LA GUIDA PRATICA

Il CRM (Customer Relationship Management) a supporto del GDPR: best practice

Il CRM oltre ad essere uno strumento utile per la gestione dell’acquisizione di nuovi clienti e della relazione con quelli già acquisiti, ottimizzare il flusso delle attività, come back office, amministrazione e ufficio tecnico, può aiutare l’azienda nell’ottimizzare il trattamento dei dati personali a norma GDPR. Ecco alcuni validi motivi

27 Nov 2019
R
Andrea Radin

Business Process Consultant e Formatore

In una situazione dove il tema del trattamento, circolazione e protezione dei dati personali, si fa sempre più sentire con interpretazioni, modalità di gestione diverse, a volte incoerenti, con procedure diverse e non sempre efficaci, il CRM (Customer Relationship Management) può essere un valido supporto nell’ambito del GDPR, con le dovute accortezze.

Il marketing sembra essere in conflitto con il GDPR: la verità è che se trattiamo correttamente i dati personali, gestiamo i consensi e siamo consapevoli di dove sono trattati i dati personali, il problema non si pone.

Il CRM a supporto del GDPR per ottimizzare il trattamento dati

Il CRM oltre ad essere uno strumento per la gestione dell’acquisizione di nuovi clienti e della relazione con i clienti già acquisiti, per ottimizzare il flusso delle attività che coinvolgono le diverse aree aziendali, come back office, amministrazione e ufficio tecnico, eliminando mail e chiamate, è un sistema che aiuta l’azienda nell’ottimizzare il trattamento dei dati personali. Ecco, qui di seguito, alcuni motivi:

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
  • possibilità di raccogliere in un unico ambiente (e non nei diversi fogli Excel, modelli cartacei) i contatti di clienti, potenziali clienti, partner eccetera provenienti da diverse fonti, come telefonate, mail, lead generation, banche dati conformi, fiere, ed essere pronti a comunicare all’interessato dove è stato acquisito il contatto;
  • gestione dei permessi e profili di accesso in base ai ruoli, competenze e responsabilità, minimizzando così il rischio che ci siano persone non autorizzate a vedere determinati dati;
  • possibilità di sincronizzazione dei dati tra i diversi sistemi gestionali, come l’ERP, gestionali per l’amministrazione, evitando con ridondanze di dati, errori di caricamento e perdita di dati;
  • raccolta e gestione dei diversi consensi, obbligatori e facoltativi, con l’eventuale tracciabilità di eventuali opposizioni al trattamento (per esempio per fini di marketing), evitando così il rischio di controversie per trattamenti non autorizzati da parte dell’interessato;
  • impostazione di procedure che aiutano il reparto commerciale ad individuare quali siano i dati strettamente necessari per la loro attività, rispettando così il principio di minimizzazione del trattamento dei dati personali;
  • pronta risposta nel caso in cui un interessato al trattamento eserciti i propri diritti, come la richiesta di accesso ai dati personali, indicazione della fonte dei dati e se è in corso un trattamento dei dati personali;
  • migliore gestione dei dati personali in termini di esattezza e aggiornamento puntuale dei dati, dato che la variazione viene fatta subito a sistema.

Per fare in modo che il CRM sia uno strumento efficace e non un “nemico” del GDPR creando problemi nella gestione, è importante avere queste accortezze:

  • fare un’analisi preliminare e progettare questo sistema in base ai flussi operativi e di gestione dei dati all’interno dell’azienda, verificando l’eventuale sincronizzazione e integrazioni con ai sistemi informativi e gestionali;
  • non considerare il CRM solo come una raccolta di contatti, ma come un processo di gestione dei dati che coinvolgono, dal punto di vista commerciale e non solo, le diverse aree aziendali;
  • verificare dov’è localizzato il server o data center del CRM, qualora fosse in cloud, verificando se è conforme al GDPR e se è localizzato all’interno dell’Unione Europea (nel caso sia al di fuori va data comunicazione);
  • verificare l’adeguatezza delle misure di sicurezza sia, sia in termini di protocolli di sicurezza, password, backup ma anche sugli strumenti che vengono utilizzati dagli operatori (smartphone, PC, tablet);
  • prevedere attività formative che, oltre a spiegare l’utilizzo del CRM, forniscano le istruzioni per il trattamento dei dati in conformità sia del GDPR ma anche alla riservatezza di informazioni in ambito aziendale.

L’adozione di un CRM in ottima di privacy by design

Riepilogando per l’adozione o aggiornamento di un CRM, da un lato in ottica di privacy by design, dall’altro per migliorare il flusso e gestione dei dati sia personali che aziendali, occorre seguire questi passi:

  • analizzare le diverse fonti di dati, “fogli Excel” e banche dati che sono utilizzate dalle diverse figure lungo il processo commerciale, marketing e gestione del cliente (compreso l’eventuale gestione reclami, assistenza e manutenzione);
  • considerare nel progetto non solo le figure professionali interne all’azienda ma anche tutte quelle figure professionali che ruotano nell’ambito commerciale e gestione dei clienti come agenzie di marketing, web marketing, agenti e rivenditori, manutentori e/o tecnici esterni;
  • verificare l’esattezza dei diversi dati, presenti nelle diverse fonti del punto precedente, eliminando dati obsoleti e non più necessari, gestendo dati doppi, indicando eventuali consensi già presente o meno;
  • elaborare il flusso operativo sia commerciale che di marketing e gestione cliente indicando le diverse figure coinvolte, sistemi utilizzati (che saranno da integrare o far comunicare con il CRM), ruoli e responsabilità nelle diverse fasi;
  • scegliere il sistema di CRM adatto all’azienda, in base ai flussi e processi aziendali, prevedendo gli eventuali sviluppi, schermate, personalizzazioni che le diverse aree aziendali devono avere (mostrando solo i dati e funzioni strettamente necessari allo specifico ruolo) e sincronizzazioni con i diversi applicativi aziendali, come l’ERP, evitando così ridondanza e caricamento multiplo degli stessi dati;
  • nella raccolta dei dati e caricamento di tali informazioni nel CRM indicare la fonte di acquisizione (Web, Fiere, Banche dati pubbliche, lead generation, telefonate, form contatti, richieste da potenziali clienti ecc.);
  • analizzare e prevedere forme di acquisizione del consenso e tracciatura nei diversi sistemi e ambiti di raccolta dei dati personali, così da poter predisporre le corrette iniziative commerciali in linea con i rispettivi consensi dati;
  • nel caso di mancato interesse di potenziali clienti, contatti non confermi o termine del rapporto con clienti attivi, implementare un sistema che inserisca tali dati in liste non più utilizzabili perché non aventi più il consenso e prima di tutto interesse;
  • gestire l’integrazione del CRM con sistemi di mail marketing, newsletter per tracciare le eventuali opposizioni al trattamento che possono arrivare da esse, evitando così di inviare comunicazioni commerciali a persone non interessate;
  • predisporre progetti di formazione e monitoraggio che permettano l’adozione del sistema CRM nel suo insieme per evitare che ci siano persone che utilizzo sistemi, banche dati, fogli Excel al di fuori del sistema, perdendone la tracciabilità;
  • verificare costantemente i sistemi e misure di sicurezza per evitare la perdita di riservatezza, disponibilità e integrità;
  • considerare il sistema CRM non come un sistema statico ma dinamico che va modificato, ampliato, revisionato in base alle evoluzioni aziendali come un nuovo servizio, una nuova linea di business, una nuova politica e strategia commerciale.

Vediamo quindi che i sistemi informativi e gestionali, come il CRM, se adottati in ottica privacy by design, invece che essere un pericolo per il GDPR, aumentandone le criticità nel trattamento, possono essere un valido supporto per ridurre il rischio di perdita, mancata riservatezza ed integrità dei dati personali, nonché supportare nel trattamento e gestione ai fini commerciali e di marketing, aree fondamentali per la crescita e sviluppo aziendale.

New call-to-action
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr