IL PUNTO

GDPR, cinque anni tra bilanci e prospettive: con la lente dell’azienda

Il Regolamento UE 2016/679 che tutti ormai conoscono come il “GDPR” compie 5 anni da quando, quel famoso 25 maggio 2018, veniva dichiarato pienamente applicabile. Tra bilanci e prospettive, qualche spunto di riflessione lato azienda

Pubblicato il 25 Mag 2023

P
Chiara Ponti

Avvocato, Privacy Specialist & Legal Compliance e nuove tecnologie – Giornalista

Come è vero che il GDPR ha segnato l’alba di una nuova era, altrettanto vero è che le aziende, fortemente spinte a intraprendere un percorso, più o meno strutturato, di adeguamento alla protezione dei dati, oggi investono bilanciando costi, tempo ed energie.

A distanza di un quinquennio emergono best practices & bad experiences or bad practices ruotando attorno al modello di gestione privacy nella misura in cui lo stesso viene implementato e/o mantenuto costantemente per un corretto e adeguato presidio della protezione dei dati. Vediamo in dettaglio.

Data protection day, la tutela dei dati baluardo di libertà al tempo delle guerre e delle innovazioni: ecco perché

Modello di gestione privacy: buone e cattive pratiche

Oggi molte aziende hanno maturato esperienze tanto positive quanto negative nell’implementazione di un adeguato modello di gestione privacy.

Da qui, sono derivate best practices e bad experiences entrambe utili ad affrontare la sfida che la (nuova) privacy quasi quotidianamente, specie in quelle realtà a forte impatto, impone.

WHITEPAPER
Finanza Digitale: proteggiti dagli hacker (e dalle sanzioni) con il DORA
Contract Management
Privacy/Compliance

Le migliori pratiche per la conformità al GDPR

Tra le best practices, spiccano consapevolezza e coinvolgimento di tutti dalla dirigenza in giù. Se dalla governance e dalla leadership proviene il primo input, dal management, grazie alla compartecipazione di tutti, arriva l’output che denota l’impegno profuso.

Ecco che avere un adeguato modello di gestione privacy è essenziale.

Segue, l’attività di verifica (audit) grazie alla quale è possibile identificare e monitorare quali, quanti e come i dati personali vengono raccolti, conservati ed elaborati all’interno di un’azienda.

Con tutta evidenza, l’audit aiuta a valutare il rischio pianificando misure di sicurezza adeguate al contesto.

Altro aspetto che costituisce senz’altro una best practice è dato dalla nomina di un responsabile della protezione dei dati – RPD/DPO, non solo quando essa è necessaria (art. 37), ma anche quando la stessa risulti opportuna o conveniente.

Il DPO, come noto, è un garante della conformità al GDPR. Tra i suoi compiti rientrano il monitoraggio costante e continuo di prassi/procedure/pratiche aziendali in materia di privacy.

Altra pratica considerata tra le migliori oltre che, in certi casi (art. 35), dovuta è la valutazione d’impatto sulla protezione dei dati. Grazie alla DPIA i rischi associati alle attività di trattamento dei dati vengono prima identificati e poi attenuati grazie all’implementazione di misure di mitigazione ad hoc.

Ma tali adempimenti non bastano a concludere il novero delle migliori pratiche; imprescindibili sono infatti le politiche e procedure interne da redigere, sviluppare, strutturare e consolidare affinché siano documenti tutti chiari ed esaustivi, finalizzati allo scopo.

La messa in atto di un buon apparato documentale se da un lato rafforza l’accountability, dall’altro aumenta la fiducia dei clienti/interessati che vedranno tutelati i loro diritti fondamentali.

Da ultimo, ma non ultimo, altro pilastro a fondamento di consolidate e introitate best practices è dato da una formazione attiva, concreta, efficace e dinamica grazie a sessioni mirate e simulate dei collaboratori/dipendenti tutti.

Le cattive esperienzedi alcune aziende

Le cattive esperienze non sono, tuttavia, mancate.

Principalmente tra queste annoveriamo la mancanza di consapevolezza e di comprensione dell’intero sistema/modello. Al riguardo, alcune aziende purtroppo tendono a sottovalutare l’importanza e la complessità del GDPR che, in quanto tale, spesso è risultata di difficile applicazione. Pensiamo alla privacy by design (art. 25), ad esempio. In pratica, stando a quest’ultimo esempio, fin dalla progettazione occorre(va) porre in essere tutta una serie di accortezze difficili da attuare stando alla lettera della norma.

Altra “cattiva esperienza” riguarda la gestione dei consensi. Spesso ottenere consensi validi per la raccolta e l’elaborazione dei dati personali è sfidante, specialmente per il settore marketing. Ma attenzione possono essere raccolte, perché in perfetto spirito con l’intento del legislatore europeo.

Ancora, tra le cattive esperienze non possiamo non citare la gestione delle violazioni della sicurezza dei dati – data breach. A tal proposito, le aziende dovrebbero essere sempre pronte e preparate a gestirli e, se del caso, a notificare le presunte/accertate violazioni (art. 33). In caso contrario, la mancata notifica di un data breach oltre a implicare l’irrogazione di una sanzione, comporta un discreto impatto sulla reputazione, poteziale danno ingente per non dire incalcolabile.

Privacy by design: come implementarla correttamente seguendo i requisiti della ISO 31700

Le cattive pratiche di adeguamento al GDPR

Snocciolate le best pratices e le bad experiences, vediamo ora le cattive pratiche che in questi anni, l’adeguamento al GDPR ha portato inesorabilmente con sé.

Le difficoltà (che si sono) potute incontrare in questi anni nell’implementazione di un adeguato modello di gestione privacy, emergono in forza di alcuni fattori, tra cui:

  1. la mancanza di coinvolgimento della dirigenza, se la leadership aziendale non dimostra un impegno chiaro, preciso, coerente per la privacy, senza fornire risorse necessarie, presto si intuisce che diventa difficile (per l’azienda) sviluppare un modello di gestione della privacy efficace;
  2. un approccio reattivo anziché proattivo tipico di quelle aziende che affrontano ancora la conformità al GDPR quale reazione a eventi specifici, come una violazione della sicurezza dei dati o una segnalazione da parte delle Autorità;
  3. una scarsa comprensione dell’impianto normativo tale da portare a un’errata interpretazione delle norme ovvero a errori nella gestione delle attività di trattamento dei dati personali coinvolti;
  4. la mancanza di una consulenza esperta proponendo soluzioni inadeguate o errate e insoddisfacenti;
  5. una dipendenza eccessiva dagli strumenti automatizzati, sempre più in voga specie di questo periodo, a discapito della comprensione più approfondita delle esigenze aziendali;
  6. un’inadeguata gestione dei fornitori, aspetto quanto mai critico. Le aziende, infatti, devono assicurarsi che anche i loro fornitori/partner commerciali rispettino il GDPR adottando tutte le misure adeguate in materia di protezione dati. In caso contrario non dovrebbero affidarvisi del tutto. A costo di perdere o cambiare fornitore. D’altronde una corretta filiera di fornitori dal punto di vista formale e sostanziale, altro non può che aumentare i rischi e quindi a (matematiche) violazioni in materia di privacy;
  7. una mancanza di monitoraggio e valutazione continua di politiche e misure di protezione dati. Al riguardo, se le aziende non implementano processi di monitoraggio e valutazione adeguati, potrebbero non rilevare le violazioni o non apportare le modifiche necessarie al fine di garantire la conformità continua.

Il GDPR e i costi di conformità

Adempimento al GDPR significa costi, talora ingenti considerando realtà medio grandi a significativo impatto privacy, per attestarci su di una media ragionevole.

I costi di conformità, in questo caso al GDPR, ma anche più in generale specie se l’azienda di riferimento ha un sistema di gestione complesso, strutturato e integrato, sono altro tema spinoso.

Si tratta di una valutazione che per essere verosimile deve essere contestualizzata, e più in generale occorre che sia fatta caso per caso.

Perciò si suggerisce caldamente di dedicare tempo, risorse umane e denaro affinché l’intero sistema sia sotto il controllo.

Impatto sulle operazioni aziendali

Il GDPR richiederà sempre alle aziende di apportare modifiche ai processi operativi, come la raccolta e l’elaborazione dei dati personali, l’ottenimento dei consensi, la gestione dei diritti degli interessati e la notifica delle violazioni.

Tali modifiche necessiteranno di tempo e sforzi significativi, influenzando le attività quotidiane e potenzialmente rallentando i processi aziendali.

Adozione di nuove politiche e procedure

Le aziende devono sviluppare e implementare politiche e procedure interne volte a regolamentare la gestione di dati personali ivi inclusa la documentazione dei processi, la gestione dei consensi nonché la risposta a eventuali richieste.

Ciò fa scaturire una revisione o modifica costante di politiche o altri documenti già esistenti, nonché l’introduzione di nuovi processi.

Adeguamento tecnologico

Per garantire la sicurezza dei dati personali, le aziende potrebbero dover implementare nuove soluzioni tecnologiche, come sistemi di gestione di dati, crittografia, monitoraggio della sicurezza e protezione contro le violazioni ecc.

Tali aggiornamenti richiedono evidentemente investimenti di un certo spessore economico con annessa formazione di personale capace di utilizzare in maniera corretta le nuove tecnologie a servizio dell’era che cambia.

Consulenze specifiche

Il GDPR poiché è un regolamento complesso che richiede un’interpretazione accurata e una comprensione delle disposizioni specifiche, i necessariamente il coinvolgimento di consulenti legali o esperti in protezione dei dati per poterle applicare correttamente.

Rischi della sanzione

Il GDPR prevede significative sanzioni amministrative in caso di violazione delle norme sulla protezione dei dati (art. 83 e ss).

La mancata conformità al GDPR, dunque, può portare a delle multe anche salate, e negli anni alcune sono state pure esemplari.

Qualche prospettiva futura

Per implementare con successo, dunque, cosa bisogna fare?

La risposa è semplice: fare, fare e fare continuando ad affrontare le sfide specifiche con un approccio proattivo, coinvolgendo i vertici aziendali, investendo nella formazione, affidandosi a consulenti esperti dall’approccio olistico.

Nonostante i costi e le sfide associate al costante adempimento al GDPR, la protezione dei dati personali e la conformità alle normative sulla privacy sono fondamentali per instaurare la fiducia dei clienti e proteggere la reputazione dell’azienda.

L’implementazione di un adeguato modello di gestione della privacy può portare benefici a breve, medio e lungo termine.

Investire nella privacy allora dovrebbe essere vissuto un valore aggiunto e non un peso o peggio un costo.

WHITEPAPER
Password e sicurezza: come creare parole-chiave inviolabili ma facili da ricordare
Disaster recovery
Identity & Access Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr