DATI PERSONALI

Privacy e credit management: equilibri e bilanciamenti

L’attività di recupero stragiudiziale del credito impone a chi la esercita di destreggiarsi abilmente all’interno di un terreno scivoloso: come spesso invocato dal GDPR, occorre bilanciare i diritti di tutte le parti coinvolte nelle attività di trattamento. Ecco gli equilibri e i bilanciamenti in ambito privacy e credit management

Pubblicato il 18 Ott 2021

C
Vittorio Colomba

Avvocato esperto di diritto delle nuove tecnologie - SC Avvocati Associati

L’economia moderna ha visto crescere, spesso in modo disordinato e irrazionale, un fiorente mercato del credito, cui ricorrono costantemente sia le imprese che i consumatori: in questo scenario hanno assunto un ruolo di primaria importanza i concetti di privacy e credit management.

Privacy e credit management: lo scenario

La storia è nota: debiti su debiti, contratti non solo per acquistare beni e servizi essenziali, ma sempre più spesso finalizzati alla fruizione di utilità accessorie, quelle che gli esperti ricondurrebbero alla categoria dei cosiddetti “beni di consumo emozionale”.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Nella più assoluta fisiologia, gli inadempimenti sono cresciuti proporzionalmente ai debiti.

Tuttavia, le crisi economiche che nel corso di pochi anni si sono accavallate senza tregua hanno aggravato il sistema, fino alle note conseguenze: esplosione delle sofferenze, crisi del sistema bancario, una mole semplicemente incalcolabile di crediti da recuperare.

Una buona attività di recupero crediti – anche quella fuoriuscita dal perimetro degli avvocati ed esercitata dalle società specializzate nella gestione stragiudiziale – è diventata strategica e di fondamentale importanza per la tenuta economica stessa del Paese.

Si tratta, tuttavia, di un’attività tanto importante quanto delicata, perché potenzialmente in grado di incidere sulla dignità e la riservatezza delle parti coinvolte: debitori cercati a domicilio, inseguiti per telefono, raggiunti per posta.

L’individuazione del limite che separa l’esercizio delle facoltà del creditore dalla violazione dei diritti del debitore è piuttosto labile e non sempre semplice da cogliere.

Il punto di partenza del ragionamento non può che trarre origine dalla nostra Carta Costituzionale, che nella sua gerarchia di valori si propone di offrire adeguata tutela alla dignità delle persone fisiche rispetto all’iniziativa economica privata.

È infatti l’art. 41 della Costituzione a riconoscere che l’iniziativa economica privata non possa svolgersi con modalità tali da recare danno alla dignità umana.

Si tratta di principi da coniugare con i diritti alla privacy ed alla protezione dei dati personali riconosciuti dall’art. 8 CEDU – e quindi in qualche modo anche dagli artt. 2 e 21 della Costituzione – per comprendere entro quali limiti debbano porsi i tentativi stragiudiziali di recupero crediti.

Il danno da violazione della privacy e della riservatezza

Ed è proprio su queste basi che si sono sedimentati i pareri e i provvedimenti delle Autorità europee (ad es. doc. web n. 1213644 del 30.11.2005 e il doc. web n. 2751860 del 10.10.2013 del GPDP italiano) e sono emerse significative pronunce giurisprudenziali di legittimità, (ad es. Cass. Civ. sent. n. 18783/2021 e Cass. Pen. sent. n. 29292/2019).

Il danno da violazione della privacy e della riservatezza, compreso quello eventualmente subito dai consumatori-debitori durante l’attività di recupero credito svolta in maniera non compliant, è definibile come danno non patrimoniale, risarcibile ai sensi degli artt. 2043, 2050 e 2059 c.c..

Ne consegue che l’ipotesi di risarcimento debba superare la verifica della “gravità della lesione” e della “serietà del danno”.

Anche in questo contesto, tuttavia, trova applicazione il bilanciamento tra il danno lamentato ed il principio di solidarietà previsto dall’art. 2 Cost., nonché il suo naturale corollario, consistente nel principio di tolleranza della lesione minima.

