LE RACCOMANDAZIONI

Intelligenza artificiale e protezione dati personali: sfide e rischi delle “macchine predittive”

L’uso dei sistemi di intelligenza artificiale fa emergere nuove sfide e maggiori rischi in ambito data protection: le macchine predittive hanno infatti un potenziale enorme. In questo senso, le recenti raccomandazioni dell’ICO mostrano come l’adozione di una corretta data strategy non sia sufficiente. Ecco perché

14 Nov 2022
B
Pietro Boccaccini

Avvocato, Director Deloitte Legal

L
Lidia Letterelli

Trainee Lawyer Deloitte Legal

L’Artificial Intelligence (AI) sta assumendo un ruolo sempre più centrale nella trasformazione digitale della società e dell’economia. L’utilizzo di tale tecnologia garantisce in primo luogo la possibilità di effettuare previsioni, non solo rispetto al futuro, ma anche rispetto al presente e al passato.

È per questo che quando si fa riferimento a questi sistemi si parla anche di “macchine predittive”, permettendo il conseguimento di risultati estremamente efficaci a chi ne faccia uso, a livello anche di studio e ricerca, di sviluppo di applicazioni innovative in tutti gli ambiti (medico, bancario, assicurativo, mobilità ecc.), di fornitura di servizi customizzati e via dicendo.

Tuttavia, le sfide collegate a questo ambito sono estremamente significative e i possibili rischi (attuali e futuri) molto alti.

Tra questi, assumono rilevanza fondamentale anche i temi della sicurezza dei sistemi e affidabilità dei dati (di cui gli algoritmi si alimentano), della possibile totale automatizzazione di decisioni aventi impatti giuridici sulle persone, dei pregiudizi (bias) che possono viziare l’output dell’AI nel caso in cui l’algoritmo sia stato addestrato incorporando, anche involontariamente, set di informazioni connotate da schemi umani non immuni da condizionamenti sociali, con possibili effetti discriminatori.

Quei rischi di sicurezza nell’AI, standardizzare per mitigarli

Ruolo chiave dell’UE nella disciplina del fenomeno

Mentre Stati Uniti e Cina lottano per la supremazia tecnologica in questo settore, l’Unione Europea si sta impegnando per costruire un framework di regole perché sia garantita la sicurezza dei cittadini europei e il rispetto dei loro diritti fondamentali.

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP

A tal fine, la Commissione ha proposto un regolamento (cd. AI Act) attualmente in discussione in seno al Parlamento Europeo (l’ultimo aggiornamento dell’iter approvativo risale al 3 novembre scorso). Questo intervento legislativo si pone in scia ad una serie di ulteriori iniziative intraprese in Europa negli ultimi anni in ambito AI, tra cui consultazioni pubbliche, linee guida, dichiarazioni e report.

L’intero impianto della proposta di AI Act poggia sull’approccio basato sul rischio (c.d risk based approach). Le tecnologie di intelligenza artificiale sono state infatti suddivise in tre categorie:

  1. quelle vietate, in quanto potenzialmente in grado di generare un rischio inaccettabile e dunque in contrasto con i valori europei;
  2. sistemi ad alto rischio, in quanto pongono significativi rischi per la salute e la sicurezza o per i diritti fondamentali delle persone;
  3. sistemi a rischio basso o minimo, per i quali sono previste restrizioni e tutele specifiche.

Quando il Regolamento europeo sarà approvato e diventerà efficace, i sistemi di AI dovranno rispettare una serie di requisiti obbligatori per essere ritenuti affidabili. Le regole saranno applicate tramite un sistema di governance a livello degli Stati membri e un meccanismo di cooperazione a livello europeo con l’istituzione di un Comitato per l’AI.

In attesa di tale normativa, occorre fare riferimento alla normativa attuale applicabile in materia, in primis il General Data Protection Regulation (GDPR).

Le raccomandazioni dell’ICO

Alcune autorità di sorveglianza in ambito privacy, recentemente, si sono attivate per rilasciare indicazioni e strumenti di lavoro per operatori e professionisti sul tema cruciale della tutela dei dati personali nell’ambito dell’uso di sistemi di AI, al fine di calare nel contesto in oggetto le norme del GDPR.

Da ultimo, l’Information Commissioner’s Office (ICO), il Garante inglese, ha pubblicato una serie di raccomandazioni nel documento denominato “How to use AI and personal data appropriately and lawfully”. Di seguito si richiamano alcune di esse, ritenute maggiormente operative.

  1. Adottare un approccio basato sul rischio nello sviluppo e nell’implementazione dell’AI. In concreto, ciò si traduce nel condurre una valutazione d’impatto (DPIA) approfondita in merito all’uso di una tecnologia ad alto rischio come l’AI, individuando i rischi per i dati personali e adottando misure di sicurezza adeguate perché il trattamento avvenga in conformità alle leggi applicabili. Può assumere rilevanza anche il confronto con player dello stesso settore che usino la stessa o simili tecnologie, per confrontarsi in merito ai potenziali rischi.
  2. Spiegare agli interessati il funzionamento del sistema di AI con un linguaggio semplice e chiaro (nonostante il livello tecnico possa essere molto complesso, in particolar modo nel contesto del cd. machine learning), precisando l’impatto dei trattamenti sulle persone: il livello informativo deve essere proporzionato a quest’ultimo.
  3. Rispettare il principio di minimizzazione dei dati. In pratica, per assicurarsi che i dati raccolti dal sistema di AI siano adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario rispetto alle finalità per le quali sono trattati, è raccomandabile individuare tutte le fasi in cui il sistema di AI tratta i dati e organizzare, ad intervalli temporali definiti, momenti di verifica circa la effettiva necessità dei dati per la finalità per i quali sono stati raccolti. L’adozione di tecniche quali l’aggiunta di “rumore” ai dati o l’uso di dati sintetici nella fase di training possono risultare indicate.
  4. Nella fase preparatoria di sviluppo del sistema di AI, per attenuare i pregiudizi che potrebbero derivare dall’utilizzo di quest’ultimo, verificare l’accuratezza, l’affidabilità, la pertinenza e l’aggiornamento dei dati. Se necessario, per evitare errori nella fase di training, modificare i dati. In seconda battuta, valutare le conseguenze delle decisioni adottate dal sistema di AI, per comprendere se i rischi che ne derivano sono o meno accettabili. Eventualmente cambiare i meccanismi di apprendimento o modificare il modello, in presenza di bias. A seconda dello scopo dell’AI: (i) i risultati possono essere utilizzati per supportare una scelta umana, o (ii) le decisioni possono risultare esclusivamente automatizzate: gli interessati, in ogni caso, hanno il diritto di non essere soggetti a decisioni assunte solo dall’AI che abbiano effetti giuridici nei loro confronti. Perché ciò avvenga, è suggerito coinvolgere “controllori” adeguatamente formati per interpretare – ed eventualmente anche contraddire – gli output dell’AI.
  5. Garantire la sicurezza del sistema di AI. Per farlo, occorre adottare misure adeguate per mitigare i rischi, ponendo in essere vari adempimenti, fra cui risk assessment, mappatura dei sistemi, debugging (il processo che consiste nell’individuare e risolvere i problemi del modello), audit di sicurezza frequenti (svolti internamente o da parte di terzi), presidio costante delle anomalie.
  6. Nei rapporti con terze parti, quali ad esempio i fornitori esterni del sistema tecnologico usato dal titolare del trattamento per le proprie finalità, la collaborazione di questi è imprescindibile per garantire che l’uso dell’IA sia lecito. Occorre innanzitutto scegliere un fornitore affidabile (a seguito di apposito check), individuare correttamente i ruoli privacy (in linea di massima, il fornitore sarà un data processor) e le relative responsabilità (formalizzandole contrattualmente), verificare il rispetto del principio di privacy by design da parte del fornitore (acquisendo anche la documentazione che lo dimostri), ottenere la collaborazione del responsabile nello svolgimento della DPIA (prima di iniziare il trattamento), verificare eventuali trasferimenti di dati extra-UE (ed eventualmente adottare le necessarie misure), svolgere audit.

La centralità del presidio umano

L’attuale contesto di forte evoluzione tecnologica fa emergere nuove sfide e maggiori rischi in ambito data protection. Il contributo dell’ICO mostra come l’adozione di una corretta data strategy non sia sufficiente. Le macchine predittive hanno infatti un potenziale enorme: affinché, però, il loro uso non produca effetti indesiderati o dannosi, è necessaria una supervisione umana costante e attenta, da parte di figure tecniche e legali in grado di presidiare tutte le diverse fasi dell’AI, dallo sviluppo, all’utilizzo, al training, al monitoraggio e finanche alla dismissione del sistema di AI (se si pensa anche ai temi della data retention e della necessità di cancellare o anonimizzare i dati, una volta che le finalità per le quali sono stati raccolti siano esaurite).

Il framework normativo attuale non include ancora la normativa specifica in materia di AI (di prossima approvazione).

Tuttavia, applicando le regole attualmente vigenti in Europa in materia di protezione dei dati personali, osservando le indicazioni delle Autorità di controllo e allineandosi alle best practice createsi in questo ambito, è possibile implementare soluzioni in ambito AI con il necessario livello di sicurezza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5