Estensioni VPN per browser: cosa sono, a cosa servono e le migliori da installare subito - Cyber Security 360

LA GUIDA PRATICA

Estensioni VPN per browser: cosa sono, a cosa servono e le migliori da installare subito

Le estensioni VPN per browser consentono di proteggere la navigazione Web oscurando la geolocalizzazione e l’indirizzo IP del proprio computer: uno strumento semplice da installare e usare per mantenere privacy e anonimato online. Ecco la guida pratica

21 Set 2021
L
Salvatore Lombardo

Funzionario informatico, Esperto ICT, Socio Clusit e autore

Un’estensione VPN per browser consente in modo pratico di connettere un browser Web (Chrome, Firefox, Edge) istradando tutti i dati trasmessi e crittografati a un server VPN e oscurando la geolocalizzazione e l’indirizzo IP della postazione dell’utilizzatore.

A differenza di una tradizionale applicazione VPN da scaricare, installare e configurare su di un sistema/dispositivo, un’estensione VPN per browser altro non è che un semplice plug-in da attivare durante la navigazione Web.

A cosa servono le estensioni VPN per browser

C’è da specificare, però, che i plug-in browser con funzionalità VPN proteggono solo la comunicazione in entrata e uscita del browser web e non di altre applicazioni o servizi installati.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Il problema esiste perché queste estensioni solitamente sono dei semplici server proxy HTTPS, per cui solo i dati inviati da e verso il browser web passano attraverso un proxy crittografato. Il traffico Internet di altre app e del sistema operativo continua comunque a essere inviato tramite una connessione diretta non crittografata, incluso il traffico DNS, che potrebbe essere, pertanto, tracciato dal proprio ISP.

Poiché ogni altro programma usato al di fuori del browser continuerà a utilizzare una connessione Internet diretta e non crittografata, sarebbe consigliabile, qualora si desiderasse una protezione completa per l’intero dispositivo, usufruire di provider VPN dotati di estensioni browser con un processo di autenticazione (un accesso libero renderebbe ulteriormente vulnerabili ad attacchi) e che gestiscano le connessioni VPN native per i più comuni sistemi operativi desktop e mobile in circolazione (Windows, MacOS, iOS, Android).

Diffidare delle versioni gratuite

Anche per le estensioni VPN per browser certamente è sempre meglio optare su versioni premium, per una serie di motivi oggettivi. Le VPN gratuite:

  • di solito impongono agli utenti limiti di dati, limiti di larghezza di banda e code di attesa, rendendo lenta la navigazione web;
  • forniscono una scelta limitata di server che tra l’altro spesso risultano congestionati;
  • devono comunque guadagnare per pagare manutenzione e costi generali. I dettagli personali e dell’attività di navigazione degli utenti, possono essere una merce redditizia da rivendere agli inserzionisti. Tutto ciò inficia lo scopo d’utilizzo di una VPN per la tutela della privacy online;
  • sono spesso facili vettori per la diffusione malware.

Criteri di scelta delle estensioni VPN per browser

Per tutti questi motivi, anche i plug-in VPN per browser andrebbero scelti sulla base di alcuni criteri di qualità, sicurezza e privacy.

I provider dovrebbero essere dotati sia di estensioni per browser che di app VPN native con servizi stabili, sicuri e veloci e che permettano di sbloccare contenuti geograficamente limitati oltre che fornire utili funzioni di protezione, supporto e garanzie di rimborso.

Ecco tra le varie funzioni di un certo livello qualitativo, quelle cui prestare particolare attenzione, qualora la privacy, l’anonimato e l’affidabilità siano le principali prerogative desiderate:

  • gestione delle perdite DNS: i servizi VPN più affidabili devono garantire il mascheramento dell’indirizzo IP di navigazione, per garantire anonimato e privacy. L’uso di un server DNS integrato nello stesso servizio per le query DNS, che sostituisca quello fornito dal provider dei servizi Internet ISP, può consentire di evitare la rintracciabilità online;
  • kill switch: questo servizio consente di mantenere sempre aperta una connessione VPN anche nel caso di un’interruzione del collegamento;
  • gestione delle perdite WebRTC: WebRTC (acronimo di Web Real-Time Communication) è un protocollo di comunicazione per le videoconferenze e la trasmissioni dati che prevede per i browser, quando si stabilisce una connessione, di dover scambiare informazioni sugli indirizzi IP coinvolti nella comunicazione. Per tale motivo se la fuga di dati “WebRTC” non viene adeguatamente gestita, l’IP locale e quello pubblico dell’utente potrebbero essere tracciati dai siti web anche quando è in atto una connessione VPN, compromettendo la protezione che la stessa VPN dovrebbe fornire per preservare l’anonimato online;
  • supporto h24 7 giorni su 7: Un team costantemente formato per assistere il cliente in ogni fase d’installazione e utilizzo dei prodotti, capace di evadere ogni tipologia di problematica tecnica può davvero fare la differenza;
  • garanzia soddisfatti o rimborsati: Assicurare al cliente la possibilità, se il prodotto non soddisfa le aspettative, di restituirlo ottenendo il rimborso della spesa sostenuta è sicuramente un ulteriore indice di affidabilità.

Le migliori estensioni VPN per browser

Alla luce di quanto visto finora, ecco una selezione delle estensioni VPN per browser tra quelle ritenute migliori in termini di navigazione anonima e sicura e secondo i criteri di scelta precedentemente definiti.

In tutti i casi, una volta scelto dallo store ufficiale il servizio più indicato alle proprie esigenze, per iniziare una navigazione protetta è sufficiente:

  • procedere alla registrazione;
  • scaricare e installare l’estensione;
  • accedere e selezionare un server per la connessione.

ExpressVPN

L’estensione browser ExpressVPN offre tra le proprie funzioni lo spoofing avanzato della geolocalizzazione, una protezione delle perdite WebRTC e DNS, il kill switch.

Disponibile per i principali sistemi operativi Windows, Mac, iOS, Android e Linux con 160 postazioni server distribuiti in 94 paesi offre un supporto h24 e un rimborso garantito entro i primi 30 giorni.

L’estensione ExpressVPN è disponibile per Chrome, Firefox e Edge.

NordVPN

Una delle migliori estensioni risulta NordVPN, soprattutto per la sua velocità e sicurezza. Disponibile per i principali sistemi operativi Windows, Mac, iOS, Android e Linux, crittografa il traffico web del browser e maschera l’indirizzo IP offrendo oltre 5.000 server distribuiti in 59 paesi, bloccando anche pubblicità e malware.

Il plug-in, disponibile per Chrome e Firefox, include un’opzione per disabilitare le perdite WebRTC (un protocollo che può esporre gli indirizzi IP anche con VPN connesse) e per sbloccare contenuti geograficamente limitati.

È previsto un supporto di assistenza h24 e una garanzia di rimborso (30 giorni).

Ivacy

Disponibile per le principali piattaforme Windows, iOS, Android, Linux e SmartTV, l’estensione Ivacy aiuta a bypassare le restrizioni geografiche di siti web e di canali streaming popolari.

Oltre a tutti i vantaggi tipici di una VPN, previene le perdite WebRTC e prevede l’Internet kill switch, dando una possibilità di scelta tra più di 3500 posizioni server, una connessione su misura (opzione Smart Purpose Selection) e un supporto di assistenza h24.

Il plug-in Ivacy è disponibile per Chrome, Firefox, Edge.

SaferVPN

L’estensione del browser SaferVPN (disponibile per Windows, Mac, iOS, Android) offre delle funzionalità standard con un servizio leggero, facile da usare, veloce e con rimborso garantito.

Include lo sblocco di restrizioni per una serie di canali in streaming, ma nessuna funzionalità di kill switch e di prevenzione WebRTC.

Con l’accesso a oltre 900 server in 35 paesi, il plug-in è disponibile per Chrome.

WHITEPAPER
Come modernizzare l'infrastruttura nell’era dei dati grazie al cloud computing?
Big Data
Business Analytics
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5