LA RIFLESSIONE

Il compenso del DPO: suggerimenti per una giusta e corretta quantificazione

Nella valutazione dei Data Protection Officer si prende spesso in considerazione come requisito essenziale il “miglior prezzo”, manifestando di fatto l’inadeguatezza del percorso di compliance al GDPR. Ecco alcuni utili suggerimenti per quantificare correttamente il giusto compenso del DPO

Pubblicato il 08 Gen 2020

M
Pietro Montella

Founder Montella Law

Il Regolamento Europeo n. 679/2016 (GDPR), introducendo la nuova figura professionale del responsabile della protezione dei dati o data protection officer, ha scatenato un proliferare di corsi di formazione tesi al riconoscimento di certificazioni e/o titoli abilitanti alla funzione di RPD/DPO, creando un enorme mercato nonché un discreto numero di “esperti” più o meno qualificati.

Tutto questo ha creato confusione in merito al percorso di formazione, alla necessità o meno delle certificazioni nonché alle competenze che dovrebbe possedere il DPO in relazione alle funzioni da svolgere ai sensi dell’art. 39 del GDPR.

Su questi temi c’è attualmente ampia discussione e dibattito, e sicuramente uno dei nodi più complessi da sciogliere riguarda la quantificazione del giusto compenso del DPO.

Il compenso del DPO: l’importanza di questa figura

Cominciamo col dire che la figura del responsabile della protezione dei dati (DPO/RPD) è disciplinata dagli articoli 37-39.

In questi primi mesi di applicazione del GDPR le problematiche inerenti tale figura hanno riguardato principalmente due aspetti: il primo attinente all’obbligatorietà della nomina nei casi previsti dall’art. 37 n. 2 e 3 del Regolamento con particolare riferimento al concetto di larga scala; il secondo attinente alle qualifiche e competenze che debba avere il professionista che intenda assumere la carica di responsabile della protezione dei dati.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Quanto alla designazione del DPO/RPD ai sensi dell’art. 37 è obbligatoria quando:

  1. il trattamento è effettuato da un’autorità pubblica o da un organismo pubblico, eccettuate le autorità giurisdizionali quando esercitano le loro funzioni giurisdizionali;
  2. le attività principali del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento consistono in trattamenti che, per loro natura, ambito di applicazione e/o finalità, richiedono il monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala; oppure
  3. le attività principali del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento consistono nel trattamento, su larga scala, di categorie particolari di dati personali di cui all’articolo 9 o di dati relativi a condanne penali e a reati di cui all’articolo 10.

Tralasciando la lett. a) che resta di più agevole interpretazione, nei casi previsti dai punti b) e c) di titolare o responsabile, soggetti privati, che siano tenuti alla nomina del responsabile della protezione dei dati il problema resta quello di capire quando scatti l’obbligo in relazione al concetto di trattamento dei dati su larga scala.

Alcune indicazioni interpretative sono fornite dal considerando n. 91 che, anche se con riferimento alle valutazioni di impatto, richiama il caso del «trattamento di una notevole quantità di dati personali a livello regionale, nazionale, o sovranazionale e che potrebbero incidere su un vasto numero di interessati che potenzialmente presentano un rischio elevato».

Sul punto, il Garante per la protezione dei dati italiano con le FAQ sul responsabile della protezione dei dati in ambito privato ha fornito alcune indicazioni circa le attività a rischio maggiore (bancarie, assicurative, ospedali, società che erogano servizi informatici).

Infine, sono di ausilio anche le Linee guida WP 29 che nella valutazione sull’obbligatorietà della nomina, sempre in relazione alla definizione di larga scala, forniscono alcuni criteri tra cui:

  • numero di soggetti interessati,
  • volume dei dati,
  • durata del trattamento,
  • portata geografica.

Quanto ai requisiti dell’RPD, l’art. 37 comma n. 5 del Regolamento richiede la conoscenza specialistica della normativa e delle prassi in materia di protezione dei dati.

Tale assunto lascia intendere che l’RPD debba essere preferibilmente un giurista. In tal senso si è espresso di recente il Tar Friuli-Venezia Giulia, sezione I, sentenza n. 287/2018, depositata il 13 settembre 2018, che ha ritenuto che il ruolo essenziale dell’RPD attiene alla tutela del diritto fondamentale dell’individuo alla protezione dei dati personali in rapporto alla funzione di garanzia che è chiamato a svolgere rispetto ad esso.

Conoscenza specialistica della normativa non significa solo conoscenza della normativa europea e/o della normativa di settore ma anche dei criteri ermeneutici, dei principi e delle fonti del diritto in generale.

È parimenti fuori discussione che la protezione dei dati personali nel mondo digitale passa anche attraverso l’implementazione di misure di sicurezza logiche che sottintendono conoscenze tecnico-informatiche.

Tuttavia, immaginare un individuo in possesso di tutte le competenze e approfondite conoscenze tecniche, normative, manageriali, organizzative e archivistiche è forse utopistico, mentre sarebbe corretto identificare l’RPD in un giurista che abbia conoscenza specialistica della normativa europea e della normativa del settore, con competenze trasversali informatiche, archivistiche ma soprattutto manageriali e che, quindi, sia in grado di gestire un team di esperti di vari settori.

Linee guida per la nomina del DPO

La scelta del DPO compete al titolare del trattamento e, a parere dello scrivente dev’essere una scelta attenta e ponderata, in quanto tale soggetto assume un ruolo di primaria importanza all’interno degli enti pubblici e privati la cui nomina nel primo anno di applicazione del GDPR è stata spesso considerata un mero adempimento formale.

Ritengo che in questi casi la nomina del DPO possa addirittura essere considerata la spia della mancata compliance al GDPR da parte dell’azienda. Dall’esperienza di quest’ultimo anno sono emersi svariati errori nella scelta del DPO tra cui:

  1. nomina di un dipendente privo di qualifica e competenze in materia di protezione e trattamento dei dati personali;
  2. nomina di soggetto esterno in “offerta speciale”;
  3. autonomina del legale rappresentante della società e/o di un amministratore.

In tutti e tre i casi la scelta ricade su figure prive di competenze specialistiche in quanto si privilegia la ricerca del risparmio ripiegando su soluzioni in house, prive di competenze o in palese conflitto di interessi, o soluzioni esterne prive di adeguati curricula.

In ossequio al principio di accountability il titolare è certamente libero di scegliere sul mercato o internamente alla propria realtà il DPO, ma resta esposto alle temute sanzioni amministrative oltre che essere responsabile per culpa in eligendo cioè per aver designato un soggetto privo delle competenze professionali adeguate al ruolo da ricoprire.

Per certi versi, in taluni casi sarebbe meglio non designare il DPO che designarne uno privo di competenze specialistiche in quanto renderebbe ictu oculi manifesta l’inadeguatezza delle misure e del percorso di compliance al GDPR.

Il giusto compenso del DPO: come parametrarlo

Al fine di comprendere l’importanza del ruolo si tenga presente che l’art. 38 richiede che il DPO venga coinvolto in tutte le questioni riguardanti la protezione dei dati personali. In particolare, il Gruppo di lavoro ex art. 29 a titolo esemplificativo ha evidenziato che il DPO debba partecipare alle riunioni di management e debba essere consultato ogni qualvolta debbano essere assunte decisioni impattanti sulla protezione dei dati.

Inoltre, il par. 2 dell’art. 38 statuisce che il titolare del trattamento deve fornire al DPO le risorse necessarie per assolvere ai propri compiti e per mantenere la propria conoscenza specialistica, fornendo altresì le infrastrutture necessarie e risorse finanziaria adeguate.

Sicuramente ai fini della determinazione del quantum possono e devono essere presi in considerazione una serie di elementi quali, ad esempio, la tipologia di attività e delle modalità di trattamento, l’utilizzo massivo delle tecnologie e la periodicità degli adeguamenti tecnologici, presenza di trattamenti automatizzati, diffusione territoriale extra europea.

Al riguardo, inoltre, è utile considerare che le Linee guida sui responsabili della protezione dei dati hanno evidenziato che “in linea di principio, quanto più aumentano complessità e/o sensibilità dei trattamenti, tanto maggiori devono essere le risorse messe a disposizione del RPD. La funzione “protezione dati” deve poter operare con efficienza e contare su risorse sufficienti in proporzione al trattamento svolto”.

Alla luce delle competenze che deve possedere il Data Protection Officer e del ruolo delicato che svolge non può negarsi che il compenso del DPO dovrebbe essere parametrato a quello di un manager, considerando anche che un valore non congruo con il ruolo potrebbe costituire un elemento di allerta.

Invece, purtroppo duole constatare che nella valutazione dei DPO, cresciuti in maniera esponenziale negli ultimi due anni, quando la scelta ricade su professionisti o società esterne si prende in considerazione come requisito essenziale il “miglior prezzo” sia che ci si trovi dinanzi ad organizzazioni private che dinanzi a Pubbliche Amministrazioni a dimostrazione che il Regolamento Europeo è stato vissuto unicamente come un ulteriore onere e non come un’opportunità.

È evidente, quindi, che c’è ancora tanta strada da fare nella diffusione di una cultura orientata alla privacy e alla protezione dei dati.

WHITEPAPER
Come abilitare elevati standard di sicurezza, crittografia e monitoraggio dei dati?
Datacenter
Datacenter Infrastructure Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr