DATA PROTECTION

EDPB pubblica le raccomandazioni sul trasferimento dati: ecco le nuove misure supplementari

La versione definitiva delle raccomandazioni EDPB sul trasferimento dati prevedono che l’esportatore (sia esso un titolare o un responsabile), ai sensi del principio di accountability, ponga in essere una procedura di valutazione della conformità del trasferimento stesso. Ecco gli step da seguire

23 Giu 2021
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Nel corso della cinquantesima sessione plenaria, l’European Data Protection Board (o “EDPB”) ha adottato la versione definitiva delle sue raccomandazioni sulle misure supplementari da adottare per il trasferimento di dati personali verso i Paesi Terzi.

Tali raccomandazioni, nella loro versione definitiva, pongono maggiore enfasi sulle pratiche poste in essere dalle “autorità pubbliche di un Paese terzo” e consigliano di verificare, prima di porre in essere il trasferimento dei dati personali, l’esistenza di leggi e prassi locali che incidono sul rispetto delle nuove clausole contrattuali standard elaborate dalla Commissione Europea.

Trasferimenti dati extra-UE, le nuove clausole standard non sono ancora una vera soluzione

Trasferimento dati extra UE: le nuove raccomandazioni

Le nuove raccomandazioni sulle misure supplementari da adottare per garantire la conformità del trasferimento di dati personali verso Paesi Terzi rappresentano la conclusione di un processo di adeguamento degli strumenti di soft law esistenti a seguito della nota sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, “Schrems II”.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

In detta sentenza, la Corte evidenziava come i trasferimenti di dati personali verso gli USA non potessero ritenersi, ai sensi di quanto previsto dal Privacy Shield, sufficientemente tutelati, anche in ragione di determinate leggi che prevedevano una eccessiva disclosure nei confronti delle autorità locali, contraria ai principi di cui al Reg. UE 679/2016 (“GDPR”).

Il Privacy Shield veniva così ritenuto inidoneo a tutelare i dati degli interessati europei, e disapplicato dalla Corte. Tale situazione di “stallo” ha creato non pochi problemi per una larga fetta dei titolari e dei responsabili del trattamento, che hanno improvvisamente visto “cadere” il fondamento giuridico sul quale i trasferimenti verso gli Stati Uniti si basavano.

Al fine di ovviare a tale situazione, la Commissione europea e l’EDPB si sono prontamente attivati per elaborare nuove raccomandazioni e nuove clausole contrattuali standard sulle quali poter ritenere legittimo e conforme ai principi di cui alla Sentenza Schrems II i trasferimenti di dati personali verso tutti i Paesi Terzi, inclusi gli USA.

Andrea Jelinek, presidente dell’EDPB, ha dichiarato a tal riguardo: “L’impatto di Schrems II non può essere sottovalutato: i flussi di dati internazionali sono già soggetti a un esame molto più attento da parte delle autorità di vigilanza che stanno conducendo indagini ai rispettivi livelli. L’obiettivo delle raccomandazioni dell’EDPB è guidare gli esportatori nel trasferimento legale di dati personali a paesi terzi, garantendo allo stesso tempo che ai dati trasferiti sia garantito un livello di protezione sostanzialmente equivalente a quello garantito all’interno dello Spazio economico europeo. Chiarendo alcuni dubbi espressi dalle parti interessate, e in particolare l’importanza di esaminare le pratiche delle autorità pubbliche nei paesi terzi, vogliamo rendere più facile per gli esportatori di dati sapere come valutare i loro trasferimenti verso paesi terzi e individuare e attuare misure supplementari efficaci laddove sono necessari. L’EDPB continuerà a considerare gli effetti della sentenza Schrems II e i commenti ricevuti dalle parti interessate nei suoi futuri orientamenti”.

Le raccomandazioni di cui si discute, infatti, sono state adottate per la prima volta nel novembre 2020, e mirano ad assistere i Titolari e i Responsabili del trattamento che agiscono in qualità di “esportatori di dati”, ponendo in capo ai medesimi il dovere, in assenza di strumenti come, ad esempio, le decisioni di adeguatezza, di individuare e attuare misure supplementari appropriate, che garantiscano un livello di protezione dei dati, nei Paesi terzi destinatari, sostanzialmente equivalente a quello garantito dagli standard europei.

Trasferimento dati extra UE, cosa sta succedendo dopo Schrems II

Le principali modifiche effettuate

La versione definitiva delle raccomandazioni presenta diverse modifiche rispetto alla sua versione iniziale, al fine di rispondere alle osservazioni ed ai feedback ricevuti dall’EDPB nel corso del periodo di consultazione pubblica.

Tra le principali modifiche attuate alle raccomandazioni rientrano:

  1. una maggiore enfasi sull’importanza di esaminare attentamente le prassi delle autorità pubbliche del Paese terzo destinatario, nel processo di valutazione di conformità giuridica svolto dagli esportatori, allo scopo di determinare se la legislazione e/o le prassi di detto Paese terzo possano intaccare, nella pratica, l’efficacia dell’art. 46 GDPR (rubricato “Trasferimento soggetto a garanzia adeguate”, il quale prevede che, in mancanza di una decisione di adeguatezza, il trasferimento può aver luogo soltanto se il paese terzo ha fornito garanzie adeguate e a condizione che gli interessati dispongano di diritti azionabili e mezzi di ricorso effettivi);
  2. la facoltà, per l’esportatore, di considerare, nella sua valutazione di adeguatezza delle garanzie poste a tutela dei dati personali, l’”esperienza pratica” dell’importatore, e altri elementi, sebbene con alcuni avvertimenti;
  3. l’aggiunta di un chiarimento per il quale la legislazione del paese terzo di destinazione che consente alle sue autorità di accedere ai dati trasferiti, anche senza l’intervento dell’importatore, può anch’essa compromettere l’efficacia dello strumento di trasferimento.

