AI E PRIVACY

Class action contro OpenAI, sulla legalità del web scraping di ChatGPT: le posizioni di Europa e USA

OpenAI, la società di intelligenza nota ai più per il suo popolare chatbot ChatGPT, è stata chiamata in causa perché avrebbe pesantemente violato i diritti d’autore e la privacy di innumerevoli persone quando ha deciso di utilizzare dati estratti da Internet per addestrare la sua tecnologia. Facciamo chiarezza sulla legalità della tecnica del web scraping

Pubblicato il 06 Lug 2023

G
Nadia Giusti

Data Protection & Cybersecurity Expert

Lo studio legale Clarkson ha avviato lo scorso 28 giugno una class-action contro OpenAI presso il tribunale federale del distretto settentrionale della California.

La causa, che include 16 querelanti, afferma che OpenAI, la società di intelligenza artificiale fondata nel 2015 da Elon Musk e alcuni altri imprenditori, e nota ai più per il suo popolare chatbot ChatGPT, avrebbe pesantemente violato i diritti d’autore, e la privacy, di innumerevoli persone quando ha deciso di utilizzare dati estratti da Internet per addestrare la sua tecnologia, con danni stimati intorno ai tre miliardi di dollari.

L’azione legale cita anche Microsoft in quanto principale cliente e partner aziendale di OpenAI.

La caratteristiche della causa

La base legale della causa è il Computer Fraud and Abuse Act, la legge americana sulla pirateria informatica: la causa sostiene infatti che OpenAI avrebbe violato i diritti di milioni di utenti quando ha utilizzato, a loro insaputa, i loro commenti sui social media, i loro post, le loro chat o la loro posizione per addestrare i propri algoritmi.

WHITEPAPER
Strutturare la Cloud Migration: ecco perché sarà indispensabile nel 2024
Cloud application
Cloud migration

Nello specifico, OpenAI avrebbe “rubato” con la tecnica del web scraping “300 miliardi di parole” senza essersi registrata come broker o aver chiesto il consenso agli utenti o aver corrisposto un adeguato pagamento per l’utilizzo di questi dati.

Come sappiamo, il web scraping è una particolare tecnica di crawling in grado di estrapolare una grande quantità di informazioni, tra cui anche dati personali degli utenti, come numeri di telefono o contatti di posta elettronica, per poi rielaborarli successivamente, ed è una tecnica che si rivela utile e insostituibile per l’addestramento degli algoritmi di intelligenza artificiale generativa.

A ciò si aggiungono anche le problematiche legate alla privacy degli utenti, in quanto molti dei dati personali “rubati” da OpenAI per addestrare i suoi algoritmi, dice la causa, “possono anche essere utilizzate per scopi estremamente nefasti, come il monitoraggio, la sorveglianza e il crimine”.

Gli algoritmi di intelligenza artificiale generativa funzionano collezionando un numero molto vasto di informazioni, prese per lo più dal mondo digitale e da internet, ed “imparano” costruendo inferenze tra di esse.

Dopo aver consumato una quantità sufficiente di dati, i “modelli linguistici di grandi dimensioni” che ne risultano possono prevedere cosa dire in risposta a una domanda, fino ad arrivare a produrre testi complessi simulando il linguaggio umano.

Oltre alla richiesta di danni, che si aggira intorno ai tre miliardi di dollari, i querelanti hanno chiesto anche che vengano messe in atto una serie di misure correttive nei confronti di OpenAI, tra cui l’istituzione di un consiglio indipendente e la possibilità di avere accesso a tutte le informazioni personali che la società avrebbe raccolto e utilizzato.

 “Nonostante vi siano protocolli consolidati per l’acquisto e l’uso di informazioni personali in rete, qui è stato adottato un approccio diverso: il furto”, si legge nel testo dell’azione legale.

Oltre agli aspetti legati al diritto d’autore, sempre in ambito privacy OpenAI è anche accusata di scarsa trasparenza verso i propri utenti, e di non fare abbastanza per impedire ai minori di 13 anni di utilizzare i propri servizi, al contrario di Meta e YouTube.

Il web scraping è illegale?

In generale, il web scraping non è illegale, se i dati raccolti sono disponibili on line e se vengono usati per fini statistici. Il web scraping diventa però illegale quando i dati vengono impiegati per usi diversi, ad esempio per violazione del diritto d’autore, o per fini di lucro. Proprio su questo si basa il fulcro della causa attualmente intentata da Clarkson, che intende dimostrare anche questo tipo di violazione.

Non va dimenticato, però, che nelle cause di Meta contro due società, l’israeliana BrandTotal Ltd e la statunitense Unimania Inc, le quali sfruttavano a proprio vantaggio i dati personali di ignari utenti di Meta e Instagram, la vittoria di Meta è avvenuta grazie a questioni relative ai termini contrattuali e non sull’illegalità dell’azione in sé.

Alcuni sviluppatori di intelligenza artificiale americani sostengono che l’uso di dati da Internet dovrebbe essere considerato “fair use”, facendo riferimento alla Fair Use Doctrine nata negli Stati Uniti nel 1976, e codificata all’interno del Copyright Act (Section 17 U.S.C. § 107), che permette, in alcuni casi, di utilizzare liberamente opere protette da Copyright, attingendo tra gli altri al concetto di “uso trasformativo”, ovvero l’utilizzo di un opera da parte di un altro autore, non come sostituto della prima, bensì per esprimere qualcosa di diverso e nuovo rispetto all’originale.

Katherine Gardner, avvocato specializzato in proprietà intellettuale presso Gunderson Dettmer, ha dichiarato che il “fair use” è una questione che riempirà le aule dei tribunali americani nei prossimi anni, ma è poco probabile che il singolo individuo possa dimostrare, a differenza di un artista, il copyright dei propri contenuti on line, e quindi ottenere il riconoscimento di un danno, in quando solitamente quando si condividono dei contenuti on line si concede una licenza piuttosto ampia: vero è, però, che il giudice americano potrebbe spingersi vino a costringere una azienda come OpenAI a fornire informazioni sui dati che ha utilizzato per addestrare i propri algoritmi.

La posizione dell’Europa

Anche in Europa la questione del web scraping è da tempo dibattuta e sono molti i contenziosi che se ne sono occupati, da Facebook e il famoso caso di Cambridge Analytica, a ClearviewAI, che raccoglieva foto sul web al fine di alimentare un algoritmo di riconoscimento facciale venduto poi alle polizie di tutto il mondo, al recente caso che ha visto coinvolto il Garante Privacy italiano e ChaptGPT, sottoposto recentemente a un provvedimento di limitazione provvisoria, sia per la mancanza di una informativa che per una base giuridica idonea.

Anzi, a ben guardare, l’azione legale avviata da Clarkson contiene molti degli stessi rilievi che hanno portato il Garante Italiano ad intimare a ChaptGPT di allinearsi alle norme del Regolamento EU 2016/679 o GDPR e a limitare il trattamento degli utenti italiani.

Il web scraping, infatti, in Europa assume una sua rilevanza nell’ambito del trattamento di dati personali, perché, se viene condotto illegalmente, può andare a inficiare la liceità di un tale trattamento.

Tutto il corpus delle norme della protezione dei dati europeo, infatti, fino all’attuale GDPR, si basa su due elementi chiave: la base giuridica del trattamento e l’informativa data agli interessati. Nel caso di un algoritmo di intelligenza artificiale generativo, ne consegue che l’informativa deve contenere sia la fonte dei dati che la base giuridica del trattamento relativa alla raccolta massiva di tali dati la cui finalità è l’addestramento dell’algoritmo stesso: senza queste informazioni, il trattamento non può considerarsi lecito, e molte delle pronunce delle Autorità di Regolamentazione, compreso il nostro Garante, o della magistratura ordinaria, fanno riferimento a questo aspetto.

Altri aspetti che poi vanno considerati nella valutazione della liceità sono i principi di privacy by design e by default.

È storia recente il provvedimento del Garante privacy che ha vietato al gestore di un sito web la creazione e la diffusione su Internet di un elenco telefonico ottenuto tramite web scraping, in cui viene ribadito, tra le altre, la mancanza di una idonea base legale, in assenza del consenso degli utenti.

I casi, però, vanno valutati singolarmente, come ha dimostrato la sentenza pronunciata dal Tribunale di Roma, sezione 34006, che ha visto Trenitalia contro l’inglese Gobright Media Ltd, produttrice della app Trenit, che consente ad un utente di confrontare le tariffe dei treni ad alta velocità.

In questo caso, la causa è stata incentrata sull’applicazione dell’art. 102-ter, legge 633/1941 o Legge sul Diritto d’Autore dove il giudice ha espresso un parere favorevole verso il web scraping, valutando come la società inglese non faceva un uso illecito dei dati degli utenti o in possesso di Trenitalia.

La notizia della task force voluta dell’European Data Protection Board (EDPB) su ChaptGPT, e l’esigenza di porre quindi una particolare attenzione a questo tipo di prodotti, è di buon auspicio e sarà fondamentale per stabilire in maniera uniforme la liceità dei trattamenti.

È urgente, però, chiarire cosa gli operatori del settore possono o non possono fare, e sui limiti che non devono essere mai superati.

Conclusioni

Difficile prevedere ora gli impatti della causa intentata da Clarkson, la quale non è che l’ultima di una lunga serie di cause americane: a novembre è stata intentata una class action sempre contro OpenAI e Microsoft per come le società hanno utilizzato il codice open source della piattaforma Microsoft GitHub per addestrare i propri strumenti di intelligenza artificiale; a febbraio, Getty Images ha citato in giudizio Stability AI, una piccola start-up di intelligenza artificiale, accusandola di aver utilizzato illegalmente le sue foto per addestrare il suo generatore di immagini basato sulla AI; a giugno OpenAI è stato citato in giudizio per diffamazione da un conduttore radiofonico in Georgia che ha affermato che ChatGPT ha prodotto un testo che lo accusava ingiustamente di frode.

Ryan Clarkson, managing partner dell’omonimo studio, ha dichiarato di aver deciso di intentare la causa contro OpenAI perché l’azienda ha un ruolo chiave rispetto agli altri player nell’ambito dell’intelligenza artificiale generativa, ed è estremamente nota per via del suo prodotto, ChatGPT: “OpenAI è la società che ha dato il via a questa corsa agli armamenti di intelligenza artificiale”, ha affermato. “ed è il primo obiettivo naturale.”

Al momento OpenAI non ha rilasciato alcun commento.

WHITEPAPER
Finanza Digitale: proteggiti dagli hacker (e dalle sanzioni) con il DORA
Contract Management
Privacy/Compliance
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5