GDPR E SANITÀ

Lo scambio dati dei pazienti viola il principio di esattezza e integrità: la sanzione a un Centro medico

Un Centro medico ha scambiato i dati di due pazienti violando il principio di esattezza e integrità sancito dal GDPR. Per questo è stato sanzionato per 10mila euro dal Garante privacy che ha sottolineato l’obbligo, per le strutture sanitarie, di adottare misure tecniche e organizzative adeguate a garantire il rispetto della normativa privacy

Pubblicato il 18 Lug 2023

Tommaso Maria Ruocco

Cyber Analyst, Hermes Bay

Scambio dati dei pazienti

Un recente caso di violazione della privacy nel settore sanitario ha richiamato l’attenzione del Garante per la protezione dei dati personali che ha sanzionato per 10mila euro un Centro medico reo di aver scambiato i dati personali di due pazienti, violando così il principio di esattezza e integrità dei dati sancito dal GDPR.

Un provvedimento che ricorda a tutti che la tutela della privacy e la corretta gestione dei dati personali sono diventate questioni di estrema importanza nell’era digitale.

Scambio dati di due pazienti: il caso

L’incidente è stato scatenato dal reclamo presentato da un paziente presso il centro medico Camedi S.r.l. Secondo quanto riportato, il paziente ha continuato a ricevere periodicamente messaggi di promemoria per visite mediche che non aveva mai richiesto sul suo numero privato.

Inoltre, durante la compilazione della dichiarazione dei redditi precompilata, ha scoperto l’esistenza di fatture emesse con il suo codice fiscale per prestazioni mediche mai effettuate, per un totale di circa 4.000 euro.

Nonostante i ripetuti tentativi di risolvere il problema con il Centro medico, il paziente non ha ottenuto alcuna soluzione soddisfacente.

Il reclamo presentato ha attirato l’attenzione del Garante per la protezione dei dati personali, che ha avviato un’indagine sull’incidente.

Nel corso dell’istruttoria, sono emerse informazioni importanti riguardanti la gestione dei dati all’interno del Centro medico.

Secondo quanto dichiarato dal Centro, nel loro database erano presenti due pazienti omonimi, ovvero il paziente reclamante e un altro individuo. A causa di questa omonimia, il codice fiscale e l’indirizzo di residenza sono stati erroneamente attribuiti al paziente reclamante, causando l’emissione di fatture errate e l’invio di messaggi di promemoria non richiesti.

Di fatto, secondo le informazioni fornite dal Garante, il reclamante ha evidenziato che “da uno scambio PEC è emerso che presso il Centro medico Camedi s.r.l. segue un paziente mio omonimo e che tutto quello che riguarda le sue prestazioni viene segnalato a me (ecco il perché dei continui SMS di appuntamento) e anche le sue fatture vengono attribuite al mio codice fiscale”.

Violato il principio di esattezza, integrità e riservatezza dei dati

Questo caso di omonimia evidenzia la complessità legata alla gestione dei dati personali, in particolare quando sono coinvolti pazienti con lo stesso nome e cognome.

L’indagine condotta dal Garante ha rivelato numerose violazioni da parte del Centro medico.

Innanzitutto, è emerso che il trattamento dei dati personali dei pazienti è stato effettuato senza rispettare il principio di esattezza, integrità e riservatezza dei dati, come stabilito nell’articolo 5, paragrafo 1, lettere d) e f) del Regolamento.

I dati dei due pazienti omonimi non sono stati registrati correttamente nel database, portando a un’errata attribuzione delle informazioni personali e alla comunicazione di dati relativi alla salute senza un idoneo presupposto giuridico.

Queste azioni hanno violato i principi fondamentali del Regolamento europeo e degli obblighi di sicurezza in materia di protezione dei dati.

A seguito delle violazioni riscontrate, il Garante ha deciso di sanzionare il centro medico con una multa di 10.000 euro.

Tuttavia, è importante sottolineare che la sanzione finanziaria non è l’unico aspetto rilevante in questo contesto.

La reputazione del Centro medico potrebbe essere compromessa a causa di questa violazione della privacy.

Inoltre, il paziente reclamante ha subito disagi significativi a causa delle fatture errate e dei messaggi di promemoria indesiderati, sulla base dei quali non risulta mai semplice stabilire un risarcimento economico adeguato.

Dopo l’incidente, il Centro medico ha affermato di aver preso misure correttive per affrontare il problema dell’omonimia nel loro sistema di gestione dei dati. Hanno introdotto una nota di attenzione nel loro database per prevenire errori simili in futuro.

Hanno anche comunicato con il paziente omonimo per chiarire la situazione e correggere la compilazione della dichiarazione dei redditi precompilata. Inoltre, hanno collaborato attivamente con il loro commercialista e l’Agenzia delle Entrate per risolvere il problema delle fatture errate presenti nel cassetto fiscale del reclamante.

Cosa impariamo in tema di rispetto della normativa privacy

Il principio di esattezza e integrità dei dati personali rappresenta un elemento fondamentale nella tutela della privacy e dei diritti degli individui.

Esso sottolinea l’importanza di garantire che i dati personali siano accurati, completi e aggiornati, al fine di evitare informazioni errate o obsolete che potrebbero avere conseguenze negative per gli interessati.

La violazione del principio di esattezza e integrità dei dati personali può comportare conseguenze negative a livello individuale e organizzativo:

  • a livello individuale, gli interessati possono subire danni finanziari, reputazionali e emotivi a causa di informazioni errate o non corrette che possono essere utilizzate per scopi illeciti;
  • a livello organizzativo, le violazioni dei dati possono portare a sanzioni amministrative, perdita di fiducia da parte dei clienti e danni alla reputazione dell’organizzazione coinvolta.

Inoltre, l’accuratezza dei dati personali è cruciale nel contesto delle decisioni automatizzate e del machine learning. Se i dati di partenza sono inaccurati o incompleti, le decisioni basate su di essi possono portare a risultati distorti e discriminatori, con conseguenze negative per gli individui interessati.

Pertanto, è fondamentale che le organizzazioni e le strutture sanitarie adottino misure adeguate per garantire l’esattezza e l’integrità dei dati personali.

Ciò implica l’implementazione di procedure di verifica e aggiornamento dei dati, la formazione del personale sulla corretta gestione dei dati e l’adozione di misure tecniche e organizzative per garantire la sicurezza e l’integrità dei sistemi di gestione dei dati.

Conclusioni

Il caso del centro medico Camedi S.r.l., che ha portato alla violazione dei principi di esattezza e integrità dei dati personali, si inserisce in un contesto più ampio di preoccupazione per la protezione dei dati nell’ambito sanitario.

Secondo dati e statistiche disponibili, l’ambito sanitario rappresenta un settore particolarmente sensibile dal punto di vista della gestione dei dati personali.

Le informazioni mediche e sanitarie sono considerate dati sensibili, e la loro divulgazione impropria o il trattamento non autorizzato possono avere conseguenze significative per la privacy degli individui.

Tra le violazioni più comuni rilevate dal Garante in ambito sanitario vi sono l’accesso non autorizzato ai dati personali dei pazienti, la mancata adozione di adeguate misure di sicurezza informatica, la comunicazione errata o non autorizzata di informazioni sanitarie, e l’attribuzione erronea di dati personali a individui omonimi.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4