MODELLO PRIVACY

Marketing diretto e indiretto post Gpdr: come cambiano le strategie

Le attività promozionali non possono prescindere dall’analisi e dal trattamento di una serie di dati, personali e non, relativi ai clienti dell’azienda. Diventa fondamentale, quindi, il rispetto della normativa privacy per evitare sanzioni e danni reputazionali. I consigli per la GDPR compliance

08 Feb 2019
V
Luca Visconti

Associate Visconti Studio Legale

Non si può pensare di fare impresa senza fare marketing e non si può fare marketing senza considerare la privacy dei clienti. Soprattutto dopo il Gdpr.

Le attività promozionali non possono prescindere dall’analisi e dal trattamento di una serie di dati, personali e non, relativi ai clienti dell’azienda.

Età, sesso, luogo di residenza, preferenze. Questi sono solo alcuni dei dati personali utili a chi fa marketing, in modo da perfezionare e rendere più efficiente ogni azione e trasformare una persona interessata in un cliente dell’azienda.

Posto che già con il Codice Privacy (D.lgs. 196/2003) la compliance alla normativa doveva essere tenuta in considerazione, con il GDPR quest’ultima ha assunto un ruolo ancor più importante. Pensiamo non soltanto alle elevate sanzioni che si rischiano in caso di inadempimento, ma anche al potere in mano agli interessati di potersi rivalere direttamente contro l’azienda in caso di danni derivanti da un illecito trattamento, oppure, non meno importante, l’impatto reputazionale negativo che porterebbe una violazione.

Ma attenzione! Il Codice Privacy non è affatto andato in pensione, è più vivo che mai, essendo stato aggiornato e novellato dal D.lgs.101/2018, per cui, in ambito di trattamento di dati personali con finalità promozionali, è una fonte da tenere in considerazione.

Al fine di analizzare la normativa è importante fare una distinzione tra le attività di marketing diretto e indiretto.

Si parla di marketing diretto quando non vi è presenza di intermediari e di marketing indiretto quando tra il venditore ed il consumatore si frappongono alti soggetti.

Andiamo ad approfondire le due tipologie facendo attenzione alla normativa di riferimento.

Marketing diretto e soft spam

Ripetiamo che è marketing diretto quell’attività promozionale svolta dall’impresa senza la presenza di intermediari tra essa ed il cliente.

La base giuridica per effettuare questo tipo di attività, è essenzialmente il consenso. L’azienda, infatti, deve acquisire il consenso nei modi e nelle forme prescritte dall’art. 6 lettera A del GDPR e dai considerando 42 e 43.

WHITEPAPER
DATI: fonte imprescindibile per le aziende! PROTEGGILI e mantienili CONFORMI alle regole
Big Data
Sicurezza

Non è possibile utilizzare automaticamente e senza consenso i dati tratti da pubblici registri o già pubblici, ad esempio, su siti web.

Il consenso deve essere prestato per ogni finalità diversa di trattamento. Per la profilazione dell’interessato, ad esempio, è necessario richiedere un ulteriore consenso.

Si può derogare alla richiesta di consenso solamente quando ricorrono determinati presupposti:

  1. quando l’interessato è già cliente dell’azienda e solo per prodotti o servizi analoghi (cosiddetto Soft spam). In questo caso è necessario che l’interessato sia: già cliente del titolare del trattamento, abbia fornito i dati personali di contatto (ad esempio, l’indirizzo e-mail) nel contesto della vendita, i messaggi promozionali devono essere inviati direttamente dal titolare e non da terzi, devono riguardare prodotti e servizi analoghi a quelli già acquistati e bisogna offrire la possibilità al cliente di opporsi al trattamento in questione.
  2. nel caso in cui l’attività promozionale venga svolta attraverso telefonate con operatore o posta cartacea e l’interessato non si sia opposto.

In questo caso il Codice Privacy novellato, all’art. 130 comma 1 intitolato “comunicazioni indesiderate”, fa una sottile ma importante precisazione.

Tali comunicazioni, infatti, sono consentite nei confronti del contraente o utente che abbia prestato il consenso o che non si sia opposto. Bisogna fare molta attenzione, quindi, al soggetto interessato che non è “persona fisica” ma “utente o contraente”. L’ambito di applicazione di questa norma, quindi, si estende dalle persone fisiche anche alle persone giuridiche.

Al fine di opporsi a tale tipo di trattamenti è sufficiente che l’interessato si iscriva al Registro delle opposizioni, tenuto dalla Fondazione Ugo Bordoni, sia per le telefonate con operatore che, tra breve, anche per la posta cartacea.

Legittimo interesse: la base legale per il marketing

Il considerando 47 accenna alla possibilità che il trattamento per finalità di marketing diretto possa essere considerato legittimo interesse (art. 6 lettera F – GDPR).

Questo però non consente un trattamento indiscriminato di ogni dato personale per finalità di marketing diretto, attenzione. Il legittimo interesse del titolare va sempre bilanciato con i diritti e le libertà dell’interessato (in particolar modo se l’interessato è un minore) e inoltre bisogna tener conto delle ragionevoli aspettative dello stesso in base alla relazione tra i due.

Le linee guida dell’ex Wp29 ora European Data Protection Board (EDPB) sulle decisioni automatizzate e profilazione, aprono alla possibilità di basare anche la profilazione su un legittimo interesse del titolare, sempre che non prevalgano gli interessi del cliente.

Sicuramente in futuro si apriranno nuove possibilità di utilizzo di tale base giuridica ma, al momento, l’unica possibilità in relazione a trattamenti con finalità promozionali pare essere il soft spam (di cui abbiamo parlato prima).

In ogni caso, comunque, non si potrà fare a meno di racchiudere tutte le intenzioni e le modalità di trattamento all’interno di un’informativa chiara e ben visibile all’interessato e, qualora vengano trattati dei dati personali con legittimo interesse, offrire la possibilità di opporsi in maniera semplice a tale trattamento.

Marketing indiretto: le regole

Il marketing indiretto, invece, si presenta nel momento in cui vi siano intermediari tra l’azienda e l’interessato, ad esempio nel caso di inserzioni pubblicitarie sul web.

In questo caso i dati personali del potenziale cliente verranno gestiti direttamente dall’intermediario che, generalmente, li renderà disponibili all’azienda solo in forma aggregata e anonima.

Sarà onere dell’intermediario/titolare informare l’interessato dei trattamenti svolti e valutare attentamente le basi giuridiche con le quali legittimarli.

Qualora poi l’intermediario dovesse condividere i dati in maniera non anonima, dovrebbe ricorrere all’azienda ricevente come responsabile del trattamento ex art. 28, oppure stabilendo un rapporto di contitolarità redigendo un contratto e fissando obblighi e responsabilità di ciascuna parte.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr