L'ANALISI

Il Brasile e la legge sulla protezione dati: tre anni tra bilanci e prospettive

La Lei geral de proteção de dados (LGPD), legge brasiliana sulla protezione dei dati personali, compie ufficialmente 5 anni dall’emanazione e 3 dall’entrata in vigore. Ecco una panoramica di quanto è stato fatto finora e cosa aspettarsi dal futuro in relazione ai maggiori punti di interesse

Pubblicato il 19 Set 2023

P
Marzia Piscopo

Global Data Protection specialist

La Lei geral de proteção de dados (LGPD), emanata il 14 agosto 2018 ed entrata in vigore il 18 settembre 2020, ha stravolto il panorama legislativo brasiliano in ambito data protection (si pensi che, precedentemente, erano all’incirca 40 le leggi federali in vigore che regolavano la materia), portando dunque armonia, coerenza e chiarezza.

Altra faccia della medaglia, la normativa porta con sé anche l’obbligo per le aziende e per gli enti di adeguarsi ai nuovi requisiti imposti.

La LGPD si ispira apertamente al General Data Protection Regulation (GDPR) europeo e, personalmente, ritengo che ciò abbia giocato un punto a favore per uno dei mercati più importanti a livello mondiale, come quello brasiliano, incrementando la fiducia dei mercati esteri.

Lei Geral de Proteção de Dados, le novità della nuova legge privacy brasiliana e le lezioni del GDPR

Maggiore consapevolezza sulla protezione dei dati

A distanza di tre anni dall’entrata in vigore della legge brasiliana sulla protezione dei dati personali, a parere di chi scrive, la consapevolezza è sicuramente il primo elemento da analizzare.

Eguide
Il futuro della crittografia dopo l'introduzione del computer quantistico
Machine Learning
Metaverso

L’Autoridade Nacional de Proteção de Dados (ANPD), la data protection Authority brasiliana, imposta la prima fase del suo operato concentrandosi su campagne di sensibilizzazione e sulla redazione e pubblicazione di linee guida che possano aiutare cittadini, aziende ed enti a districarsi tra i nuovi concetti ed obblighi.

A titolo esemplificativo, vengono pubblicate le linee guida relative alla notifica di violazione dei dati personali, sulle definizioni di agenti del trattamento e di responsabile della protezione dei dati, sui cookies e la protezione dei dati personali.

Se la prima fase è incentrata sulla sensibilizzazione, possiamo adesso constatare che l’Autorità sta iniziando ad attuare un pieno enforcement della legge, tanto che in luglio di quest’anno è stata imposta la prima sanzione nei confronti di un’azienda che ha violato la normativa in oggetto.

Dal punto di vista dei cittadini, la consapevolezza si riflette anche nelle controversie nelle sedi giudiziarie. Se prima dell’entrata in vigore della legge gli interessati non disponevano di chiari rimedi contro l’uso improprio o illegittimo dei propri dati, dal 2020 tutto cambia e questi iniziano, dunque, a far valere i propri diritti anche con azioni amministrative e giudiziarie nelle opportune sedi.

Si osserva come negli ultimi anni il numero di contenziosi riguardanti la protezione dei dati è aumentato notevolmente rispetto al passato.

Una sempre crescente consapevolezza sul tema, in termini di business, ha fatto sì che la conformità con la LGPD si sia trasformata in una necessità. Se dobbiamo scegliere un fornitore che rispetta la legge ed uno che non è conforme, preferiremmo tutti fare affari con il primo, considerando anche il danno finanziario e reputazionale che potrebbe derivare da una relazione con un fornitore non conforme, come ad esempio in caso di un grave data breach.

Essere consapevoli, dunque, si traduce anche in un vantaggio sul mercato.

Accordo sul trattamento dei dati personali

La LGPD non prevede come obbligatorio, nel caso di trattamento dei dati personali, la sottoscrizione ed esecuzione di un accordo sul trattamento degli stessi.

Non esistono, infatti, norme specifiche sugli accordi tra titolare del trattamento e responsabile, l’unico requisito che un responsabile del trattamento è obbligato per legge a seguire è quello di operare conformemente a tutte le istruzioni fornite dal titolare per verificare la conformità alle sue istruzioni e alle norme relative alla protezione dei dati personali.

Abbiamo una legislazione molto più flessibile rispetto al GDPR sul punto. Manca, inoltre, la disciplina della figura del sub-responsabile.

Quanto sopra viene inoltre confermato dalle linee guida emesse dall’Autorità: linee guida sulle definizioni di agenti del trattamento e responsabile per la protezione dei dati.

Nonostante queste siano le premesse, la realtà se ne distacca leggermente. La sottoscrizione ed esecuzione di accordi in relazione al trattamento dei dati personali viene indubbiamente considerata una best practice ed è uno dei motivi per cui è sempre più richiesta sia tra clienti e fornitori che tra fornitori e sub-fornitori.

Non bisogna, inoltre, sottovalutare che un accordo scritto, inclusivo di chiare e semplici clausole disciplinanti i vari aspetti del trattamento, rappresenta sicuramente una valida prova documentale in termini di definizioni delle obbligazioni e delle responsabilità delle parti stesse.

Responsabile per la protezione dei dati personali

L’articolo 41 della LGPD richiede ai titolari del trattamento di nominare un responsabile per la protezione dei dati personali.

Quando la legge è entrata in vigore, tale articolo destava qualche preoccupazione poiché, sinceramente, piuttosto scarno. Non essendo definite circostanze specifiche, dall’articolo in oggetto si evince innanzitutto che tutte le organizzazioni che pongono in essere attività di trattamento dei dati personali sono tenute alla nomina di un responsabile per la protezione dei dati, ad eccezione dei titolari del trattamento di piccole dimensioni (secondo la definizione del regolamento ANPD n. 2/2022) che sono esonerati dall’obbligo di nomina, anche se quest’ultima è considerata tuttavia come una best practice.

L’ANPD, con le sue già citate linee guida, interviene sul tema fornendo alcune informazioni aggiuntive. L’Autorità brasiliana chiarisce che il ruolo di responsabile per la protezione dei dati personali può essere ricoperto sia da un dipendente dell’organizzazione che da un terzo. Il soggetto nominato come responsabile per la protezione dei dati può essere inoltre affiancato e supportato da un proprio team.

Nelle linee guida si chiarisce che il responsabile per la protezione dei dati deve disporre di risorse adeguate per svolgere le proprie attività, includendo nel concetto di risorse anche quelle umane. Si mantiene una certa flessibilità e poco formalismo in relazione all’atto di nomina, infatti, si raccomanda che il responsabile sia nominato con un atto formale, come un contratto di fornitura di servizi o un atto amministrativo, ma tale atto scritto formale non è obbligatoriamente previsto per legge.

Ciò che è previsto come obbligatorio è la pubblicazione dei dati di contatto del responsabile, preferibilmente sul sito web del titolare del trattamento.

Cosa dobbiamo aspettarci dal futuro

A novembre 2022 la data protection Authority brasiliana ha ufficialmente pubblicato la sua agenda per il biennio 2023-2024.

Per gli appassionati della materia e per gli esperti del settore, l’agenda dell’Autorità è uno strumento preziosissimo. Tra i punti previsti, sicuramente, desta forte interesse quello relativo al trasferimento dei dati al di fuori del Paese.

Al momento, la materia è disciplinata esclusivamente dall’ articolo 33 LGPD che, pur essendo di ispirazione GDPR, ben poco dice a livello operativo su come destreggiarsi con i trasferimenti.

Il 15 agosto 2023 l’Autorità ha aperto una consultazione pubblica sulla bozza di resolution sul trasferimento internazionale dei dati personali, chiusa il 14 settembre, per raccogliere le opinioni dei vari stakeholders che liberamente hanno partecipato. Scopo della resolution è regolamentare il trasferimento di dati personali a un Paese straniero o a organizzazioni internazionali di cui il Brasile è membro e che forniscono un livello adeguato di protezione dei dati in conformità con la LGPD.

La bozza contiene, inoltre, un modello di clausole contrattuali standard, che possono essere utilizzate come parte di un contratto specifico per regolare il trasferimento internazionale di dati o essere aggiunte a un contratto con un oggetto più ampio.

Gli agenti del trattamento, controller e processor se vogliamo identificarli in base al GDPR, che effettuano trasferimenti internazionali di dati mediante clausole contrattuali standard dovranno incorporare le stesse nei rispettivi strumenti contrattuali entro un periodo massimo di 180 giorni, a partire dalla data di pubblicazione della resolution.

Attendiamo con trepidante attesa la pubblicazione definitiva della stessa per ovviare ai vari dubbi e alle varie problematiche sorte in relazione al tema.

Altro punto di interesse riguarda un’ulteriore consultazione pubblica, aperta il 16 agosto 2023 dall’Autorità e chiusa il 16 settembre: quella relativa allo studio preliminare sull’interesse legittimo. Scopo dello stesso, come apertamente dichiarato dall’Autorità stessa, è quello di “contribuire al contenuto delle linee guida sull’ipotesi giuridica dell’interesse legittimo, combinando le competenze tecniche dell’Autorità con l’esperienza pratica degli agenti del trattamento in materia[1]”.

È bene ricordare che è tra i compiti/doveri dell’Autorità vi è ricompreso quello di aprirsi all’ascolto dei cittadini, degli agenti del trattamento e di chiunque ne avesse interesse, per questioni che siano di interesse rilevante.

Ultimo punto che vorrei attenzionare riguarda l’analisi preliminare del disegno di legge n. 2338/2023 sull’intelligenza artificiale al momento al vaglio del Senado Federal. L’analisi evidenzia convergenze e divergenze rispetto alla LGPD, nonché le disposizioni in conflitto con quest’ultima.

Vale la pena menzionare come, in base a quanto previsto nell’analisi, l’Autorità brasiliana ritiene che debba essere essa stessa l’autorità chiave nella regolamentazione e nella governance dell’IA in Brasile, soprattutto nei casi di trattamento dei dati personali, per una maggiore certezza giuridica evitando così possibili conflitti normativi.

In conclusione, ci aspettano numerose novità dal Brasile, in relazione alla data protection, vale la pena restare sintonizzati per non perdere gli aggiornamenti.

 

NOTE

  1. Cit. Aberta consulta à sociedade sobre Estudo Preliminar a respeito do Legítimo Interesse — Autoridade Nacional de Proteção de Dados.

WHITEPAPER
Gestione documentale e firma digitale: abilita un processo full digital sicuro
Fatturazione elettronica
Archiviazione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2