TECNOLOGIA E SICUREZZA

Integrazioni dell’AI in azienda: le giuste domande che i professionisti della sicurezza devono porsi

Il ricorso all’intelligenza artificiale per ridurre il tempo dedicato alle attività amministrative potrebbe segnare l’inizio di un nuovo modello di lavoro per molte aziende. Tuttavia, in termini di sicurezza informatica è difficile ignorare alcuni aspetti critici: che cosa sta succedendo ai dati e come vengono protetti? Facciamo chiarezza

Pubblicato il 23 Giu 2023

Neil Thacker

CISO EMEA di Netskope

Integrazione dell'AI in azienda

Nel 2023 ChatGPT è esploso, raggiungendo a gennaio 100 milioni di utenti attivi mensili e diventando l’applicazione consumer con la crescita più rapida della storia.

Non sorprende che le aziende si siano affrettate a capitalizzare tale fenomeno e Microsoft (storica sostenitrice dell’azienda madre di ChatGPT, OpenAI) è stata una delle prime ad assicurarsi una fetta di mercato, offrendo agli utenti di Teams Premium un’integrazione GPT in grado di redigere verbali, riassumere i punti di discussione e suggerire le fasi successive delle riunioni virtuali sulla piattaforma.

Sulla scia di Microsoft, Salesforce ha annunciato un’integrazione ChatGPT per Slack, che aiuta gli utenti a riassumere le conversazioni e a gestire le domande.

Integrazioni dell’AI in azienda: l’evoluzione degli uffici

Il ricorso all’intelligenza artificiale per ridurre il tempo dedicato alle attività amministrative potrebbe segnare l’inizio di un nuovo modello di lavoro per molte aziende.

La possibilità di aumentare la produttività a livello individuale e aziendale con un investimento minimo rappresenta un vantaggio per tutti. Tuttavia, in termini di sicurezza informatica è difficile ignorare alcuni aspetti critici: che cosa sta succedendo ai dati e come vengono protetti?

Un’indagine condotta da CyberHaven ha rilevato che il 4,9% dei dipendenti trasferisce dati aziendali su ChatGPT e che un’azienda media “fa trapelare materiale confidenziale sulla piattaforma centinaia di volte alla settimana”.

In seguito alla crescente integrazione con applicazioni gestite e affidabili come Teams e Slack, non c’è dubbio che i rischi stiano aumentando.

Una corsa contro il tempo per gli esperti di sicurezza

Mentre un numero sempre maggiore di aziende utilizza i servizi di intelligenza artificiale per incrementare la propria produttività, condividendo le informazioni aziendali su queste piattaforme, il rischio di fughe di dati sensibili aumenta.

Per impostazione predefinita, OpenAI memorizza tutte le conversazioni avvenute sulla piattaforma allo scopo di migliorare il proprio modello e, come indicato nelle FAQ generali, i singoli prompt non possono essere cancellati dai relativi sistemi.

Ciò significa che, se un utente malintenzionato dovesse accedere nel sistema, avrebbe a disposizione i dati potenzialmente sensibili di milioni di utenti e migliaia di aziende.

Di fatto, a marzo abbiamo appreso che un bug di ChatGPT aveva già fatto trapelare le cronologie delle conversazioni degli utenti verso altri utenti.

Le reazioni allarmistiche dei professionisti dell’informazione hanno già portato a una capitolazione, con la conseguente conservazione dei dati solo per 90 giorni e la possibilità per gli utenti di non permettere ai propri dati di addestrare il sistema.

In ogni caso, la selezione di questa opzione richiede una certa esperienza da parte dell’utente. L’intelligenza artificiale generativa è un campo in rapida evoluzione, per cui non si può pretendere che gli utenti siano in grado di identificare con precisione i rischi per la sicurezza.

Le autorità di regolamentazione del Regno Unito hanno espresso preoccupazione riguardo alla disinformazione e il Data Protection and Digital Information Bill attualmente all’esame del Parlamento, mira ad “accrescere la fiducia del pubblico e delle imprese” nell’IA esercitando maggiori tutele quando le informazioni potrebbero essere potenzialmente imprecise o dannose.

La proposta di legge dell’UE sull’intelligenza artificiale riconosce anche l’impatto che questa potrebbe avere sui diritti dei cittadini europei e prevede la possibilità per gli organismi di supervisione di imporne il richiamo o la riqualificazione del modello, qualora si ritenga che sussista un rischio elevato.

In questo modo, si aggiunge un ulteriore livello di protezione rispetto al GDPR e si garantisce che i sistemi di AI utilizzati nell’UE siano conformi ai requisiti e alla legislazione esistente sui diritti umani fondamentali.

Tuttavia, nella regolamentazione delle modalità di elaborazione e archiviazione dei dati da parte delle aziende di AI, sembra esserci meno urgenza, e ciò potrebbe comportare importanti grattacapi per i professionisti della sicurezza.

Per molte aziende non è possibile attendere le indicazioni normative e alcuni leader globali hanno già deciso di prendere in mano la situazione. Walmart, Verizon e Amazon hanno già avvertito i dipendenti di non condividere informazioni aziendali riservate su ChatGPT.

L’ascesa della Shadow AI

Purtroppo, vietare l’uso di piattaforme di intelligenza artificiale ed evitare del tutto le integrazioni potrebbe comunque causare problemi. Man mano che queste piattaforme diventano più utili per i professionisti è probabile che la “Shadow AI” – l’uso non approvato di applicazioni AI di terze parti al di fuori della rete aziendale – continui a prendere piede.

Grazie alle integrazioni ufficiali a livello aziendale, è possibile prevedere ulteriori livelli di protezione e monitorare il flusso di dati da e verso la piattaforma.

Pertanto, per molte aziende, potrebbe rivelarsi più opportuno accettare le integrazioni e investire in nuove politiche e soluzioni di sicurezza per garantire la protezione dei dati, piuttosto che vietarle del tutto.

Porre le giuste domande

Tutte le aziende esposte a integrazioni con l’AI devono lavorare a stretto contatto con i propri fornitori per stabilire una chiara comprensione delle responsabilità per ciascuna area della sicurezza dei dati.

I responsabili della sicurezza devono chiedersi dove vengono archiviate le informazioni sensibili una volta inserite nei sistemi di terze parti, chi può accedere a tali dati, come li utilizzerà e il relativo periodo di conservazione.

I responsabili della sicurezza devono inoltre garantire che l’uso di tali piattaforme sia effettivamente in linea con le politiche di protezione dei dati e che i fornitori soddisfino i relativi standard.

Quest’anno, ad esempio, JP Morgan ha iniziato a limitare l’uso di ChatGPT da parte dei dipendenti, in conformità con il protocollo sulla privacy dei dati relativo ai software di terze parti.

Sarà interessante vedere come le integrazioni di app aziendali spingeranno le app cloud affidabili e riconosciute a entrare in conflitto con tali politiche.

Conclusioni

Detto questo, non è la prima volta che le migrazioni di dati fanno scattare un campanello d’allarme tra gli esperti di sicurezza informatica e, considerati i ritmi dell’innovazione tecnologica, non sarà l’ultima.

Dieci anni fa, l’adozione di massa del cloud ha suscitato reazioni molto simili. È fondamentale, ovviamente, assicurarsi che le operazioni vengano svolte in modo sicuro e protetto.

Le aziende devono mantenere politiche e tecnologie efficaci per la protezione dei dati, garantendo soprattutto un livello di sicurezza adeguato. Sin dall’avvento del cloud sappiamo che, per l’utilizzo e la protezione dei dati a livello di applicazione, è fondamentale applicare criteri granulari basati su una conoscenza approfondita di ciascuna applicazione e del relativo approccio all’elaborazione e all’igiene dei dati.

Questo approccio è il modello principe da seguire per approfondire l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per singola applicazione e per estendere i controlli delle policy in modo che riflettano la supervisione e il controllo a livello aziendale.

In definitiva, mantenere una cultura di vigilanza e non buttarsi alla cieca sulla prossima grande tendenza senza adottare processi adeguati aiuterà a gestire i rischi mentre continueremo ad esplorare l’applicazione delle nuove tecnologie, in attesa di istruzioni chiare dalle autorità di regolamentazione.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5