Vademecum

Safer Internet Day 2024: i consigli degli esperti per navigare sicuri

L’evento ci ricorda l’importanza della consapevolezza, oltre alla diffusione della cultura cyber sull’uso sicuro del digitale, sia in azienda che nella vita quotidiana. A partire dai banchi di scuola. Ecco i progetti del Clusit e di Women for Security

Pubblicato il 06 Feb 2024

Mirella Castigli

Giornalista

Si celebra oggi il Safer Internet Day 2024 (SID), la giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa come ogni anno nel mese di febbraio dalla Commissione Europea. Anche questa edizione è un’occasione di riflessione per la diffusione della cultura della cyber sicurezza, della consapevolezza e sull’uso sicuro del digitale.

In ogni ambito, dalle scuole alle aziende, perché “il fattore umano è causa di oltre il 90% di tutti gli incidenti informatici“, commenta Giorgio Sbaraglia, consulente aziendale cyber security, membro del Comitato Direttivo Clusit. “Questo dato non deve sorprendere e non vale solo per il classico e banale phishing: lo studio di molti casi di attacchi accaduti ci conferma che anche attacchi ad obbiettivi importanti hanno utilizzato come primo fattore d’intrusione (quello che nella cyber kill chain è conosciuta come la fase di Exploitation e Delivery) un errore umano”.

“In un’era in cui la tecnologia è parte integrante della società, la sicurezza online è un requisito fondamentale per la collettività”, conferma Pierluigi Paganini, analista di cyber security e CEO Cybhorus: “Il Safer Internet Day è un evento che ci ricorda l’importanza di un internet accessibile a tutti in modo sicuro e responsabile”.

Ecco come proteggersi, in azienda, ma anche a scuola, dove il Safer Internet Day deve “far sì che un Internet più sicuro e migliore diventi realtà – per tutti, ma soprattutto per i giovani e i più piccoli”, secondo Paolo Lossa, Country Sales Director di CyberArk Italia, una “generazione che sta crescendo con l’AI come parte integrante dello stile di vita digitale, con tutte le sue possibilità e rischi. L’AI aumenta la superficie di attacco creando nuovi punti di accesso, ad esempio chatbot compromessi e deepfake a malapena distinguibili dalla realtà”.

“Giornate annuali di sensibilizzazione come il Safer Internet Day”, mette in guardia Rich Davis, Director of Product and Solution Strategy di Netskope, “possono essere utili come opportunità per parlare di igiene informatica con i dipendenti, ma alzare la consapevolezza sulla sicurezza informatica non dovrebbe essere un esercizio da spuntare solo in occasioni particolari; lo stesso vale per i programmi di training sulla cyber security per i dipendenti. La realtà è che una buona igiene informatica richiede continui cambiamenti culturali, con un comportamento responsabile che deve essere chiaramente indicato come prioritario (e comunicato) dai livelli più alti dell’azienda”.

Safer Internet Day 2024: i consigli per navigare sicuri

Le aziende, soprattutto le Pmi del manifatturiero, sono le più esposte ai rischi informatici. Nello scenario interconnesso e digitale in cui viviamo, i rischi informatici rappresentano infatti una minaccia onnipresente che coinvolge anche ogni singolo individuo.

WHITEPAPER
Nuova Direttiva Whistleblowing: la guida a obblighi, tutele e sanzioni
Privacy/Compliance
LegalTech

“Il panorama delle minacce informatiche è in continua evoluzione e richiede un impegno collettivo per garantire la sicurezza e la privacy degli utenti online”, avverte Paganini: “In quest’ottica, l’educazione, la consapevolezza della minaccia e la condivisione delle informazioni relative alle minacce sono fondamentali per un internet migliore”.

“L’evento Safer Internet Day è dunque un’opportunità per tutti noi, deve essere di sprono ad unire le forze per promuovere un uso sicuro e positivo della tecnologia”, ricorda Paganini.

“I cyber criminali sfruttano così fortemente il fattore umano, perché sono vere e proprie aziende, attente ad ottimizzare costi e benefici di ogni loro attacco”, mette in guardia Sbaraglia: “E lo sfruttamento dell’errore umano è molto più rapido e meno costoso di altre tecniche più sofisticate. Nei miei corsi di formazione (oggi la formazione è sempre più importante!) amo sintetizzare questo concetto con la frase: “Per violare un sistema operativo ci possono volere settimane, mentre per violare il ‘sistema operativo uomo’ possono bastare pochi minuti”.

“Purtroppo la cybersecurity è considerata ancora una materia riservata agli specialisti, che la trattano talvolta con un approccio ‘da addetti ai lavori’, difficilmente comprensibile a chi esperto IT non è”, avverte Sbaraglia: “Questo è un errore culturale molto grave, mio parere: i progressi nel modo in cui gli aggressori utilizzano l’errore umano (phishing, social engineering eccetera) per facilitare l’infezione degli endpoint o il furto di credenziali rendono assolutamente necessario per le organizzazioni non considerare più le loro soluzioni di sicurezza – per quanto possano essere avanzate – come l’unica linea di difesa”.

Nel mondo sempre più digitale in cui stiamo vivendo, Internet ha un ruolo fondamentale come canale di comunicazione. “Lo sanno bene anche i cybercriminali, tanto che oltre il 90% delle minacce arriva tramite email”, aggiunge Luca Maiocchi, country manager di Proofpoint.

Il ruolo della formazione

“Dobbiamo abituarci a trasformare gli utenti da ‘anello debole della sicurezza’ a prima linea di difesa, in modo che possano giocare un ruolo nella sicurezza informatica”, evidenzia Sbaraglia: “In tutto questo, risulta di fondamentale importanza la formazione: sia nelle aziende, a tutti i livelli, che per le persone, perché ognuno di noi ha un computer, uno smartphone e quindi può essere obbiettivo di attacchi e truffe informatiche”.

Per proteggersi in questo scenario, secondo Luca Maiocchi, le aziende devono adottare “un approccio di sicurezza che tenga conto di tutte le componenti potenzialmente interessate, a cominciare da quella umana. Il 90% delle minacce che arrivano via email richiede una qualche interazione umana per scatenare il suo potenziale. Per questo, puntare solo sulla tecnologia non è sufficiente, ma è necessario formare il personale a un uso consapevole di posta elettronica e navigazione sicura su Internet”.

“Il mio consiglio alle organizzazioni è di cercare modi per trasformare queste comunicazioni annuali”, conferma Rich Davis, “sull’importanza di pratiche di sicurezza informatica in un dialogo continuo, magari utilizzando l’intelligenza artificiale per fornire agli utenti un coaching in tempo reale nel momento in cui si incontra un rischio informatico o di protezione dei dati. In modo più strategico, l’adozione di un’architettura abilitata al principio “zero trust” garantisce che un’organizzazione riduca l’esposizione al rischio rappresentata da un singolo dipendente e svolga il lavoro di un gran numero di giornate di sensibilizzazione individuali”.

L’allarme fra i giovani

Secondo l’ong Save the Children è urgente realizzare ambienti digitali sicuri per bambine, bambini e adolescenti, a causa dell’abbassamento dell’età media nell’uso del digitale e dell’incremento del tempo medio passato online da parte dei minori. Online e i sui social più giovani possono discutere e confrontarsi, ma rischiano l’esposizione al cyber-bullismo, alla mancata comprensione delle regole della privacy o delle modalità di interazione con gli altri, oltre a sottoporsi acriticamente alle scelte degli algoritmi.

Il 40,7% degli 11­-13enni in Italia usa i social media, anche se l’accesso ai social è previsto solo dopo compimento dei 13 anni: c’è una prevalenza femminile (47,1%) rispetto a quella maschile (34,5%). In Italia accede a internet tutti i giorni il 78,3% degli 11-13enni, il 91,9% degli adolescenti nella fascia 14-17 anni e il 44,6% dei bambini tra i 6 e i 10 anni.

I bambini nella fascia d’età tra i 6 e i 10 anni che, dopo la pandemia, usa il cellulare tutti i giorni, è salito dal 18,4% (biennio 2018-19 ) al 30,2% (2021-22). L’89,2% di 11-17enni impiega il cellulare tutti i giorni.

Gli adolescenti tra i 14 e i 17 anni comunicano con WhatsApp, Messenger, Viber e altro (93%), guardano i video (84%, in crescita), visitano i social media (79%), videogiocare (72,4%), acquistano online (28%), leggono notizie (37%), svolgono corsi online (27%) e scaricano ebook (22%).

Ma l’11,4% delle ragazze e il 9,2% dei ragazzi subisce i atti di cyberbullismo e il 13,5% del campione usa in maniera problematica i social media. Metà  delle adolescenti di 13 e 15 anni ammette di non riuscire a stare meno sui social media. Il 24% di ragazzi e ragazze di 11, 13 e 15 anni è a rischio di utilizzo problematico dei videogiochi (i maschi già a 11 anni). Sale dunque il rischio di dipendenza tecnologica, da social o da giochi in rete.

Secondo la Polizia Postale, nel 2023 sono lievemente scesi gli episodi di adescamento online di minori, la maggior dei quali accadono in preadolescenza (11-13 anni). Il  9% ha età inferiore a 10 anni ed entra in contatto sui social e videogiochi online. La fascia preadolescenziale nel 2023 ha ricevuto più interazioni sessuali tecno-mediate (206 su 351 casi totali).

L’Unione Europea ha dato il via a un processo per definire e approvare la Proposta di Regolamento sulla prevenzione e la lotta contro gli abusi sessuali sui minori. Intanto Save the Children propone l’estensione della deroga temporanea al Codice Europeo delle Comunicazioni Elettroniche (Codice dell’ePrivacy),

Safer Internet Day 2024 a scuola: dell’educazione civica ai PCTO

Clusit e Women for Security collaborano nel Safer Internet Day 2024, perché la disponibilità di nuove tecnologie e piattaforme per le generazioni più giovani, rende urgente coltivare maggior consapevolezza delle cyber minacce fin dall’età scolastica.

“L’importanza della formazione sulla sicurezza informatica è infatti resa ancora più necessaria dai dati – preoccupanti – del Rapporto DESI (Digital Economy and Society Index) redatto dalla Commissione della UE, che colloca il livello di maturità digitale (definito ‘il capitale umano’) degli italiani al terz’ultimo posto in Europa“, conclude Sbaraglia.

L’associazione ha infatti avviato Sicuramente Clusit, iniziativa rivolta alle scuole come canale primario per diffondere la cultura della cyber security tra i cittadini digitali del futuro.

Ideato per le scuole secondarie di secondo grado, l’iniziativa punta a coinvolgere non solo gli studenti, introducendoli a un percorso di formazione e alle basi della cyber, ma anche insegnanti e genitori.

Agli adulti è proposto un sostegno per prendere familiarità con queste tematiche e farvi fronte nella vita di tutti i giorni con figli e studenti.

Il progetto prevede un ciclo di laboratori, che fa parte del tema “cittadinanza digitale”, che rientra nell’insegnamento obbligatorio dell’educazione civica. Inoltre le scuole possono inquadrarlo nei percorsi di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento).

Ispirandosi agli stessi principi, anche la community di professioniste Women for Security ha inaugurato il progetto Cybersecurity4Schools che punta a portare la cultura dell’uso sicuro e consapevole del digitale nelle scuole secondarie di primo grado.

“Formare oggi gli studenti prepara i cittadini di domani, non solo fornendo loro competenze ormai necessarie per un’ampia gamma di professioni, ma contribuendo a creare una società più consapevole delle minacce digitali e una cultura in cui la sicurezza informatica sia considerata una priorità”, spiega Gabriele Faggioli, presidente di Clusit. “Con i propri progetti, Clusit e Women For Security intendono mettere le proprie competenze ed esperienze a disposizione di due cicli scolastici che coprono fasce d’età in cui ragazzi sono immersi nel digitale, spesso con scarsa consapevolezza dei rischi”.

L’obiettivo è la formazione dei ragazzi fra gli 11 e 14 anni sui rischi online e sulle opportunità del digitale nel costruire il proprio futuro. Le cyber ladies della community tengono corsi in presenza e online a scuole medie sul territorio italiano. Di recente hanno iniziato a collaborare alla seconda edizione di “Mappa della città educante” promossa da Roma Capitale per tutte le scuole della città di Roma. La community formerà alcune classi di istituti romani aderenti al progetto cyber security sui banchi di scuola.

Dedicata agli insegnanti, Women for Security dedica la guida dal titolo “Cyber tips: guida per gli insegnanti”, suddivisa in una parte teorica e in schede didattiche per svolgere esercitazioni in aula.

“Crediamo che la nostra community, tutta al femminile, possa anche essere di ispirazione per le ragazze che vogliano intraprendere un percorso di studio nelle discipline STEM per intraprendere una carriera in un settore in grande crescita come quello della sicurezza informatica e del digitale in generale”, conclude Cinzia Ercolano, Fondatrice di Women for Security.

Cinque suggerimenti per i minori

Ai minorewnni bisogna insegnare che, anche nell’era di ChatGPT e TikTok, è necessario prendere sul serio la privacy online. Non bisogna pubblicare ciò che non si vorrebbe mostrare a un estraneo. Inoltre occorre verificare sempre l’identità di chi ci contatta online. Proteggere l’identità digitale significa usare password complesse e lunghe e l’autenticazione a due o più fattori (2FA/MFA) per rafforzare la sicurezza dell’autenticazione dei propri account, evitando la condivisione delle proprie password o degli accessi con altri, nemmeno con amici.

I bambini, prima di accedere online (almeno fino a una certa età), dovrebbero sempre chiedere il permesso ai genitori, i quali dovrebbero limitare le app, i giochi e i siti online. Non devono condividere mai il proprio nome con estranei, l’indirizzo di casa o dettagli intimi o immagini personali con utenti online.

Consigli per le aziende: approccio zero trust

“In occasione del Safer Internet Day, desidero enfatizzare l’importanza dei concetti di prevenzione e rilevamento nel contesto delle identità”, afferma Cesare Di Lucchio, SOC Manager di Axitea: “Nell’attuale contesto cyber, le identità si configurano come credenziali di accesso a sistemi, utenti di dominio o accessi passwordless, consentendo l’accesso a strumenti aziendali per la gestione dei dati”.

“In un contesto aziendale, il concetto di prevenzione nei confronti dei rischi legati alle identità consiste nella definizione di adeguate politiche per l’onboarding, l’offboarding, il change management e nell’assegnazione corretta dei privilegi ad esse associate”, continua Cesare Di Lucchio: “Per prevenire attacchi alle identità digitali, è essenziale avere una comprensione chiara dei rischi associati, come potenziali coinvolgimenti in data leak, accessi non autorizzati, compromissione delle identità, social engineering o insider threat. Pertanto, è fondamentale agire nell’implementazione delle politiche negli ambienti di Active Directory o SaaS, adottando un approccio di zero trust per mitigare l’exploit per azioni non autorizzate“.

“Il concetto di rilevamento deve essere altrettanto prioritario, implementando corrette politiche di logging degli accessi e il rilevamento di accessi non autorizzati. Le principali tecnologie di gestione delle identità adottano come best practice la possibilità di visualizzare, esportare e gestire i log a tale scopo“, avverte Cesare Di Lucchio: “Spesso, la gestione segue un evento avverso, pertanto, l’analisi dei log risulta essenziale per adattare le politiche in modo post-mortem”.

Dobbiamo pewrò estendere le tematiche di prevenzione alle identità private, “raccomandando l’utilizzo di strumenti di gestione delle password per renderle casuali per ogni ambiente e agevolare l’accesso”, conclude Cesare Di Lucchio: “Inoltre, è consigliabile adottare piattaforme di autenticazione con MFA, dove sono di default implementati anche rilevamenti basati sulla deviazione dal dispositivo di accesso abituale o dal paese di accesso”.

Inoltre, “i cybercriminali possono utilizzare l’AI per effettuare operazioni computazionali ed esecuzione e malware intelligente scritto dall’AI, come già stato scoperto dai Labs CyberArk”, aggiunge Paolo Lossa: “Per tenere sotto controllo questa situazione e proteggere la propria identità digitale e garantire l’attuale e le prossime generazioni di lavoratori possano trarre benefici, innovare e sperimentare, senza essere eccessivamente a rischio, la fiducia è una grande cosa, ma nel mondo digitale Zero Trust è un approccio più saggio. I sistemi con cui operiamo devono sempre verificare se l’utente sia vero e i diritti di accesso in regola. Sembra severo, ma a volte è necessario – di sicuro, per un Internet più sicuro”.

“È positivo il fatto che i CISO italiani stiano prendendo sul serio la questione del rischio legato alle persone”, conclude Luca Maiocchi, “secondo una  recente ricerca Proofpoint, la stragrande maggioranza ha messo in atto protocolli per combattere le minacce derivanti dal loro comportamento. In particolare, iniziative mirate a identificare minacce basate sull’email vengono intraprese dalla quasi totalità delle aziende (96%). Altre misure adottate includono formazione sulla gestione delle password (88%) e sulle best practice di sicurezza (80%). Solo il 4% dei CISO ammette di non avere un programma di formazione continua sulla sicurezza informatica”.

La strada è ancora lunga, ma, in termini di consapevolezza e attenzione, è quella giusta.

WHITEPAPER
Finanza Digitale: proteggiti dagli hacker (e dalle sanzioni) con il DORA
Contract Management
Privacy/Compliance
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4