La guida

Certificazioni in ambito GDPR, ecco il nuovo schema ISDP©10003

Il nuovo strumento di certificazione basato sullo schema ISDP©10003 porta vantaggi alle imprese che devono dimostrare la propria compliance al GDPR e l’accountability: approfondiamo la sua struttura tecnica

05 Mag 2020
C
Claudia Ciampi

CISO, Responsabile Data Protection & Legal Manager

In ottica di dimostrare la propria accountability, le aziende vengono invitate a conseguire certificazioni in ambito data protection, procedura prevista dal GDPR. Un utile strumento in questo senso è lo schema ISDP©10003. Vediamo di che cosa si tratta.

Certificazioni in ambito GDPR

In epoca GDPR l’obiettivo primario delle organizzazioni non è semplicemente conformarsi alla normativa, bensì essere in grado di dimostrare la compliance attraverso l’attestazione documentata degli adempimenti privacy presi in carico, del controllo sui trattamenti effettuati, delle responsabilità e compiti assegnati, nonché delle misure di sicurezza individuate e implementate attraverso un approccio risk-based.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

In soccorso all’esigenza di dover dimostrare la sostanza degli adempimenti e non il mero rispetto formale degli stessi, la disciplina degli articoli 42 e 43 del GDPR incoraggia l’istituzione di meccanismi di certificazione, sigilli e marchi di protezione dei dati da parte degli Stati membri, delle Autorità di controllo e degli Organismi nazionali di accreditamento.

L’ottenimento della certificazione, come evidenziato dal Comitato Europeo per la Protezione dei Dati nelle Linee guida 1/2018, pur non dimostrando “ex se” la conformità al Regolamento da parte del titolare o del responsabile, rappresenta un elemento che può essere utilizzato per dimostrare la conformità.

In sostanza, titolari e responsabili del trattamento che decidono di adottare gli schemi di certificazione GDPR possono avvalersi di principi e linee guida a supporto del processo di adeguamento privacy e strutturare e implementare un sistema di controlli interni per verificare la correttezza dei propri processi organizzativi nel tempo, e sostanziare lo stato di conformità al Regolamento.

Lo schema di certificazione considerato più vicino ai dettami del GDPR è stato identificato nella norma ISO/IEC 27701:2019 “Security techniques — Extension to ISO/IEC 27001 and ISO/IEC 27002 for privacy information management — Requirements and guidelines”, fino al 13 Dicembre 2019 quando Accredia ha emanato la Circolare Tecnica 17/2019 statuendo che “se molti argomenti trattati dalla Norma ISO/IEC 27701:2019 hanno riscontro in specifici requisiti di legge nazionali, sia in Italia, sia in altri Paesi dell’Unione Europea, disciplinati dal GDPR e dalle precedenti leggi nazionali, la norma, basandosi sulla ISO 17021-1, non è da considerarsi valida ai fini del GDPR, che prevede invece una certificazione accreditata IS0 17065”.

Ne consegue che la certificazione ISO/IEC 27701 è fuori scopo, in quanto richiede l’accreditamento degli OdC per i sistemi di gestione (ISO 17021-1) e non ISO 17065 art. 43.1(b) e C. 100. A fronte di questo chiarimento ufficiale, oggi le aziende, PMI, micro Imprese e PA che intendono perseguire una certificazione accreditata ISO 17065 in termini GDPR possono far riferimento solo alla norma ISDP©10003:2018 “Schema internazionale per la valutazione della conformità al Regolamento europeo 2016/679” accreditato da Accredia secondo la norma UNI EN ISO 17065 e liberamente scaricabile tramite il sito web dell’OdC IN-Veo.

Gli obiettivi della norma

ISDP©10003:2018 è lo schema internazionale di certificazione per la valutazione della conformità al GDPR di tutte le tipologie di organizzazioni in ogni settore merceologico, accreditato da Accredia a maggio 2018  secondo la norma UNI EN ISO 17065 ed avvalorato a livello europeo dallo Studio della Commissione Europea sui meccanismi di certificazione GDPR ex art.42 e 43, condotto dalla prestigiosa Tilburg University, che lo ha classificato fra i 15 migliori schemi di certificazione a livello internazionale e come uno dei due conformi allo scopo di cui all’art. 42 del GDPR.

Lo schema è stato redatto utilizzando le regole specificate per gli standard dei sistemi di gestione nelle direttive ISO Annex SL e segue la struttura comune. Di conseguenza risulta compatibile con le altre norme volontarie, in particolare UNI EN IS019011, UNI CEI EN ISO/IEC 17021-1, ISO 9001, UNI EN ISO/IEC 27001, UNI ISO/IEC 25012, ISO/IEC 29100, ISO/IEC 29134, UNI ISO 31000 e SGCMF©10002.

L’obiettivo dello schema è consentire alle organizzazioni di dimostrare la propria “Accountability” rispetto all’attuazione dei requisiti normativi ed al monitoraggio dell’adeguatezza dei processi e delle procedure interne all’organizzazione in merito al trattamento ed alla protezione dei dati personali, con particolare riferimento alla corretta gestione dei rischi.

Esso fornisce i principi e gli elementi di controllo ai titolari e responsabili del trattamento, anche fuori dall’Unione Europea, per la valutazione di conformità delle operazioni di trattamento al EU Reg. 2016/6791 e dettaglia inoltre i requisiti e i controlli necessari, affinché i dati personali gestiti attraverso sistemi hardware e software, siano trattati secondo criteri di esattezza, accuratezza, attualità, coerenza, completezza e aggiornamento, richiesti dalla normativa vigente sulla protezione dei dati personali.

Schema ISDP©10003: struttura tecnica

Dal punto di vista della strutturazione tecnica lo schema ISDP©10003 si compone di:

  • 7 macro-processi, che permettono di monitorare il rispetto dei principi fondamentali richiamati dal EU Reg. 2016/679 quali la liceità del trattamento, la capacità e tempestività di notificare violazioni, la privacy by design e by default e la valutazione d’impatto ove applicabile
  • 20 processi:
  • 98 controlli che riguardano:
  1. Politica e obbligazioni del titolare;
  2. Soggetti coinvolti nel processo del trattamento;
  3. Principi applicabili al trattamento e tutela dei diritti;
  4. Processi di adeguamento in fase di sviluppo, progettazione e selezione di applicazioni prodotti e servizi;
  5. Valutazione d’impatto;
  6. Trasferimento dei dati personali verso paesi terzi;
  7. Gestione del Cloud e IoT.
  • 1 check list

L’organizzazione che si sottopone a certificazione ISDP©10003 deve, nella misura necessaria e nei limiti dei trattamenti dei dati effettuati, predisporre e mantenere aggiornata la documentazione GDPR obbligatoria ed una serie di altri documenti.

Nello specifico:

  • manuale privacy (o documentazione equivalente) che comprenda:
  1. mappatura dei trattamenti (archivi interni ed esterni e relativi tracciati record);
  2. istruzioni formali alle persone autorizzate al trattamento sotto l’autorità del titolare (addetti);
  3. qualifiche e contratti responsabili del trattamento;
  4. procedure di monitoraggio degli Amministratori di Sistema;
  5. template di Informative (ed eventuali richieste di consenso).
  • registro del trattamento;
  • valutazione del rischio e metriche di misurazione;
  • metodologia di valutazione d’impatto sulla protezione dei dati e registro delle DPIA effettuate;
  • relazione annuale dell’amministratore di sistema;
  • relazione annuale del DPO se nominato;
  • procedure che regolano la raccolta e il trattamento dei dati;
  • procedura per la gestione dei diritti dell’interessato;
  • procedura di modifica e/o cancellazione dati;
  • procedure misure tecniche ed organizzative per la gestione della sicurezza dei trattamenti, o documentazione equivalente che comprenda antivirus. backup, restore. gestione credenziali, gestione cookie, business continuity, disaster recovery ecc.;
  • procedure di gestione della privacy by design e by default;
  • procedura di gestione degli audit interni.

I vantaggi per titolari e responsabili del trattamento

La prima considerazione da fare riguarda la rispondenza della ISDP©10003 ai dettami degli articoli 42 e 43 del Reg. UE 2016/679 e, quindi, la sua efficacia come strumento atto a dimostrare la conformità al GDPR di titolari e responsabili del trattamento, ovvero a sostanziare il “Principio di Responsabilizzazione” (artt. 5.2 e 24), che legislatore pone in capo a titolare e responsabile del trattamento.

In secondo luogo la certificazione altro non è che una macro-misura organizzativa messa in atto ai sensi degli articoli 25 e 32 del Regolamento che, di conseguenza, rappresenta  evidenza oggettiva di un elevato grado di responsabilità del titolare e del responsabile del trattamento (articolo 83.2, lett. d del Regolamento) e costituisce uno degli elementi che possono indurre l’Autorità di controllo a mitigare le eventuali sanzioni a fronte di violazioni del GDPR (articolo 83.2, lett. j del Regolamento).

È chiaro che la certificazione per la valutazione della conformità al GDPR, resta pur sempre un processo volontario e non riduce la responsabilità del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento, riguardo gli obblighi di conformità al regolamento stesso o a parti di esso.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr