ADEMPIMENTI PRIVACY

Token di terze parti, ecco come gestirli alla luce della data protection

Approfondiamo il modo corretto di gestire i token di terze parti in piena compliance con la normativa sulla privacy, analizzando la loro natura e come funzionano

27 Mar 2020
D
Federica Domenici

Compliance Consultant – Data Protection Officer

I
Giuseppe Iuculano

CEO @ CTMobi, CTO @ Digital360

Per capire come gestire i token di terze parti, è utile comprendere a fondo cosa accade quando in un’applicazione effettuiamo il login o registrazione veloce con servizi di terze parti (come per esempio i social network). Analizziamo la situazione, anche alla luce della data protection.

Che cos’è un token di terze parti

Il token tecnicamente è una stringa con caratteri pseudocasuali necessaria per effettuare una autenticazione e tramite la quale è possibile anche avere accesso ai dati dei nostri utenti sulla piattaforma attraverso la quale hanno effettuato il log in.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Supponiamo che il signor Rossi voglia registrarsi alla nostra nuova app e attratto dal “Login con Facebook” si registri tramite Facebook perché sa che generalmente con questa modalità la registrazione o il login è più veloce.

Al signor Rossi apparirà a questo punto una finestra esterna in cui Facebook gli chiederà di accettare che i suoi dati vengano resi accessibili alla nostra applicazione. Se accetta, la nostra applicazione riceverà una callback con il token e le informazioni dell’utente.

In questo meccanismo, il social è come se facesse da “garante” poiché ci assicura che l’utente Rossi è proprietario della sua e-mail (Facebook ha già verificato l’e-mail alla registrazione).

Quando memorizzare il token dell’utente nel nostro database

Per capire se dobbiamo memorizzare il token occorre avere chiaro a cosa serve il token. Un errore ricorrente che noto spesso durante i security assessment è la memorizzazione del token sul database dell’applicativo senza nessun reale motivo.

Se il token ha il solo scopo di validare l’autenticazione e la registrazione, non occorre salvarlo sul database semplicemente perché generalmente non servirà (o non dovrebbe servire) al server.

Quando occorre memorizzarlo? Quando lato server si dovranno effettuare operazioni di lettura o scrittura per conto dell’utente (ad esempio messaggi automatici in bacheca Facebook ogni qualvolta compio un’azione).

In questo caso ovviamente è buona norma cifrare il token nel proprio DB in modo da evitare abusi in caso di incidente e tutelare la privacy dei nostri utenti. Occorre infatti tenere sempre a mente che tramite quel token è possibile avere accesso ai dati dei nostri utenti su Facebook.

Come assicurare la compliance alla normativa privacy

L’utilizzo del social login è sempre più diffuso e presente pressoché in tutte le applicazioni. chiunque sviluppi una app ritiene fondamentale questo strumento in quanto riduce notevolmente i tempi per la registrazione e l’autenticazione, comportando quindi anche un aumento del numero degli utenti i quali, ormai abituati al social login, preferiscono le app che permettono una registrazione più rapida rispetto ad app che ne sono sprovviste e quindi richiedono più tempo per l’inserimento dei dati di registrazione oltre a presupporre che l’utente memorizzi l’ennesimo username e password.

È sicuramente possibile adottare questo strumento assicurando nel contempo la compliance, vediamo come.

Come per ogni trattamento il Titolare dovrà, in prima battuta, garantire il rispetto disposizioni dei principi generali del trattamento di cui all’art. 5 del GDPR, ovvero dovrà essere in grado di dimostrare, tra gli altri, la proporzionalità, la liceità, la minimizzazione dei dati, la limitazione della conservazione, l’integrità e riservatezza dei trattamenti posti in essere.

Per il caso in cui il token sia utilizzato in maniera corretta, e quindi non memorizzato se non necessario, gli adempimenti di compliance sono individuabili nel fornire una informativa all’utente circa il trattamento di dati che avviene tramite il login, effettuare una valutazione dei rischi e quindi considerare la necessità di una valutazione di impatto privacy, inserire il trattamento nel registro, sottoscrivere un Data Protection Agreement con i soggetti che forniscono il log in o servizi collegati, formare ed autorizzare i dipendenti a tale trattamento.

È dall’altro lato interessante analizzare i risvolti sul piano della compliance per i casi, ad oggi purtroppo ancora frequenti, in cui il token, creato per le sole finalità di registrazione ed autenticazione dell’utente, venga conservato nei DB e tale conservazione avvenga per di più “in chiaro”.

Quello che molto spesso non viene compreso da sviluppatori e soggetti proprietari di app è che la conservazione del token in chiaro nei DB, del Titolare o del suo Responsabile, comporta un trattamento di dati non proporzionato alla finalità di permettere la prima registrazione e gli accessi successivi.

Si deve sempre tenere ben presente che il Titolare del trattamento, quindi il proprietario della app, è tenuto, a memoria dell’art. 26 del GDPR, a porre in essere misure tecniche ed organizzative adeguate per garantire ed essere in grado di dimostrare che il trattamento è effettuato conformemente alle disposizioni del GDPR.

Queste misure adeguate devono essere valutate già prima dell’inizio del trattamento stesso e mantenute ad un livello adeguato per tutto il trattamento, quindi nel rispetto dei principi di privacy by design e by default.

Ed è evidente che la conservazione in chiaro nei DB non è conforme a nessuno di questi due ultimi principi. È sufficiente effettuare una sommaria valutazione dei rischi per comprendere quanto sia alta l’esposizione agli stessi e quanto gravi siano le conseguenze di un’eventuale data breach.

Un esempio pratico

Quali conseguenze potrebbe avere, ad esempio, la perdita di dati che consenta ad un terzo l’accesso all’account Google di un singolo utente? Questa violazione è potenzialmente in grado di fornire al terzo la possibilità di accedere ad una miriade di dati personali ed informazioni dell’interessato, come mail, calendario, contatti, foto, eventuali note che possono contenere qualsivoglia tipo di dato o informazione, anche credenziali bancarie o di altra natura.

In questo caso dovranno porsi in essere tutti gli adempi previsti in caso di data breach, ovvero entro 72 ore, dal momento in cui si sia venuti a conoscenza della violazione, notifica all’Autorità Garante per la protezione dei dati e notifica agli interessati.

A seguito della notifica, la quale è obbligatoria nel caso in cui dalla violazione possano derivare rischi per le libertà ed i diritti degli interessati, il Garante può prescrivere misure correttive qualora rilevi una violazione delle disposizioni del GDPR, ovviamente anche con riguardo all’adeguatezza misure di sicurezza tecnico-organizzative poste in essere.

Nel caso in cui l’utente riesca a dimostrare di aver subito un danno materiale o immateriale dalla violazione saranno il Titolare, proprietario della app, e il suo Responsabile, sviluppatore, a doverne rispondere risarcendo l’interessato.

Ed in considerazione dell’inversione dell’onere della prova prevista dall’art. 82 del GDPR questi dovranno dimostrare che l’evento non gli è in alcun modo imputabile: come possono liberarsi da tale responsabilità nel caso finora analizzato? In che modo possono dimostrare di aver posto in essere tutte le misure di sicurezza adeguate?

È evidente che non potranno dimostrare la mancanza nesso tra le loro azioni (trattamento) ed il danno subito dagli interessati, e rischiano in tal modo di dover sborsare risarcimenti a migliaia se non milioni di utenti/interessati fruitori della loro app, oltre al rischio della sanzione da parte delle Autorità garanti ed all’esposizione mediatica.

Conclusione

In conclusione, evitare di incorrere in risarcimenti, sanzioni ed esposizioni mediatiche è possibile se già nella fase di progettazione di una applicazione mobile si prendano come punti di partenza i principi della privacy by design e ci si pongano continuamente interrogativi ogni qual volta un’azione posta in essere comporti un trattamento di dati, i quali possono essere risolti ponendosi domande del genere “è proporzionato il trattamento?” “ho valutato tutti i rischi e posto in essere le misure adeguate per mitigarlo?”, ed ovviamente rivolgendosi a specialisti della materia che sappiano fornire le giuste indicazioni.

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr