La normativa

Servizi online, linee guida EDPB per il trattamento dei dati

L’EDPB ha pubblicato le linee guida pensate per aiutare a gestire in modo corretto la protezione dei dati personali in relazione ai servizi online: raccolta del consenso, informativa, gestione dei dati

25 Ott 2019
M
Gianluigi Marino

Partner, Head of Data Protection practice at Osborne Clarke

Lo European Data Protection Board – EDPB ha pubblicato le Guidelines 2/2019 on the processing of personal data under Article 6(1)(b) GDPR in the context of the provision of online services to data subjects. Si tratta di linee guida in tema di base giuridica contrattuale in relazione a certi trattamenti di dati personali nell’ambito della fornitura di servizi online.

Non ci sono sensazionali novità, tuttavia trovo che siano utili come bussola per gestire alcuni aspetti di protezione dei dati personali in relazione all’offerta di servizi online, principalmente a livello di informativa privacy ma anche di raccolta del consenso e impostazione dei flussi di dati. Vediamo nello specifico di che cosa trattano.

Servizi online: il focus delle linee guida EDPB

Il tema principale del documento posto in consultazione pubblica nella primavera 2019 è quello dei limiti da porre alla base giuridica dell’articolo 6, primo comma lettera b) del GDPR e cioè quando il trattamento è necessario all’esecuzione di un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso. Essendo i servizi forniti online, occorre che il Titolare presti maggiore attenzione agli effetti che ogni trattamento ha sugli interessati, specialmente ove si tratti di categorie necessitanti maggior tutela, come i minori. È in questo
senso che l’art.5 GDPR deve essere interpretato : per poter pienamente garantire la liceità e la trasparenza del trattamento occorre valutare anche quali effetti lo stesso abbia sugli interessati, tenendo in considerazione in special modo le possibili conseguenze avverse che dallo stesso possono scaturire. Ciò assume maggiore rilevanza ove si consideri che nei contratti per servizi online si assiste molto spesso ad
una raccolta di dati sproporzionata rispetto alle finalità, anche grazie alle tecnologie attualmente in uso.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Fermo restando l’applicazione di tutti i principi fondamentali di cui all’articolo 5 del GDPR e le norme in materia di contratti (anche a distanza), le linee guida invitano a un’analisi delle varie finalità delle attività di trattamento in modo da selezionare la base giuridica più adatta e non cedere alla tentazione di far passare tutto o troppo come attività necessaria all’esecuzione del contratto con l’interessato.

Per l’applicazione della base giuridica di cui alla lettera b) dell’articolo 6, primo comma GDPR, bisogna innanzitutto valutare se, in relazione a una determinata finalità, il trattamento sia necessario e cioè, in altre parole, se vi siano alternative meno intrusive e realistiche per raggiungere l’obiettivo. La semplice menzione del trattamento in un contratto non è sufficiente a far rientrare lo stesso nelle finalità di cui all’art. 6 c. 1 lett. B. Dall’altro canto, tuttavia, il trattamento potrebbe essere oggettivamente necessario
anche se non se ne fa specifica menzione nel contratto. Ad ogni modo, il Titolare non può prescindere dagli obblighi di trasparenza di cui è onerato nei confronti
dell’interessato. La base giuridica di cui alla lettera b può applicarsi anche nel caso in cui l’interessato abbia avanzato delle richieste finalizzate all’eventuale conclusione del contratto. In questo caso, la finalità consisterà nel rispondere alle domande poste dall’interessato.

Un trattamento utile all’esecuzione del contratto, ma non necessario, non può trovare la sua ragion d’essere in questa norma. Tuttavia questo non significa che l’attività di trattamento non possa essere legittimamente effettuata. Significa invece che bisognerà trovare una base giuridica diversa e comportarsi di conseguenza (per esempio, in caso di necessità di un consenso specifico esso dovrà rispettare i requisiti previsti dall’articolo 7 ed eventualmente dell’articolo 8 oppure, in caso di legittimo interesse, dovrà essere svolta una valutazione di bilanciamento tra interessi del titolare e diritti e libertà fondamentali dell’interessato).

Ai fini della valutazione di necessità del trattamento per finalità contrattuali, le linee guida suggeriscono alcune domande che possono essere di aiuto: per esempio è utile interrogarsi sulle caratteristiche distintive del servizio online, sugli elementi essenziali del contratto, sulle reciproche aspettative delle parti contrattuali, su come il servizio viene pubblicizzato.

Ovviamente tutte queste considerazioni dovranno in qualche modo riflettersi in modo chiaro nell’informativa privacy. Spesso infatti si leggono informative dove l’interessato non riesce a ricollegare ad ogni finalità la base giuridica corrispondente.

Esempi e rapporto tra basi giuridiche differenti

Un esempio concreto, a dire il vero abbastanza semplice, di quanto sopra indicato è quello relativo al trattamento dell’indirizzo dell’interessato per la consegna di un bene a domicilio. Ove il bene venga ritirato presto un punto di consegna, appare evidente che l’informazione circa l’indirizzo di casa non sia più necessaria a fini contrattuali.

Ciò non significa però che il titolare non possa o debba conservarla per finalità ulteriori (per esempio obblighi di legge). A seconda dei casi, nell’ambito del medesimo contratto online, il titolare deve abbinare la base giuridica più adatta alla singola porzione di trattamento. Questo, oltre a una tutela per l’interessato, si traduce per il titolare in una garanzia di legittimità e corretto sfruttamento dei dati in linea con il GDPR.

Le linee guida affrontano anche il tema della risoluzione del contratto e del diritto alla cancellazione. Se da una parte, venendo meno il contratto, la base giuridica della lettera b) è chiaramente molto più difficile da applicare (per esempio ove vi fossero ancora pagamenti in sospeso), determinate attività di trattamento (e.g. conservazione) possono essere ancora perfettamente legittime sulla base di obblighi di legge.

E in questo caso, un’eventuale richiesta di cancellazione ai sensi dell’art. 17 comma 1 GDPR potrebbe non trovare seguito, ai sensi del terzo comma lettera b) e, sulla base di un legittimo interesse del titolare, anche lettera e). Le line guida offrono altri esempi, sempre piuttosto standard, circa il rapporto tra attività precontrattuali e basi giuridiche alternative al consenso (per esempio in tema di obblighi di adeguata verifica dei clienti da parte di intermediari finanziari regolati).

Quattro finalità delle linee guida EDPB sui servizi online

Lo European Data Protection Board, nell’ultima parte del documento, si occupa di quattro finalità “evergreen” collegate all’esecuzione dei contratti di servizi online: il miglioramento dei servizi stessi, la prevenzione di attività fraudolente, la pubblicità comportamentale e la personalizzazione dei contenuti.

Per ciascuna di queste le linee guida offrono ragionevoli spunti di riflessione per permettere di valutare se possano ricadere sotto l’ombrello della base giuridica contrattuale o meno. Se il miglioramento dei servizi e la prevenzione di attività fraudolente possono essere agilmente collegati a un legittimo interesse del titolare (la prevenzione delle attività fraudolente in determinati casi può anche essere un obbligo di legge), la pubblicità comportamentale difficilmente potrà essere legittima in mancanza di un consenso.

Di particolare interesse l’apertura circa la personalizzazione dei contenuti che in determinate circostanze può (la cautela dello European Data Protection Board fa sì che quel “may” sia sottolineato ben due volte) essere considerata necessaria ai fini dell’esecuzione di obbligazioni contrattuali.

Si pensi per esempio al caso di un servizio di aggregazione di news online basato sugli interessi dell’utente. D’altro canto, una profilazione non collegata alla richiesta del servizio in quanto tale, molto difficilmente potrebbe fondarsi sulla base giuridica contrattuale di cui alla lettera b) dell’articolo 6, primo comma del GDPR. Questo ovviamente ha un impatto pratico evidente perché si traduce nell’obbligo di considerare se e come richiedere un consenso.

Conclusioni

In sintesi, il testo in consultazione fino al prossimo 24 maggio è un utile esercizio di analisi dei data flow e delle finalità delle attività di trattamento in ambito online che deve però avere una fondamentale appendice: la messa in atto di tutte quelle azioni previste dalla legge e richieste dal principio di accountability al fine di dare sostanza alle analisi svolte, tutelare in modo concreto gli interessati e procedere serenamente con il proprio business massimizzando le opportunità di sfruttamento dei dati personali nei limiti di legge.

Vedremo se all’esito della consultazione pubblica, lo European Data Protection Board avrà modificato e in che misura il testo attualmente disponibile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr