PROTEZIONE DATI

La privacy come risposta alle sfide sociali, etiche e giuridiche della tecnologia: la relazione del Garante

La relazione annuale 2022 del Garante privacy ha ricordato i principali interventi dell’Autorità, con importanti spunti di riflessione sulla rilevante tematica del potere dell’innovazione e della solitudine digitale. E ricordando che la tutela dei dati personali è l’unica risposta alle sfide imposte della tecnologia

Pubblicato il 06 Lug 2023

Anna Cataleta

Senior Partner P4I – Partners4Innovation

La tematica del potere dell’innovazione e della solitudine digitale è stata al centro delle osservazioni raccolte durante la presentazione in Parlamento della relazione annuale 2022 da parte dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali.

Nel proprio discorso di presentazione della relazione, il Presidente dell’Autorità, Pasquale Stanzione, ha dato atto di come l’anno 2022 sia stato denso di sfide, soprattutto sotto il profilo sociale, etico, giuridico, persino democratico.

Il Presidente del Garante ha sottolineato come la sfida del passato fosse quella di “democratizzare” la privacy, emancipandola dalla dimensione tradizionalmente borghese del right to be let alone. Oggi, invece, è necessario rendere questo diritto il protagonista assoluto di uno sviluppo inclusivo e umanocentrico del digitale.

Le sfide del futuro saranno, come sempre, caratterizzate dalla necessità di regolamentare i progressi che la tecnologia porterà con sé, nell’ottica di garantire una costante e adeguata tutela della sfera dei dati personali.

Sintesi della relazione annuale 2022 del Garante privacy

Di seguito, una sintesi dei punti principali che sono stati toccati dal Presidente Stazione durante il discorso di presentazione della relazione annuale.

WHITEPAPER
Artificial Intelligence of Things: cos’è, come funziona e quali vantaggi offre
Robotica
Metaverso

Il rapporto tra tecnica e geopolitica

In primo luogo, è stata posta l’attenzione sul rapporto tra tecnica e geopolitica. Nello specifico, è stata messa a nudo l’importanza del crescente valore strategico geopolitico del primato sul digitale e dell’indipendenza tecnologica, considerando la significativa ipotesi di divieto (attualmente all’esame della Commissione europea) di utilizzo delle tecnologie offerte da Huawei per lo sviluppo delle reti 5G, nonché delle limitazioni imposte da alcuni Governi all’utilizzo di piattaforme cinesi e al divieto imposto dagli USA di esportazione di materiale hi-tech sensibile verso la Cina.

Il peso ingombrante dell’intelligenza artificiale

È stato, inoltre, espresso il timore derivante dalla delega agli algoritmi delle tragic choices in materia militare, evidenziando l’esigenza di delineare alcune linee di confine.

In un’ottica di spinta verso il futuro, particolare attenzione è stata rivolta verso l’opportunità di rendere l’intelligenza artificiale trustworthy, affidabile, soprattutto in un contesto in cui “la frequente tendenza alla deregulation finisce con il delegare alla legge del mercato e al potere dell’innovazione la definizione del perimetro di diritti e libertà”.

Da qui l’esigenza di stabilire un equilibrio nel rapporto tra Stato e mercato, persona e tecnica, libertà e innovazione, al quale le normative come Digital Markets Act, Digital Services Act e Data Governance Act stanno lavorando.

L’intenzione, infatti, è quella di discostarsi dal modello cinese di sorveglianza generalizzata e panottica, caratterizzato, tra le altre cose, dall’uso di sistemi di social scoring, i quali contribuiscono ad acuire il già presente divario sociale in alcuni contesti.

In tal senso, il nuovo Regolamento Ue sull’intelligenza artificiale ha introdotto limiti rigorosi rispetto alla congiunzione tra potere investigativo e potenza della tecnica, proprio per evitare di delegare all’algoritmo decisioni che possono avere, potenzialmente, un forte impatto sulle vite delle persone.

La tutela dei minori

Fondamentale, inoltre, proteggere i minori dai rischi sempre crescenti dell’uso della tecnologia. Nel caso di ChatGPT, l’intervento del Garante ha consentito di indirizzare lo sviluppo dell’AI generativa in una direzione compatibile con la tutela persona, contrastando lo sfruttamento dei dati personali.

Si ricorda anche il provvedimento adottato nei confronti del chatbot Replika, l’amico virtuale al servizio delle persone, capace di generare un’incidenza psicologica potenzialmente significativa, in particolare sui minori.

Nell’esigere il rispetto degli obblighi di trasparenza e di liceità, è fondamentale che il progresso non si affermi in danno alla persona, sacrificando diritti, ma promuovendo l’equilibrio tra l’iniziativa economica, l’innovazione e la tutela persona.

Nell’ambito dei neuro diritti, si ricorda che alla potenza della tecnica deve essere posto un limite etico e giuridico a tutela della dignità della persona per evitare il rischio di utilizzo di tecniche sempre più opache e quello di avere persone sempre più “trasparenti”, quasi come fossero di vetro, alla stregua di archivi di informazioni, liberamente accessibili a tutti.

Solitudine digitale e capitalismo delle piattaforme

In tema di solitudine digitale, si sta assistendo allo straniamento delle persone, le quali sono spesso rinchiuse nelle loro filter bubble, vittime di un pericoloso isolamento anche intellettuale e insensibili di fronte alle manifestazioni sempre più frequenti di episodi di violenza, le quali vengono spesso e volentieri esibite sui social media, alla strenua ricerca di una discutibile ed effimera visibilità

È stata, inoltre, menzionata la criticità del capitalismo delle piattaforme, riguardante la tendenza alla remunerazione del consenso al trattamento dei dati personali, la quale vede i dati personali come merce interscambiabile con un servizio offerto.

Il Garante si sta occupando di tale spinoso tema nell’ambito dell’istruttoria sull’uso dei cookie wall da parte di molte testate giornalistiche online, la quali subordinano l’accesso ai propri contenuti alla prestazione del consenso ad attività di profilazione o, alternativamente, al pagamento di un prezzo.

Attenti alla montizzazione della privacy

Ciò rende necessario delineare un confine più netto tra economia e monetizzazione della privacy.

Particolare attenzione è stata riservata al dilagare delle fake news e delle immagini non reali, ottenute tramite l’uso di strumenti di intelligenza artificiale (deep fake), volte a distorcere la percezione della realtà e capaci di alimentare un pericoloso “meccanismo auto confermativo che fa dipendere l’attendibilità delle informazioni dalla quantità di condivisioni ottenute”.

In tal senso, il Digital Services Act introduce una importante responsabilizzazione complessiva delle piattaforme, anche sotto il profilo della trasparenza e nell’ottica di maggiore protezione dei minori, spesso protagonisti di tristi episodi di cyberbullismo, revenge porn e rischiose challenge dal tragico epilogo.

È fondamentale, quindi, prevedere dei meccanismi affidabili di age verification, ossia di adeguata verifica dell’età dei minori.

Per fare ciò, il Presidente Stanzione, ha ricordato l’avvenuta stipulazione di un protocollo d’intesa tra il Garante Privacy e l’Agcom, per la promozione di un codice di condotta volto a definire efficienti sistemi di verifica età.

Il contrasto al telemarketing illegale

Il Presidente Stanzione ha, inoltre, fatto leva sul lavoro svolto dall’Autorità al contrasto delle pratiche illegali di telemarketing (telemarketing aggressivo) con l’applicazione di pesanti sanzioni, la maggior parte delle quali riguardanti l’uso senza consenso dei dati degli abbonati.

Non a caso, infatti, il Garante ha di recente promosso un codice di condotta per le attività di telemarketing e teleselling. Sul fronte dei diritti dei lavoratori, invece, è stata citata la significativa sanzione del Garante per l’accesso del datore di lavoro alla e-mail dell’ex dipendente, chiarendo come il lavoratore abbia diritto di conoscere i parametri utilizzati per programmare i sistemi automatizzati di valutazione delle prestazioni.

La tutela della salute e dei dati sanitari

Il Presidente Stanzione si è quindi soffermato sul delicato tema della necessità di garantire la riservatezza nell’ambito della tutela della salute e dei dati sanitari, con riguardo all’esigenza di tutelare tutte le informazioni strettamente connesse ai dati legati “al corpo e alle sue fragilità”, nell’ottica di garantire una protezione il più possibile completa.

Conclusioni

La relazione annuale del Garante privacy per l’anno 2022 mette in luce numerose tematiche (riguardanti l’uso dei dati in guerra, la tutela dei minori online, la bioetica all’intelligenza artificiale, la regolamentazione dei poteri privati delle Big Tech e molto altro), le quali andrebbero trattate e disciplinate con attenzione, così da rendere edotti i cittadini dei pericoli derivanti dall’evoluzione digitale, tra cui rientra la patologica deriva della solitudine digitale che tale progresso comporta.

Le sfide messe sul piatto all’interno della relazione annuale del Garante privacy evidenziano i punti oscuri del moderno mondo digitale.

Sfide che sono capaci, per la loro portata, di influenzare radicalmente i comportamenti umani e che, pertanto, necessitano di essere regolamentate, così da garantire la protezione dei diritti fondamentali delle persone in quanto tali.

WHITEPAPER
Dall’AI TRiSM all’Intelligent Communication: esplora i 6 nuovi IT trend del 2024
DevOps
Cloud migration
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3