L'APPROFONDIMENTO

Salvaguardare l’integrità digitale nell’era dell’informazione influenzata dall’IA: serve equilibrio

In un’epoca in cui l’IA continua a plasmare il panorama delle informazioni, la collaborazione tra governi, istituzioni e leader tecnologici rimane fondamentale per salvaguardare il discorso democratico, preservare i diritti individuali e coltivare un ecosistema digitale fondato sull’integrità

Pubblicato il 23 Ago 2023

Tommaso Maria Ruocco

Cyber Analyst, Hermes Bay

La rapida integrazione dell’intelligenza artificiale (IA) in vari aspetti delle nostre vite ha inaugurato una nuova era di opportunità e sfide, rivoluzionandone diversi aspetti.

Man mano che il contenuto generato dall’IA diventa sempre più diffuso, le preoccupazioni relative alla disinformazione, alla propaganda e all’erosione dell’integrità digitale hanno assunto un ruolo centrale.

I rischi e le sfide dei chatbot tra privacy, sicurezza e legge

Potenziali benefici e rischi della tecnologia dell’IA

L’atteggiamento proattivo dell’Amministrazione Biden-Harris verso lo sviluppo dell’IA riflette un riconoscimento profondo dei potenziali benefici e rischi della tecnologia dell’IA.

WHITEPAPER
Gestione dei container di software: come renderli eseguibili ovunque, in sicurezza
Security Risk Management
Data protection

Gli impegni volontari delle influenti aziende di IA, tra cui Amazon, Anthropic, Google, Inflection, Meta, Microsoft e OpenAI, sottolineano l’importanza di prioritizzare la sicurezza, la sicurezza e la trasparenza.

Questi impegni, sebbene volontari, stabiliscono una base per lo sviluppo responsabile dell’IA che si allinea ai principi di salvaguardare i diritti individuali e garantire la sicurezza pubblica.

Valutazione della sicurezza dei prodotti di intelligenza artificiale

Un impegno chiave riguarda l’attenta valutazione della sicurezza dei prodotti di intelligenza artificiale prima della loro introduzione al pubblico.

Questo implica la conduzione di test di sicurezza sia interni che esterni dei sistemi di intelligenza artificiale, un processo che coinvolgerà esperti indipendenti.

Affrontando attivamente rischi potenziali, come preoccupazioni di bio-sicurezza e cyber sicurezza, le aziende mirano a costruire una base di fiducia e sicurezza nelle tecnologie dell’intelligenza artificiale che producono.

Inoltre, secondo quanto riportato, le aziende si stanno impegnando a condividere informazioni e migliori pratiche in tutta l’industria e con vari stakeholder, tra cui governi, società civile e mondo accademico.

Questo impegno alla collaborazione riflette uno sforzo collettivo per gestire e mitigare i potenziali rischi associati all’intelligenza artificiale.

Fomentando una comunicazione aperta e lo scambio di conoscenze, l’industria mira a affrontare collettivamente le sfide e a stare al passo con le minacce emergenti.

Trasparenza e responsabilità per individuare le vulnerabilità nell’IA

La seconda area principale di impegno ruota attorno alla sicurezza. Le aziende hanno dichiarato che stanno effettuando investimenti significativi in sicurezza informatica e garanzie contro le minacce interne per proteggere i “pesi” del modello proprietario e non ancora rilasciati che sottendono i loro sistemi di intelligenza artificiale.

Questi “pesi” del modello sono componenti essenziali e la decisione di rilasciarli è subordinata a considerazioni di sicurezza.

Inoltre, le aziende stanno promuovendo un ambiente di trasparenza e responsabilità consentendo la scoperta e la segnalazione di vulnerabilità nei loro sistemi di intelligenza artificiale da parte di terze parti.

Questo approccio consente di identificare rapidamente e risolvere i problemi anche dopo il rilascio della tecnologia.

Accountability collettiva per l’evoluzione dell’etica dell’IA

Parte integrante di questi impegni è la rigorosa prova dei sistemi di IA prima del loro rilascio.

Il coinvolgimento di esperti indipendenti nei test di sicurezza affronta rischi critici dell’IA, tra cui la biosicurezza e la cibersicurezza, e gli impatti più ampi del contenuto generato dall’IA sulla società.

Inoltre, la collaborazione tra industria, governo, società civile e mondo accademico nella gestione dei rischi dell’IA sottolinea l’importanza dell’accountability collettiva nel panorama in evoluzione dell’etica dell’IA.

Mentre gli impegni volontari indicano una traiettoria promettente verso l’IA responsabile, le sfide di applicazione e adozione universale rimangono intricate.

La focalizzazione dell’Amministrazione Biden-Harris sulla collaborazione tecnica, le salvaguardie e la trasparenza fornisce una base solida, ma le complessità delle applicazioni dell’IA e il rapido ritmo dell’innovazione richiedono un dialogo continuo e una cooperazione costante.

Poiché i sistemi dell’IA continuano a evolversi, il monitoraggio continuo e le misure regolatorie adattive sono cruciali per garantire un dispiegamento responsabile dell’IA.

L’UE vuole etichettare i contenuti dell’IA

In parallelo con questi impegni, la ricerca da parte dell’Unione Europea dell’etichettatura dei contenuti dell’IA attraverso la Coalition for Content Provenance and Authenticity (C2PA) si presenta come un’iniziativa pionieristica nella sicurezza informatica.

Sfruttando il potere della crittografia, la C2PA introduce informazioni di provenienza simili a un’etichetta nutrizionale digitale, consentendo la trasparenza delle origini del contenuto. Guidata da Adobe, Intel, Microsoft e Truepic, la C2PA affronta l’urgente necessità per i consumatori di contenuti di verificare l’autenticità dei materiali generati dall’IA.

Il riconoscimento del “lato oscuro” dell’IA da parte del commissario dell’UE sottolinea l’urgenza di contrastare la disinformazione. La pandemia COVID-19 ha esposto la vulnerabilità delle società alle teorie del complotto generate dall’IA, mettendo in evidenza la necessità di misure di sicurezza informatica robuste.

Tuttavia, l’efficacia della C2PA dipende dall’adozione diffusa e da meccanismi rigorosi di applicazione, poiché l’attribuzione del contenuto generato dall’IA rimane una sfida formidabile.

Il ruolo dell’IA nella disinformazione

Nel sempre mutevole panorama della disinformazione, la crescita delle fattorie di contenuti automatizzati alimentate dall’IA introduce una nuova dimensione di sfide.

L’indagine di NewsGuard sui siti web che diffondono articoli generati dall’IA di “bassa qualità” e “clickbait” sottolinea l’intersezione tra tecnologia e agende malevoli.

Queste piattaforme sfruttano l’efficienza dell’IA per generare grandi quantità di contenuti, contribuendo alla rapida diffusione di narrazioni false e disinformazione.

La diffusione della disinformazione attraverso le fattorie di contenuti generati dall’IA costituisce una minaccia significativa per il discorso democratico e la fiducia pubblica. L’anonimato che circonda la proprietà e il controllo editoriale accentua la sfida nell’identificare e mitigare l’intento malevolo.

La proliferazione dei “deepfake” amplifica ulteriormente queste preoccupazioni, erodendo la fiducia sia nelle informazioni visive che uditive.

Preoccupazioni per l’infrazione del diritto d’autore

Oltre alla disinformazione, la proliferazione delle fattorie di contenuti generati dall’IA solleva legittime preoccupazioni in merito all’infrazione del diritto d’autore. Molte piattaforme riscrivono e ripubblicano articoli con diritti d’autore, potenzialmente violando i diritti di proprietà intellettuale dei creatori.

Gli sforzi della Campagna dell’Arte Umana per proteggere i creatori umani riflettono la necessità di stabilire confini etici per i contenuti generati dall’IA al fine di preservare il sostentamento dei creatori di contenuti.

Inoltre, la proliferazione degli articoli generati dall’IA che fanno leva sul “clickbait” sfida l’autenticità e la credibilità delle informazioni online.

Manipolando i ranking dei motori di ricerca, questi articoli cercano l’attenzione degli utenti, spesso a scapito di contenuti di alta qualità e affidabilità. La scalabilità delle fattorie di contenuti generati dall’IA aggrava questo problema, costituendo una minaccia sostanziale per prospettive diverse e giornalismo d’inchiesta.

L’impatto insidioso del bias algoritmico sul contenuto generato dall’IA assume maggiore rilevanza nel contesto delle fattorie di contenuti automatizzati.

Dati di addestramento con bias perpetuano la disinformazione, amplificando divisioni e disuguaglianze nella società. Se non affrontato, il contenuto generato dall’IA potrebbe perpetuare narrazioni bias che danneggiano gruppi vulnerabili o minoranze.

Così gli hacker svelano le vulnerabilità dei modelli di intelligenza artificiale

Conclusioni

Navigare l’intersezione complessa dell’IA, della disinformazione e dell’integrità digitale, le iniziative presentate – impegni volontari, etichettatura crittografica dei contenuti e contrasto delle fattorie di contenuti automatizzati – offrono quadri essenziali per lo sviluppo dell’IA responsabile e la sicurezza informatica.

Gli impegni dell’Amministrazione Biden-Harris, l’etichettatura crittografica dell’UE e il paesaggio in evoluzione della sicurezza informatica dell’IA sottolineano la natura complessa dell’era digitale.

La collaborazione tra governi, istituzioni e leader tecnologici rimane fondamentale per salvaguardare il discorso democratico, preservare i diritti individuali e coltivare un ecosistema digitale fondato sull’integrità.

In un’epoca in cui l’IA continua a plasmare il panorama delle informazioni, i nostri sforzi collettivi determineranno l’equilibrio tra progresso e pericoli nell’era del contenuto generato dall’IA.

WHITEPAPER
L'AI è al centro del dibattito: come non rimanere indietro evitando passi falsi
Machine Learning
Cognitive computing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3