LO STANDARD

ISO/IEC 27400:2022: perché è importante per la sicurezza e la protezione dati dell’IoT

Il nuovo standard ISO/IEC 27400:2022 rappresenta un’importante linea guida per l’applicazione di principi e controlli utili a mitigare i rischi sulla sicurezza delle informazioni e sulla protezione dei dati personali nelle applicazioni IoT (Internet of Things). Ecco i punti salienti

12 Ott 2022
T
Giuseppe Tulli

Data Protection Counselor

A giugno 2022 la International Organization for Standardization ha pubblicato la ISO 27400:2022, uno standard internazionale per la protezione dei dispositivi IoT che si integra nella più vasta famiglia delle ISO 27000 sulla sicurezza delle informazioni.

Nel dettaglio, la ISO 27400:2022 include misure tecniche e organizzative sotto forma di linee guida su rischi, principi e controlli per la sicurezza e la privacy delle soluzioni Internet of Things (IoT). Tale standard introduce, quindi, necessari e adeguati controlli di sicurezza e privacy nella mitigazione dei rischi inaccettabili dei sistemi IoT.

Tali sistemi, infatti, costituiscono una superficie di attacco ampia, nonché una sfida molto importante per un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni (ISMS) che deve prevedere, come noto, l’applicazione e il mantenimento di controlli di sicurezza appropriati su ciascuna porzione del sistema e dal caso includere controlli specifici anche per l’IoT adottate.

L’altro aspetto cruciale è la protezione dei dati personali, in quanto la gestione delle informazioni personali (PII, Personally Identifiable Information) deve poter considerare i rischi – quali furti o usi impropri – nonché eventuali danni alle persone identificate dalle informazioni e impatti sulla reputazione delle organizzazioni coinvolte con conseguenze negative sulla fiducia da parte degli utenti verso tale tecnologia.

Per avere idea di quanto sia ampia la diffusione di tale tecnologia, dobbiamo riferirci agli aggiornamenti del 2022 del mercato delle connessioni IoT che segnalavano il raggiungimento di 12,2 miliardi di endpoint attivi nel 2021.

Nonostante il rallentamento dovuto alla carenza di chip, quindi una crescita significativamente inferiore rispetto agli anni precedenti, il mercato dell’Internet delle cose dovrebbe arrivare nel 2022 a 14,4 miliardi di connessioni attive ed entro il 2025 a circa 27 miliardi di dispositivi IoT connessi.

Dispositivi IoT e ISO 27001: impatti nella sicurezza delle informazioni e capacità di resilienza

Tutti i dettagli della ISO 27400:2022

Per illustrare gli aspetti cruciali delle linee guida incluse nella ISO 27400:2022 è utile seguirne la struttura logica analizzando i contenuti dei capitoli più “pratici”.

WHITEPAPER
Scopri come risolvere in autonomia i problemi quotidiani legati all’IT
CIO
Manifatturiero/Produzione

Conoscere i sistemi IoT per difenderli efficacemente

Il Capitolo 5, come anticipa il titolo “IoT concepts”, introduce i concetti e le definizioni principali dei sistemi IoT.

In particolare, nella definizione di IoT sono incluse le infrastrutture, i servizi o parti di un sistema che interagiscono e comunicano con il mondo fisico attraverso il rilevamento o l’attivazione, sia i dispositivi elettronici discreti, sia come componenti di “ecosistemi” più ampi e complessi.

La linea guida ha considerato ecosistemi ampi che hanno al centro tali dispositivi, con estese caratteristiche, nonché un’ampia gamma di usi e prodotti generalmente associabili a una rete di comunicazione tra macchine, distinguendoli dall’internet convenzionale in cui la rete di comunicazione è, invece, stabilita tra persone con altre persone o macchine (ad es. desktop, laptop e server).

Inoltre, la connettività riguarda i dispositivi IoT sia a livello consumer (es. Smart Home), sia industriale (macchine) e gli utenti ne servono principalmente per molteplici usi riferibili alla sfera della vita quotidiana e quella lavorativa.

La loro rapida crescita e diffusione si basa sulla possibilità di collegare i dispositivi o le applicazioni compatibili con Internet tra di loro e quindi di renderli controllabili. Ad esempio, le componenti della casa intelligente: attraverso l’IoT, gli utenti possono ricevere una notifica quando si verificano determinati eventi, come quando la temperatura ambiente scende al di sotto di un certo valore o quando lo spazzolino elettrico viene utilizzato con troppa pressione. Ma i sensori intelligenti possono anche garantire in modo indipendente che una tapparella oscuri automaticamente la finestra, ad esempio, senza che le persone debbano comunque intervenire personalmente.

La definizione formulata da ISO e dalla Commissione elettrotecnica internazionale (IEC) descrive l’IoT come “un’infrastruttura di entità, persone, sistemi e risorse di informazione interconnesse insieme a servizi che elaborano e reagiscono alle informazioni dal mondo fisico e dal mondo virtuale”.

Si tratta di perimetro ampio di applicazione dello standard, nel quale sono compresi: sistemi operativi e applicazioni che eseguono e forniscono i servizi, l’infrastruttura di rete (reti personali, locali e WAN), le organizzazioni che li progettano, li producono, li gestiscono e configurano, fino anche al mondo fisico e i luoghi, le persone e le organizzazioni con cui gli stessi interagiscono in particolare come utenti.

Lo standard identifica le componenti che sono riconducibili all’IoT, fornendo un framework basato sui Domini (paragrafo 5.6). Per User Domain (UD) s’intende, ad esempio, il dominio degli utenti digitali ed umani che configurano, gestiscono, usano i dispositivi IoT ed i servizi associati, mentre per Physical Entity Domain (PED) quello specifico delle entità fisiche del sistema. Mentre per Operations and Management Domain (OMD) s’intendono le componenti di sistema addette al supporto operativo e gestionale, incluse le organizzazioni addette allo sviluppo e alla produzione, la configurazione oppure l’assistenza.

Analogamente agli altri standard della famiglia delle ISO27K, sono stabilite le cosiddette parti interessate – Stakeholders. Nell’ambito IoT sono inclusi, infatti, i responsabili della fornitura di servizi che consentono il funzionamento del sistema, detti “IoT service provider” (ISP); i responsabili di sviluppo, progettazione, implementazione, produzione, configurazione, assistenza ed integrazione dei servizi, chiamati “IoT service developer” (ISD), e quelli dei device, detti Device Developer (IDD); gli utenti digitali o umani del sistema o del servizio, chiamati “IoT user” (IU).

ISO 27400:2022: analisi dei rischi nei sistemi IoT

Il rischio significativo dell’internet delle cose è delimitato entro una varietà di usi, nell’innovazione continua e nell’ubiquità con cui tali soluzioni, sempre più in profondità penetrano nelle nostre attività, case, veicoli e vite. Si consideri che in virtù della propagazione e della diffusione di tali dispositivi, anche la realizzazione del loro censimento ed il loro inventario risulta essere complicato e costoso.

Tra i rischi sono stati inclusi, quelli relativi:

  1. alla vulnerabilità nei sistemi, nelle applicazioni e nelle reti, oltre ai processi e alle attività associati (ad es. il settaggio, ma anche la manutenzione e l’utilizzo);
  2. minacce, sia deliberate (ad es. hacker e malware) che naturali (ad es. condizioni operative fisiche avverse, interruzioni di corrente, scariche elettrostatiche, difetti di progettazione, bug/errori di codifica, incidenti degli utenti e inettitudine);
  3. di sicurezza e ai danni alla proprietà, nonché i consueti incidenti relativi alla sicurezza delle informazioni e alla privacy (ad es. danneggiamento, divulgazione, perdita di dati);
  4. inerenti il ciclo di vita (ad es. cose economiche, usa e getta, non gestite e/o profondamente integrate possono durare anni con la probabilità che non riparate);
  5. alla loro capacità d’interoperabilità, l’interazione e le dipendenze tra le cose e con altri dispositivi in rete; alle loro capacità funzionali, l’accessibilità (ad es. interfacce uomo-macchina minimaliste) e di prestazioni di calcolo (ad es. scarsa capacità di elaborazione e archiviazione).

Risultano rischi pertinenti all’estrema mobilità e dinamicità con cui tali oggetti vengono usati e poi sostituiti (se non abbandonati); nonché alle loro medesime applicazioni/usi, in quanto potrebbero emergere situazioni non previste dai loro progettisti/produttori o non gestibili (ad esempio quando le cose vengono riproposte, combinate o personalizzate per nuove applicazioni).

Nel tempo questi oggetti possono, inoltre, cambiare di mano, influenzando il contesto e aumentando la possibilità di configurazioni insicure e divulgazione inappropriata delle informazioni archiviate (ad esempio quando vengono vendute casualmente, perse o scartate).

Lo standard serve ad identificare alcune “fonti di rischio” e “scenari di rischio” in quanto propone una sezione di carattere informativo (par. 6.2), nonché una selezione d’esempio (Annex A IoT monitoring camera sample risk scenario). Le fonti di rischio non vengono tuttavia correlate ai controlli di cui al capitolo successivo.

I controlli di security e privacy della ISO 27400:2022

I controlli sono applicabili durante l’intero il ciclo di vita del sistema IoT e sono identificati in relazione al dominio o alle competenze delle parti interessate, verso le quali sono pertanto indirizzati.

Si tratta 45 controlli di sicurezza e privacy che devono essere messi in relazione al dominio oppure delle competenze della parte interessata.

A titolo esemplificativo, sono inclusi controlli pertinenti la politica per la sicurezza IoT specificati per “IoT service provider” (ISP) e “IoT service developer” (ISD), ma anche per i destinatari d’uso IoT (IU) nel dominio degli utenti (User Domain), verso quali sono indirizzati inerenti controlli per le Impostazioni iniziali del dispositivo e del servizio.

Conclusioni

Lo standard ISO 27400:2022 rappresenta un obiettivo di sicurezza e protezione dei dati personali per il mercato IoT nel suo insieme.

In considerazione dell’ampia diffusione e della varietà con cui tali sistemi IoT sono sviluppati e introdotti nella vita quotidiana, rappresenta un obiettivo di rilievo nel campo di applicazione industriale, per quanto sia imprevedibile poter prevedere, invece, quali progressi in materia di sicurezza e privacy potrebbe produrre al livello consumer.

Per un parere complessivo sullo standard dobbiamo tenere presente il valore che offre ai propri utenti, ponendosi come uno strumento utile per attuare un approccio allineato al rischio, per considerare e valutare i rischi delle informazioni nei contesti, non limitato perciò ai generici scenari indicati in questa prima versione dello standard.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4