Gli step di “assessment” previsti dalle raccomandazioni

Nella loro versione definitiva, dunque, le raccomandazioni prevedono che l’esportatore di dati (sia esso un titolare o un responsabile), ai sensi del principio di accountability, debba porre in essere una procedura di valutazione della conformità del trasferimento.

Nella sentenza Schrems II, anche la CGUE, infatti, sottolinea le responsabilità degli esportatori e degli importatori di garantire che il trattamento dei dati personali sia stato e continuerà ad essere effettuato “nel rispetto del livello di protezione stabilito dalla normativa dell’UE in materia di protezione dei dati” e che debba essere sospeso il trasferimento e/o la risolto il contratto qualora l’importatore dei dati non sia o non sia più in grado di rispettare le clausole standard di protezione dei dati ivi incorporate nel contratto in essere tra l’esportatore e l’importatore.

Il processo di valutazione delle garanzie del trasferimento dati si snoda, nella sostanza, in sei step:

  1. “Know your transfers”: la prima attività che l’esportatore deve porre in essere è quella di mappare correttamente tutti i trattamenti che richiedono un trasferimento di dati personali. Quando si mappano i trasferimenti, occorrerà prendere in considerazione anche i trasferimenti successivi (ad esempio, i responsabili del trattamento al di fuori del SEE trasferiscono i dati personali a un subprocessore in un altro paese terzo o nello stesso paese terzo). Anche l’accesso remoto da parte di un Paese terzo e/o la conservazione in un cloud sito al di fuori del SEE, è considerato un trasferimento di dati personali.
  2. Identify the transfer tools you are relying on”: svolta la mappatura dei trasferimenti dati, occorrerà individuare quale strumento poter utilizzare a garanzia della conformità dello stesso, secondo quanto previsto dagli artt. 44 e ss. GDPR. Se il trasferimento non può essere effettuato sulla base di una decisione di adeguatezza o sulla scorta delle deroghe di cui all’art. 49, occorrerà proseguire con lo step n. 3.
  3. Assess whether the Article 46 GDPR transfer tool you are relying on is effective in light of all circumstances of the transfer”: come anticipato, in tale fase l’esportatore dei dati dovrà prima valutare, anche in collaborazione con l’importatore, se le leggi o le prassi in vigore nel paese terzo possano costituire un impedimento all’effettività degli strumenti di garanzia d cui all’art. 46 GDPR. E’ in questa fase che si pone particolare enfasi anche ad elementi ulteriori quali: elementi che potrebbero rendere necessario l’accesso ai dati da parte delle autorità pubbliche del paese terzo, con o senza la conoscenza dell’importatore di dati, alla luce della legislazione vigente, della prassi e dei precedenti segnalati; elementi relativi alla possibilità, per le autorità pubbliche del paese terzo dell’importatore, di accedere ai dati tramite l’importatore stesso o i fornitori di telecomunicazioni o i canali di comunicazione, alla luce della legislazione vigente, dei poteri giuridici, delle risorse tecniche, finanziarie e umane a loro disposizione e dei precedenti segnalati.
  4. Adopt supplementary measures”: se la valutazione svolta nel terzo step ha rilevato degli elementi di criticità per la corretta applicazione dell’art. 46, occorrerà prendere in esame l’applicazione di misure supplementari che possano assicurare che il livello di protezione dei dati sia quantomeno equivalente agli standard europei. Le “misure supplementari” sono per definizione complementari alle garanzie già previste dallo strumento di trasferimento dell’articolo 46 GDPR e a qualsiasi altro requisito di sicurezza applicabile (ad esempio, misure tecniche di sicurezza) ai sensi del GDPR. Alcuni esempi di misure supplementari tecniche, contrattuale ed organizzative sono contenuti all’interno dell’Allegato 2 delle raccomandazioni, all’interno di una lista che è da considerarsi come non esaustiva (fra tutte, la crittografia dei dati viene ritenuta una delle principali misure supplementari tecniche di sicurezza). Se non si individuano delle misure supplementari efficaci, che garantiscano che i dati personali trasferiti godono di un livello di protezione essenzialmente equivalente a quello previsto in UE, il trasferimento non può avvenire; se il trasferimento è già in corso, deve essere sospeso o concluso, e i dati devono essere restituiti o distrutti nella loro interezza dall’importatore. Le misure supplementari possono essere anche imposte dall’Autorità competente.
  5. Procedural steps if you have identified effective supplementary measures”: una volta individuate le misure supplementari applicabili, queste dovranno essere documentate e previste all’interno di uno degli strumenti contrattuali previsti dall’art. 46 GDPR (Clausole Contrattuali Standard, Binding Corporate Rules, o clausole contrattuali ad hoc).
  6. Re-evaluate at appropriate intervals”: l’efficacia delle misure di garanzia dovrà essere monitorata su base regolare e, ove necessario, le stesse dovranno essere implementate o, viceversa, il trattamento dovrà essere concluso.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr