15 GIORNI DI TEMPO

Data breach ASL 1 Abruzzo, la comunicazione pubblica non basta: ecco le regole imposte dal Garante privacy

Il Garante per la protezione dei dati personali, nelle more della definizione dell’istruttoria relativa al noto data breach dell’Asl 1 Abruzzo, con il provvedimento 255 dell’8 giugno 2023 ha ingiunto all’azienda sanitaria abruzzese di comunicare, senza ritardo e comunque entro quindici giorni, l’avvenuta violazione dei dati personali, agli interessati coinvolti. Gli impatti del nuovo provvedimento

Pubblicato il 15 Giu 2023

Marina Mirabella

Avvocato, Maestro della protezione dei dati & Data protection designer

Gestire comunicazione data breach guida pratica

La ASL 1 Abruzzo ha 15 giorni di tempo per comunicare alle persone coinvolte la violazione dei propri dati personali: lo ha stabilito il Garante privacy in seguito al data breach che ha interessato l’Azienda sanitaria abruzzese.

Un provvedimento importante in quanto chiarisce che una comunicazione pubblica, per quanto tempestiva e successivamente aggiornata come quella che l’Azienda sanitaria abruzzese ha pubblicato sul proprio sito web, non può essere realmente efficace per comunicare agli interessati un’esfiltrazione dei loro dati personali in seguito a un attacco ransomware.

Il data breach dell’ASL Abruzzo e il risarcimento del danno da violazione del GDPR

Data breach all’ASL 1 Abruzzo: il susseguirsi degli eventi

Come sappiamo, il cinque maggio scorso l’ASL 1 Abruzzo ha notificato al Garante privacy, ai sensi dell’art. 33 del Regolamento europeo sulla protezione dei dati (GDPR), l’attacco ransomware subìto ad opera del gruppo hacker “Monti”.

Con successiva notifica integrativa del 19 maggio 2023, l’Azienda ha dichiarato di ritenere che la violazione fosse suscettibile di presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche a causa della potenziale compromissione di dati personali di cui agli articoli 6, 9 e 10 del Regolamento 679/2016 e per questo motivo ha effettuato la comunicazione agli interessati ai sensi dell’art. 34 del Regolamento.

Questa però è avvenuta solo tramite la pubblicazione sul proprio sito internet di un comunicato stampa con alcuni successivi aggiornamenti, senza contattare direttamente gli interessati che, dunque, anche solo per avere conoscenza dell’accaduto avrebbero dovuto visitare il sito dell’azienda sanitaria.

Solo il 31 maggio e dopo una richiesta di informazioni da parte del Garante, l’ASL ha rappresentato il sospetto di esfiltrazione dei dati personali ma anche in questo caso la comunicazione agli interessati si è limitata alla pubblicazione di comunicati sul sito internet dell’ente e alla predisposizione di un template di lettera a contenuto diversificato in base alle categorie di interessati e al relativo profilo di rischio associato (basso-medio-alto-critico), con l’indicazione dei recapiti del DPO, e dei centri d’ascolto attivati per l’occasione e delle informazioni sulle possibili conseguenze sui diritti e le libertà, da consegnare all’interessato, brevi manu, ma solo al primo contatto utile.

Quindi, di nuovo, avrebbe dovuto attivarsi direttamente l’interessato, che nel frattempo sarebbe rimasto potenzialmente ignaro della violazione dei dati.

E infatti, proprio sotto il profilo del pieno ed efficace assolvimento degli obblighi di comunicazione, l’Autorità Garante, con il provvedimento in commento, non ha valutato come conformi all’art. 34 del Regolamento, le iniziative fin qui intraprese dall’Azienda a tutela degli interessati.

Data breach: una comunicazione pubblica non è efficace

Le pubblicazione di comunicati stampa e aggiornamenti sul sito internet e la formazione di un modello di comunicazione agli utenti, con l’indicazione un recapito dedicato al quale rivolgersi sebbene nell’immediato siano state iniziative utili a richiamare l’attenzione degli interessati sull’accaduto e sulle potenziali conseguenze della violazione, tuttavia secondo l’Autorità non consentono di informare tempestivamente tutti gli interessati coinvolti, specialmente quelli appartenenti alle categorie per cui il rischio è stato valutato come critico, anche al fine di permettere loro di prendere le contromisure e precauzioni necessarie per cercare di minimizzare i rischi, anche in considerazione della diversa natura dei dati personali oggetto di violazione che li riguardano.

D’altra parte, è la stessa normativa a protezione dei dati personali a suggerire che nella valutazione del rischio siano prese in considerazione la probabilità e la gravità dei rischi per i diritti e le libertà degli interessati, e che tali rischi siano determinati in base a una valutazione oggettiva.

E con riferimento al caso di specie è davvero difficile sostenere che:

  1. la violazione dei dati personali avvenuta non sia suscettibile di presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, tenuto conto della natura della violazione, delle categorie dei dati personali oggetto di violazione, delle categorie di interessati coinvolti che adesso oltre a trovarsi in una situazione di pericolo in quanto possibili mire di attività estorsive da parte degli attaccanti o di qualsiasi altra persona venuta in contatto con i dati rilasciati nel dark web, già si trovavano condizioni di particolare vulnerabilità;
  2. lo sforzo che l’Asl avrebbe dovuto sostenere per informare i singoli interessati della violazione sarebbe maggiore della gravità e della persistenza delle possibili conseguenze che gli interessati potrebbero dover sostenere in conseguenza della violazione (discriminazione, disagi, danni reputazionali o altri danni materiali o immateriali).

Questo anche in considerazione del fatto che una delle finalità proprie della comunicazione agli interessati ex art. 34 gdpr è la minimizzazione delle conseguenze negative del data breach tramite l’indicazione agli utenti di possibili misure da attuare per tutelarsi al meglio.

Anzi nel corso dell’istruttoria, l’azienda sanitaria abruzzese, non ha comprovato in alcun modo la sussistenza della condizione di cui all’art. 34, par. 3, del Regolamento in relazione allo sforzo sproporzionato che la predetta comunicazione richiederebbe.

Come deve essere fatta la comunicazione agli interessati

Secondo il Considerando n. 86 del GDPR «Il Titolare del trattamento dovrebbe comunicare all’interessato la violazione dei dati personali senza indebito ritardo, qualora questa violazione dei dati personali sia suscettibile di presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà della persona fisica, al fine di consentirgli di prendere le precauzioni necessarie. La comunicazione dovrebbe descrivere la natura della violazione dei dati personali e formulare raccomandazioni per la persona fisica interessata intese ad attenuare i potenziali effetti negativi».

E lo stesso art. 34 del GDPR prescrive che «Quando la violazione dei dati personali è suscettibile di presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, il Titolare del trattamento comunica la violazione all’interessato senza ingiustificato ritardo».

L’art. 34 GDPR prescrive, oltre alla notifica effettuata nelle modalità di cui all’art. 33, la comunicazione agli interessati laddove la violazione presenti un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche.

La “soglia” per la comunicazione è quindi più elevata rispetto a quella della mera notifica all’Autorità di controllo, pertanto, non tutte le violazioni devono essere comunicate agli interessati.

Il Regolamento prescrive, inoltre, che la comunicazione debba avvenire «senza ingiustificato ritardo», il che significa il prima possibile anche per raggiungere l’obiettivo principale di questo tipo di comunicazione che consiste nel fornire agli interessati i cui dati siano stati oggetto di violazione informazioni specifiche sulle misure che questi possono adottare per proteggersi dalle conseguenze negative della violazione stessa.

Ci sono delle circostanze nelle quali questa comunicazione non è richiesta ovvero quando viene soddisfatta una delle seguenti condizioni (art. 34, par. 3):

  1. il titolare del trattamento ha messo in atto misure tecniche ed organizzative adeguate di protezione e tali misure erano state applicate ai dati personali oggetto della violazione, in particolare quelle destinate a rendere i dati personali incomprensibili a chiunque non sia autorizzato ad accedervi, quali la cifratura;
  2. il titolare del trattamento ha successivamente adottato misure atte a scongiurare il sopraggiungere di un rischio elevato per i diritti e le libertà degli interessati;
  3. detta comunicazione richiederebbe sforzi sproporzionati. Solo in questo caso si può procedere a una comunicazione pubblica o ad una simile, tramite la quale gli interessati sono informati con analoga efficacia.

Come stabilito dall’art. 34, par. 3 GDPR la comunicazione dovrebbe essere effettuata direttamente agli interessati coinvolti, a meno che richieda uno sforzo sproporzionato. In tal caso si procede a una comunicazione pubblica o ad una simile, tramite la quale gli interessati sono informati con analoga efficacia.

Nel caso di specie, però, l’Azienda non ha mai dimostrato che la misura adottata della pubblicazione di news sul proprio sito abbia avuto analoga efficacia informativa rispetto alla comunicazione diretta agli interessati, né che fossero soddisfatte le previsioni di cui all’art. 2-duodecies, comma 2 del Codice circa la possibilità di ritardare, limitare o escludere l’adempimento della comunicazione “nella misura e per il tempo in cui ciò costituisca una misura necessaria e proporzionata […] per salvaguardare l’indipendenza della magistratura e dei procedimenti giudiziari”.

Un punto importantissimo da tenere in considerazione è che nel comunicare la violazione si devono utilizzare messaggi dedicati allo scopo che non devono essere inviati insieme ad altre informazioni.

Quest’obbligo di notifica ha una serie di vantaggi: all’atto della notifica della violazione di dati all’autorità di controllo, il titolare del trattamento può chiedere sull’eventuale necessità di informare le persone fisiche interessate. E in effetti l’autorità di controllo può ordinare, come avvenuto nel caso de quo, al titolare del trattamento di informare le persone fisiche interessate dalla violazione.

Cosa dice il provvedimento del Garante

Tenuto conto che questa modalità di comunicazione pubblica agli interessati adottata all’asl può arrecare un effettivo, concreto, attuale e rilevante pregiudizio agli utenti che non sono stati finora informati, e considerati i possibili rischi di discriminazione, disagio psicologico, umiliazione, danni alla reputazione o altri danni materiali o immateriali derivanti dalla compromissione della riservatezza dei dati personali, l’Autorità ha ravvisato la necessità e l’urgenza di ingiungere all’Azienda di comunicare individualmente, senza ritardo e comunque entro quindici giorni agli interessati coinvolti e raggiungibili, la violazione dei dati personali, descrivendone la natura e le possibili conseguenze, fornendo i dati di contatto del responsabile della protezione dei dati o di altro punto di contatto appositamente istituito presso cui ottenere più informazioni, nonché fornendo informazioni sulle misure adottate per porre rimedio alla violazione e per attenuarne i possibili effetti negativi.

Tale comunicazione, ha prescritto il Garante, dovrà essere effettuata anche in base alle diverse condizioni soggettive degli interessati cui si rivolgerà, individuando un ordine di priorità e una tempistica proporzionata al rischio: in particolare dovrà essere inviata individualmente agli interessati i cui dati oggetto di violazione rientrano nelle categorie individuate dall’Asl, in caso di illecita diffusione, come fonte di livelli di rischio “critico” o “alto”.

Mentre agli interessati ai quali si riferiscono dati, oggetto di violazione, cui il titolare ha associato un livello di rischio inferiore ad “alto” dovrà essere rivolta una comunicazione individuale salvo il caso di valutazione da parte del titolare di eccessiva onerosità.

Solo in questo caso la comunicazione potrà consistere in avvisi pubblici da pubblicarsi in TV o sui quotidiani maggiormente diffusi.

Tali attività dovranno essere documentate nel rispetto del principio di responsabilizzazione.

In ogni caso, l’Autorità Garante si è riservata ogni altra decisione da emanare al termine dell’istruttoria sul data breach.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5