L'APPROFONDIMENTO

Data breach e cyber security: linee guida per un approccio corretto alla protezione dei dati

La normativa in tema di protezione dati impone alle organizzazioni di strutturarsi e adottare procedure per la gestione e l’acquisizione di vecchi e nuovi dispositivi sicuri “by design e by default”. In questo senso, formazione e consapevolezza di tutti sono le due chiavi di successo. Ecco perché

03 Ott 2019
G
Marina Gatti

Cybersecurity and IoT for AISIS - Ceo at Proclesis srl

Con l’effettiva entrata in vigore del GDPR (il Regolamento UE 679/2016 relativo alla protezione dei dati personali), i concetti di data breach e cyber security sono diventati strettamente correlati tra di loro.

Nessuna organizzazione, infatti, può affrontare e risolvere una eventuale violazione di dati se non ha al contempo adottato una corretta policy interna di cyber security. Eppure, almeno in Italia, il cambiamento tecnologico non sembra essere stato compreso appieno.

Data breach e cyber security: i dati

Il rapporto DLA Piper GDPR breach survey riporta molti dati interessanti aggiornati a febbraio 2019 ed evidenzia che in 8 mesi dall’entrata in vigore del GDPR ci sono state, in Europa, 59.000 denunce di data breach. I paesi con più denunce sono Olanda, Germania e UK e sono rispettivamente 15.400, 12.600 e 10.600. In Italia sono state 610.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Il dato pesato pro-capite evidenzia come l’Olanda sia in vetta mentre UK, Germania e Francia siano in ordine al 10°, 11° e 12° posto. L’Italia risulta al penultimo posto con 0,9 breach ogni 100.000 persone.

Le risultanze del report per l’Italia possono essere interpretate sia in modo positivo (abbiamo in campo efficaci misure di contrasto e monitoraggio) sia negativo (non siamo in grado di rilevare i data breach oppure omettiamo di denunciarli).

Mi piacerebbe poter pensare che la situazione sia la più ottimistica, ma l’esperienza non mi fa essere ottimista, purtroppo. A cosa mi riferisco? Partiamo dalle domande e dalle affermazioni che cercano di indirizzare alcune delle criticità da affrontare:

  • perché non ci hanno detto, nel GDPR, cosa dobbiamo fare esattamente?
  • a noi non è mai successo nulla!
  • chi può essere interessato a noi?
  • non abbiamo dati interessanti
  • quale è la probabilità che si scopra una data breach?
  • ma se lo denunciamo poi ci tiriamo la zappa sopra i piedi, attiriamo l’attenzione e così via.

In generale non è stato compreso il cambiamento tecnologico, non tanto per le sue funzionalità, usate e sfruttate, in quanto utili e facilitanti le attività ed il business in genere, quanto le sue implicazioni.

I cambiamenti, in genere, richiedono sforzi e apertura mentale, se veloci, come nel caso in oggetto: l’andamento esponenziale è l’elemento caratterizzante da considerare.

È necessario un coinvolgimento più consistente, su più fronti nell’unità di tempo, con il day by day che continua (rumore di fondo) e le organizzazioni devono elaborare e metabolizzare il cambiamento.

Data breach e cyber security: comprendere le implicazioni

Non si analizzano e comprendono le implicazioni della digitalizzazione?

La digitalizzazione migliora tutti gli aspetti della nostra quotidianità, è indubbio. Misuriamo ogni giorno i vantaggi dell’avere i servizi a portata di clic.

Per realizzarla si allargano i confini delle organizzazioni e si coinvolgono più entità che l’azienda stessa non può gestire, a loro volta cresciuti velocemente.

In passato i criminali si occupavano prettamente di oggetti fisici, permettetemi la semplificazione, oggi i “malintenzionati” si sono indirizzatati ed organizzati per “fare business illecito” con i dati.

Le organizzazioni criminali sono molto lungimiranti, ahimè, ed il loro mindset è perfettamente impostato per fare più guadagni facilmente, senza preoccuparsi delle implicazioni o danni, se il guadagno per loro è consistente. Tutto ciò deve farci riflettere.

Oggi usiamo app di ogni genere che sono repository di dati personali, di abitudini di consumo; dove andiamo in vacanza, alle preferenze, dall’abbigliamento, allo sport, alla cultura; delle nostre capacità fisiche e mentali, per fare alcuni esempi nella sola sfera personale.

Si considera l’uso delle app dal punto di vista utilitaristico, quanto ci facilitano, vero; ma sappiamo dove finiscono i dati? Ci farebbe piacere che questi dati fossero resi pubblici? E se fossero decontestualizzati? E quali sono le correlazioni che si possono fare, che noi neppure immaginiamo?

Ci manca l’allenamento mentale all’analisi delle implicazioni, non abbiamo avuto il tempo di allenarci per acquisirlo gradualmente, nei tempi dell’umano.

Non si tratta di allarmismo fantascientifico; sono passaggi logici che non siamo abituati a compiere nella vita privata, dove dovremmo essere più sensibili, se teniamo alla nostra privacy, e si applicano con difficoltà alla sfera lavorativa.

Serve un cambiamento culturale

Prima di riportare alcuni dati che testimoniano come le considerazioni siano di allarme e non allarmistiche e come tali debbano essere analizzate, mi permetto di fare un esempio di conseguenze negative.

Lo scopo è di comprendere cosa intendere per analizzare le implicazioni, anche quelle meno prevedibili alla prima occhiata.

Chi si era immaginato che: essere connessi, scambiarsi fotografie o video in formato digitale, socializzare digitalmente potesse avere un effetto come il cyberbullismo? Per citare un esempio.

Mi rendo conto che sia un esempio molto forte, che nasce dal lato oscuro della natura umana (il mister Hyde) di cui tutti abbiamo appreso gli sconcertanti effetti negativi, ma rende l’idea di come l’altra faccia della medaglia, sia sempre presente e con i potenti mezzi a disposizione, possa risultare devastante e inimmaginabile nei danni.

Il rapporto Clusit 2019 riporta 1552 attacchi nel 2018 (il 77,8 % in più rispetto al 2014) una media di 129 attacchi gravi al mese poco più di 4 al giorno e si tratta solo di quelli gravi e conosciuti.

Nello stesso report la distribuzione di questi attacchi, in base alle categorie, riporta: Multiple Targets (304 attacchi, +36,9% rispetto al 2017), Government (252 attacchi, +40,8%) e Health (159 attacchi, +98,8%). Dal punto di vista della distribuzione degli attaccanti che le hanno prese di mira, dall’ analisi Clusit emergono differenze molto significative tra le diverse categorie.

Gli attacchi in ambito sanitario sono in prevalenza con di finalità cybercriminali e furto di dati personali.

Si deve continuare il cambiamento, soprattutto culturale. L’atteggiamento deve essere costruttivo di un percorso realizzato non per solo per la compliance alla normativa ma per la sicurezza di ciascuno al di là della singola realtà aziendale.

Il continuo miglioramento sia tecnologico che organizzativo oltre che culturale deve costituire l’obiettivo di ciascuna organizzazione. Non perdere la focalizzazione sull’argomento cybersecurity è la chiave del successo al contrasto del cybercrime in genere.

Fare comunità uno dei cambiamenti culturali importanti che può aiutare le organizzazioni. Dai dati si evince come nei paesi nordici sia più diffusa la cultura di comunità e che la reputazione non si basi su una denuncia di un errore commesso, l’errore può essere di aiuto ad altri.

Data breach e cyber security: la formazione è importante

Un’altra area da seguire con attenzione, che ha la sua espressione nei device medicali in ambito sanitario, è l’IoT (Internet of Things). L’IoT in generale ed in particolare in sanità, soffre di due principali lacune una organizzativa ed una normativa.

La prima richiede che la scelta dell’IOT sia non solo per le funzionalità, ma indirizzi aspetti più prettamente IT come la Cybersecurity. Poter mixare aspetti funzionali e di Sicurezza è vincente nella scelta del device da adottare. Team multidisciplinari è una risposta.

Standard come il NIST o le misure minime di sicurezza dell’AGID sono un valido supporto.

La normativa deve indirizzare in modo più specifico la necessità che i dispositivi siano progettati con la cyber sicurezza by design e by default. In questo momento le organizzazioni devono quindi strutturarsi e adottare procedure per l’acquisizione e gestione di nuovi dispositivi e la gestione di quelli in essere, in modo cyber-sicuro.

L’argomento della cyber security è complesso e continuo ma non per questo impossibile.

Se ne parla sempre più spesso ma non per questo deve divenire un rumore di fondo a cui ci sia abitua.

Formazione e consapevolezza di tutti sono le due chiavi di successo.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr