SICUREZZA INFORMATICA

Malspam, il malware si nasconde nello spam: riconoscerlo e difendersi

Sfruttando la disattenzione degli utenti nell’aprire gli allegati di posta elettronica, il malspam può mettere in ginocchio aziende e organizzazioni, creando danni enormi anche dal punto di vista economico. Ecco le migliori tecniche di difesa per le aziende

25 Ott 2018
Paolo Tarsitano

Editor Cybersecurity360.it

Il termine malspam, acronimo di malware spam, viene usato per indicare il malware che viene inviato tramite messaggi di posta elettronica, con modalità quindi simili a quelle dello spam. Vediamo le minacce da cui guardarsi al momento e qualche consiglio utile per difendersi.

Malspam: il malware si diffonde con la posta elettronica

Anche se non si hanno riferimenti temporali certi in merito alla prima campagna di diffusione di malware mediante la posta elettronica, possiamo comunque indicare il mass-mailing virus Melissa, del 1999, come il primo malware ampiamente distribuito via e-mail. Melissa scansionava le liste di contatti e-mail e procedeva all’invio di una copia di sé stesso ai primi 50 contatti all’interno della rubrica. Inoltre, si distingueva dai virus già diffusi in quel periodo perché non provava a distruggere file o altre risorse archiviate nel computer della vittima: il suo codice malevolo aveva invece il potenziale per disabilitare i server di posta aziendale e di altro tipo consumando risorse e cercando contatti aggiuntivi per inviare copie del virus ad altri.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Sicurezza

Sebbene i danni della campagna di infezione furono relativamente limitati, Melissa dimostrò che la posta elettronica era un metodo praticabile da parte dei criminal hacker per distribuire facilmente, in breve tempo e praticamente a costo zero, allegati dannosi a utenti ignari.

La conferma, qualora ce ne fosse bisogno, arrivò l’anno successivo con l’identificazione del worm ILoveYou, che in poco tempo riuscì ad infettare milioni di computer in tutto il mondo causando danni per miliardi di dollari.

Da quel momento, la posta elettronica divenne il vettore primario per la consegna di malware e purtroppo ci sono pochi segnali che la tendenza stia rallentando: una recente ricerca in merito, portata avanti dagli analisti di The Radicati Group, indica che ogni giorno vengono inviate circa 205 miliardi di email. Di queste, secondo l’ITU (International Telecommunication Union, l’Unione internazionale delle telecomunicazioni), circa l’80% sono di spam. Anche se è difficile identificare un numero esatto di e-mail che consegnano malspam, è evidente il motivo per cui gli autori di malware continuano ad utilizzare proficuamente questo canale di infezione.

Attacchi mirati o a tappeto: il malspam non fa distinzione

I metodi di attacco portati avanti mediante campagne di malspam possono essere dei più diversi: si va dagli attacchi cosiddetti “a tappeto”, che coprono milioni di indirizzi acquistati da fornitori di account e-mail facilmente rintracciabili sul Dark Web, a campagne mirate altamente sofisticate, che coprono uno o due destinatari, in genere grandi organizzazioni internazionali o importanti aziende.

E purtroppo, non ci sono limiti o restrizioni ai tipi di malware che possono essere inviati via e-mail. I più comuni sono sicuramente i seguenti:

  • ransomware
  • trojan/bot
  • info stealers
  • spyware/click-hijacker

Tra questi, sicuramente i più diffusi e pericolosi sono i ransomware. Nessuno può dimenticare l’enorme diffusione e i danni ingenti causati da WannaCry, Petya e NotPetya. Ultimamente, poi, ha fatto molto parlare di sé la nuova variante del ransomware Rakhni che, oltre alle tipiche funzionalità di questo genere di malware, aggiunge anche quella di miner di criptovalute. Il ransomware, in particolare, è in grado di analizzare le caratteristiche hardware e software del PC infettato e, in base alla potenza di calcolo disponibile, decidere se avviare il modulo di cifratura dei dati o quello per la creazione e l’estrazione di diverse tipologie di criptovalute. Il malspam usato per diffondere Rakhni ha in allegato un file Word con estensione .docx utilizzato per nascondere quello che appare come un documento PDF embedded. Un incauto doppio clic sull’icona del documento non fa altro che avviare l’eseguibile malevolo mascherato da prodotto Adobe allo scopo di indurre l’utente a consentire il permesso per l’esecuzione del codice malevolo.

Banking trojan Ursnif: il malspam che sta colpendo l’Italia

Altre campagne di malspam hanno portato alla diffusione di pericolose minacce che hanno preso di mira soprattutto il nostro Paese. Tra tutte, possiamo ricordare la variante del trojan Gootkit, il cui scopo è quello di rubare dati bancari.

L’ultima campagna di malspam che sta ancora interessando l’Italia, infettando soprattutto i computer di aziende e pubbliche amministrazioni, sfrutta falsi riferimenti e contenuti di inesistenti sentenze legali ed è stata individuata dai ricercatori di cyber security di Yoroi. Mediante la diffusione massiccia di email malevoli, i criminal hacker riescono ad inoculare nei computer delle vittime una nuova variante del banking trojan Ursnif. In particolare, in questa nuova versione del malware i criminal hacker hanno modificato l’oggetto che ora parla di una presunta “relazione di notifica decreto #3221589261 del 13 agosto”. Nel testo del messaggio, invece, un fantomatico avvocato Roberto Pecchioli di Valenza scrive per conto del suo assistito, legato all’AIPA, per comunicare il link ad un documento Word contenente la suddetta notifica. Cliccando sul collegamento indicato, la vittima non fa altro che scaricare un archivio in formato ZIP contenente a sua volta un’immagine casuale usata a scopo diversivo e un file con estensione .vbs che innesca la catena di infezione del banking trojan.

Difendersi dal malspam: i consigli per le aziende

Le conseguenze di un’infezione proveniente da malspam dipendono, ovviamente, dal tipo di malware ricevuto. Non esiste, quindi, una regola di difesa precisa contro questo tipo di minaccia, per cui occorre mantenere sempre alta la guardia.

Nel caso del banking trojan Ursnif, ad esempio, è facile capire che ci si trova di fronte ad una email falsa analizzando con attenzione il testo del messaggio, magari aiutandosi con una veloce ricerca su Internet. In questo modo, ad esempio, si scopre che non c’è nessun avvocato di nome Roberto Pecchioli iscritto all’albo dei professionisti di Alessandria (nel cui territorio provinciale ricade la cittadina di Valenza). Così come fasullo è l’indirizzo Web dell’associazione AIPA a cui appartiene il suo assistito: quello reale, infatti, ha il dominio .info e non il .it indicato nel malspam.

Per difendersi dal malspam è quindi utile seguire anche queste regole generali:

  • non scaricare o visualizzare mai gli allegati di mittenti sconosciuti;
  • trattare sempre gli allegati di mittenti conosciuti come eventualmente sospetti, a meno che le informazioni non siano state esplicitamente richieste;
  • non eseguire mai file eseguibili allegati alle email, a meno di non essere assolutamente certi della provenienza;
  • se si dovesse aprire il documento in allegato e questi consiglia diversamente, non bisogna mai abilitare le macro all’interno dei prodotti Office;
  • in caso di dubbio, contattare il mittente prima di aprire l’allegato per chiedere ulteriori informazioni;
  • eseguire sempre la scansione degli allegati con un buon antivirus aggiornato con le ultime firme virali.

Infine, il consiglio per tutte le aziende è quello di mantenere alto il livello di consapevolezza degli utenti e dei dipendenti, avvisandoli periodicamente delle minacce in corso, utilizzando dove possibile un team di esperti per salvaguardare la sicurezza del perimetro “cyber” dell’organizzazione stessa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5