L'ANALISI TECNICA

Attacco a Uber: cosa impariamo dal recente incidente di sicurezza

Un’analisi attenta dell’attacco a Uber ci insegna che gli incidenti di sicurezza non possono essere fermati in modo assoluto, ma possiamo avere il controllo del loro impatto e mitigarli con difese di sicurezza informatica solide e stratificate, rafforzate da una formazione costante e ripetuta del personale

30 Set 2022
C
Massimo Carlotti

Solution Engineer Team Leader di CyberArk Italia

Il settore della cyber sicurezza è prevedibilmente in fermento dopo il recente incidente di sicurezza di Uber. In questo caso, segnalato per la prima volta il 15 settembre, un attaccante, presumibilmente diciottenne, è stato apparentemente in grado di violare l’infrastruttura IT del gigante del ridesharing e di accedere ai dati degli utenti, oltre a segnalare la vulnerabilità all’account HackerOne di Uber.

È importante notare che non si tratta di una violazione che si sarebbe potuta evitare con una singola soluzione tecnologica. In questo caso, la colpa non è di una sola persona, azienda o fornitore.

Per quanto riguarda l’attacco in sé, sono diversi gli elementi interessanti da cui i professionisti della sicurezza informatica possono imparare. Gran parte dell’analisi si è concentrata sull’elemento umano, analizzando l’ingegneria sociale e la difficoltà dell’autenticazione a più fattori, ma il vero punto di svolta dell’attacco è avvenuto dopo l’accesso iniziale.

L’aggiornamento della sicurezza effettuato da Uber il 19 settembre ha risposto ad alcune domande (e ne ha fatte emergere di nuove) indicando Lapsus$ come un gruppo di potenziali attaccanti di interesse.

“È davvero importante chi fosse l’attaccante o come sia entrato?”, è la domanda che ci si pone. Se i professionisti della sicurezza hanno una mentalità di “supposizione di violazione”, ciò che è accaduto dopo il punto di partenza iniziale rende questo attacco non solo degno di nota, ma anche perseguibile.

Cerchiamo allora di analizzare meglio l’hack di Uber, concentrandoci sulle credenziali hard-coded che sarebbero state utilizzate per ottenere l’accesso amministrativo. Dimostreremo, inoltre, come difese sovrapposte possano lavorare insieme per ostacolare gli attacchi correlati.

Cosa sappiamo già di questo attacco

Accesso iniziale

Ottenendo l’accesso alle credenziali dell’infrastruttura VPN di Uber, l’attaccante è riuscito a entrare nell’ambiente IT di Uber.

Discovery

Il fornitore il cui account è stato violato probabilmente non aveva diritti di accesso elevati o unici alle risorse critiche, ma aveva accesso a una condivisione di rete, come altri dipendenti di Uber. Questa condivisione era accessibile o mal configurata per consentire un’ampia lettura dell’elenco di controllo degli accessi. L’hacker ha quindi individuato uno script PowerShell con credenziali di accesso privilegiate codificate per la soluzione PAM (Privileged Access Management) di Uber all’interno della condivisione di rete.

WHITEPAPER
Customer Experience agile, PERSONALIZZATA e omnicanale: come passare al modello 4.0
CRM
Open Innovation

Nota a margine: sia il personale IT che gli sviluppatori spesso automatizzano i processi creando script che richiedono qualche tipo di credenziale di autenticazione (ad esempio, il backup manuale o la generazione di report personalizzati estraendo i dati dai database). Queste credenziali possono essere diverse, da token privilegiati e chiavi SSH a token API fino ad altri tipi di password. È tipico degli sviluppatori incorporare (o codificare) queste credenziali nel codice per risparmiare tempo e garantire l’automazione. Questo rende difficile la gestione e la rotazione delle credenziali, perché sono aperte a chiunque abbia accesso al codice.

Le credenziali hard-coded utilizzate nella violazione di Uber consentivano l’accesso amministrativo a un programma di gestione degli accessi privilegiati. Sembra che queste credenziali non fossero state ruotate da tempo, il che le ha rese molto più semplici da sfruttare.

Accesso al sistema PAM ed escalation dei privilegi

L’attaccante è stato in grado di elevare ulteriormente i privilegi rubando le credenziali di amministrazione hard-coded della soluzione di gestione degli accessi privilegiati.

Accesso ai secret del sistema PAM e ai sistemi aziendali critici

L’attaccante ha ottenuto “autorizzazioni elevate per una serie di strumenti”, secondo un aggiornamento di Uber. L’accesso ai secret della soluzione di gestione degli accessi privilegiati ha creato un danno potenzialmente elevato.

Secondo quanto riferito, l’hacker ha ottenuto l’accesso al SSO, alle console e alla console di gestione del cloud che Uber utilizza per archiviare le informazioni finanziarie e riservate dei clienti.

Esfiltrazione di dati

Sebbene Uber stia ancora indagando sull’incidente, l’azienda ha confermato che l’attaccante “ha scaricato alcuni messaggi interni di Slack, nonché ha avuto accesso o scaricato informazioni da uno strumento interno che il nostro team finanziario utilizza per gestire alcune fatture.”

Suggerimenti per proteggere le credenziali integrate

Il primo passo per evitare un attacco simile sarebbe quello di liberarsi di tutte le credenziali incorporate. Consigliamo di interrompere questa pratica oltre a eseguire un inventario dell’ambiente per identificare ed eliminare qualsiasi credenziale hard-coded che possa essere presente nel codice, nelle configurazioni PaaS, negli strumenti DevOps e nelle applicazioni sviluppate internamente. Si tratta di un passaggio più facile a dirsi che a farsi, pertanto, è consigliabile concentrarsi innanzitutto sulle credenziali e sui secret più vitali e potenti dell’organizzazione, prima di estendere queste best practice nel tempo per ridurre gradualmente il rischio.

È poi necessario considerare l’adozione delle seguenti misure aggiuntive per rafforzare le difese dopo aver sviluppato una strategia per gestire le credenziali hard-coded: il rischio maggiore è ancora il furto di credenziali. E, come abbiamo osservato di recente, gli attaccanti stanno diventando sempre più abili nell’aggirare l’MFA utilizzando un’ampia gamma di vettori e metodi. In effetti, il caso di Uber è caratterizzato da più compromissioni dell’MFA. In questo senso, i membri del personale sono i guardiani, quindi vanno addestrati a riconoscere e segnalare il phishing per evitare il furto di identità. Poiché gli attacchi continuano a cambiare, ci si può aspettare attenzione, ma non precisione assoluta.

Inoltre, è importante assicurarsi che dipendenti e fornitori esterni abbiano il minor numero di autorizzazioni necessarie per svolgere le loro responsabilità. Va applicato costantemente il principio del minimo privilegio, a partire dall’endpoint, impostando parallelamente i programmi di gestione degli accessi privilegiati con la massima attenzione. L’accesso agli account privilegiati per gli amministratori deve essere concesso solo quando assolutamente necessario. Tutti gli accessi agli account privilegiati devono essere separati e convalidati.

Il problema dello “zero secret”, con il quale i professionisti della sicurezza hanno lottato a lungo, è stato nuovamente evidenziato da questo attacco: cosa succede se qualcuno riesce a entrare in possesso della chiave che protegge tutte le altre chiavi? Per questo motivo sono essenziali forti controlli di difesa in profondità, sia proattivi che reattivi, che garantiscono la presenza di altri sistemi in grado di rilevare e bloccare le minacce anche in caso di compromissione dell’MFA.

Anche la limitazione dei movimenti laterali può essere di grande aiuto, eliminando l’accesso permanente all’infrastruttura sensibile e alle interfacce online o cloud. L’elevazione dei privilegi just-in-time può ridurre significativamente l’accesso di qualsiasi identità compromessa, riducendo il raggio d’azione di un attaccante, soprattutto se abbinata a una solida autenticazione.

Vale la pena ribadire che non esiste una bacchetta magica per fermare gli attacchi informatici, e certamente non nel caso di Uber, così come non sono da biasimare strumenti e persone di cui dispone.

Nessuno crede più che gli attacchi possano essere fermati in modo assoluto, ma possiamo avere il controllo del loro impatto. Attacchi come quello di Uber possono essere mitigati da difese di sicurezza informatica solide e stratificate, rafforzate da una formazione costante e ripetuta del personale per aiutarlo a riconoscere le potenziali fonti di pericolo.

La presenza di questi aspetti rende più difficile per gli attaccanti prendere piede, muoversi, scoprire e raggiungere i propri obiettivi. Altrettanto importante è che permettano di ridurre al minimo il successo e l’impatto degli attacchi e tornare alle normali operazioni il più rapidamente possibile.

Questo è l’insegnamento significativo che tutti dovrebbero trarre e applicare alle proprie organizzazioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5