurezza dei dati – conclude Martina Fonzo -: si tratta di un impegno costante che richiede collaborazione al fine di garantire un ambiente online sicuro”.

Come proteggere i dati in rete

“È necessario promuovere una cultura della rete che abbia i concetti di privacy e di protezione dei dati dell’individuo come sue fondamenta, sottolinea Paganini -. Occorre spiegare come prendersi cura dei propri dati, quali sono i rischi in cui è possibile incorrere e quali le misure per tutelarsi. In azienda è importante adottare misure di sicurezza per proteggere i dati, siano esse informazioni personali che di clienti, dipendenti, e fornitori” .

“Semplici misure possono includere:

  • la formazione del personale su temi di sicurezza e protezione dei dati;
  • implementazione di politiche e procedure;
  • utilizzo di tecnologie che consentano di garantire la sicurezza e la riservatezza delle informazioni attraverso un monitoraggio continuo.

Il Data Protection Day – conclude Paganini – è un’occasione importante per comprendere quanto si è edotti su rischi e misure a tutela ed ovviamente per prendere provvedimenti atti a migliorare la propria postura di sicurezza”.

La sentenza della Corte di giustizia Ue

“La sentenza (di dicembre della Corte di giustizia europea, ndr) – continua Christoph Bausewein, Assistant General Counsel, Data Protection & Policy, CrowdStrike – riassume con forza: se i dati personali vengono rubati in un attacco informatico, le persone colpite hanno la possibilità di chiedere un risarcimento danni, a meno che l’organizzazione violata non sia in grado di dimostrare che le sue misure di sicurezza sono ragionevoli e all’avanguardia”.

“Con questa decisione, la più alta corte dell’UE rafforza i diritti dei cittadini in materia di protezione dei dati – e allo stesso tempo obbliga le autorità pubbliche e le aziende a prestare maggiore attenzione alla protezione dei dati con mezzi adeguati e al rispetto delle norme pertinenti in materia di protezione dei dati – e, indirettamente, a rivedere e migliorare continuamente la loro maturità informatica e la relativa resilienza informatica”.

La sentenza dimnostra che “le implementazioni normative in ambito GDPR hanno dunque reso il tema della protezione dei dati sempre più centrale nel business delle aziende – aggiunge Vincenzo Sgaramella, Head of PM di Swascan-. I principi di ‘privacy by design’ e ‘privacy by default’ hanno notevolmente migliorato il rispetto della confidenzialità ed il trattamento dei dati. Tuttavia, le recenti rilevazioni del GDPR Enforcement Tracker sulle sanzioni comminate alle aziende europee ci dicono che c’è ancora molta strada da percorrere”.

I regolamenti NIS2 e DORA

“Le organizzazioni che si stanno preparando per la normativa NIS2, DORA e per la resilienza informatica dell’UE – avverte Christoph Bausewein – hanno l’opportunità non solo di migliorare la sicurezza dei dati, ma anche di ridurre il rischio finanziario tenendo conto di questa nuova normativa e dei requisiti che essa impone alle organizzazioni. Sebbene la direttiva NIS2 rappresenti un passo positivo per migliorare la resistenza e la resilienza informatica delle organizzazioni e della società dell’UE, la legislazione e le imminenti leggi locali di attuazione creeranno incertezza a livello di operatori del diritto se non sarà chiaro chi rientrerà nel campo di applicazione, come prepararsi e quali azioni dovranno essere intraprese. In definitiva, la NIS2 non riguarda solo la tecnologia, ma anche le procedure e i processi”.

Data protection day: 10 tattiche per evitare le principali frodi

Dall’ultimo Retail Report realizzato da Adyen emerge che l’evoluzione delle frodi nei pagamenti è pericolosa perché le truffe sanno adattarsi in maniera intelligente da richiedere una sorveglianza costante.

Infatti il 32% dei retailer italiani ha subito un aumento dei costi a causa di frodi e chargeback. Invece il 23% degli acquirenti locali è caduto vittima di frodi nei pagamenti nel corso dell’ultimo anno.

Tuttavia è possibile implementare dieci tattiche per prevenire le tipologie di frodi che minacciano le aziende.

Per affrontare le frodi riferite alla verifica delle carte, cioè quando una carta viene “testata” per sondarne il funzionamento dopo un furto, Adyen suggerisce l’applicazione di tecnologie di analisi comportamentale per individuare i tentativi di pagamento fraudolenti, analizzare il comportamento dei clienti e adottare rapidi controlli sui rischi.

Occore anche effettuare un controllo delle tempistiche sugli ordini, in quanto crescono i tool di verifica delle carte , attraverso l’uso di bot o script, ed è possibile individuarli nel caso di numerose transazioni in un minimo lasso di tempo.

Per impedire la frode amichevole, quando un cliente compra beni su un sito di eCommerce e poi avvia una procedura di reclamo, è necessario rendere la gestione del rischio in grado di riconoscere schemi ricorrenti dei truffatori seriali, che usano varie carte e identità per condurre le procedure di chargeback. Conviene ricorrere a liste di utenti bloccati (referral lists), per ostacolare il ritorno dei clienti scorretti.

Contro il takeover fraud (ATO)

Il quinto consiglio riguarda l’implementazione di un sistema di gestione del rischio flessibile per le takeover fraud (ATO), in cui il phishing si abbina al furto di identità per consentire ai truffatori di ricreare un sito web identico all’originale per rubare credenziali.

A questo proposito, Adyen raccomanda un sistema di gestione del rischio versatile per l’ampliamento degli ambiti analizzati secondo le indicazioni dei merchant. Il sistema deve sfruttare la visualizzazione di una timeline per distinguere il normale comportamento dei clienti veri e come questo si modifica dopo un account takeover.

Inoltre è utile istituire liste di attributi affidabili e da bloccare, per consentire ai merchant lo stop degli attributi associati a eventuali frodi di triangolazione, inclusi quelli dei clienti e riferiti alle modalità di spedizione.

Gli altri suggerimenti di Adyen

Il proprio sistema di gestione del rischio deve essere personalizzato e in linea con il commercio unificato, per una comprensione a 360 gradi del ciclo di vita di un cliente, visualizzandone gli ordini precedenti per scovare frodi sui rimborsi.

Occorre poi declinare le regole di rischio in maniera personalizzata per ridurre gli scenari rischiosi, individuando singoli utenti che impiegano i dati impropriamente.

Bisogna dunque effettuare l‘aggiunta di dati contestuali, combinando controlli personalizzati del rischio  ed elenchi di blocco sulla base di questi dati per scoprire questa tipologia di transazioni.

Infine occorre introdurre regole di rischio personalizzate e indicatori mirati per scongiurare l’uso indebito delle gift card.

Data Protection Day: il Garante Privacy contro la violenza della (e nella) rete

Il 30 gennaio a Roma, presso la Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, il Garante per la privacy ha organizzato il Convegno dal titolo “Violenza della rete, violenza nella rete”, in occasione della 18ma Giornata europea della protezione dei dati personali, promossa dal Consiglio d’Europa con il supporto della Commissione europea e delle Autorità per la protezione dei dati personali.

“Sono passati 43 anni da quando, nel 1981, la convenzione n.108 del Consiglio d’Europa ha aperto la strada alla protezione dei dati digitali – ricorda Cristina Spagnoli, Head of GRC & Strategic Consulting – Swascan -. Un’epoca, quella, che rispetto a oggi rappresenta la ‘preistoria‘ dal punto di vista della digitalizzazione. Il Data Protection Day, istituito invece nel 2006, rafforza il focus su questo tema in un contesto come quello attuale, in cui la protezione dei dati personali, e direi dei dati in generale, è ormai imprescindibile e di fondamentale importanza per qualsiasi entità, nazione, azienda e ovviamente per ogni singolo cittadino”.

WHITEPAPER
Sai come ottimizzare nel modo giusto la tua logistica di magazzino?
Datacenter Infrastructure Management
Cloud application
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5