Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SAMSUNG KNOX

“Next Mobile Economy”: la crescita passa dalla sicurezza dei dati, ecco come

Le tecnologie mobili stanno cambiando il modo di lavorare (e di vivere), per questo motivo si può parlare di ingresso in una nuova era. Che però rischia di essere problematica se non assistita da adeguate tecnologie di sicurezza. Questa è la visione Samsung, realizzata con le tecnologie Knox. Vediamone il senso

04 Lug 2018
S

Powered by Samsung


La rivoluzione portata dai dispositivi mobile sta promuovendo quella che Samsung ha battezzato la Next Mobile Economy. È infatti ormai evidente che le tecnologie della mobility stanno trasformando le aziende, i loro processi e, in generale, il modo di lavorare. Si tratta di un mutamento inarrestabile, perché stimolato da una serie di fattori: le evoluzioni di funzionalità e potenza dei device mobili, le innovazioni in ambito cloud storage e del software. La trasformazione innescata dal mobile è quindi in continuo divenire e vedrà sempre più, per esempio, l’introduzione negli ambiti di business di tecnologie quali quelle relative a intelligenza virtuale, realtà aumentata e virtuale, di sistemi IoT eccetera.

In tale scenario, gli uomini di business, e accanto a loro i responsabili IT, hanno bisogno di portare in azienda soluzioni alternative alle tecnologie legacy: in questo senso piattaforme aperte e, naturalmente, sicure permettono di sfruttare i vantaggi della rivoluzione mobile che si esprimono prima di tutto sul fronte della produttività e quindi della competitività.

Partendo da questa consapevolezza, Samsung fonda il proprio approccio alla rivoluzione dei dispositivi mobili su 4 fattori che contraddistinguono i suoi prodotti.

In primo luogo, l’open collaboration per garantire a tutte le realtà aziendali la possibilità di dialogo all’interno del proprio ecosistema; quindi l’open customization, perché attraverso la personalizzazione delle soluzioni mobile sia possibile distinguersi dalla concorrenza; l’open control, affinché una maggiore disponibilità di servizi mobile non penalizzi la possibilità di monitorare i dispositivi stessi ma, al contrario, sia semplificata la possibilità di controllo. Alla base di tutto questo, ed è il quarto fondamentale pilastro, ci deve essere la sicurezza.

Non si deve dimenticare che con il GDPR, il Regolamento europeo sulla protezione dei dati, il legislatore europeo impone la data privacy per qualsiasi dispositivo sul quale i dati personali siano raccolti, consultati ed elaborati. E in un’epoca in cui gli smartphone sono diventati un’estensione dell’ufficio è molto probabile che questi dispositivi contengano dati personali sensibili.

Inoltre, come ricordato in occasione del Forum Economico Mondiale i dati personali sono il petrolio del 21mo secolo, per questo motivo lo stesso organismo internazionale ha dichiarato che tali dati dovrebbero essere equiparati a un vero e proprio bene. Per questo, la gestione precisa, trasparente e riservata dei dati riveste un’importanza cruciale.

Qualsiasi interlocutore aziendale esige perciò la garanzia che i propri dati personali vengano raccolti ed elaborati in totale sicurezza. Le realtà che agiscono in questa direzione otterranno fiducia e avranno la possibilità di generare rapporti migliori, più proficui e più seri con clienti e partner, coronati da un coinvolgimento più profondo. Garantire cioè la data privacy può rappresentare un fattore distintivo dalla concorrenza, un’occasione per migliorare la reputazione del marchio e, di conseguenza, essere un fondamentale elemento di fidelizzazione.

Sicurezza dei dati aziendali sempre e ovunque

Il percorso di messa in sicurezza dei device mobili implica diversi passaggi, da una corretta configurazione di base dello smartphone (configurazione delle connessioni disponibili, così come dei dispositivi di archiviazione, della fotocamera eccetera) sino alla gestione degli aggiornamenti e alla manutenzione del sistema operativo.

Il sistema di sicurezza multilivello Samsung Knox, nativamente integrato nei dispositivi Samsung fornisce un nucleo di difesa per tutti gli utenti che tiene conto di tutti questi step, includendo centinaia di funzioni di security (quali per esempio la protezione contro i malware, intrusion detection, rooting detection) al fine di garantire sicurezza e protezione sia dei dati sensibili sia di quelli personali poiché permette di fare uso di un unico device sia in campo personale che in campo lavorativo. Nel progettare la soluzione Samsung ha infatti ritenuto che il vero valore che si ottiene dalla creazione di due ambienti distinti è sicuramente quello di poter segregare le informazioni aziendali all’interno del container correlato all’attività professionale. Ma allo stesso tempo è anche quello di disporre di uno spazio personale protetto in termini di privacy rispetto al container aziendale.

Nello specifico, per rispondere a tutte queste esigenze Samsung Knox offre i seguenti servizi:

  • Knox Mobile Enrollment, per l’installazione e la registrazione automatica del dispositivo;
  • Configure, che consente alle aziende di distribuire configurazioni da remoto adattando i dispositivi alle specifiche esigenze di business;
  • Manage (la soluzione EMM cloud-based per la gestione dei terminali mobili abbinata a un ambiente sicuro per la protezione dei dati aziendali sui terminali Samsung);
  • Workspace, ossia il “container” che isola le applicazioni e i dati di lavoro dallo spazio personale;
  • E-Fota, cioè il servizio che consente di controllare da remoto la versione OS dei dispositivi Samsung.

Articolo 1 di 5