SICUREZZA INFORMATICA

Governance, risk management e compliance, un approccio integrato

Come evitare gli errori di una gestione non ottimizzata e non orientata alle priorità che discendono dagli obblighi normativi e dai rischi di sicurezza

Pubblicato il 23 Feb 2023

Alessia Valentini

Giornalista, Cybersecurity Consultant e Advisor

Le aziende pubbliche e private devono far fronte a crescenti obblighi di conformità associati a leggi, regolamenti e standard di cybersecurity. Soddisfare i requisiti di diversi framework di controllo internazionali quali ISO 27000, NIST, GDPR può essere costoso e oneroso a causa della sovrapposizione e complementarità degli stessi.

La Governance, Risk and Compliance (detta anche GRC) ha l’obiettivo di rilevare, analizzare, monitorare e indirizzare i rischi di un’organizzazione con l’obiettivo ultimo di rendere l’azienda conforme alle best practices internazionali del settore di competenza.

La principale sfida alla base di questa materia, GRC, è l’integrazione delle tre aree che la compongono Governance, Risk e Compliance, generalmente trattate in silos, ma soprattutto adeguare i requisiti di conformità richiesti dagli standard internazionali alle diverse realtà aziendali, grandi organizzazioni e piccole e medie imprese.

Introduzione al GRC

L’acronimo GRC, abbreviazione di Governance, Risk management e Compliance, rappresenta la gestione dei processi aziendali, l’analisi dei rischi e racchiude le attività di conformità normativa.

Il termine è stato creato dall’OCEG (originariamente chiamato “Open Compliance and Ethics Group” un’organizzazione e una comunità globale senza scopo di lucro n.d.r.), come riferimento abbreviato alle capacità che devono essere applicate insieme per raggiungere una prestazione aziendale che sia affidabile e permetta di affrontare l’incertezza agendo con integrità.

Il GRC non vuole appesantire l’azienda con prassi burocratiche ma anzi sostenere e migliorare i processi aziendali evitando che i diversi obiettivi aziendali strategici siano affrontati ciascuno separatamente dagli altri generando costi elevati, mancanza di visibilità sui rischi, incapacità di affrontare i rischi di terze parti, difficoltà a misurare la performance in funzione del rischio.

Quindi è molto importante occuparsi di risk management e governance come un approccio integrato perché le scelte di governance sono necessariamente influenzate dall’analisi dei rischi e delle opportunità/minacce cui l’organizzazione è esposta; con una metodologia di risk management adeguata, infatti, l’organizzazione può valutare l’impatto di un evento avverso e stabilire la strategia migliore per mitigarlo per garantire la continuità operativa dell’azienda ed evitare una interruzione del business.

Fabio Saulli Direttore di Cyber Partners in proposito chiarisce che: “nella cyber security l’approccio integrato è maggiormente necessario per via del fatto che spesso si tende a sottovalutarne il rischio, non essendo un rischio percepito dal business come “diretto” come possono essere il rischio di mercato o quello normativo. La sottovalutazione riguarda sia la probabilità che la propria organizzazione sia presa di mira rispetto ad altre aziende considerate più visibili, sia l’impatto del rischio sulle operations aziendali perché si tende a pensare che il reparto IT possa sistemare ogni tentativo di intrusione illecito nei sistemi aziendali. L’approccio integrato si pone quindi come linea guida in queste casistiche, perché passando per una raccolta di dati ad una analisi dei problemi aziendali arriva a definire un approccio di gestione e governo dei processi in modo tale da guidare l’organizzazione nelle proprie scelte in modo consapevole, avendo a disposizione informazioni affidabili”.

Best practices di approccio al GRC

Per adottare un approccio al GRC che sia metodologicamente valido l’OCEG ha reso disponibile il GRC Capability Model spesso noto come OCEG red Book, uno standard open source che integra le varie sotto-discipline di governance, rischio, audit, conformità, etica/cultura e IT in un approccio unificato. Il modello si compone di quattro componenti principali:

  1. conoscere il contesto dell’organizzazione, la cultura e le principali parti interessate per informare gli obiettivi, la strategia e le azioni;
  2. allineare la strategia con gli obiettivi e le azioni con la strategia, utilizzando un processo decisionale efficace che affronti valori, opportunità, minacce e requisiti;
  3. compiere azioni che promuovono e premiano le cose desiderabili, prevengono e rimediano alle cose indesiderabili e rilevano quando qualcosa accade il prima possibile;
  4. rivedere l’efficacia progettuale e operativa della strategia e delle azioni, nonché l’adeguatezza continua degli obiettivi per migliorare l’organizzazione.

Seguendo il modello metodologico, prima di avviare una iniziativa di GRC è necessario stabilire degli obiettivi, per concretizzare azioni efficienti verso i decisori.

Infatti, le aziende che affrontano il tema GRC senza aver preventivamente stabilito una strategia, si trovano spesso a dover inseguire le problematiche derivanti dalla parcellizzazione dei controlli, dalla duplicazione dei processi di verifica in base a diverse normative o standard cui l’azienda deve o intende sottostare e a dover impegnare molto effort nella raccolta e nell’analisi dei dati necessari a comporre quegli indicatori (Key Performance Indicators (KPI) e/o Key Risk Indicator (KRI)) necessari al management per avere una percezione corretta di come l’azienda stia funzionando e dove è necessario intervenire, anche con investimenti, per il miglioramento continuo.

Fabio Saulli spiega che: “partire quindi dalla pianificazione strategica dei processi di Governance, Risk & Compliance è un investimento in termini di tempo e risorse che porta a indubbi benefici, il principale è quello di poter avere a disposizione in tempo reale le informazioni necessarie a guidare l’azienda sapendo che queste sono attendibili”.

Per favorire il cambiamento verso un approccio integrato fra processi, persone, tecnologie è necessario operare delle scelte metodologiche e accorgimenti pratici dettati dalla pratica e dall’”esperienza sul campo”.

Per sviluppare un progetto di GRC è necessario avere una vision più ampia del solo approccio tecnologico che pure è importante: il costante aumento della complessità del quadro normativo, degli standard di riferimento che introducono controlli più stringenti e dei rischi connessi alle attività e ai processi di business che sempre più si basano su sistemi informativi esposti sul Web porta alla necessità di affrontare la tematica della Governance in modo strutturato, coinvolgendo i processi aziendali e le persone, utilizzando in aggiunta un adeguato supporto tecnologico di tool in grado di favorire flessibilità e adattabilità alle esigenze aziendali, che per loro natura sono dinamiche e variabili nel tempo.

Fabio Saulli in questi casi suggerisce come le tecnologie e i tool a supporto debbano costituire lo snodo centrale di gestione dei sistemi GRC, evitando la creazione di silos o la ripetizione di controlli derivanti da normative o standard che si intrecciano e si sovrappongono anche parzialmente, garantendo infine l’accesso alle informazioni in base alle necessità derivanti dal ruolo ricoperto.

In più tali strumenti devono essere in grado di sintetizzare ed accorpare o affiancare indicatori di tipo Key Performance Indicators (KPI) e/o Key Risk Indicator (KRI) di diversa natura, spesso provenienti da aree aziendali diverse, costruiti con modalità e tool diversi e governati da “owner” (proprietari interni dei dati N.d.R) diversi.

Tool a supporto per la hybrid analytics: un esempio di mercato

Fabio Saulli introduce un tool in uso e di proprietà di Cyber Partners, HOLOS, che sfruttando dati e software già presenti in azienda, fornisce un Sistema di Supporto alle Decisioni che basa la sua efficacia sulla capacità di raccogliere, correlare e sintetizzare le informazioni per una rappresentazione reale dei fenomeni aziendali. L’obiettivo di HOLOS è quello di offrire una soluzione completa, costituita da prodotti software che implementano una metodologia, utile a migliorare la gestione dei processi aziendali primari attraverso una migliore e più efficiente governance del rischio e del rischio di vulnerabilità come componente sempre più importante del rischio operativo complessivo.

Gli attacchi vengono spesso effettuati attraverso lo sfruttamento combinato di più canali, per ottenere informazioni, identificare vulnerabilità e perpetrare frodi.

Il rilevamento e la raccolta delle informazioni in modalità multicanale consentono di calibrare al meglio misure e contromisure, attuando una valutazione complessiva del rischio.

HOLOS consente inoltre di aggregare informazioni come KPI, KRI, ecc. ottenendo viste aggregate che possono essere differenziate in base al ruolo dell’owner o dello stakeholder. Le informazioni sono sempre navigabili in drill down per arrivare al singolo dato di base che compone un indicatore.

Lo strumento tratta dati in modo flessibile e adattabile a fonti informative di diversa natura, senza la necessità di produrre codice, con un ciclo di sviluppo per l’acquisizione o l’adattamento a nuove fonti dati o per la creazione di nuove aggregazioni e visualizzazioni in molto rapido. Sono presenti connettori precostituiti per l’acquisizione di dati da fonti tecnologiche per calcolare KPI e KRI.

Il tool è role based e quindi in base al ruolo di chi accede al sistema si possono suddividere le viste, e quindi le informazioni, garantendo la gestione delle informazioni in base ai principi del “need to know”.

*Fabio Saulli: Planning & Control Director di Cyber Partners. CISA, GRCP, GRCA, MoR, membro della Community for Security del CLUSIT (C4S)

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Cyber Partners SpA

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr