IL PROVVEDIMENTO

Discord, violate le principali disposizioni GDPR: dalla CNIL super multa da 800mila euro

Il Garante privacy francese ha sanzionato l’azienda di software Discord per aver violato alcuni dei principali obblighi imposti dal GDPR, con particolare riguardo al termine di conservazione dei dati e alle misure di sicurezza applicati ai dati personali stessi. Ecco cosa c’è in gioco

18 Nov 2022
C
Marina Rita Carbone

Consulente privacy

L’Autorità francese per la protezione dei dati, la Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés (CNIL), a seguito di un’indagine condotta nei confronti di Discord, ha sanzionato lo sviluppatore per mancata conformità al GDPR, per la rilevante somma di 800mila euro.

Nel corso dell’indagine, infatti, sono emersi diversi profili di criticità, connessi alla violazione dei principali obblighi imposti dal GDPR, con particolare riguardo al termine di conservazione dei dati ed alle misure di sicurezza applicati ai dati personali stessi.

“Il fatto che questa grossa società statunitense abbia violato alcune tra le più importanti disposizioni del GDPR rappresenta un chiaro segnale di quanta strada ci sia ancora da fare per far rispettare pienamente la normativa sulla data protection”, afferma l’Avv. Anna Cataleta, Senior Partner P4I – Partners4Innovation. “In particolare, tale sanzione rappresenta un forte meccanismo di contrasto alla leggerezza con cui spesso oltreoceano vengono trattati i dati personali dei cittadini UE. Ciò fa emergere come non sia bastata l’invalidazione del Privacy Shield da parte della Corte di Giustizia dell’UE, nel 2020, a mettere in guardia gli Stati Uniti sulla necessità di garantire il pieno rispetto dei diritti fondamentali di tutti gli individui, senza alcuna distinzione”.

Tuttavia, continua l’Avv. Cataleta, “è opportuno anche considerare che si avvicinano inesorabilmente i tempi per l’adozione del nuovo accordo UE-USA sui trasferimenti di dati personali, grazie alla firma da parte del Presidente Biden, il mese scorso, del relativo Executive Order, in ottica di implementazione del nuovo quadro sulla data protection tra UE e USA. Viene dunque spontaneo chiedersi se effettivamente tale nuovo accordo sarà portatore di una maggiore sensibilità nell’effettuazione delle attività di trattamento dei dati personali o se invece rappresenterà un goffo tentativo di riconciliazione destinato a essere lettera morta, come già prevedono alcuni importanti esponenti della privacy”.

Telemarketing molesto e ingannevole, Enel sanzionata da Antitrust

L’indagine condotta da CNIL

Come anticipato in premessa, l’indagine condotta da CNIL si è focalizzata sulle modalità di trattamento dei dati da parte di Discord Inc., società con sede negli Stati Uniti, titolare di una piattaforma omonima che fornisce un servizio di c.d. voice over IP (ossia un sistema che consente, mentre si sta utilizzando il computer, utilizzato in particolar modo dalle comunità di videogiocatori, per chattare online tramite il microfono o la webcam) e di messaggistica istantanea.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

La piattaforma consente ai propri utenti di creare anche dei server o delle stanze private all’interno delle quali condividere contenuti testuali, audio e video.

L’indagine ha avuto ad oggetto sia il sito web della piattaforma che l’applicazione mobile della stessa; nel 2020 CNIL ha altresì condotto una ispezione documentale tramite l’invio di un questionario alla società.

Come riporta la stessa CNIL all’interno del comunicato ufficiale reso sul proprio sito istituzionale, a seguito dell’avvio delle indagini nei confronti di detto servizio, il comitato ristretto (organismo dell’autorità responsabile dell’emissione di sanzioni) ha ritenuto che la società avesse violato diversi obblighi previsti dal GDPR, provvedendo così con l’irrogazione della citata sanzione di € 800.000.

Nella determinazione dell’ammontare della sanzione, l’Autorità ha tenuto conto, a fronte delle violazioni accertate, anche del numero delle persone coinvolte e degli sforzi comunque compiuti dalla società nel corso del procedimento per poter garantire la risoluzione delle criticità individuate, oltre che del fatto che il modello di business principale della società non consiste nell’utilizzo dei dati personali conferiti dall’utente, come indicato dall’art. 83 GDPR.

Più nel dettaglio, il CNIL ha accertato le seguenti violazioni da parte di DISCORD:

  1. mancata definizione e rispetto di un periodo di conservazione dei dati adeguato alla finalità;
  2. inosservanza dell’obbligo di informazione dell’interessato;
  3. mancata protezione dei dati per impostazione predefinita (by default);
  4. mancata garanzia della sicurezza dei dati personali;
  5. mancato svolgimento di una valutazione d’impatto sulla protezione dei dati.

La violazione del principio di limitazione della conservazione

L’art. 5 GDPR prevede che i dati personali debbano essere “conservati in una forma che consenta l’identificazione degli interessati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati”. Detto principio, viene identificato altresì come principio della “limitazione della conservazione”, e ha lo scopo di evitare che la conservazione dei dati e, dunque, il loro trattamento possa avvenire per tempi eccessivamente sproporzionati rispetto a quanto necessario, riducendo conseguentemente il rischio connesso al trattamento dei dati medesimi.

Nel caso di specie, il CNIL ha riscontrato che la società non aveva definito una politica precisa per il periodo di conservazione dei dati personali: all’interno del registro del trattamento esaminato, in particolare, il periodo di conservazione dei dati personali trattati non veniva addirittura menzionato.

“Pertanto”, si legge nel provvedimento, “i dati sono stati conservati per più di sei anni, data in cui è stato lanciato il servizio DISCORD”, e da allora “la società non ha effettuato alcuna cancellazione o archiviazione regolare dei dati al termine di un periodo definito”. Tale circostanza risulta particolarmente rilevante alla luce del fatto che “all’interno del database DISCORD ci sono 2.474.000 milioni di account di utenti francesi che non hanno utilizzato il proprio account per più di tre anni e 58.000 account che non sono stati utilizzati per più di cinque anni, senza che la società abbia fornito alcuna spiegazione o giustificazione specifica per mantenere questi account inattivi”.

A fronte di detta contestazione la società ha affermato di non disporre di una policy scritta relativa alla conservazione dei dati personali, ma di star provvedendo alla sua implementazione per eliminare gli account inattivi quando la società può concludere che l’utente ha abbandonato il proprio account. Nelle more della conclusione del procedimento, provvedeva poi all’adozione di una politica scritta in tal senso.

Il Comitato ristretto ha dunque accertato la violazione del principio della limitazione della conservazione, dando comunque atto dell’avvenuta implementazione di politiche conformi all’art. 5 GDPR.

La violazione dell’obbligo di trasparenza

La seconda violazione accertata da parte del CNIL riguarda l’omessa resa agli interessati delle informazioni contenute all’art. 13 GDPR, il quale afferma che il titolare ha l’obbligo di indicare nell’informativa il periodo di conservazione dei dati previsto.

Le linee guida sulla trasparenza ai sensi del regolamento (UE) 2016/679, che chiariscono le disposizioni dell’articolo 13, specificano poi che “il periodo di conservazione […] dovrebbe essere formulato in modo tale che l’interessato possa valutare, a seconda della situazione in cui si trova, quale sarà il periodo di conservazione in caso di dati specifici o in caso di finalità specifiche, saranno conservati per tutto il tempo richiesto dalla finalità legittima del trattamento. Se del caso, diverso devono essere menzionati i periodi di conservazione per le diverse categorie di dati personali e/o le diverse finalità di trattamento, compresi i periodi per scopi di archiviazione”.

Essendo l’informativa incompleta in merito al profilo della conservazione dei dati, in quanto non esistevano periodi o criteri specifici per determinarli, il Comitato ristretto accertava, dunque, la violazione degli obblighi posti in capo al titolare dall’art. 13 GDPR.

Violazione del principio di privacy by default

All’art. 25 par. 2 del GDPR si prevede che “Il titolare del trattamento mette in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire che siano trattati, per impostazione predefinita, solo i dati personali necessari per ogni specifica finalità del trattamento”.

Tuttavia, nel corso dell’indagine si è riscontrato che “l’utente deve eseguire diverse azioni per uscire dall’applicazione Discord su Windows e Linux. L’applicazione è configurata per rimanere attiva anche quando l’utente chiude la finestra principale […] il che permette di continuare a comunicare a voce senza occupare più spazio sul desktop del computer. Solo un piccolo indicatore [nella barra delle applicazioni] permette di capire che l’applicazione è attiva”.

Detta pratica, secondo quanto rilevato dal CNIL, non appare conforme al principio di privacy by default, in quanto, in assenza di informazioni sufficientemente chiare e visibili, presentava rischi significativi per gli utenti, potendo comportare un’intrusione nella loro privacy. Si accertava, pertanto, la violazione dell’art. 25 GDPR.

Nelle more dell’emanazione del procedimento, Discord provvedeva comunque all’implementazione di una finestra pop-up che avvisa gli utenti connessi ad un canale vocale che l’app Discord è ancora in esecuzione e che questi parametri possono essere modificati direttamente dall’utente.

La violazione delle misure adeguate di sicurezza

L’art. 32 GDPR pone in capo al titolare l’obbligo di implementare misure tecniche ed organizzative adeguate per garantire un livello di sicurezza dei dati personali adeguato al rischio connesso al trattamento posto in essere.

In relazione a detto profilo, l’Autorità rilevava che “durante la creazione di un account su DISCORD, è stata accettata una password composta da sei caratteri, comprese lettere e numeri. […] tali password, prive di sufficienti criteri di complessità e non associate ad alcuna misura di sicurezza aggiuntiva, non consentono di garantire la sicurezza dei dati personali trattati dalla società e di impedire l’accesso a tali dati da parte di terzi non autorizzati”.

In dette condizioni, dunque, considerati i rischi in cui incorrono i singoli utenti, il CNIL riteneva sussistente una violazione del principio contenuto nell’art. 32 GDPR, in quanto la politica di gestione delle password della società non era sufficientemente robusta e vincolante per garantire la sicurezza dei dati. Anche su detto punto, tuttavia, la società apportava una serie di modifiche volte ad allinearsi alle prescrizioni del GDPR.

La mancata conduzione della DPIA

L’art. 35 GDPR prevede che “ Quando un tipo di trattamento, allorché prevede in particolare l’uso di nuove tecnologie, considerati la natura, l’oggetto, il contesto e le finalità del trattamento, può presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, il titolare del trattamento effettua, prima di procedere al trattamento, una valutazione dell’impatto dei trattamenti previsti sulla protezione dei dati personali”.

Il considerando 91 del GDPR prevede, poi, che una valutazione d’impatto “dovrebbe applicarsi, in particolare, a operazioni di trattamento su larga scala che mirano a trattare un volume considerevole di dati personali a livello regionale, nazionale o sovranazionale, che possono interessare un numero significativo degli interessati […]”.

Nel caso di specie, si riscontrava la sussistenza di due dei criteri che potevano consentire di ritenere che il trattamento comportasse un rischio “elevato”:

  1. la raccolta di dati su larga scala;
  2. la raccolta di dati relativi a persone vulnerabili (trattando i dati di soggetti di età superiore ai quindici anni, da considerarsi dunque minori).

La società opponeva a detta contestazione un’interpretazione estesa del contenuto delle linee guida del WP29, non condivisa dall’Autorità, alla luce del numero degli interessati, del volume dei dati e/o della gamma delle diverse categorie di dati trattati, della durata dell’attività di trattamento dei dati e dell’estensione geografica dell’attività di trattamento.

Si accertava, dunque, la violazione degli obblighi previsti dall’art. 35 GDPR, posto che nelle more dell’emanazione del provvedimento la società provvedeva alla conduzione di due DPIA, trasmesse all’Autorità, dalle quali emerge che il trattamento non è suscettibile di creare un rischio elevato per i diritti e le libertà degli individui.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4