BILANCIO 2022

GDPR: diminuiscono le sanzioni, ma le Big Tech rimangono al centro dell’attenzione

Nell’anno appena trascorso, le imprese dell’UE sono state multate per oltre 830 milioni di euro per violazioni del GDPR, con Meta che ha pagato oltre l’80%. Per il 2023 è facile prevedere che gli sforzi delle Autorità saranno ancora accentrati sulle Big Tech sia per il trattamento dati sia per la corretta regolamentazione dei mercati digitali

Pubblicato il 04 Gen 2023

Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Secondo un’analisi condotta da Atlas VPN sui dati statistici di Enforcement Tracker le Autorità europee, nel 2022, hanno erogato oltre 830 milioni di euro di sanzioni per violazioni accertate del GDPR.

Le sanzioni, inoltre, si concentrano prevalentemente nel terzo trimestre del 2022 (al pari di quanto accaduto nel 2021), con multe per oltre 430 milioni di euro, e nel quarto trimestre, con oltre 303 milioni di euro.

Si tratta di una somma certamente rilevante, ma al tempo stesso del 36% inferiore all’importo complessivo corrisposto nel 2021, sempre per violazioni della normativa sulla privacy, pari a 1,3 miliardi di euro. La riduzione complessiva delle sanzioni potrebbe costituire un segnale di come l’attività sin qui svolta abbia contribuito ad incrementare l’attenzione dei titolari sul tema della protezione dei dati personali, andando conseguentemente a ridurre l’importo medio delle violazioni accertate (si pensi, inoltre, come spesso nelle more della conclusione di un’indagine le società provvedano a porre rimedio anticipatamente alle contestazioni sollevate dalle autorità, secondo una logica di piena cooperazione e collaborazione con quest’ultime).

Appare opportuno rilevare come la panoramica resa da Enforcement Tracker si basi sui dati resi pubblici: motivo per il quale gli importi indicati risultano certamente inferiori al reale ammontare delle sanzioni erogate dalle autorità europee. Ciononostante, detti dati appaiono comunque interessanti al fine di comprendere in che direzione si sta muovendo l’operato delle autorità e l’efficacia del GDPR a ormai 4 anni di distanza dalla sua entrata in vigore.

È interessante osservare, inoltre, dallo studio condotto da Atlas VPN, come l’applicazione della normativa sulla tutela dei dati personali non sia limitata al solo GDPR: a livello globale, infatti, si registra un totale di 2,83 miliardi di euro corrisposti a fronte di 1.401 casi resi pubblici per violazione delle leggi sulla protezione dei dati.

Peraltro, degli 830 milioni riscontrati, ben oltre 670 milioni sono riferibili alla sola Meta: dato, questo, non solo nuovo rispetto agli anni precedenti, ma che certamente rende un’idea chiara di come le autorità abbiano focalizzato le proprie attenzioni e risorse sulle grandi società del web e, in particolare, su Meta, che da anni si trova al centro di un complicato dibattito inerente alle modalità di trattamento dei dati dei propri utenti.

L’intreccio tra i diritti degli utenti e le regole del mercato digitale

GDPR: Meta al centro dell’attenzione

Come anticipato, nel corso del 2022 assoluta protagonista, nell’attività di accertamento delle violazioni del GDPR da parte delle autorità europee, è stata Meta. La società fondata da Mark Zuckerberg, infatti, nel corso del 2022 si è vista sanzionare per oltre 630 milioni di euro, di cui 405 riconducibili ad una singola multa irrogata dalla Data Protection Commission (DPC) irlandese il 5 settembre 2022.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity

L’indagine che ha portato all’irrogazione della pesante sanzione, durata 2 anni, aveva ad oggetto la verifica della conformità dei trattamenti dei dati personali degli utenti minori di età sulla piattaforma e, in particolare, si focalizzava su:

  1. base giuridica prescelta per il trattamento continuativo dei dati personali di detti utenti minorenni;
  2. misure di sicurezza applicate alla piattaforma e/o restrizioni previste per i contenuti in base all’età dell’utente;
  3. rispetto del principio di trasparenza applicato agli utenti minorenni;
  4. rispetto del principio di privacy by design e by default.

A seguito dell’indagine, veniva riscontrato come le funzionalità della piattaforma – quando applicate ai minori di età – non garantivano la corretta tutela dei loro dati: a titolo esemplificativo, si consentiva di passare in modo piuttosto semplice da un profilo privato ad un profilo business, rendendo così pubblici e maggiormente esposti gli indirizzi e-mail ed i numeri di telefono anche degli utenti minorenni.

Ancora, a marzo del 2022, Meta si era nuovamente vista multare per 18,6 milioni di dollari per non aver correttamente registrato una serie di violazioni di dati intercorse nel 2018 e che portarono alla diffusione di circa 30 milioni di utenti di Facebook.

Nel novembre del 2022, inoltre, l’Autorità garante irlandese aveva sanzionato nuovamente Meta per circa 265 milioni di euro, in virtù della riscontrata violazione dei principi di privacy by design e by default negli strumenti di Facebook Search, Facebook Messenger Contact Importer e Instagram Contact Importer. Alla sanzione pecuniaria erano stati affiancati anche un rimprovero e un ordine, che imponevano a Meta di rendere conforme il trattamento dei dati personali mediante l’attuazione di una serie di attività correttive specifiche entro una scadenza determinata.

Appare opportuno rilevare, ad ogni buon conto, come l’attività ispettiva delle Autorità Garanti abbia poi sempre stimolato una crescita delle grandi piattaforme social, che hanno provveduto, di volta in volta, a adeguare i propri processi di trattamento alle prescrizioni imposte dalle Autorità medesime.

Tutela dei dati personali e altri diritti: ecco perché servono contemperamento ed equilibrio

Il trend per il 2023

Alla luce dei dati sin qui esposti, può evincersi come anche per il 2023 gli sforzi delle autorità – in particolare dell’Autorità Garante irlandese – saranno ancora accentrati sulle grandi aziende tecnologiche, come Meta, Google, Amazon, Microsoft ed Apple, sotto vari fronti, sia legati al trattamento dei dati personali che alla corretta regolamentazione dei mercati digitali.

Nei giorni scorsi, peraltro, CNIL, autorità garante francese, ha annunciato di aver sanzionato Microsoft per la rilevante somma di 60 milioni di euro, a seguito di un reclamo che aveva ad oggetto l’utilizzo dei cookies su Bing, motore di ricerca proprietario di Microsoft.

Sulla scorta di quanto rilevato da CNIL nel corso del 2020 e del 2021, “quando gli utenti visitavano questo sito, i cookie venivano depositati sul loro terminale senza il loro consenso, mentre questi cookie venivano utilizzati, tra gli altri, per scopi pubblicitari”.

CNIL ha inoltre “osservato che non vi era alcun pulsante che consentisse di rifiutare il deposito di cookie con la stessa facilità con cui lo si accetta”.

Unitamente alla sanzione amministrativa, il comitato ristretto della CNIL ha anche emesso un’ingiunzione con penalità di mora, che impone alla società di raccogliere, sul sito “bing.com”, il consenso dei residenti in Francia entro il termine di 3 mesi, prima di poter depositare cookies e traccianti con finalità pubblicitarie sul terminale di questi ultimi, pena l’irrogazione di una penale moratoria ulteriore pari a 60.000 euro al giorno, per ogni giorno entro il quale non sarà dato corretto adempimento all’ordine avanzato.

Anche oltreoceano l’attenzione verso i temi di antitrust e privacy è sempre maggiore: in USA, Google ha da poco raggiunto un accordo transattivo per 29,5 milioni relativo alla raccolta dei dati di posizione degli utenti, che prevede, nel corso dei prossimi mesi, il perfezionamento delle impostazioni dell’account degli utenti, anche tramite la previsione di obblighi specifici posti in capo alla società.

Secondo quanto emerso dalle indagini avviate dai Procuratori Generali, infatti, Google continuerebbe a tracciare la posizione geografica degli utenti anche nell’ipotesi in cui vengono disattivate le impostazioni relativa alla cronologia delle posizioni all’interno del proprio profilo personale. Ciò rendeva di fatto impossibile disattivare la raccolta dei dati di geolocalizzazione, con beneficio per la società, che ne faceva uso per migliorare il proprio servizio di advertising. Google, in particolare, avrebbe fatto uso dei c.d. dark pattern, ossia delle pratiche (anche di interfaccia) volte ad “ingannare” l’utente.

Anche dette impostazioni sarebbero state comunque aggiornate dalla società nel corso delle indagini, al fine di venire incontro alle contestazioni sollevate dalle autorità.

Sulla scorta di quanto sin qui esposto, dunque, ben può affermarsi che anche nel 2023 l’attività delle autorità – non solo europee – sarà incentrata sulla verifica del rispetto dei principi generali del trattamento dei dati personali da parte delle grandi aziende del web, anche alla luce del crescente fermento normativo che sta caratterizzando il mercato digitale: a seguito dell’introduzione del GDPR, infatti, sempre più stati hanno adeguato la propria normativa ai principi europei, e congiuntamente è stata attivata un’azione legislativa volta anche a regolamentare il corretto funzionamento dei mercati (tra cui il DSA e il DMA).

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4