ADEMPIMENTI PRIVACY

Team DPO: un approccio olistico alla compliance GDPR aziendale

È difficile riunire in un solo soggetto, per quanto preparato, tutte le competenze previste dal GDPR per il DPO. È dunque utile prevedere una chiara distribuzione dei compiti creando un team DPO e assegnando un singolo professionista come contatto principale

10 Mar 2021
C
Paolo Calvi

Data Protection Officer, P4I - Partners4Innovation

Per poter assolvere adeguatamente a tutti i compiti previsti, un Data Protection Officer dovrebbe disporre di competenze che spaziano dal terreno legale a quello informatico, organizzativo e gestionale: la somma di queste professionalità è difficilmente reperibile in una singola persona, mentre sarà più facilmente disponibile in un team DPO ben organizzato.

Tutte le competenze del DPO

I compiti del DPO spaziano dall’informazione e consulenza sull’evoluzione normativa, all’analisi dei rischi e delle misure di sicurezza, dallo sviluppo organizzativo alla formazione, fino ad attività di controllo.

Il GDPR non definisce come requisito una professionalità specifica ma richiede conoscenza della normativa e dei trattamenti di dati personali specifici dell’organizzazione per la quale è designato, oltre che la capacità di svolgere i compiti assegnati dal GDPR.

Riflettendo sui compiti del DPO, gli esperti del settore (ma soprattutto le organizzazioni che devono nominarne uno, interno o esterno) si sono chiesti a lungo quali siano le competenze indispensabili di cui tale figura debba essere dotata.

Una delle posizioni inizialmente prevalenti vedeva l’Avvocato come l’unica figura in grado di  rivestire tale ruolo, in virtù della propria conoscenza della disciplina giuridica specifica, e anche generale, e della capacità di accedere alle fonti che consentono di monitorare gli aggiornamenti normativi, le interpretazioni e i casi che costituiscono giurisprudenza.

Ovviamente non ci possono essere dubbi che un giurista sia necessario, ma stante il rilevante approccio risk-based del GDPR, siamo certi che un legale abbia anche l’approccio mentale adatto e le competenze per condurre un’analisi dei rischi? E come potrà valutare di conseguenza l’adeguatezza delle misure di sicurezza organizzative e tecniche, adottate o da adottare? Non sarebbe più utile in questo caso un ingegnere gestionale od un analista di processi? E invece, per valutare l’impatto sulla protezione dei dati personali e sui diritti degli interessati dell’adozione di una soluzione tecnologica (applicativa o di infrastruttura), non sarà meglio affidarsi ad un esperto di cyber security? Procedendo di questo passo, si potrebbe arrivare alla conclusione che il DPO dovrebbe sapere e saper fare di tutto.

Una soluzione realistica non potrà quindi basarsi su una singola persona ma dovrà ragionevolmente fare riferimento ad un team multidisciplinare, interno all’azienda oppure messo a disposizione da una società esterna che sarà designata DPO con un contratto di servizio. In entrambi i casi andrà individuata una figura di riferimento, il cui nominativo va comunicato al Garante (che deve poter contattare direttamente una persona fisica).

Team DPO: chi ne fa parte

Il team DPO dovrebbe avere al suo interno non solo le imprescindibili competenze legali, informatiche e di sicurezza, ma anche organizzative, spesso sottovalutate: si troverà infatti a dover verificare procedure organizzative, necessariamente sostenute da un modello organizzativo coerente. Saranno quindi necessari analisti di organizzazione, di processi, economisti o ingegneri gestionali.

Inoltre, è pure vero che l’attività del DPO si configura come un servizio continuativo e quindi a rigore non come un progetto, che tipicamente prevede un inizio/fine nel tempo, fasi preliminari, di esecuzione e di conclusione con un obiettivo da raggiungere come esito finale.

Tuttavia, il servizio prevede scadenze (audit, aggiornamento registri, rapporto al CdA) che vanno rispettate e rendicontate.

Tornerà allora utile la figura del project manager, per tenere sotto controllo la pianificazione, l’allocazione delle risorse ed il raggiungimento degli obiettivi relativi ai diversi step del piano di lavoro. Da non sottovalutare poi la rendicontazione, per poter dimostrare le azioni condotte e le scelte che le hanno determinate, in termini di accountability.

È necessario un approccio olistico

Appare quindi opportuna, o meglio inevitabile, la scelta di ricorrere ad un team che disponga di tutte queste competenze e professionalità, ma per condurre con successo la sua attività bisognerà trovare il modo di farli lavorare bene insieme, evitando i compartimenti stagni.

Per ottenere il meglio occorre infatti adottare un approccio olistico alla compliance in ambito Data Protection, intervenendo attraverso diversi piani paralleli ma con un’unica finalità: un reale e totalizzante rispetto dei diritti degli Interessati. Per raggiungere tale obiettivo sarebbe inoltre opportuno approcciare con metodologia integrata la compliance alla Data Protection congiuntamente ad altre discipline e norme, legislative o volontarie.

Si pensi agli adempimenti previsti da normative settoriali per settori quali bancario, assicurativo, sanitario, farmaceutico, ma anche automotive o GDO; alle misure organizzative e ai controlli previsti in ambito 231 (che talvolta rischiano di sovrapporsi a quelli previsti dal GDPR); ai controlli sui sistemi di gestione della sicurezza delle informazioni previsti dalla ISO/IEC 27001:2017, o sul sistema di gestione della qualità della ISO 9001:2015 o altre norme volontarie.

Alcune delle strutture o della documentazione o dei controlli previsti in questi diversi ambiti, ancorché destinati a scopi differenti, rischiano a volte di creare inutili ed ingestibili duplicazioni e sarebbero meglio gestiti adottando un approccio integrato.

Clicca qui e richiedi subito una Demo! 

Un team DPO a configurazione variabile

Non dimentichiamo infine che, oltre alle attività ricorrenti, il team DPO dovrà essere attrezzato per supportare il Titolare anche di fronte ad eventi non pianificabili come, ad esempio, le richieste di esercizio dei diritti da parte degli interessati; il verificarsi di un incidente di sicurezza che potrebbe configurarsi (o meno) come un data breach; o la gestione di un’ispezione dell’Autorità Garante. Tutti eventi che rischiano di travolgere la routine delle strutture preposte alla gestione delle attività correnti.

Reperire risorse aggiuntive temporanee all’interno dell’organizzazione potrebbe essere difficoltoso. In quest’ottica, potrebbe rivelarsi più efficiente il ricorso ad un team DPO esterno, con risorse qualificate che all’occorrenza rispondono su chiamata, affiancandosi a quelle dedicate.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con P4Ihub

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr