LO SCENARIO

Cyberwarfare, il Cremlino recluta i cyber hacktivisti: ecco i pericoli

Le evidenze raccolte negli ultimi mesi dai ricercatori di sicurezza indicherebbero con ragionevole certezza l’esistenza di una collaborazione fra il GRU, il servizio di intelligence militare russo, e gruppi di attivisti filorussi. Ecco il ruolo dell’informazione nella guerra ibrida

30 Set 2022
L
Giulia Lodi

Security and Senior Analyst, Hermes Bay

T
Laura Teodonno

Security and Senior Analyst, Hermes Bay

Secondo quanto accertato dai ricercatori del gruppo di cyber sicurezza di Google, Mandiant, le evidenze raccolte negli ultimi mesi indicherebbero con ragionevole certezza l’esistenza di una collaborazione fra il GRU, il servizio di intelligence militare russo, e gruppi di attivisti filorussi. “Benché alcuni di questi attori stiano quasi sicuramente operando in modo indipendente dallo Stato russo, abbiamo identificato diversi gruppi cosiddetti hacktivisti i cui moderatori sospettiamo siano una copertura o operino in coordinamento con lo Stato russo”.

Ad attirare l’attenzione del team di cyber sicurezza sarebbero stati in particolare i canali Telegram degli hacker filorussi XakNet Team, Infoccentr e CyberArmyofRussia_Reborn che sembrerebbero agire in coordinamento con l’intelligence russa.

La valutazione della Mandiant si basa in parte sul fatto che tali gruppi si sono serviti di strumenti dell’APT28, gruppo di criminali informatici ritenuto affiliato al GRU, per perpetrare attacchi contro l’Ucraina.

Non trascurabile è, inoltre, l’attribuzione di azioni a Sandworm, gruppo presumibilmente attivo sotto la direzione GRU. “Mandiant ha riscontrato l’uso di CADDYWIPER e ARGUEPATCH solo da parte di APT28, anche se notiamo che altri hanno attribuito pubblicamente alcune istallazioni di CADDYWIPER a Sandworm”.

Cyberwar: gli attacchi informatici all’Ucraina erano stati pianificati da tempo

I legami tra intelligence russa e gruppi hacker

In totale sono quattro i casi in cui i ricercatori di Google hanno individuato un possibile coordinamento fra l’intelligence del Cremlino e i gruppi di hacker filorussi: in tutti gli episodi i cyber aggressori hanno impiegato dei software wiper che hanno consentito di realizzare dei data breach. A 24 ore dagli attacchi è seguita la divulgazione sul canale Telegram dei dati sottratti alle vittime.

WHITEPAPER
Trend e prospettive future nel mercato del log management
Sicurezza
Cybersecurity

Sebbene l’esatta natura della relazione non sia chiara, Mandiant ritiene che questa sia spiegabile solo attraverso due ipotesi: la prima che contempla un controllo diretto di questi gruppi da parte del GRU, tanto che le loro attività sarebbero una copertura per le operazioni delle agenzie russe; una seconda, che vede, invece, un coordinamento diretto fra i moderatori che gestiscono i canali Telegram di XakNet Team, Infoccentr e CyberArmyofRussia_Reborn e il GRU.

L’uso della potenza cibernetica di Mosca

Non sarebbe la prima volta che Mosca utilizza la sua potenza cibernetica come mezzo di supremazia al di fuori dei propri confini. Il caso più eclatante fu quello di Guccifer 2.0 e dell’hackeraggio delle mail del Democratic National Committee in concomitanza con le elezioni statunitensi del 2016. In quell’occasione fu scoperto che con buone probabilità il GRU, attraverso un suo ufficiale, aveva utilizzato Guccifer 2.0 per diffondere le e-mail hackerate di Hillary Clinton e John Podesta, che era a capo della campagna elettorale della candidata democratica.

Nel marzo 2018, nell’ambito dell’indagine che era stata condotta, il Consigliere speciale Robert Muller aveva incriminato l’agente del GRU insieme ad altri 11 ufficiali per reati legati al presunto hackeraggio ai danni del Partito Democratico nel 2016.

Ancora prima, nel report “APT28: a window into Russia’s cyber espionage operations?” pubblicato nel 2014 dalla società di cybersecurity americana Fire Eye in relazione ad episodi significativi, come gli attacchi informatici che avevano accompagnato l’invasione della Georgia nel 2008 o la compromissione del network del Dipartimento della Difesa americano avvenuto sempre nel 2008, era stata supportata la tesi dell’esistenza di collegamenti diretti tra il gruppo hacker APT28 e il Cremlino.

Secondo Fire Eye l’APT28 sarebbe infatti un gruppo impegnato in attività di spionaggio contro obiettivi politici e militari, i cui malware hanno impostazioni in lingua russa e orari di attività compatibili con il fuso orario delle principali città russe come Mosca e San Pietroburgo; le informazioni trafugate da questo gruppo risponderebbero agli interessi del Cremlino, che ne sponsorizzerebbe l’attività.

Conflitto russo-ucraino e guerra ibrida

Per quanto riguarda l’attuale conflitto Kiev-Mosca, l’intervento dell’intelligence russa non è certo una novità. Ne sono solo un esempio gli attacchi DDoS che il 15 e il 16 febbraio 2022 hanno colpito i siti governativi del Ministero della Difesa, di due banche private e delle forze armate ucraine e che secondo quanto ricostruito da fonti governative britanniche, australiane e statunitensi, sarebbero stati realizzati proprio dal GRU.

Lo scorso agosto, inoltre, la società statunitense di sicurezza informativa Trustwave avvertiva che dietro la maggior parte degli attacchi contro le infrastrutture critiche e le reti di dati ucraine ci fossero proprio le agenzie di intelligence russe FSB (Russian Federal Security Service), SVR (Foreign Intelligence Service) e GRU.

Al dispiegamento di forze russe, che ha avviato il conflitto Mosca-Kiev, è corrisposto sin dall’inizio l’ingaggio di un altro conflitto, quello cyber iniziato ben prima del 24 febbraio a riprova che il dominio cibernetico ha assunto una valenza fondamentale che trascende la guerra convenzionale.

L’invasione russa in Ucraina ha creato circostanze senza precedenti per l’attività di minacce cyber: “questa è probabilmente la prima volta in cui una grande potenza informatica ha verosimilmente condotto attacchi destabilizzanti, operazioni di spionaggio e di informazione in concerto con operazioni militari diffuse in una guerra convenzionale. Non abbiamo mai osservato in precedenza un tale volume di attacchi informatici, varietà di attori delle minacce e coordinamento degli sforzi negli stessi diversi mesi.

Cosa dimostra la natura ibrida del conflitto russo-ucraino

La nuova tipologia di conflitto si concretizza attraverso l’utilizzo di tecniche offensive o difensive che compromettendo i sistemi logici e fisici di una nazione, la minacciano dall’interno, agendo sui punti nevralgici del sistema Paese e causando l’interruzione dell’operatività intersettoriale.

Sono già diversi anni che Mosca dedica particolare attenzione al cyberspazio come nuovo dominio in cui delineare la geopolitica e stabilire gli equilibri di potere, attraverso una strategia connotata da due elementi fondamentali: la natura pubblica degli attacchi, in parte diretta a mostrare una capacità offensiva senza limiti e il costante tentativo di danneggiare infrastrutture fisiche, o causare gravi conseguenze offline.

La natura ibrida dello scontro russo- ucraino dimostra una sinergia sempre più evidente tra azione sul campo e spazio cibernetico. Al contempo il numero degli obiettivi appare sempre più ampio: non solo infrastrutture critiche e militari, ma anche istituzioni politiche di Paesi alleati e relativi canali di informazione.

Il ruolo dell’informazione nei moderni conflitti

L’information confrontation (informatsionnoe protivoborstvo o IPb) è il termine usato nella strategia russa per descrivere il ruolo dell’informazione in conflitto. È quindi un elemento della strategia multi-dominio russa che si differenzia dall’approccio occidentale in almeno tre caratteristiche: l’IPb abbraccia sia la dimensione tecnologica dell’informazione sia quella della comunicazione e si estende al di là di esse per includere la dimensione cognitiva e delle emozioni umane. In secondo luogo, l’IPb lo è concepito come una contromisura difensiva e offensiva nelle operazioni informativo-tecniche e informativo-psicologiche.

Infine, l’IPb è concepito come una forma di deterrenza nei confronti degli attacchi asimmetrica o indiretti da parte di altre potenze. L’information confrontation fornisce indicazioni sulla percezione russa della minaccia e sulla natura del conflitto moderno.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5