La guida

Standard per i data center: da Uptime Institute alla ISO 22237, ecco quali sono

Parametri di riferimento per classificare i data center e definirne i i livelli di prestazione e disponibilità: ecco un utile vademecum per far chiarezza tra gli standard esistenti, con riferimento a norme americane ed europee, distinguendoli dalle linee guida

08 Ott 2020
G
Alessandro Gaspari

Data Center Specialist & Privacy Officer

L’idea degli standard per i data center è quella di poter classificare le infrastrutture per riuscire a definire i livelli prestazionali di disponibilità ed affidabilità attesi.

Ovviamente, oggi la disponibilità dei servizi informatici è vitale per qualsiasi azienda e quando si parla di “sicurezza informatica” è necessario considerare tutti i componenti attivi e passivi che consentono l’erogazione dei servizi IT.

La “disponibilità” di un sistema informatico non dipende solo dal server o dal sistema operativo dove il servizio IT viene eseguito, ma dipende soprattutto da quelle che vengono definite “facility”, cioè le infrastrutture di base, che consentono a quel server e sistema operativo di funzionare regolarmente.

Stiamo parlando dei sistemi che vengono identificati come M&E (Meccanici ed Elettrici) e che forniscono elettricità e condizionamento ai server e agli apparati di rete.

Quindi nel valutare la “sicurezza informatica” di un servizio IT si deve valutare anche il data center, termine con il quale si identifica l’edificio o parte di edificio che ospita i “computer” e tutti i sistemi a supporto. Vediamo dunque quali sono standard e linee guida di riferimento nell’ambito.

Gli standard e le linee guida

Innanzitutto, vorrei distinguere subito ciò che può essere definito standard (nel vero senso del termine) e ciò che invece è una semplice linea guida.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Semplificando, uno standard è un metodo riconosciuto per fare qualcosa, come ad esempio, gestire o fornire un servizio, gestire dei processi, produrre qualcosa. Lo standard, per essere tale, dovrebbe innanzitutto essere “pubblico”.

Di fatto gli standard “privati”, “pubblici” e Linee guida attualmente in uso nel mondo dei data center sono:

  • “Standard Tier Topology” di Uptime Institute
  • TIA-942
  • EN50600 e ISO 22237
  • ANSI/BICSI 002-2014

Più o meno tutti questi standard e linee guida identificano quattro tipologie di classificazione:

  • Classificazione base.
  • Classificazione con componenti ridondati.
  • Classificazione dove è possibile eseguire la manutenzione ordinaria senza impatto sull’erogazione dei servizi.
  • Classificazione Fault Tolerant, dove il guasto viene gestito in modo automatico, senza alcun impatto sui servizi.

AgID e i data center

L’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) negli ultimi anni ha messo in atto un piano per ottimizzare e razionalizzare le infrastrutture Data Center nazionali.

Con la Circolare n. 01 del 14 giugno 2019 di AgID intitolata “Censimento del patrimonio ICT delle Pubbliche Amministrazioni e classificazione delle infrastrutture idonee all’uso da parte dei Poli Strategici Nazionali“.

Nell’allegato “A” della circolare, vengono indicati i “Requisiti preliminari delle infrastrutture della PA per l’utilizzo da parte di un Polo Strategico Nazionale e requisiti per la classificazione a “Gruppo A””. Il punto 8 “Aspetti Infrastrutturali / Architettura DC” indica come requisito che “Il data center deve essere stato progettato e realizzato secondo standard di riferimento infrastrutturali, ad esempio ANSI/BICSI 002, TIA-942, EN 50600, Uptime Institute Tier Certification o analoghi”.

L’AgID per valutare le infrastrutture data center ha fatto quindi riferimento a tutti gli standard e linee guida attualmente disponibili.

Il successivo punto 9 della medesima sezione “Aspetti Infrastrutturali / Architettura DC” richiede che “L’ente deve avere adottato formalmente procedure per la gestione delle emissioni dei gas prodotti dai suoi data center (es. ISO 14064), o per la gestione dell’energia dei propri data center (es. ISO 50001), o per la gestione ambientale dei propri data center (es. ISO 14001)”.

I punti 1, 2 e 3 nella sezione “Aspetti Organizzativi e gestionali / Nome/Procedure/presidio” richiedono poi sistemi di Gestione conformi ISO 20000, ISO 22313 e ISO 27001.

Dopo questo preambolo sulla circolare di AgID, che tornerà utile nelle conclusioni finali, illustriamo le peculiarità (positive e negative) di ogni singolo standard o linee guida così che possiate avere un quadro generale dell’attuale “mercato”.

Standard per i data center: Uptime Institute

Partiamo da Uptime Institute, nato nel 1993 come consorzio di società impegnato nello sviluppo di corsi, pubblicazioni, consulenze e conferenze relative al mondo dei data center.

Con il suo “Standard Tier Topology” rappresenta dal punto di vista storico l’origine degli standard per i Data Center. Questa certificazione non deriva da uno standard pubblico, ma, lasciatemi passare il termine, è un “prodotto/servizio” esclusivo di Uptime Institute, che è l’unica Organizzazione che può effettuare le attività di certificazioni. Si tratta quindi di un sistema di certificazione proprietario e non pubblico.

Le stesse diciture TIER I, II, III e IV sono dei marchi registrati.

In sostanza chi scrive lo “standard” è poi anche colui che lo verifica e lo certifica. La “Standard Tier Topology” analizza esclusivamente la parte meccanica ed elettrica del data center.

L’eventuale valutazione della “Gestione” del data center fa parte di un altro percorso di certificazione chiamato “Tier Certification Operational Sustainability”. La certificazione di Uptime Institute è assolutamente “solida” e riconosciuta a livello mondiale ed avviene con delle prove in campo molto approfondite e puntuali.

Il percorso di certificazione è complesso e passa obbligatoriamente attraverso una prima fase di certificazione dei progetti, definita “Design certification”, per poi entro 3 anni effettuare la certificazione in campo del “costruito”, definita “Facility certification”.

La classificazione dei data center è indicata con un numero romano da I a IV e dal termine TIER; TIER I, TIER II, TIER III, TIER IV.

Standard per i data center: ANSI/TIA-942

Nel 2005 la TIA rilascia la norma ANSI/TIA-942, denominata “Telecommunications Infrastructure Standard for Data Center”.

Questa norma è decisamente stata sopravvalutata e a mio modo di vedere “forzata” per certificare le infrastrutture Data Center, quando in realtà, anche la versione attuale TIA-942-B, non nasce come standard per certificare i data center ma come standard per il cablaggio strutturato e le infrastrutture di telecomunicazione.

Come si evince anche dal titolo, “Data Center Cabling Standard” e “Telecommunications Infrastructure Standard for Data Center“, si tratta di uno Standard per la realizzazione dei cablaggi (cabling) con alcuni (e pochi) riferimenti diretti alle infrastrutture meccaniche ed elettriche.

Da notare che la TIA-942 è equiparata alla ISO/IEC 14763-2 o alla EN 50174-2, standard che trattano l’implementazione del “Cablaggio Strutturato”.

La maggior parte della TIA-942 è dedicata alla realizzazione e alla gestione del cablaggio con ampi riferimenti alla ANSI/TIA 606. Vi sono poi dei requisiti obbligatori sugli impianti della terra (riferimento a ANSI/TIA 607) e alla sicurezza fisica (riferimento ANSI/TIA 5017).

Tutta la parte relativa all’infrastruttura data center, cioè quella definita M&E (Meccanica ed Elettrica) è riportata nell’ANNEX F che però non fa parte dello standard come più volte riportato all’interno dello stesso documento:

  • pagina XI “Annexes. There are nine annexes to this Standard. Annexes A, B, C, D, E, F, G, H and I and Informative and not considerd to be requirements of this Standard”.
  • La prima riga della sezione “Annex F (Informative) Data Center Infrastructure Rating” (pagina 66) riporta “This annex is informative only and is not part of this Standard”.

Tutta la checklist dei requisiti nella tabella 11 dell’annex F sono quindi riportati solo a titolo informativo e molti di questi controlli fanno parte delle “best practices” del BICSI-002 che vedremo più avanti.

Premesso questo, la TIA-942 è lo standard, che insieme ad Uptime Institute, rappresenta la certificazione più richiesta.

La classificazione dei data center è pressoché identificata a quella di Uptime Institute ma con il termine Rating seguito da un numero: Rating 1, Rating 2, Rating 3 e Rating4. Il Rating 1 è la classificazione base mentre il rating 4 è classificazione più completa.

A differenza di Uptime Institute, oltre alle componenti Meccaniche ed Elettriche, vengono anche valutati gli aspetti Architetturali e di Telecomunicazione. Il 7 agosto 2020 la TIA (Telecommunications Industry Association), l’associazione che rappresenta i produttori e i fornitori di reti di comunicazione, ha annunciato il nuovo schema per fornire ai data center audit e certificazioni ufficiali secondo lo standard ANSI/TIA-942.

Sarebbe il primo “standard” dedicato alle infrastrutture data center con uno schema di accreditamento per i CABs (Conformity Assessment Bodies), cioè per le organizzazioni che effettuano gli audit e la relativa certificazione.

La TIA ha deciso di affidare l’accreditamento ad una Società di Singapore la CERTAC (https://certac.org/), invece di utilizzare i membri IAF (International Accreditation Forum) e questo a lungo andare, almeno sul territorio Europeo, potrebbe indebolire lo standard a favore dei nuovi standard ISO ed EN.

Standard per i data center: EN 50600 e ISO 22237

Lo standard EN50600 nasce nel 2010. Per chiarire, “EN” è la sigla che identifica le norme elaborate dal CEN (Comité Européen de Normalisation) che è l’organismo di normazione Europea.

I Paesi membri CEN devono obbligatoriamente recepire le norme EN (nel caso dell’Italia esse diventano UNI EN).

Le norme “EN” servono ad uniformare la normativa tecnica in tutta Europa. E’ lo standard più completo di tutti quelli precedentemente analizzati e si presta a far parte di un Sistema di Gestione integrato insieme alle altre norme ISO 9001, serie 27000, 50001, 14001 e 22313.

Si tratta come detto di uno Standard Europeo, che fa riferimento ad altre norme Europee, a differenza ad esempio della TIA-942 che fa riferimento a normative Americane.

Al momento, non c’è un percorso di accreditamento per i “Certification Bodies”, ma il documento 50600-99-3:2018 fornisce le linee guida per l’applicazione della serie 50600 nelle attività di valutazione di 1a, 2a e 3a parte.

I documenti principali della serie EN 50600 sono stati portati sulla ISO TS 22237 che diventerà in un prossimo futuro lo standard certificabile.

Quando verrà definito il percorso di accreditamento questo sarà gestito come per le altre norme ISO/IEC/UNI dagli enti di accreditamento nazionali riconosciuti.

Come per le nuove revisioni ISO 27001 e 9001 anche la EN 50600/ISO 22237 richiede come primo passo una analisi dei rischi secondo le linee guida ISO 31010.

La conformità con lo standard EN 56000 o ISO 22237 richiede quindi:

  1. analisi dei rischi;
  2. definizione della classe di disponibilità in base alle risultanze dell’analisi dei rischi;
  3. definizione del livello di sicurezza in base alle risultanze dell’analisi dei rischi;
  4. definizione del livello di efficienza energetica.

La serie 50600 (e sarà così anche per la ISO 22237) integra una serie di documenti (50600-4-1, 50600-4-2, 50600-99-1) per il controllo ambientale e la gestione dell’energia, conformi ai requisiti di AgID (punto 9 – ISO 14000 e ISO 50000).

La EN50600 ha integrato il “Code Of Conduct for Energy Efficiency in Data Centres” sviluppato dalla Comunità Europea presso il JRC che detta le linee guida per l’efficientamento energetico dei data center. Farà parte della serie (documento TR 50600-99-4 in fase di sviluppo) anche il “Data Center Maturity Model” (DCMM) ereditato dal “The Green Grid”, con il quale sarà possibile valutare l’attuale livello di “maturità” delle infrastrutture data center.

La EN50600 come la ISO 22237 classifica i data center con tre parametri distinti per “disponibilità”, “sicurezza” ed “efficientamento energetico”:

  • per quanto riguarda la “disponibilità” riferita ad impianti meccanici ed elettrici ci sono 4 classi definite “Availability Class”: Class 1, Class 2, Class 3 e Class 4 (dalla “1” la base alla “4” che identifica i data center con caratteristiche di “fault tolerance”);
  • per quanto riguarda gli aspetti di sicurezza fisica (accesso, intrusione, protezione su eventi esterni, protezione su eventi interni) c’è una seconda classificazione identificata come: Zone 1, Zone 2, Zone 3 e Zone 4 (da “1” zona meno sicura a “4” zona con massima sicurezza). I livelli di sicurezza sono completamente indipendenti rispetto ai livelli di disponibilità;
  • per l’efficientamento energetico i data center vengono classificati in 3 livelli: Level 1, Level 2 e Level 3 (“1” rappresenta il meno efficiente e il “3” il più efficiente).

Standard per i data center: ANSI/BICSI 002-2014

Per finire la ANSI/BICSI 002-2019 “Data Center Design and Implementation Best Practices” è un insieme di “Linee Guida” da utilizzarsi a complemento degli altri standard per le telecomunicazioni quali TIA, CENELEC, ISO/IEC, come anche riportato al paragrafo “2 Scope”.

BICSI è accreditata da ANSI e la certificazione/conformità viene rilasciata da professionisti formati direttamente da BICSI. Il “BICSI 002-2019” copre tutti gli ambiti di un data center, compresa la fase di progettazione, pianificazione e commissioning.

Conclusioni

Fino ad oggi le certificazioni Tier Tipology di Uptime Institute e la TIA-942 sono state quelle più richieste e “spendibili” dal punto di vista commerciale.

Con la definizione degli Standard EN ed ISO, che oggi hanno raggiunto una buona “maturità”, è ora possibile creare un sistema di gestione integrato che comprenda ad esempio la ISO 27001 e la ISO 20000 o altre norme della famiglia ISO/EN.

La possibilità offerta dagli Standard EN e ISO di classificare l’efficientamento energetico è sicuramente un “plus” rispetto alla concorrenza, come anche la classificazione indipendente della sicurezza fisica che basandosi sull’analisi preventiva dei rischi consente di valutare qualsiasi tipo di rischio ambientale interno o esterno.

Da non sottovalutare poi il costo totale del processo di certificazione che per le norme ISO/EN si prospetta inferiore rispetto ad Uptime Institute, mentre in confronto con la TIA-942 la conformità ISO/EN 22237/50600 ha generalmente dei costi di adeguamento infrastrutturale inferiori.

17 novembre, milano
Scopri Insight e Tips & Tricks dai migliori professionisti di settore: un evento unico ti aspetta!
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr