Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Networking e cyber security: le soluzioni per mettere in sicurezza il patrimonio informativo aziendale

16 Set 2019

La digital transformation sta portando ad un profondo cambiamento non solo della nostra società civile, ma anche dell’intero tessuto produttivo. Piccole e grandi aziende stanno assistendo ad uno sviluppo sempre più pervasivo di Internet, mentre contestualmente aumentano i dispositivi mobile utilizzati nell’ambito dello smart working. In un simile scenario, i classici antivirus da soli non bastano più a proteggere il perimetro di sicurezza delle varie organizzazioni e diventa quindi sempre più importante definire policy di networking e cyber security a protezione del patrimonio informativo.

Non per questo, comunque, gli antivirus devono passare in secondo ordine: semmai diventa ancora più importante adottare soluzioni che diano la massima sicurezza nel pieno rispetto delle normative sulla protezione delle reti e dei dati personali. È anzi importante seguire i consigli degli esperti al fine di scegliere la soluzione di sicurezza più adatta alle esigenze aziendali.

In tal senso, possiamo seguire l’ottima guida pratica pubblicata su Cybersecurity360.it: Antivirus aziendale: i consigli degli esperti per mettere al sicuro il perimetro cyber.

Oltre alle soluzioni software di sicurezza è poi fondamentale introdurre nell’organico aziendale anche figure altamente specializzate come quelle dei CISO (Chief Information Security Officer) i cui compiti, in continua evoluzione, non possono più limitarsi alla gestione della sicurezza delle singole macchine.

WHITEPAPER
Automazione della rete: sviluppare o acquistare? Scarica la guida
Networking

Come esplicitato nell’articolo Cybersecurity nelle aziende: far leva sulla visibilità delle reti di ZeroUno, l’arma vincente per prevenire e mitigare il rischio di attacchi cyber è rappresentata dalla protezione delle reti aziendali che, se non correttamente presidiate, possono diventare una vera e propria porta di ingresso per i criminal hacker sempre pronti a colpire gli endpoint.

Una corretta policy di cyber security aziendale deve dunque fare in modo che si raggiunga una perfetta integrazione tra la gestione delle reti e il management della sicurezza. Ancora meglio se ciò avviene in tempo reale, in modo da garantire una capacità di prevenzione e reazione davvero in grado di competere con l’evoluzione delle tecniche criminose.

La prevenzione, quindi, deve continuare a rivestire un ruolo di primo piano nella cyber security aziendale e per raggiungere questo obiettivo, oltre alla continua formazione dei dipendenti in tema di sicurezza informatica, è necessario affiancare agli antivirus e ai dispositivi di sicurezza tradizionali anche strumenti più sofisticati in grado di analizzare e interpretare in maniera proattiva quello che avviene nelle reti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5