SICUREZZA INFORMATICA

Underground economy: cos’è e come funziona il business delle botnet

Grazie alle botnet i cyber criminali riescono ad ottenere notevoli guadagni dai vari attacchi informatici sferrati su Internet a danno di aziende, organizzazioni e singoli utenti. Ecco cos’è e come funziona la underground economy

04 Ott 2018
L
Andrea Lanzi

Assistant Professor at University of Milan

La creazione delle botnet e il loro utilizzo ha creato negli ultimi anni un modello di business applicato dai cyber criminali per creare soldi: la underground economy.

Una botnet, lo ricordiamo, è essenzialmente una rete di computer, smartphone o device intelligenti che sono controllati da un attaccante non autorizzato. Il più delle volte questi computer sono compromessi sfruttando delle vulnerabilità software o del sistema operativo a cui l’attaccante ha avuto accesso. Sulle macchine compromesse vengono installate applicazioni maligne che permettono il controllo remoto della macchina stessa e l’aggregazione di tutte le macchine compromesse in vere e proprie reti di computer.

Una volta creata una botnet, l’attaccante può sfruttare queste reti per fornire diversi servizi maligni come: Distributed Denial-of-Service, spamming campaigns, campagne di phishing (come nel caso delle social botnet), click frauds e bank frauds.

Underground economy: la catena produttiva delle botnet

Questo modello di underground economy è basato su sei blocchi principali.

I sei blocchi logici in cui è possibile schematizzare il modello di underground economy delle botnet.

Il primo blocco nella catena produttiva delle botnet è quello di ricerca e sviluppo. Gli attori principali in questa fase sono i ricercatori e gli sviluppatori che sono coinvolti nella continua ricerca di bug nel software tramite tecniche automatiche. Il finanziamento è per lo più legale ed è connesso a fondi di ricerca internazionali o governativi che vengono elargiti per i centri di ricerca e laboratori universitari.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Il terzo e quarto blocco, riguardante la parte di command e control e PPI (Pay Per Install), è legato alla distribuzione del malware e alla compromissione di nuove macchine che verranno assemblate per creare una botnet.

In particolare, il sistema PPI rappresenta il core del modello di business dei sistemi cyber criminali che permette la compravendita di botnet. Molti degli attori che operano attorno a questo modello di business non necessitano di skill tecnici per costruire la propria botnet, ma soltanto soldi per comprare l’infrastruttura.

Il quinto e sesto stage è considerato definitivamente illegale in termini di finanziamento e coinvolge diversi attori del cybercrime quali i proprietari delle botnet e gli attaccanti che effettuano gli attacchi veri e propri.

Pay Per Install: il cuore della underground economy

Come è stato descritto precedentemente, il core dell’intero modello di business è rappresentato dal sistema di Pay Per Install.

Lo schema di funzionamento del Pay Per Install, il core business della underground economy.

Gli attori principali di tale sistema sono divisi in tre categorie:

  • i client, che sono per lo più sviluppatori di malware;
  • i PPI provider ai quali si rivolgono i client per richiedere di installare il proprio software su macchine compromesse, specificando su quante macchine vogliono l’installazione e l’ubicazione geografica delle stesse. La richiesta può mantenere l’esclusiva, e questo permette ad un solo malware di controllare l’intera macchina compromessa;
  • gli affiliati ai quali il PPI provider si affida per soddisfare le richieste dei propri clienti. Sono persone specializzate nel compromettere le macchina tramite vulnerabilità software. Ogni macchina compromessa in una determinata regione geografica presenta un costo specifico.

Per la richiesta di compromissione di una macchina il PPI provider invia un’applicazione software chiamata downloader agli affiliati, il cui compito è quella di installarla sulle macchine richieste. Una volta installato il downloader, il PPI provider potrà distribuire il malware automaticamente come richiesto dai suoi clienti ed incassare la cifra pattuita inizialmente.

Questo sistema di distribuzione malware (PPI) è stato scoperto da ricercatori di sicurezza che sono riusciti ad infiltrarsi nel sistema e sono venuti in possesso, fingendosi degli affiliati, di molti nuovi malware. Questa infiltrazione ha mostrato come questo sistema abbia un ruolo fondamentale nella distribuzione degli stessi.

Botnet: i guadagni assicurati dalla underground economy

Le botnet devono essere mantenute. Per mantenere la loro efficacia devono risultare invisibili ai vari sistemi di detection nel tempo e nello stesso momento fornire servizi redditizi. Il costo di mantenimento di una botnet è quantificabile attraverso due attività principali: manutenibilità e re-infezione nel caso della perdita della macchina compromessa.

Per la prima attività, lo sviluppatore applica dei sistemi di offuscamento del codice (ad esempio, tecniche di packing) già a disposizione a livello commerciale con costo minimo.

L’attività di re-infezione viene applicata quando il sistema di difesa (ad esempio gli antivirus o gli intrusion detection tool installati sui computer infetti) è in grado di rilevare automaticamente il malware. In questo caso, lo sviluppatore deve creare un nuovo malware e re-infettare le macchine, con un impatto sui costi molto maggiore.

Da un’analisi effettuata sul malware Zeus, i costi per il mantenimento di una botnet sono di circa 62mila dollari l’anno per sviluppatore. Un’altra analisi fatta sulla botnet Mirai mostra invece come le botnet che sfruttano gli IoT device siano più facili da mantenere in termini di costi in quanto la re-infezione è quasi immediata e non necessita di tecniche particolari. Ciò è dovuto al fatto che i device IoT non implementano sofisticati meccanismi di detection per via delle loro scarse risorse di calcolo.

Naturalmente il costo del mantenimento deve essere minore del costo del guadagno della botnet. Duranti recenti analisi si è calcolato il guadagno portato da una botnet a seconda del servizio erogato.

In particolare queste analisi mostrano che una botnet composta da 30.000 nodi che applica un denial of service distribuito, può arrivare a guadagnare 26.000 dollari al mese. Mentre l’utilizzo di una botnet con 10.000 nodi che fa Spam Advertising può` arrivare fino a 300.000 dollari al mese, fino ad arrivare a quasi 20 milioni di profitto per mese per una botnet che implementa Click Fraud.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr