MALWARE

Rogueware software: cosa sono, come agiscono e come riconoscerli

I rogueware sono software malevoli di norma camuffati da antivirus che promettono maggiore protezione ma, in realtà, rilevano infezioni inesistenti oppure infettano i computer, aprendo la strada a furti di dati o comunque a danni ingenti. Ecco come riconoscerli e difendersi

Pubblicato il 17 Gen 2024

Giuditta Mosca

Giornalista, esperta di tecnologia

I rogueware software, spesso chiamati soltanto rogueware, sono noti almeno dal 2008 e stanno conoscendo una seconda giovinezza perché risultano efficaci nell’ingannare gli utenti. Vengono usati come chiavistelli per aprire porte che altrimenti sarebbe complesso scardinare, soprattutto in ambito aziendale, laddove ci si attende che i sistemi di cyber difesa siano più massicci e resilienti.

Una famiglia di programmi ascrivibile alla categoria degli scareware, ossia malware ideati per creare una finta situazione di emergenza spingendo così gli utenti a mettere mano al portafogli o, come avviene sempre più spesso, a installare altri software malevoli.

LinkedIn, anche in Italia arriva la verifica dell’identità: sicurezza e trasparenza in prima linea

I rogueware visti da vicino

Si presentano come software rinomato, tipicamente antivirus di produttori noti e, in realtà, sono tutt’altro. Una volta installati su un dispositivo, rivelano la presenza di virus o di problemi di sicurezza artificiosi con lo scopo di spingere l’utente ad acquistare una versione completamente funzionante del medesimo software o, peggio ancora, per iniettare ulteriore codice malevolo.

WHITEPAPER
Ottimizza l'esperienza di acquisto omnicanale: centralizza i tuoi contenuti digitali sul cloud
Cloud storage
Cloud application

Per capire meglio come funzionano e per riuscire a riconoscerli abbiamo chiesto il supporto dell’azienda italiana di cyber security Swascan che ha fornito la voce di diversi esperti.

Come agiscono i rogueware

Al pari di molte altre minacce, con il passare del tempo i rogueware sono diventati sempre più sofisticati, arrivando nel caso specifico a imitare perfettamente le interfacce dei software di sicurezza che emulano, creando report di scansione dei sistemi operativi impeccabili e del tutto simili a quelli che avrebbe prodotto il software originale.

Gli utenti possono essere quindi facilmente tratti in inganno da un’inserzione pubblicitaria fraudolenta e installare il software sui rispettivi dispositivi. I rogueware provvedono così a generare falsi avvisi di sicurezza secondo i quali il computer è infetto o è potenzialmente esposto a rischi di sicurezza. Non di rado, i rogueware impediscono la navigazione sul web e l’uso di altre risorse, lasciando all’utente l’unica via d’uscita possibile, ossia acquistare la versione completa del software per sbloccare il computer.

Quando i rogueware entrano nei perimetri aziendali, le conseguenze possono essere ben più gravi, con perdite di dati che possono limitare l’operatività e che possono tramutarsi in un danno alla reputazione.

Le difficoltà di intercettazione

La soluzione al problema dei rogueware si manifesta capendo come è possibile che i sistemi di difesa aziendali non intercettino i rogueware e ne consentono persino l’istallazione da parte degli utenti.

Per Riccardo Paglia, Head of Sales, IT e Coo di Swascan, “Nel contesto dell’escalation dei software malevoli, l’efficacia dei sistemi di difesa aziendali nel rilevare i rogueware è messa costantemente alla prova”, spiega Paglia. “Nel dettaglio, questi software, abili nel camuffarsi da programmi legittimi, sfuggono spesso ai controlli, sfruttando la fiducia degli utenti e le lacune nei sistemi di sicurezza. La loro natura mutabile e le tecniche sofisticate di offuscamento rendono ancor più arduo il loro rilevamento, specialmente quando si tratta di vulnerabilità zero-day ancora non identificate o patchate”.

Quindi, non è del tutto impossibile che un buon sistema di difesa possa essere aggirato. Lo conferma anche Fabrizio Rendina, Head of SocaaS di Swascan: “Sarebbe bello se esistesse un sistema di difesa che fosse la panacea per ogni tipo di minaccia informatica! Tale sistema però, ad oggi, è pura utopia. Molti malware, purtroppo, non hanno una firma nota e non sono quindi identificabili dai normali sistemi antivirus. Esistono sistemi di protezione basati su comportamenti euristici che riescono ad intercettare la minaccia solo nel momento in cui questa si manifesta. Alcuni rogueware, però, eseguono azioni che potrebbero non avere connotati definibili come malevoli e pertanto riuscire ad eludere qualsiasi sistema di sicurezza”.

I rischi sono in continua mutazione e i rogueware non sono da meno, come sottolinea Sandra Marsico, CSM di Swascan: “I rogueware, come tutti i malware, vengono progettati con l’intento di eludere i sistemi di sicurezza tradizionali. Parliamo ad esempio dell’utilizzo di tecniche di mascheramento, come può esserlo la modifica di firme digitali o l’uso di tecniche di polimorfismo, dove il malware cambia il suo codice ogni volta che viene eseguito o ancora, gli autori spesso cifrano o offuscano il codice del loro software per renderne più difficile l’analisi e la rilevazione da parte di analisti di sicurezza e strumenti automatici. Non dimentichiamoci inoltre che aggiornano costantemente i rogueware per sfruttare le vulnerabilità non ancora note (zero-day)”.

Tutto ciò espone a rischi maggiori, come evidenzia Giuseppe Dongu, Head of Cyber security di Swascan: “I rogueware sono ideati per ingannare gli umani per lo più attraverso campagne di social engineering che, spesso, sfruttano siti legittimi o sistemi di distribuzione dell’advertising. Questa tipologia di malware colpisce per lo più utenti che non hanno a disposizione difese avanzate: un’indicazione di questo è, per esempio, tra i rogueware più diffusi ci sono i falsi antivirus, che con la promessa di fare una scansione gratis o a basso costo, installano in realtà un malware, o fungono da ponte per installarne degli altri”.

Il quadro è abbastanza completo e ha un minimo comune denominatore, ovvero la scarsa cultura degli utenti – privati o aziendali che siano – ancora per lo più lontani da una solida consapevolezza dei rischi.

I rimedi

Al di là della necessità di aggiornare costantemente i sistemi e di avere solide politiche di backup dei dati , molti incidenti di sicurezza capitano perché gli utenti non hanno una solida cultura in materia di cyber security e ciò lenisce il potenziale degli strumenti di difesa.

Il fatto che la cultura degli utenti sia fondamentale lo conferma anche il fatto che molte minacce riescono ad aggirare le limitazioni che un amministratore può imporre agli utenti, impedendo loro di installare software in modo autonomo.

Un tema evidenziato dagli specialisti di Swascan. Riccardo Paglia ricorda che: “Riguardo alla prevenzione dell’installazione dei rogueware, la limitazione dei diritti amministrativi agli utenti rappresenta una misura di sicurezza fondamentale, ma non esauriente. I cyber criminali, infatti, sono in grado di aggirare tali restrizioni, sia attraverso tecniche di escalation dei privilegi sia tramite l’ingegneria sociale. Questo sottolinea la necessità di un approccio multilivello e strutturato alla sicurezza: formazione degli utenti, aggiornamenti costanti e servizi di monitoraggio (SOC) sono tutti elementi cruciali per un’efficace difesa contro questi sofisticati attacchi informatici”.

Gli fa eco Fabrizio Rendina, per il quale la formazione dei dipendenti è sempre centrale: “Alcuni programmi potrebbero essere installati e/o eseguiti anche con i privilegi standard dell’utente (non amministrativi) e nonostante questo riuscire, ad esempio, ad esfiltrare dati (documenti, immagini, credenziali, …). Come proteggersi allora? In primis con la formazione: preparare i dipendenti ad affrontare questo tipo di minaccia, ad essere sospettosi sempre e comunque verso qualsiasi file scaricato dalla rete, facendo sempre prima attenzione che la fonte dal quale si sta prelevando il file sia una fonte affidabile e sicura ed evitando si scaricare da fonti ‘poco chiare’. Fare attenzione, inoltre, agli allegati ricevuti via mail o via messaggistica istantanea, che potrebbero nascondere appunto un malware al loro interno. Anche lato tecnologico, infine, è possibile prevedere l’adozione di una soluzione in grado di intercettare (e impedire) il download di file notoriamente malevoli, purché tale soluzione sia costantemente aggiornata con l’ultimo database di firme di minacce conosciute”.

Dello stesso avviso Sandra Marsico: “Alcuni rogueware possono eseguire operazioni dannose anche senza diritti amministrativi, sfruttando vulnerabilità nel software installato o nelle configurazioni di sistema. Come dicevamo prima, gli attaccanti sono alla costante ricerca di vulnerabilità non ancora note da sfruttare. La limitazione dei diritti potrebbe anche essere elusa tramite tecniche sofisticate come l’elevazione di privilegi, se in presenza di vulnerabilità sfruttabili, per guadagnare accessi amministrativi anche da un account utente limitato. È quindi cruciale adottare un approccio di sicurezza a strati che includa formazione degli utenti, aggiornamenti regolari del software, backup dei dati, e l’uso di soluzioni di sicurezza avanzate (anche ridondanti tra loro) per proteggere efficacemente contro i rogueware e non solo. Non da ultimo, un monitoraggio costante delle varie soluzioni, in grado di intercettare in modo tempestivo minacce che dovessero eventualmente aver eluso i vari controlli”.

La considerazione finale la lasciamo a Giuseppe Dongu: “È certamente la prima linea di difesa: gli account amministrativi non vanno mai utilizzati per le attività routinarie e le normali attività di un utente standard, quali ad esempio il web browsing o la lettura delle email. Ad ogni modo un utente potrebbe comunque installare tutto il software che non dovesse richiedere diritti amministrativi e che poi potrebbe, in un modo o nell’altro, trarre in inganno anche gli eventuali amministratori. Avere allora un buon software antivirus installato e rispettare, in generale, tutte le pratiche di cyber hygiene, e non solo quella citata, è quanto necessario fare per cercare di ridurre il rischio”.

WHITEPAPER
Guida pratica: migliora il tuo business e soddisfa i clienti, con una customer experience omnicanale
Customer Experience
CRM
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2