DATA PROTECTION

Il ruolo emergente del DPO nel sistema Whistleblowing: tra silenzio normativo e necessità

Da pochi giorni è entrato in vigore il D.lgs. 24/2023 che ha recepito la Direttiva (UE) 2019/1937 sul “Whistleblowing”. La protezione dei dati personali è necessariamente strumentale al regolare funzionamento di tale sistema, tanto che lo stesso decreto stabilisce ruoli, responsabilità e adempimenti “privacy” necessari. Ma non vi è alcun riferimento al DPO che pur potrà, prevedibilmente, essere chiamato a giocare un ruolo di grande rilievo. Vediamo come e perché

Pubblicato il 20 Dic 2023

A
Giuseppe Alverone

Amministratore Unico presso DATA FABER. Consulente e formatore privacy

P
Monica Perego

Consulente, Formatore Privacy & DPO

Da qualche giorno la normativa sul Whistleblowing è ormai efficace.

Così, ogni soggetto pubblico o privato, obbligato ad applicare la particolare disciplina, ha, quindi, già dovuto attivare il proprio canale di segnalazione interna, affidandone la relativa gestione a una persona o a un ufficio interno autonomo dedicato ovvero a un soggetto esterno.

Per assicurare il regolare funzionamento del canale di segnalazione interna, ciascun soggetto deve anche avere già realizzato tutti i necessari adempimenti “privacy” richiamati, in modo puntuale, dalla particolare disciplina.

Quindi in particolare deve avere già:

  1. eseguito una valutazione di impatto sulla protezione dei dati (c.d. DPIA);
  2. istruito e autorizzato allo specifico trattamento i dipendenti competenti a ricevere o a dare seguito alle segnalazioni;
  3. disciplinato il rapporto con eventuali soggetti esterni chiamati a gestire il canale di segnalazione interna, designandoli “responsabili del trattamento”.

Whistleblowing, la redazione della DPIA: un adempimento di processo, non di piattaforma

Il ruolo emergente del DPO tra silenzio normativo e necessità

È molto verosimile che si sia profilata la necessità di eseguire tutte queste attività con il supporto costante del DPO, quantunque la disciplina del Whistleblowing non riporti alcun riferimento a tale figura essenziale e necessaria per proteggere i dati personali.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Eprocurement
Esourcing

Eppure, tra silenzio normativo e necessità, è prevedibile che il DPO interpreterà un ruolo emergente e di rilievo nel sistema “Whistleblowing”.

Cerchiamo, allora, di comprendere come potrà essere svolto tale ruolo, esaminando alcuni concreti scenari che possono aiutare a dipanare la grande complessità del sistema.

CDLAN_WP_Business continuity

Il DPO può diventare Whistleblower?

Prima di esaminare alcuni scenari concreti che possono aiutare ad avere contezza del ruolo che il DPO potrà svolgere nel sistema “Whistleblowing”, va subito chiarito che non sembra sussistere alcun dubbio circa la possibilità che un DPO, interno o esterno, nell’ambito di un’organizzazione pubblica o privata, possa diventare “Whistleblower”.

Ciò poiché il DPO, avendo tra propri compiti anche quello di sorvegliare l’applicazione della normativa privacy, risulta, di fatto, una “persona con funzioni di controllo e vigilanza” che, ai sensi dell’art.3, comma 3, lettera h) del D.lgs. 24/2023 può, appunto, segnalare violazioni di disposizioni normative nazionali o dell’Unione europea che ledono l’interesse pubblico o l’integrità dell’amministrazione pubblica o dell’ente privato, di cui sia venuta a conoscenza nel contesto lavorativo in cui opera.

Scenario 1: il DPO acquisisce conoscenza di una violazione rientrante nel perimetro GDPR

Invero, un problema si pone solo quando un DPO, nel corso dello svolgimento dei suoi compiti, si trovi a conoscere una violazione della normativa in materia di protezione dei dati personali.

Si pensi, ad esempio, al caso di un DPO che, nel corso di un audit programmato all’area ICT, rilevi che dei server contenenti dati personali, anche di natura particolare, sono stati recentemente dismessi. Si ipotizzi poi che all’interno dell’organizzazione del titolare è anche disponibile la procedura che regolamenta la dismissione dell’hardware ma che, tuttavia, tale procedura non è stata applicata. Per cui, i server sono stati smaltiti senza rimuovere preventivamente i dati ivi contenuti.

In questa situazione, lo stesso DPO, al termine dell’audit, dovrà formulare una “Non Conformità” al principio di “integrità e riservatezza” fissato nel GDPR dall’art 5 par. 1 lettera f) e, contestualmente, fornire istruzioni e consulenza, in modo congruente a quanto previsto dall’art. 39, par. 1 lettera a) del GDPR, trattandosi di un data breach.

Si ipotizzi anche che, a seguito di tali istruzioni e consulenza il titolare non metta in atto alcuna azione, né per valutare l’incidente, né per gestirlo, né per prevenire, attraverso un’azione correttiva, il ripetersi di tale evento.

Come dovrebbe comportarsi lo stesso DPO in una tale situazione?

In questo caso, vi è una evidente frizione tra le disposizioni del D.lgs. 24/2023 e quelle del GDPR.

Analizziamo, allora, questo gap ed individuiamo una possibile soluzione.

Il D.lgs. 24/2023 disegna un sistema volto a garantire (anche ad un DPO) l’esercizio del diritto alla libertà di espressione e d’informazione, sancito dall’articolo 11 della Carta di Nizza e dall’articolo 10 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (vds. Considerando 31 e 109 della Direttiva (UE) 2019/1937 relativa al Whistleblowing).

Di contro, l’art. 39 del GDPR stabilisce il “dovere”, rectius: il “compito” del DPO di sorvegliare l’osservanza della normativa in materia di data protection nonché delle relative politiche del titolare o del responsabile del trattamento in materia di protezione dei dati personali. La stessa norma attribuisce al DPO anche, contestualmente, il compito di fungere da punto di contatto per l’Autorità Garante per qualunque questione connessa al trattamento.

Pertanto, non sembra revocabile in dubbio che il DPO che, nell’esercizio del suo compito/dovere di sorvegliante, venga a conoscenza di una possibile violazione della normativa privacy, deve attivare il titolare o responsabile del trattamento, fornendo specifiche informazioni e consulenze per rimettere in equilibrio il sistema dei trattamenti di dati personali.

Qualora resti inascoltato e le sue attivazioni del titolare o responsabile del trattamento non abbiano alcun esito, come “extrema ratio”, Egli dovrebbe segnalare la violazione direttamente all’Autorità Garante, senza avvalersi del canale di segnalazione interna del Whistleblower.

D’atra parte lo stesso GDPR già pone delle guarentigie e delle specifiche misure anti-ritorsive in favore del DPO. Infatti:

  1. il Considerando 97 del GDPR stabilisce che il DPO dovrebbe poter adempiere alle sue funzioni e ai suoi compiti in maniera indipendente;
  2. l’art. 38, paragrafo 3 prescrive che lo stesso DPO non può essere rimosso o penalizzato dal titolare o dal responsabile del trattamento per l’adempimento dei propri compiti.

D’altra parte, qualora il DPO segnali una violazione privacy non direttamente al Garante ma sul canale di segnalazione interna in veste di Whistleblower, l’organo gestore, auspicabilmente, dovrebbe evitare di dare seguito a detta segnalazione, invitando lo stesso DPO ad esercitare in modo rituale i compiti a lui attribuiti dal GDPR.

Scenario 2: il DPO acquisisce conoscenza, da un Whistleblower, di una violazione GDPR

Per continuare a comprendere e a delineare il possibile ruolo del DPO nella complessità del sistema Whistleblowing, si consideri il caso in cui un lavoratore venga a conoscenza di una violazione della normativa in materia di protezione dei dati nell’ambito dell’organizzazione in cui lavora e decida di segnalarla, in veste di Whistleblower, al DPO invece che al gestore del canale di segnalazione interna appositamente attivato.

In questa particolare situazione il DPO, in applicazione della regola posta dall’art. 13, comma 2 del D.lgs. 24/2023 dovrebbe cancellare la segnalazione pervenuta ed invitare il Whistleblower ad inoltrare una rituale segnalazione sul canale interno, seguendo le relative istruzioni. Potrebbe anche inoltrare la segnalazione ricevuta direttamente al gestore del canale interno, senza conservare alcuna documentazione ai propri atti e dandone contestualmente notizia al Whistleblower.

Inoltre, immediatamente dopo, in esecuzione dei compiti a lui attribuiti dall’art. 39 del GDPR, senza mai fare alcun riferimento al whistleblower, lo stesso DPO dovrebbe, comunque, anche aver cura di fornire istruzioni e consulenza al proprio titolare o responsabile del trattamento per elidere o mitigare le conseguenze dannose della violazione.

Ipotizzando che il titolare o il responsabile del trattamento non tenga in alcun conto le istruzioni e la consulenza ricevute, si profilerà lo scenario 1 precedentemente descritto. Il DPO dovrebbe quindi segnalare la violazione direttamente all’Autorità Garante, anticipando gli esiti della gestione della segnalazione del Whistleblower.

Scenario 3: il DPO acquisisce conoscenza di una violazione non rientrante nel perimetro GDPR

Un altro utile scenario potrebbe essere quello in cui un DPO nel corso di un audit programmato all’area ICT rileva che alcuni server contenenti dati personali, anche di natura particolare, sono stati recentemente dismessi.

Per quanto non siano presenti delle procedure specifiche, sono disponibili le registrazioni atte a dimostrare che prima della dismissione tutti i dati presenti sono stati preventivamente trasferiti su un altro supporto e quindi cancellati dai server che, infine, sono stati ripristinati alle condizioni di fabbrica.

I dati degli interessati non sono quindi più disponibili su tali dispositivi nel pieno rispetto di quanto previsto dal GDPR.

Nel corso della verifica emerge inoltre che non è stata rispettata la Direttiva RAEE (recepita dal D.lgs. 151/2005) relativamente allo smaltimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Il DPO, quindi, formula al proprio titolare/responsabile una raccomandazione sull’opportunità di dotarsi di una procedura per la dismissione e lo smaltimento dei rifiuti elettronici.

Nel rapporto non riporta alcun riferimento al mancato rispetto della Direttiva poiché considera tale ambito esterno al suo perimetro d’intervento.

In questa particolare situazione, però, il DPO potrebbe anche valutare di effettuare, quale Whistleblower, tramite il canale interno, una segnalazione di violazione della Direttiva RAEE, benché non siano state compromesse in alcun modo la riservatezza e disponibilità dei dati personali.

Scenario 4: il DPO acquisisce conoscenza di una violazione svolgendo altri compiti e funzioni

Un ulteriore scenario che può aiutare a comprendere l’ambito di operatività del DPO all’interno dell’ecosistema Whistleblowing può essere il caso di un DPO che, in linea con quanto previsto dall’art. 38 par. 6 del GDPR, svolga, non in conflitto di interesse, anche altri compiti diversi da quelli fissati dall’art. 39 del GDPR, come ad esempio quello di CFO.

In tale quadro, egli, se nel corso di un controllo interno, accerta che il Responsabile “Procurement” è stato corrotto da un fornitore, può, anche in questo caso, assumere la veste di whistleblower e segnalare la violazione accertata, tramite il canale di segnalazione interna, beneficiando così delle specifiche, particolari misure di protezione.

In tale contesto, infatti, non sta operando come DPO ma come collaboratore dell’azienda e deve pertanto essere garantita la sua tutela in accordo con quanto previsto dal D.lgs. 24/2023.

Conclusioni

In conclusione, si è cercato di evidenziare che il DPO, benché non sia menzionato esplicitamente nella disciplina sul Whistleblowing, potrebbe, plausibilmente, svolgere un ruolo emergente e cruciale, all’interno del particolare sistema.

Infatti, la sua elevata competenza in materia di privacy, insieme alla possibilità di agire come Whistleblower, lo posiziona al centro della tutela dei dati e dell’integrità organizzativa in un contesto di segnalazione di illeciti.

Questo insieme di circostanze conferisce al DPO un ruolo non solo di protettore dei dati personali, ma anche di promotore dell’etica e della legalità, contribuendo alla creazione di un ambiente organizzativo trasparente e responsabile.

WHITEPAPER
Cyber minacce e incidenti informatici: attiva la tua resilienza in 10 step
Cybersecurity
Security Risk Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4