DATA PROTECTION

Conservazione e cancellazione dei dati: ecco i requisiti normativi e le best practice

Al fine di dotarsi di una corretta gestione della conservazione dei dati e conseguente cancellazione è opportuno conoscere, oltre alla normativa nazionale ed europea, anche i diversi approcci per l’applicazione di adeguate tecniche di sicurezza per i principali processi aziendali

Pubblicato il 17 Gen 2023

A
Ilenia Alagna

Avvocato, Data protection Specialist, Cultrice della materia in Informatica giuridica presso l’Università Statale Milano

Nell’attuale contesto sempre più “data driven”, le aziende devono necessariamente dotarsi di una corretta gestione della conservazione dei dati e conseguente cancellazione: per farlo, è opportuno conoscere, oltre alla normativa nazionale ed europea, i diversi approcci per l’applicazione di adeguate tecniche di sicurezza dei dati, con riferimento agli ambienti di sviluppo, test, collaudo e produzione, ove risiedono i dati personali.

Proviamo, dunque, a fare una ricognizione di approcci in materia di requisiti di conservazione e cancellazione dei dati, per i principali processi aziendali, derivanti dalla normativa applicabile.

GDPR, una protezione tra rischi e pericoli per le persone fisiche e per l’economia

Conservazione e cancellazione dei dati: requisiti normativi

In relazione alla normativa nazionale in tema di conservazione e cancellazione dei dati, si evidenziano a titolo esemplificativo e non esaustivo alcuni riferimenti utili a guidare la determinazione delle logiche di Data Retention.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

L’art. 2220 c.c. disciplina il mantenimento delle scritture contabili obbligatorie (10 anni). Si specifica, in particolare, che l’imprenditore debba conservare, fra l’altro, la corrispondenza commerciale ai sensi dell’art. 2220, comma 2, c.c. per un periodo di dieci anni dalla data dell’ultima registrazione.

Nell’ambito della valutazione posta in capo al Titolare, si può prendere in considerazione, in assenza di specifico obbligo normativo di conservazione dei dati, il termine di prescrizione decennale entro il quale un cliente può esperire azione giudiziaria nei confronti del Titolare medesimo (o viceversa; cfr. art. 2946 c.c. secondo il quale i diritti si estinguono per prescrizione decorsi dieci anni, salvo che la legge disponga diversamente).

In relazione alla normativa comunitaria, si riportano dei riferimenti utili a guidare la determinazione delle logiche di Data Retention.

Il Regolamento UE n. 679/2016 (GDPR) è la disciplina applicabile trasversalmente a tutti i trattamenti di dati personali a prescindere dalla tipologia del processo di un’organizzazione.

Nel Considerando 39, art. 5 lett. c), in particolare si evidenzia che “[…] i dati personali dovrebbero essere adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario per le finalità del loro trattamento. Da qui l’obbligo, in particolare, di assicurare che il periodo di conservazione dei dati personali sia limitato al minimo necessario […]. Onde assicurare che i dati personali non siano conservati più a lungo del necessario, il titolare del trattamento dovrebbe stabilire un termine per la cancellazione o per la verifica periodica. È opportuno adottare tutte le misure ragionevoli affinché i dati personali inesatti siano rettificati o cancellati”.

L’art. 13 e 14, comma 2, lettera a) relativamente all’informativa e al principio di minimizzazione stabilisce che “[…] il titolare del trattamento fornisce all’interessato le seguenti ulteriori informazioni necessarie per garantire un trattamento corretto e trasparente: a) il periodo di conservazione dei dati personali oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo”.

Quanto al principio di limitazione, il Considerando 39, art. 5 lett. e) disciplina che: “i dati personali sono conservati in una forma che consenta l’identificazione degli interessati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati; i dati personali possono essere conservati per periodi più lunghi a condizione che siano trattati esclusivamente a fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica”. Conservazione del dato sino a quando non si sono esaurite le finalità per le quali il dato stesso è stato raccolto o altrimenti trattato (art. 17 e Considerando 65 del Regolamento Europeo nr.679/2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali).

Approcci per l’applicazione delle misure di sicurezza

Vediamo, ora, quali sono i possibili approcci per applicare adeguate tecniche di sicurezza dei dati, con riferimento agli ambienti di sviluppo, test, collaudo e produzione, ove risiedono i dati personali.

La pseudonimizzazione dei dati

Esistono vari riferimenti utili in materia di pseudonimizzazione dei dati. Uno di questi può essere ad esempio la pubblicazione di ENISA su tecniche e buone pratiche di pseudonimizzazione (novembre 2019): il documento riporta una carrellata di tecniche utilizzabili per diverse casistiche e in diversi contesti.

Nonostante tutte le tecniche di pseudonimizzazione conosciute abbiano le loro proprie, ben chiare, caratteristiche intrinseche, ciò non rende, nella pratica, la scelta del giusto approccio un compito banale.

A tal fine è necessario un attento esame del contesto in cui applicare la pseudonimizzazione, considerando tutti gli obiettivi specifici della stessa (da chi proteggere le identità, qual è la funzionalità che si desidera raggiungere dagli pseudonimi ottenuti, e così via), così come la semplicità nella realizzazione.

Pertanto, per quanto attiene la scelta della tecnica di pseudonimizzazione più appropriata, può essere opportuno adottare un approccio basato sul rischio, in modo da valutare e limitare adeguatamente le relative minacce alla privacy, tenendo conto delle finalità e del contesto generale del trattamento dei dati personali, così come i livelli di funzionalità e di scalabilità che si intendono raggiungere.

Infatti, la semplice protezione dei dati aggiuntivi necessari per la re-identificazione, pur essendo un prerequisito, non garantisce necessariamente l’eliminazione di tutti i rischi.

Sarebbe opportuno che i fornitori di prodotti, servizi e applicazioni informino i Titolari del trattamento e i responsabili del trattamento dell’utilizzo delle tecniche di pseudonimizzazione e dei livelli di sicurezza e di protezione dei dati. Inoltre, è importante monitorare le iniziative promosse dalle autorità di regolamentazione (ad esempio le Autorità di controllo e il Comitato Europeo per la Protezione dei Dati) che potrebbero fornire 3 linee guida utili ai titolari e ai responsabili del trattamento dei dati personali circa la valutazione del rischio, promuovendo, al contempo, le buone pratiche in materia di pseudonimizzazione.

Vi sono alcuni approcci operativi attuabili per la pseudonimizzazione dei dati. Le pratiche svolte da istituti di credito/assicurazioni sono:

  1. Crittografia con chiave segreta/Encryption/Cifratura. Metodo di criptazione dei dati, cambio di “semantic type”. Con il Data Encryption il dato diventa illeggibile ma sempre in maniera reversibile. Infatti, esiste una chiave di cifratura dell’algoritmo e questa può essere utilizzata per fare il “decrypting” dei dati. Use-case è la cancellazione logica di dati personali ma con possibilità di recupero di questi, se espressamente richiesto dal cliente. Può essere utilizzata anche per la cifratura di database applicativi (tenendo conto del rischio che si potrebbe verificare un peggioramento delle performance dell’applicazione a seguito dell’introduzione di tecniche quali la crittografia diretta sul dato contenuto nel singolo campo del DB). L’encryption può essere eseguita a diversi livelli dello stack infrastrutturale/ applicativo. È logicamente più sicura e trasparente se eseguita dal sistema di gestione dei dati.
  2. Hashing (reversibile): il dato non risulta più riconoscibile neanche a livello di formato. È un processo molto simile a quello di Encryption.
  3. Tokenizzazione: si tratta di una tecnica che si basa principalmente sull’applicazione di un meccanismo di crittografia univoca o sull’assegnazione, tramite funzione indicizzata, di un numero sequenziale o di un numero generato casualmente che non deriva matematicamente dai dati originali. Chi detiene l’associazione “token-dato reale” deve introdurre misure di sicurezza adeguate (quali la cifratura dell’informazione associativa) per garantire la sicurezza delle informazioni.
  4. Shuffling: i dati vengono “mescolati”, ma restano all’interno del sistema informativo. Non adatto per i dati di produzione ma utile in particolare per ambienti di test/collaudo dove si stanno svolgendo ricerche statistiche o attività di “machine learning” sulla base dati. Tecnica non adatta tuttavia per eseguire un “test parallelo alla produzione”.
  5. Mascheramento: tecnica che consente di cambiare, solitamente in visualizzazione, il contenuto di determinati dati in base al profilo associato all’utente. Il dato all’apparenza non cambia di formato e semantica, ma di fatto non è più valido ai fini identificativi. Il mascheramento è procedimento reversibile.

Verificare il funzionamento delle operazioni di pseudonimizzazione

Di seguito vengono esposti i controlli di primo, secondo e terzo livello per la verifica dell’effettivo funzionamento delle operazioni di pseudonimizzazione.

Con riferimento ai controlli di primo, secondo e terzo livello indicati nella 285, in caso di “crittografia del dato su una specifica colonna del DB relazionale” si può indicare:

  1. con i controlli di primo livello si verifica delle permission per l’accesso ai dati crittografati;
  2. con i controlli di secondo livello si verifica delle policy di protezione dei dati e rispondenza con l’attuazione della crittografia degli stessi negli ambienti identificati nelle policy;
  3. con i controlli di terzo livello si verifica periodica della conformità alle policy di crittografia (nuovi dati da crittografare, ad esempio), revisione periodica delle permission.

Possono essere impostati dei controlli, ad esempio da parte del DPO, sulla corretta esecuzione delle attività sui dati stand-alone e verifica della quantità di dati non stand-alone non modificati, per verificare che non consentano l’identificazione dell’interessato.

Infine, si possono definire dei controlli da parte di Audit, nell’ambito delle attività di verifica pianificate.

Per supportare le attività di controllo, potrebbe essere utile incoraggiare l’utilizzo di tool interni o di mercato che permettano di:

  1. consentire il mascheramento di dati personali e rilevanti per gli utenti di business;
  2. fornire regole di mascheramento flessibili consentendo al personale IT di applicare differenti tipologie di logiche per differenti tipologie di dati utilizzati negli ambienti di test, collaudo e non produttivi;
  3. attivare il mascheramento sull’interno database o su insiemi limitati di dataset;
  4. definire regole e policy di mascheramento anche mediante algoritmi “out of the box” e/o personalizzati;
  5. generare report di controllo prima che un dato venga mascherato in modo da verificarne l’esito prima della effettiva applicazione;
  6. sostituire dati reali con dati verosimili preservando il tipo di dati e garantendo un utilizzo finale coerente ai vari casi d’uso;
  7. l’anonimizzazione dei dati: ricognizione di possibili approcci per applicare adeguate tecniche di anonimizzazione dei dati, con riferimento agli ambienti di sviluppo, test, collaudo e produzione, ove risiedono i dati personali.

 

NOTE BIBLIOGRAFICHE

I temi affrontati nell’articolo vengono trattati più approfonditamente nel volume scritto dall’Avv. Ilenia Alagna e pubblicato da Giuffrè dal titolo “Diritto all’oblio e mancato oscuramento dei dati sensibili”, il quale si propone di definire, in maniera sistematica, i nuovi diritti della personalità nel web alla luce della normativa privacy, ovvero il diritto all’oblio e il diritto alla deindicizzazione applicati ai motori di ricerca ed il necessario bilanciamento con il diritto all’informazione.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4