L'analisi

Opt In e Opt Out nell’online advertising: ecco gli impatti privacy

I sistemi Opt In e Opt Out sono rilevanti nell’ambito dell’online advertising per le conseguenze relative alla data protection: vediamo in che modo funzionano e quali sono i risvolti legati alla protezione dei dati degli utenti interessati

Pubblicato il 24 Giu 2021

B
Federica Bottini

A&A Studio Legale

C
Simona Custer

Avvocato A&A Studio Legale - Data Protection Specialist

L’online advertising non può trascurare gli aspetti privacy dell’attività: importante quindi che vengano previsti appositi strumenti di data protection, per rendere il trattamento conforme al GDPR. Utile approfondire in questo contesto l’azione dei sistemi Opt In e Opt Out: vediamo come funzionano e quali sono i risvolti per i diritti degli interessati.

In generale il consiglio agli utenti, comunque, è quello di fare attenzione a cosa si clicca, leggendo sempre accuratamente la documentazione (termini e condizioni, oltre che informative privacy sul trattamento dei dati) e accettando i soli servizi realmente di interesse.

Come funziona l’Opt In

L’Opt In è un sistema che consente agli utenti di “accettare” un determinato servizio web, come ad esempio la profilazione, il marketing, la ricezione di newsletter. In questo modo l’utente da un lato “accetta” l’erogazione del servizio web prescelto e dall’altro acconsente affinché i propri dati vengano trattati. Se, però, sotto l’aspetto della protezione dei dati sono rigide le previsioni da attuare e rispettare al fine di garantire un lecito trattamento dei dati, sotto l’aspetto più strettamente contrattuale non può dirsi lo stesso.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Accade, infatti, spesso che gli utenti “accettino” l’erogazione dei servizi web senza prendere visione dei loro termini d’uso che, solo in alcuni casi, sono indicati in modo chiaro e puntuale, ma in tanti altri risultano celati all’interno di documenti corposi e di difficile comprensione per gli utenti, che si trovano quindi a compiere una scelta non del tutto consapevole.

Gli utenti, infatti, potrebbero ritrovarsi ad aver accettato servizi web che analizzino semplicemente e in modo aggregato il loro comportamento, come anche servizi più complessi, che grazie all’intelligenza artificiale consentano di prevedere, a livello statistico, le loro future interazioni (come nel caso dei più evoluti social network). Inoltre, potrebbero aver accettato la condivisione delle informazioni con soggetti terzi, diversi da quelli preposti all’erogazione del servizio.

Screen scraping, la tecnica del “raschiare” dati dai siti web: quanto è lecita e come tutelarsi

Gli accorgimenti privacy

Prima di consentire agli utenti di esprimere il proprio consenso al trattamento dei dati, il Titolare del trattamento – nello specifico la Società che eroga il servizio – ha l’onere di:

  • informarli in modo chiaro, semplice e trasparente circa gli elementi caratterizzanti il trattamento (quali, ad esempio, finalità, modalità, periodo di conservazione, trasferimento dei dati);
  • garantire che il predetto consenso sia, oltre che informato, anche libero, specifico e inequivocabile.

Il Titolare dovrà, quindi, avere cura di implementare sistemi che non prevedano:

  • caselle già spuntate, essendo sempre necessaria l’azione positiva o attiva degli utenti (Opt In);
  • un’unica casella per raccogliere il consenso al trattamento dai dati per il raggiungimento di più finalità (è fondamentale che per ciascuna finalità venga acquisito un distinto e specifico consenso);
  • l’Opt Out.

I sistemi dovranno poi permettere di memorizzare e conservare le manifestazioni di consenso prestate dagli utenti; il tutto nell’ottica del rispetto del principio di accountability. Sebbene, quindi, sia chiaro che il trattamento dei dati per finalità di marketing (tra cui rientra anche l’online advertising) debba fondarsi sull’Opt In, l’Opt Out non è un sistema completamente svanito.

Opt Out e le analogie con il silenzio assenso

L’Opt Out è l’operazione, inversa all’Opt In, attraverso cui un determinato servizio web viene erogato senza che gli utenti “accettino” alcunché. I dati, quindi, degli utenti vengono raccolti e trattati senza che questi forniscano uno specifico consenso, fintanto che non esercitino appunto l’Opt Out, opponendosi al trattamento e al loro utilizzo da parte del servizio web.

Sebbene sotto il profilo della protezione dei dati personali sia preferibile utilizzare sistemi di Opt In, quelli di Opt Out trovano però ancora una loro precisa applicazione sia nelle attività di marketing realizzate mediante l’uso del telefono o tramite posta cartacea, sia nel cd. soft spam purché siano soddisfatti alcuni e specifici criteri:

  •  l’attività di marketing venga effettuata utilizzando gli indirizzi e-mail forniti dagli utenti nel contesto della vendita dei prodotti / servizi;
  • che i servizi promossi siano analoghi a quelli della vendita 
  • che gli utenti non abbiano esercitato l’Opt Out inizialmente o in occasione di successive comunicazioni.

Fermo restando quanto affermato in materia di protezione dei dati personali, il sistema di Opt Out trova altresì un’analogia con l’istituto del “silenzio assenso” per cui si producono effetti giuridici pur in assenza di una specifica manifestazione di volontà. Tuttavia, nel nostro ordinamento tale istituto non è considerato regola idonea ai fini della stipulazione di un contratto.

Il silenzio, diversamente da quanto può dirsi con riferimento al comportamento concludente, non viene infatti considerato una forma attraverso cui la volontà negoziale può validamente manifestarsi, almeno in assenza di ulteriori elementi. Il silenzio non è, quindi, di regola idoneo ad integrare in sé una manifestazione di volontà, ancorché tacita.

Non si può tuttavia trascurare che la giurisprudenza ha individuato delle situazioni in cui anche il silenzio può validamente acquisire un rilievo in termini di consenso. Da un lato, infatti, vi sono circostanze in cui la parte è tenuta a formulare una espressa dichiarazione, in mancanza della quale nulla osta alla produzione di effetti giuridici (tale onere a carico della parte può derivare dalla legge, dagli usi, ma anche da un precedente contratto in essere tra le parti); dall’altro lato, le regole di correttezza e buona fede possono indurre a considerare che nell’ambito dei rapporti esistenti tra le parti il silenzio possa specificamente rilevare quale consenso. Senza trascurare la peculiarità di porre in essere un’attività compliance al GDPR, quanto appena esposto mostra un parallelismo tra la disciplina del trattamento dei dati personali in ambito marketing e la materia contrattuale.

I sistemi di DAA (Digital Advertising Alliance)

Appare evidente che le società di advertising hanno tutto l’interesse di continuare a raccogliere dati e informazioni degli utenti per elaborare statistiche, effettuare campagne pubblicitarie mirate in linea con le preferenze espresse e molto altro, non solo mediante l’utilizzo di sistemi di Opt In, ma anche mediante quelli di Opt Out. Al fine, però, di contenere tale fenomeno e prevenire attività di advertising troppo invasive, molti governi ed enti hanno iniziato ad esercitare pressioni nei confronti delle società di advertising, affinché attuassero maggiori cautele nell’esercizio delle proprie attività e fornissero maggiori garanzie agli utenti.

Così è nata la DAA (Digital Advertising Alliance) un’organizzazione indipendente senza scopo di lucro, guidata dalle principali associazioni commerciali di pubblicità e marketing, declinata poi per il Canada in DAAC e per l’Europa in EDAA. La DAA si è data il compito di stabilire e applicare pratiche privacy in tutto il settore della pubblicità digitale, fornendo agli utenti maggiore trasparenza sul trattamento dei dati personali raccolti e garantendo loro un sistema comune per effettuare un Opt Out.

Uno dei sistemi adottati dalla DAA per consentire quanto sopra è l’AdChoices, che vuole essere un punto di riferimento per tutti gli utenti web, i quali possono esercitare, nei confronti di oltre 100 società tecnologiche di advertising, il loro Opt Out.

In concreto, AdChoices comunica agli algoritmi di queste società di non utilizzare più i dati raccolti in precedenza dagli utenti, per fornire loro annunci pubblicitari mirati e basati sugli interessi espressi. Sul fronte prettamente tecnico queste indicazioni non vengono poi memorizzate su un database centralizzato e condiviso, ma sono unicamente salvate attraverso i cookies installati sui dispositivi degli utenti. È necessario, quindi, aggiungere un ulteriore elemento di tracciamento al browser per indicare di non voler più essere oggetto del precedente tracciamento.

_

Le autrici hanno ricevuto il supporto della web agency Wide S.r.l.

WHITEPAPER
Cloud pubblico: ecco la strada verso una maggiore sicurezza, scopri di più!
Cloud
ERP
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr