Lo scenario

Rapporto Clusit, per la cyber security il 2022 è stato ancora il peggiore anno di sempre: tutti i numeri

L’anteprima del Rapporto Clusit, che sarà ufficialmente presentato il 14 marzo in apertura del Security Summit, evidenzia un aumento degli attacchi – e in particolare di quelli gravi – sia a livello mondiale che in Italia: ecco cosa è emerso dall’analisi degli esperti

Pubblicato il 07 Mar 2023

Nicoletta Pisanu

Redattrice Cybersecurity360

Se la situazione non stupisce, certo preoccupa: anche nel 2022 si sono registrati più attacchi cyber, oltretutto la maggior parte gravi o gravissimi, con un aumento del 21 per cento nel mondo rispetto all’anno precedente. In Italia poi l’aumento è stato del 169 per cento. Insomma, anche il 2022 è stato l’anno peggiore di sempre sul fronte della sicurezza informatica. Lo scenario emerge dal Rapporto Clusit 2023, i cui highlights sono stati condivisi in anteprima con la Stampa stamattina e che sarà poi ufficialmente presentato il 14 marzo in apertura del Security Summit. 

Non manca nell’analisi qualche sorpresa, come quella legata al settore manifatturiero che sembra far gola in maniera particolare ai criminali informatici e che rappresenta un trend da tenere d’occhio anche per il prossimo futuro.

Il Rapporto è giunto all’undicesimo anno di pubblicazione. I dati raccolti “sono numeri sicuramente preoccupanti, non vediamo nessun cambio di direzione nonostante una serie di elementi positivi in ciò che sta accadenti in Italia e nel mondo, rispetto all’attenzione agli investimenti – commenta Gabriele Faggioli, presidente di Clusit e CEO di Digital360 -. Tuttavia il tempo perso nel corso degli anni passati, per esempio sul fronte della carenza di competenze, rappresenta un fardello difficile da lasciarsi alle spalle”. 

Perché Baldoni si è dimesso dall’Agenzia cyber nazionale e gli effetti

Considerando questa situazione generale, alla luce dell’attualità di questi giorni Faggioli ha commentato riguardo alle dimissioni del direttore dell’Agenzia di cybersicurezza nazionale Roberto Baldoni: “Personalmente ritengo che il percorso fatto da ACN sia stato molto virtuoso, considerando soprattutto che siamo in Italia. Riteniamo rilevante ora che ci sia una sostituzione efficace per proseguire le attività in continuità”. 

Attacchi cyber in aumento: i numeri

Sofia Scozzari, membro del Comitato scientifico di Clusit, ha spiegato che “negli ultimi dieci anni sono stati analizzati 16.000 cyber attacchi andati a buon fine e di pubblico dominio. In media abbiamo avuto 115 attacchi al mese, sono stati 9.633 attacchi negli ultimi cinque anni che rappresentano il 60 per cento dal 2018”. Dal punto di vista qualitativo “la crescita è stata del 21 per cento nell’ultimo anno, la media è arrivata a 207 attacchi mensili. Si tratta di un ennesimo record”. 

WHITEPAPER
Cyber minacce e incidenti informatici: attiva la tua resilienza in 10 step
Cybersecurity
Risk Management

Il picco l’anno scorso si è registrato a marzo, con 238 attacchi mensili. Un dato che va contestualizzato alla luce delle ostilità tra Russia e Ucraina: “Interessante notare che durante le feste natalizie c’è stato un calo, mentre durante la primavera si registra sempre un incremento”. In generale, l’82 per cento degli attacchi totali nel 2022 è stato dovuto al cyber crime, ma è cresciuto anche l’hacktivism e l’information warfare. 

Nel 2022 gli attacchi nel mondo verso le PA sono stati il 9,5 per cento del totale, in calo rispetto all’anno precedente (erano l’11,5 per cento). Sono stati effettuati soprattutto in America e la tecnica privilegiata è stata quella del malware, protagonista per il 34 per cento degli attacchi. 

Le vittime

Multiple target torna a essere la principale categoria tra gli obiettivi presi di mira dagli attacchi, con una crescita del più 94 per cento. Il settore financial cresce del 70%, mentre il manifatturiero del 79 per cento, a seguire news-multimedia che aumenta del 70%. Tuttavia, al di là delle percentuali di crescita, la Sanità è il secondo settore più colpito con una crescita del più 16% dal 2021. 

Si rileva oltretutto che di solito è sempre stato molto colpito il continente americano, “perché da anni ci sono leggi che obbligano alla disclosure degli incidenti – ha spiegato Scozzari -. Dall’anno scorso tuttavia sono diminuiti gli attacchi su suolo americano, scesi sotto il 40 per cento, ma sono aumentate molto le vittime in Europa, con un record del 24 per cento”. Questo dato indica che “il conflitto nel contesto europeo si ripercuote sicuramente sulla situazione, speriamo però che sia anche l’eco delle attività delle legislazioni europee”.

Distribuzione delle vittime - Rapporto Clusit 2023

Le tecniche e la valutazione degli impatti

Il malware resta la tecnica preferita di sempre, con il 37 per cento degli attacchi. A seguire il Clusit ha individuato il ricorso dei criminali alle tecniche unknown, cioè non dichiarate: secondo gli esperti si tratta principalmente di data breach. Notevole anche il ricorso costante di phishing, social engineering (più 52 per cento) e vulnerabilities. Gli attacchi DDoS sono cresciuti del 258 per cento. 

Inoltre, nel 2022 l’80 per cento degli attacchi ha avuto un impatto con severity high o critical. In particolare quest’ultima è salita al 36 per cento, il che significa che ci sono stati molti più attacchi e più critici. 

Lo scenario italiano

I dati elaborati dal SOC di Fastweb, che ogni anno collabora alla stesura del rapporto, mostrano che “gli effetti legati al cyber crime sono in continuità con il 2021 e hanno visto un forte aumento degli attacchi ma un miglioramento della soglia di attenzione. Il trend dopo la pandemia di centralità della cyber security è diventato strutturale e più di rilievo”, ha commentato Gabriele Scialò, product manager di Fastweb.

Cresce quindi la consapevolezza dei rischi e gli investimenti in cyber security sono più mirati, tuttavia in Italia il SOC di Fastweb ha individuato “56 milioni di attacchi, in crescita del più 25 per cento rispetto all’anno precedente, tuttavia sono diminuiti server e device esposti in rete”. C’è stato un “deciso aumento delle tipologie di malware individuate, più 22 per cento, con una lieve flessione delle infezioni, calate del 3 per cento: un dato positivo”. 

Gli attacchi DDoS hanno portato a 1800 eventi significativi, in calo e, come nel 2021, risultano più colpiti PA e settore Finance, ma anche “il target dei service provider è aumentato, dal 3 per cento al 16 per cento”. Spunta inoltre l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, utilizzata sia dai criminali che nelle tecniche di difesa.

Secondo le analisi del Clusit, l’Italia è nel mirino: nel 2022 gli attacchi italiani hanno rappresentato il 7,6 per cento del totale, erano 3,4 per cento nel 2021. Il Paese risulta sovra rappresentato: infatti l’Italia rappresenta lo 0,75 per cento della popolazione globale e il 2,2 per cento del PIL globale. Per Alessio Pennasilico, membro del Comitato scientifico del Clusit e advisor di P4I, “c’è stato un salto molto importante dall’anno precedente all’anno scorso”.

Anche in Italia il cyber crime rappresenta la principale motivazione degli attacchi, mentre il malware è la tecnica più utilizzata. Il target è soprattutto quello governativo-militare, ma il settore manifatturiero anche in questo scenario risulta particolarmente bersagliato. 

Il caso del settore manifatturiero 

Emerge quindi come il settore manifatturiero sia un target in crescita per gli attacchi cyber, sia nel mondo che in Italia. Una situazione che porta a riflettere: “Sicuramente tutti i settori che non hanno la tecnologia come proprio core business sono più a rischio. In Italia la manifattura è molto rappresentata e i cyber criminali lo sanno”, ha commentato Scozzari.

Contestualizzando il fenomeno, Faggioli ha spiegato che “i dati presentati dall’Osservatorio cybersecurity & data protection del Politecnico di Milano ci dicono che la spesa in Italia nell’ambito della cyber security è salita a quasi 2 miliardi di euro, che rappresenta il più 18 per cento sull’anno precedente.

A fronte dell’aumento complessivo, l’Italia spende lo 0,1 per cento del PIL in cyber quando altri Paesi come Francia e Canada spendono il doppio e Regno Unito e Stati Uniti e USA spendono il triplo, in percentuale sul PIL. Ogni anno, da anni, è così: l’Italia arretra sempre di più come spesa complessiva e misure implementate. O si cambia direzione rapidamente, o il gap che si sta creando ocn gli altri Paesi sarà sempre di più”.

Pennasilico ha sottolineato che “l’elemento drammatico è che stiamo investendo di più, ma vediamo il numero degli incidenti aumentare”. 

Il Security Summit 2023

Il Rapporto Clusit sarà ufficialmente presentato il 14 marzo alle 9,15 in apertura del Security Summit. È possibile iscriversi a questo link per seguire l’evento.

Il Security Summit è in programma dal 14 al 16 marzo e prevede oltre 63 sessioni di approfondimento sui principali temi d’attualità legati alla cyber security, con gli specialisti del settore, rappresentanti delle imprese e dei centri di ricerca.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4