PROTEZIONE DATI

TikTok aggiorna la privacy policy: i dubbi irrisolti per il trasferimento dati in USA e Cina

La nuova privacy policy di TikTok sposa un principio di maggiore trasparenza nei confronti dell’utente, andando a chiarire alcuni dei punti che risultavano maggiormente dubbi. Ma restano ancora criticità sulla conservazione e sul trasferimento dei dati extra UE. Facciamo chiarezza

07 Nov 2022
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

La popolare applicazione TikTok ha annunciato un aggiornamento della propria privacy policy per lo Spazio Economico Europeo, volto a migliorare la trasparenza del servizio e la sicurezza dei dati trattati dalla società per tutti gli utenti europei. Ma la nuova privacy policy non ha sopito in toto alcuni dei dubbi sollevati, negli ultimi anni, dagli esperti del settore, circa l’effettiva riservatezza dei dati trattati dalla piattaforma.

“Siamo continuamente impegnati per migliorare la condivisione di informazioni rilevanti per i nostri utenti e questo nuovo aggiornamento è parte di questo processo”, afferma Elaine Fox, responsabile della privacy per la piattaforma, nel comunicato reso sulla pagina ufficiale.

L’aggiornamento alla policy, che si occupa di modificare prevalentemente le sezioni dedicate al luogo di conservazione dei dati e alle modalità di trattamento dei dati di geolocalizzazione, pubblicato il 2 novembre, sarà efficace a partire dal 2 dicembre 2022.

Truffe su TikTok, le cinque più comuni: se le conosci le eviti

Conservazione e trasferimento dei dati extra UE

Come anticipato in premessa, uno dei punti principali che la piattaforma affronta nella nuova privacy policy di novembre, è il luogo di conservazione dei dati dei propri utenti, tra cui figurano anche gli utenti europei.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

Come si legge nel comunicato: “I dati degli utenti europei sono attualmente conservati negli Stati Uniti e a Singapore. Sulla base di effettive necessità per lo svolgimento del proprio lavoro, nel rispetto di una serie di solidi controlli di sicurezza e protocolli di approvazione, e attraverso metodi riconosciuti dal GDPR, consentiamo l’accesso remoto ai dati degli utenti TikTok ad alcuni addetti che fanno parte della nostra azienda che si trovano in Brasile, Canada, Cina, Israele, Giappone, Malesia, Filippine, Singapore, Sud Corea e negli Stati Uniti. I nostri controlli di sicurezza prevedono controlli di accesso al sistema, crittografia e sicurezza della rete”.

Le finalità di conservazione riconosciute nella privacy policy sono molteplici, principalmente connesse alla messa a disposizione nei confronti degli utenti della Piattaforma, all’adempimento degli obblighi contrattuali e normativi, al perseguimento di legittimi interessi commerciali e per l’esercizio o la difesa di azioni legali.

Nella policy si precisa altresì che nel caso in cui le informazioni siano trasferite al di fuori del SEE, il livello di protezione “adeguato” sarà garantito dall’affidamento su:

  1. decisioni di adeguatezza, per le società del gruppo con sede in Canada, Regno Unito, Israele, Giappone e Corea del Sud cui viene concesso un accesso remoto limitato;
  2. clausole contrattuali standard, per le società del gruppo che hanno sede in Paesi per i quali non sussiste una decisione di adeguatezza (Brasile, Cina, Malesia, Filippine, Singapore, e Stati Uniti).

Le precisazioni svolte nella nuova informativa non sono risultate, tuttavia, sufficienti a placare le preoccupazioni sollevate dagli esperti del settore, alla luce anche del fatto che Stati Uniti e Cina sono attualmente al centro dell’occhio del ciclone a causa delle rispettive normative interne, che prevedono che possa essere garantito l’accesso ai dati da parte delle autorità governative, ove ritenuto necessario.

Inoltre, la stessa TikTok è oggi oggetto di diverse indagini, anche da parte dell’autorità garante irlandese, che ci sta premurando di verificare proprio la conformità dei trasferimenti di dati personali effettuati dalla società verso la Cina (sede della società madre, ByteDance).

Anche in presenza di clausole contrattuali standard, infatti, la Società potrebbe comunque trovarsi costretta, a causa di normative locali non coerenti con il dettato normativo del GDPR, e ciò potrebbe costituire una grave lesione dei diritti garantiti dal GDPR a tutti gli utenti europei.

Si tratta delle medesime preoccupazioni che hanno comportato, con la nota sentenza Schrems II, il venir meno del Privacy Shield che consentiva il trasferimento dei dati fra USA e UE, e che oggi rappresenta un ostacolo anche per la formulazione di un nuovo accordo di trasferimento dei dati che possa essere considerato realmente sicuro per i cittadini europei.

La posizione ufficiale di TikTok e il controllo dei dati

In tal senso, la stessa TikTok aveva annunciato di voler effettuare degli investimenti, a partire dal 2023 per creare un datacenter a Dublino, sul quale dovranno essere ospitati i dati degli utenti del Regno Unito e dei Paesi del SEE, oltre ad Islanda, Liechtenstein e Norvegia, affermando anche in un blog post di essere allineati al contenuto della sentenza.

“TikTok è in linea con questa direzione e riteniamo che i passi che stiamo intraprendendo rafforzeranno il nostro approccio al supporto di questi obiettivi e daranno agli utenti una maggiore fiducia nel nostro impegno per un forte regime europeo di protezione dei dati. Stiamo già investendo molto tempo e sforzi per garantire che le nostre pratiche siano allineate con le linee guida in evoluzione delle istituzioni, tra cui la Commissione europea e il Comitato europeo per la protezione dei dati”, si legge nella comunicazione già resa ad agosto dello scorso anno.

“Abbiamo implementato politiche e controlli estesi per salvaguardare i dati degli utenti. Facciamo affidamento su metodi approvati per il trasferimento dei dati dall’Europa, come le clausole contrattuali standard. Inoltre, adottiamo una serie di misure tecniche, contrattuali e organizzative complementari in modo che, nei casi in cui è richiesto l’accesso ai dati degli utenti, sia garantito un livello di protezione dei dati equivalente a quello nel SEE e nel Regno Unito”, continua la comunicazione.

“Ciò significa in pratica che tutti i dati personali sono protetti attraverso una solida serie di controlli di sicurezza fisica e logica, insieme a varie politiche e controlli di accesso ai dati per i dipendenti. Abbiamo anche un processo definito stabilito nelle nostre Linee guida per le forze dell’ordine per qualsiasi richiesta di dati degli utenti da parte delle forze dell’ordine e altre autorità competenti nei paesi in cui TikTok è disponibile. Il numero di tali richieste legali presentate e i paesi che le presentano sono inclusi nei nostri Rapporti semestrali sulla trasparenza”.

La società, dunque, sembrerebbe star investendo le proprie risorse nella risoluzione delle problematiche sollevate dalla sentenza Schrems II, anche al fine di evitare le pesanti sanzioni che le autorità hanno già applicato nei confronti di piattaforme concorrenti, pure trovatesi sprovviste di misure di sicurezza che consentissero l’effettiva tutela dei dati dei propri utenti dall’accesso delle autorità governative.

A tal riguardo, Michael Veale, professore associato di diritti digitali presso l’University College London, ha affermato al TheGuardian che i trasferimenti di dati tra il blocco e la Cina dovrebbero essere controllati per la sicurezza. “È straordinariamente difficile inviare regolarmente i dati degli utenti dell’UE alla Cina perché i contratti tra un’azienda cinese e un’azienda europea non possono impedire l’accesso dello stato”. Veale ha affermato che le leggi sui dati della Cina potrebbero sollevare dubbi sulla sicurezza anche di trasferimenti di dati limitati. Tuttavia, ha aggiunto di non essere “convinto che l’attenzione del governo cinese sia attualmente sullo spionaggio dei dati TikTok degli individui. Hanno altri mezzi per ottenere informazioni private. Crescere e approfondire una piattaforma influente è di per sé un potente obiettivo”.

La raccolta dei dati di geolocalizzazione

Il secondo punto che la nuova Privacy Policy si premura di affrontare e chiarire è il trattamento dei dati di geolocalizzazione. TikTok, infatti, è stata recentemente al centro di una serie di dure critiche relative all’utilizzo dei dati di geolocalizzazione dei propri utenti, a seguito della pubblicazione da parte di Forbes, ad ottobre 2022, di un rapporto nel quale si evidenziava che la società madre ByteDance avrebbe potuto tracciare la posizione delle persone tramite l’applicazione.

In particolare, si affermava che “in almeno due casi, un team cinese di ByteDance, il proprietario della piattaforma, ha pianificato di raccogliere dati TikTok sulla posizione di un cittadino statunitense”. “Forbes”, riporta il TheGuardian sul punto, “citando materiale non divulgato che aveva visualizzato, ha affermato che non era chiaro se i dati sulla posizione fossero stati infine raccolti dai dispositivi degli utenti. Ha affermato che il materiale indicava che ByteDance non intendeva utilizzare le informazioni sulla posizione per scopi commerciali come il targeting degli annunci.”

A dette accuse TikTok rispondeva prontamente, affermando di non raccogliere informazioni precise sulla posizione GPS dei propri utenti, in particolare degli utenti statunitensi, e che dunque non avrebbe potuto in alcun modo attuare tecniche di monitoraggio secondo le modalità suggerite nel report. Affermava altresì di non aver mai utilizzato la piattaforma per “prendere di mira” “membri del governo degli Stati Uniti, attivisti, personaggi pubblici o giornalisti” e che qualsiasi utilizzo delle risorse di audit interno sarebbe “motivo per l’immediato licenziamento del personale dell’azienda”.

Per tali motivazioni, nella nuova privacy policy, che entrerà in vigore a dicembre, TikTok si premura di precisare le “modalità in cui possono essere raccolte informazioni riguardo alla posizione degli utenti europei. Ad esempio”, afferma Elaine Fox, “quando gli utenti creano un video, possono scegliere di aggiungere la localizzazione, così come attrazioni turistiche o altri luoghi di interesse.

In alternativa, possono scegliere di attivare i servizi di “Localizzazione per TikTok” nelle loro impostazioni, per permettere a TikTok di raccogliere informazioni dal loro device. TikTok non raccoglie informazioni dettagliate sulla localizzazione degli utenti europei, che siano basate sulla tecnologia GPS o altro”.

Più nello specifico, nell’informativa si legge che la piattaforma raccoglie automaticamente informazioni sulla posizione approssimativa (ad esempio, paese, stato o città) in base alle informazioni tecniche della rete che viene utilizzata per accedere (ossia, scheda SIM e indirizzo IP). “Inoltre”, si legge, “qualora attiviate servizi di localizzazione per l’app TikTok nelle impostazioni del vostro dispositivo, raccogliamo dal dispositivo informazioni approssimative sulla posizione”.

Dette informazioni approssimative sono specificate nella pagina dedicata, nella quale, tuttavia, si legge che quando i servizi di localizzazione sono attivi:

  1. TikTok riceverà la tua posizione approssimativa dai dati GPS del tuo dispositivo.
  2. Le informazioni sulla posizione approssimativa che TikTok riceve dal tuo dispositivo sono comprese in un’area di almeno 3 chilometri quadrati (1,16 miglia quadrate) rispetto alla tua posizione effettiva. L’area potrebbe essere più grande, a seconda del tipo di sistema operativo e della versione in esecuzione sul dispositivo.
  3. Se ti trovi in Bangladesh, Cambogia, Indonesia, Giappone, Malesia, Pakistan, Filippine, Singapore, Thailandia o Vietnam, potresti anche avere la possibilità di attivare la posizione precisa”.

Si specifica altresì che “a causa di problemi con i produttori, alcuni dispositivi Android potrebbero richiedere di attivare la posizione precisa, anche se nella tua area geografica sono disponibili solo i servizi di localizzazione con posizione approssimativa. In questi casi, TikTok continuerà a garantire che vengano raccolte solo le tue informazioni approssimative”.

La raccolta delle informazioni GPS, dunque, sembrerebbe essere possibile, seppur con applicazione di misure tecniche atte a non acquisire la posizione precisa, oltre che subordinata al compimento di un’azione volontaria identificata con l’attivazione della geolocalizzazione sul dispositivo utilizzato per fare l’accesso.

La nuova privacy policy, dunque, sposa un principio di maggiore trasparenza nei confronti dell’utente, andando a chiarire alcuni dei punti che risultavano maggiormente dubbi.

Ciò non esclude che si renderà necessario, per le autorità competenti, porre ulteriore attenzione a detti elementi, conducendo indagini più approfondite che consentano di verificare – ove possibile – l’effettiva coerenza delle policy e la conformità delle operazioni condotte dalla piattaforma al disposto normativo europeo.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5