In sostanza, applicando all’attività di recupero crediti il nostro assetto ordinamentale, per essere concretamente risarcibile, una violazione deve offendere in modo sensibile la privacy, la riservatezza e la tranquillità del domicilio – inteso in senso lato – del debitore.

L’accertamento della rilevanza e non trascurabilità del danno subìto dal debitore è rimesso al giudice civile di merito, sicché la mera allegazione da parte del ricorrente-attore, che l’illecito trattamento dei suoi dati personali gli avrebbe procurato patimenti e sofferenze, potrebbe verosimilmente non essere sufficiente.

Un’asserzione generica, quindi, risulterebbe inidonea a fondare una richiesta di risarcimento, poiché per il riconoscimento del danno dovrebbero potersi misurare, in concreto, le conseguenze materiali, tutte da dimostrare (seppur anche tramite presunzioni) della condotta contestata.

Un mero richiamo all’apodittica lesione dell’interesse tutelato dall’ordinamento, avulsa dall’effettiva situazione del debitore, risulterebbe insufficiente ed inefficace.

Superati positivamente questi ostacoli, ed accertato l’an ed il quantum del danno da risarcire, la sentenza di condanna potrebbe colpire sia il titolare del trattamento che il suo eventuale responsabile, in tal senso obbligati in solido.

Nel mondo del recupero crediti si tratta di figure rivestite dal creditore-committente (titolare del trattamento) e dall’impresa di recupero crediti (responsabile del trattamento).

Riforma della riscossione, lo scambio di dati cambierà tutto in Italia: ecco come

Privacy e credit management: bilanciamenti normativi

La giurisprudenza, anche sulla scorta dei pareri espressi dall’Autorità Garante, ha ritenuto dimostrato un danno risarcibile (e quindi una violazione rilevante, non minima e neppure tollerabile) in alcune casistiche ormai scolastiche, ad esempio il tentativo di reperire informazioni sul debitore tramite vicini di casa, colleghi, datori di lavoro o familiari, con annessa rivelazione a tali soggetti delle finalità della ricerca, appunto consistenti nel tentativo di recupero del credito.

Sono stati, altresì, sanzionati gli atteggiamenti riconosciuti petulanti, di arrogante invadenza e intromissione continua e inopportuna, nella altrui sfera di libertà, pur sapendo di non fare cosa gradita, che sono stati perfino ricondotti a molteplici circostanze penalmente rilevanti, come ad esempio la violazione di domicilio (614 c.p.), molestie (660 c.p.) e addirittura minacce (612 c.p.).

Altre condotte rilevanti sono state riconosciute nell’utilizzo di sistemi che permettono di indirizzare solleciti di pagamento standardizzati e automatizzati su più fronti allo stesso debitore, vale a dire tramite chiamate pre-registrate, e-mail, messaggistica istantanea, e lettere spedite alla residenza.

L’Autorità GPDP italiana su tali sistemi automatizzati ha sollevato più di una qualche perplessità, laddove attraverso idonei accorgimenti tecnici – basati ad esempio anche su forme di autenticazione – non permettano l’accertamento dell’identità del destinatario con ragionevole certezza.

La comunicazione a soggetti diversi dal debitore dei dati personali relativi al suo stato d’inadempimento, interromperebbe la catena di legittimità del trattamento, salva la sussistenza di legittimi motivi, per esempio fondanti nell’apposita delega rilasciata dall’interessato a terzi, con l’incarico di trattare le ragioni del credito per suo conto.

In difetto di un simile presupposto di legittimità, l’addetto al recupero crediti realizzerebbe un vero e proprio data breach, da trattarsi secondo le rigide procedure previste dal GDPR.

Conclusioni

L’attività di recupero stragiudiziale del credito, in definitiva, impone a chi la esercita di destreggiarsi abilmente all’interno di un terreno straordinariamente scivoloso.

L’esigenza, così come spesso invocato dal GDPR, risiede nello sforzo di bilanciare adeguatamente i diritti di tutte le parti coinvolte nelle attività di trattamento.

Bilanciamento complesso, forse a tratti impossibile da raggiungere, ma che è senz’altro indispensabile inseguire.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr