DATA PROTECTION

La nuova legge svizzera sulla privacy: gli impatti per le aziende italiane

La nuova legge svizzera sulla protezione dei dati personali dispiega i suoi effetti anche al di fuori dallo Stato elvetico, obbligando le aziende italiane che nella loro attività trattano dati di persone fisiche svizzere a confrontarsi con gli adempimenti previsti in tale normativa. Ecco che c’è da sapere

Pubblicato il 27 Set 2023

Massimiliano Nicotra

Avvocato – Senior Partner Qubit Law Firm

Legge federale svizzera sulla privacy

Il primo settembre 2023 sono entrate in efficacia in Svizzera le modifiche alla legge federale sulla protezione dei dati personali (LPD) le cui modifiche erano state approvate dal Parlamento svizzero il 25 settembre 2020.

La Svizzera, giova ricordarlo, è uno dei Paesi aderenti alla Convenzione 108/1981, la prima a disciplinare il trattamento automatizzato dei dati personali, che era stata emendata con il Protocollo CETS:223 al fine di adeguarla ai principi europei sul trattamento dei dati personali introdotti con il Regolamento (UE) n. 679/2016 (GDPR).

La Svizzera, quale paese aderente alla Convenzione 108 e al Consiglio d’Europa aveva sottoscritto il Protocollo con ciò sostanzialmente impegnandosi ad adeguare la propria normativa interna alle nuove disposizioni della Convenzione.

In verità, le modifiche alla legge federale apportate nel 2020 non costituiscono l’unico riferimento normativo relativo alle regole per il trattamento dei dati personali in Svizzera, dato che sotto tale profilo assume importanza fondamentale anche l’Ordinanza sulla protezione dei dati (OPDa) del 31 agosto 2022, in cui sono indicate, tra l’altro, le misure di sicurezza richieste, e specificati alcuni obblighi indicati nella norma principale.

La norma sull’applicazione territoriale

Ciò che interessa, ai fini del presente articolo, è però l’ambito di applicazione territoriale della norma, che ricalca, ma non del tutto, quanto già previsto nel GDPR in tema di extraterritorialità.

Si ricorderà che il Regolamento Europeo per la prima volta ha sancito il principio della diretta applicabilità extra-UE delle previsioni in materia di privacy, statuendo che le regole nel medesimo previste sono applicabili anche ai titolari o responsabili non stabiliti nell’Unione Europea che effettuato trattamenti di dati personali che si trovano nell’Unione al fine o di offrire beni e servizi, anche gratuiti, agli stessi o di monitorare in maniera sistematica il loro comportamento, svolto all’interno dell’Unione stessa.

L’art. 3 della nuova LPD Svizzera contiene una previsione quasi analoga, ma di portata in verità più ampia.

La norma, rubricata “Campo d’applicazione territoriale”, stabilisce che “La presente legge si applica alle fattispecie che generano effetti in Svizzera, anche se si verificano all’estero”.

Già dalla semplice lettura della stessa emerge la maggior ampiezza rispetto alla previsione del GDPR: la norma Svizzera non contiene la specificazione circa la tipologia di trattamenti che devono essere svolti (offerta di prodotti o servizi e monitoraggio del comportamento), ma si applica a tutti i trattamenti di dati personali “che hanno effetti” in Svizzera, ovunque posti in essere.

Quindi, in primo luogo, qualunque tipologia di trattamento, indipendentemente dalle finalità per cui lo stesso è svolto, ricade nell’alveo della nuova LPD, anche se effettuato da un soggetto che non è stabilito in Svizzera.

L’elemento distintivo, ossia il criterio di collegamento territoriale effettivo, riprendendo i concetti del diritto internazionale privato, è che tale trattamento (o fattispecie, come definita dalla norma) “generi effetti in Svizzera”.

La locuzione non può certo dirsi del tutto chiara, dato che non è chiara la tipologia di effetti a cui la norma si riferisce.

Infatti, il concetto di “effetti” potrebbe essere interpretato in due modi: 1) effetti giuridici o 2) effetti fattuali.

Nel primo caso, ossia con un’interpretazione restrittiva che circoscriva l’applicabilità alle sole ipotesi in cui il trattamento produca effetti giuridici in Svizzera, ricadrebbero nell’ambito di applicazione della nuova LPD solo quelle ipotesi in cui dal trattamento scaturiscono effetti che producono la creazione, modifica od estinzione di una situazione giuridica soggettiva, o, da un punto di vista più generale, a cui la legge Svizzera riconduce la produzione di conseguenze verso una determinata persona.

Si pensi a servizi di credit scoring forniti da un soggetto estero a cui possono attingere le banche svizzere per erogare prestiti o finanziamenti: in tali ipotesi il trattamento potrebbe impedire la stipulazione di un contratto con la banca da parte di un cittadino svizzero, producendo direttamente un effetto giuridico in Svizzera.

Non rientrerebbero in tale ambito di applicazione quelle situazioni in cui il trattamento svolto all’estero non incide sulla posizione giuridica in Svizzera di un soggetto, ma spiega detti effetti al di fuori della stessa.

Tali ipotesi, potrebbero però rientrare nell’alveo di applicazione della norma qualora la si interpretasse come relativa ad effetti fattuali, ossia alla circostanza che detti effetti non necessariamente devono incidere sulla posizione giuridica della persona fisica in Svizzera, ma hanno elementi che territorialmente li ricollegano al Paese.

Si pensi, ad esempio, ai cookie di profilazione sulle piattaforme di social network (ma lo stesso ragionamento potrebbe valere per i siti di e-commerce o per qualsiasi altro servizio la cui esecuzione richiede di svolgere determinate attività in Svizzera). Il cookie è installato sul dispositivo dell’utente svizzero, e quindi si ha una situazione di fatto che è ricollegabile territorialmente al Paese, ma in verità non produce effetti giuridici in Svizzera, magari essendo mirata la profilazione a personalizzare gli annunci pubblicitari che egli vedrà sulla piattaforma social (normalmente erogata da server collocati in altri Paesi).

Se si tiene conto del solo effetto giuridico la fattispecie potrebbe non ricadere nell’ambito di applicazione della nuova LPD; se invece si considera l’interpretazione più estensiva degli effetti fattuali l’installazione del cookie sul dispositivo dell’utente determina tale applicabilità.

L’impatto per le imprese italiane

Date tali necessarie premesse e sospendendo per ora il giudizio circa la corretta interpretazione della locuzione contenuta nell’art. 3 LPD, per cui sarebbe necessario un intervento chiarificatore da parte delle autorità elvetiche, è evidente che le aziende italiane che offrono servizi a cittadini svizzeri devono cominciare a riflettere sulla portata della norma appena citata, dovendo nel caso porre in essere gli adempimenti dalla medesima richiesti.

Tali adempimenti, per i soggetti come le aziende italiane che operano al di fuori della Svizzera, ricomprendono:

  1. l’obbligo di fornire un’informativa, con i requisiti previsti dalla LPD, agli interessati;
  2. il rispetto dei principi stabiliti dalla norma (liceità, esattezza, finalità, buona fede, proporzionalità, limitazione della conservazione);
  3. la necessità di una base giuridica valida;
  4. il rispetto delle norme in materia di sicurezza (meglio enucleati nell’OPDa);
  5. l’individuazione per iscritto dei responsabili del trattamento;
  6. la nomina di un rappresentante in Svizzera. È opportuno evidenziare che tale nomina è obbligatoria solamente qualora il trattamento: 1) è finalizzato all’offerta di beni o servizi o alla profilazione; 2) è su grande scala; 3) è periodico; 4) comporta un rischio elevato per le persone interessate. Il rappresentante deve mantenere un registro apposito che può essere richiesto dall’autorità di controllo;
  7. lo svolgimento di una valutazione di impatto ove richiesta dalla normativa;
  8. la notifica dei data breach;
  9. consentire e dar seguito all’esercizio dei diritti previsti nella LPD in favore degli interessati.

Dall’elenco sopra riportato emerge chiaramente che gli adempimenti richiesti dalla nuova legge svizzera sono sostanzialmente analoghi a quelli previsti nel GDPR.

In alcuni casi, ad esempio lo svolgimento della valutazione di impatto o il rispetto dei principi e dell’obbligo di informativa, l’adeguamento da parte delle imprese italiane potrà essere svolto sulla falsariga di quanto già posto in essere per il GDPR.

A titolo di esempio basti riflettere sulla circostanza gli elementi per i quali l’art. 19 della LPD richiede di fornire una specifica informazione agli interessati sono sostanzialmente i medesimi stabiliti dal GDPR, e quindi la trasposizione degli stessi in un’informativa confezionata in conformità della legge svizzera dovrebbe risultare non troppo gravosa.

Per completezza appare anche opportuno segnalare che non tutti gli adempimenti previsti dalla LPD prevedono l’applicazione di una sanzione in caso di inadempimento.

Innanzitutto, la legge svizzera è assai meno severa del GDPR: le sanzioni pecuniarie non superano generalmente la somma di 250.000 franchi, salva l’applicazione della federale 22 marzo 1974 sul diritto penale amministrativo (quella che in Italia è la disciplina del D.lgs. n. 231/2001 sulla responsabilità amministrativa degli enti).

L’applicazione delle sanzioni è prevista poi solo per inadempimenti specifici, quali l’omissione delle informazioni che dovrebbero essere fornite agli interessati, la fornitura di informazioni false o inesatte all’autorità di controllo, la violazione degli obblighi previsti per il trasferimento dei dati all’estero, per la comunicazione di dati a responsabili del trattamento o in materia di sicurezza.

Stesse sanzioni sono previste per l’illecita divulgazione dati coperti dal segreto professionale nonché per l’inosservanza delle decisioni dell’autorità di controllo.

Ciò che appare evidente, quindi, è che la nuova legge svizzera sulla protezione dei dati personali dispiega i suoi effetti anche al di fuori dallo Stato elvetico, obbligando anche le aziende italiane che nella loro attività trattano dati di persone fisiche svizzere, a confrontarsi con gli adempimenti previsti in tale normativa.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3