LA SANZIONE

Carte fedeltà, i dati devono essere trattati correttamente: cosa impariamo dalla sanzione a Benetton

Il Garante della privacy italiano ha sanzionato il Gruppo Benetton irrogando una multa di 240mila euro per aver trattato in modo illecito i dati personali di clienti ed ex clienti. Indaghiamone i dettagli

Pubblicato il 03 Lug 2023

P
Chiara Ponti

Avvocato, Privacy Specialist & Legal Compliance e nuove tecnologie – Giornalista

Il Garante privacy nella nota del 28 giugno, tra gli altri, rende noto del provvedimento con cui ha sanzionato il Gruppo Benetton con una multa di 240 mila euro per aver trattato illecitamente per finalità di marketing e profilazione senza adeguate misure di sicurezza e con una data retention (decennale) non meglio motivata, i dati personali di tanti clienti ed ex.

Scandagliamo il provvedimento in ogni sua parte e argomentazione.

Il provvedimento del Garante, tra contestazioni e memorie

Diverse sono state le contestazioni e le relative memorie, così come contenute nel provvedimento del 27 aprile 2023. Partiamo dai fatti.

La vicenda

I fatti contestati dall’Autorità Garante della privacy alla società del Gruppo Benetton risiedono al 2015 mentre la stessa raccoglieva e conservava i dati raccolti tramite le fidelity card, anche di ex clienti: “… una mole di informazioni di grande utilità ed “appetibilità” per le attività di data enrichment e di profilazione” scrive il Garante.

WHITEPAPER
È il Momento di Pianificare la Resilienza del tuo business
Datacenter Infrastructure Management
Disaster recovery

Non solo, dalle verifiche effettuate l’Autorità ha appreso che “il database gestionale era accessibile da tutti gli addetti dei negozi del Gruppo, presenti in 7 paesi europei da qualunque dispositivo connesso alla rete internet (PC, smartphone, tablet), tramite un’unica password e un unico account”.

Insomma, una mole di dati trattati in modo non legittimo, anzi decisamente illecito, e non è stato un fulmine a ciel sereno rientrando nell’ambito dei controlli programmati di cui all’attività ispettiva (2019).

La prima contestazione del settembre 2021

Premesso che l’Autorità prima di andare in loco, ha effettuato alcuni approfondimenti di natura cartolare, chiedendo informazioni con particolare riguardo alla gestione dei cookie stante le restrizioni dell’emergenza sanitaria (Covid-19), ha avviato nel settembre del 2021 il procedimento amministrativo rilevando alcune criticità, quali:

  1. circa il sito “familycard.benetton.com”, il “banner informativo relativo all’utilizzo dei cookie, propri e di terze parti (tecnici, marketing e profilazione)” si doveva accettare senza poter deselezionare le varie tipologie di cookies mentre l’informativa (estesa) non faceva alcun cenno tra i cookies utilizzati anche quelli di profilazione, invece presenti nel banner. Si limitava a indicare solo quelli tecnici, di marketing diretto, di marketing e retargeting di terzi;
  2. circa il sito “blackcard.sisley.com”, pur presentando un “collegamento ipertestuale “clicca qui”, il banner dei cookie rimandava ad una pagina bianca e il link dei cookies presente sul footer era sprovvisto di informativa senza alcun cenno alla possibilità di accettare o meno l’utilizzo dei cookie;
  3. ancora il Garante evidenzia testualmente che “contrariamente a quanto indicato nel registro dei trattamenti e nell’informativa rilasciata al cliente per l’adesione ai programmi loyalty (in base ai quali il tempo di conservazione dei dati indicato sarebbe limitato a 2 anni in relazione sia al marketing che alla profilazione), nei gestionali utilizzati dalla società sono risultati presenti dati personali dei clienti, titolari della carta fedeltà, unitamente alle informazioni relative agli acquisti a far data dall’anno 2015, nonché dati di dettaglio degli scontrini, dei punti, del prodotto venduto anche con riferimento a soggetti che non hanno espresso il consenso alla profilazione”;
  4. circa il “gestionale Dynamics”, a seguito di una ricerca, l’Autorità Garante notava che la società ha inviato e-mail promozionali a 13 clienti successivamente “alla data di disiscrizione degli stessi dal marketing del Loyalty”, nonché in modo analogo, sul “gestionale ContactLab” con invio di comunicazioni di “… marketing a 4.259 consumatori” prive di consenso poiché revocato.

La prima memoria difensiva (ottobre 2021)

La società del Gruppo Benetton inviava una prima memoria difensiva nell’ottobre del 2021 sollevando, anzitutto, un’eccezione procedurale consistente nella presunta tardività della notifica da parte dell’Autorità sulla base del Regolamento 2/2019, di fatto poi respinta.

Nel merito, la società confermava poi “di aver comunque provveduto a completare già da tempo le attività di implementazione delle misure organizzative e tecniche volte a superare i profili di possibile criticità rilevati in sede di ispezione […] implementando una nuova tecnologia di gestione cookie da parte degli utenti, con l’adozione della piattaforma Cookiebot, volta a consentire all’utente di gestire in autonomia gli eventuali consensi rilasciati, producendo anche i nuovi testi di banner ed informative”.

Non solo, la società nel difendersi dalle prime contestazioni mosse dall’Autorità sottolineava come l’idea/progetto di un “Database Unico fosse finalizzato a razionalizzare, centralizzare e garantire la corretta gestione dei dati e dei consensi degli iscritti alle fidelity card” superando di fatto i rilievi critici mossi in sede di prima contestazione.

La seconda contestazione (marzo 2022)

L’Autorità Garante con la seconda contestazione, respingendo la richiesta di archiviazione (fatta dalla difesa), ha ravvisato le violazioni dei principi di minimizzazione e limitazione della conservazione, rilevando persistenti criticità anche alla luce dell’ingente complessivo numero di iscritti solo alla newsletter, quasi 250 mila persone, le quali risultavano aver disattivato il servizio.

La seconda memoria difensiva (aprile 2022)

La seconda memoria difensiva inviata dalla società in questione, un anno dopo e più precisamente nell’aprile del 2022, sostanzialmente offriva e forniva elementi, integrazioni e chiarimenti necessari, insistendo sulla richiesta di archiviazione già presentata con la prima predetta memoria difensiva.

Oltre a puntualizzazioni precipue circa il funzionamento del data base unico e la creazione di un unico record relativo a un caso di specie (di una signora ancora titolare di una fidelity card, revocando il solo consenso alla newsletter) circa “…la presenza, nei sistemi Benetton, dei dati riferiti alle anagrafiche dei clienti che non abbiano richiesto la cancellazione del proprio account o che non abbiano avanzato specifiche richieste di anonimizzazione” la società del Gruppo Benetton osservava testualmente che “in relazione all’iscrizione al servizio e-commerce (necessario per effettuare gli acquisti) e all’iscrizione al programma fidelity card, tali servizi sono stati strutturati senza una durata o scadenza prestabilita, al fine di permettere all’utente di poterne fruire ininterrottamente nel tempo”.

In pratica, un processo automatico di cancellazione dei dati relativi alle transazioni od acquisti risalenti ad un periodo superiore a 24 mesi, non era possibile.

Osservazioni, risultanze, misure, violazioni e ordinanza ingiunzione

L’Autorità Garante per la protezione dei dati, nel provvedimento in questione, fa diverse osservazioni, ponendo in luce risultanze e indicando le misure da adottare per giungere all’individuazione delle violazioni da contestare, e così ingiungendo un’ordinanza ingiunzione pari ad euro 240.000,00.

Le osservazioni dell’Autorità e l’archiviazione

Il Garante inizia, fugando ogni dubbio preliminare, con l’osservazione che respinge energicamente l’eccezione pregiudiziale con cui la società del Gruppo Benetton aveva sollevato, circa la tardività del notifica contenente la prima contestazione, dicendo chiaramente che l’intempestività non poteva, nel caso di specie, affatto sussistere in quanto “notevolmente condizionata tanto da effettive esigenze di verifica e comprensione delle dinamiche di trattamento di Benetton quanto dall’eccezionale e nota condizione di limitazioni e di incertezza legate all’emergenza pandemica”.

In secondo luogo, l’Autorità con riferimento alla gestione dei cookie rinnovata e implementazione del data base dei clienti (unico record con una sola opzione di volontà -positiva o negativa- per servizi di fidelity card; e-commerce; iscrizione alla newsletter), ha apprezzato le azioni poste in essere dalla società in questione, certa che nella pratica, l’utente/interessato disiscritto non avrebbe più ricevuto alcuna newsletter promozionale.

Da qui, l’archiviazione di questa fetta di contestazione.

Risultanze complessive e misure da adottare, secondo l’Autorità

Richiamandoci al punto 6.3 del provvedimento in disamina, il Garante ravvisa, complessivamente, una serie di illiceità nelle condotte poste in essere dalla società del Gruppo Benetton ingiungendole di “cancellare, o anonimizzare, i dati personali degli ex clienti risalenti ad un periodo maggiore di 10 anni, fatti salvi i casi in cui sia ancora in corso una controversia giudiziaria od extra-giudiziaria, entro 10 giorni dalla data di ricezione del presente provvedimento”; nonché di “… adottare idonee soluzioni organizzative e tecniche finalizzate ad assicurare che la conservazione dei dati dei clienti e degli ex clienti avvenga nel rispetto dei principi di cui all’art. 5 del Regolamento, e in particolare di finalità, minimizzazione e limitazione della conservazione, entro 30 giorni dalla data di ricezione del presente provvedimento”.

Le violazioni accertate e l’ordinanza ingiunzione di 240mila euro

Le violazioni accertate dall’Autorità Garante sono, dunque molteplici.

Anzitutto, il Gruppo Benetton ha violato i principi di minimizzazione e di limitazione della conservazione ex art. 5, par.1, lett. c) ed e), del GDPR. Poi non ha adottato misure di sicurezza adeguate ex art. 32, par.1, lettere b) e d), e par. 2 – GDPR e, per l’effetto, non avrebbe garantito una coerente “capacità di assicurare su base permanente la riservatezza… e l’integrità” dei dati trattati, in assenza di “una procedura per testare, verificare e valutare regolarmente l’efficacia delle misure tecniche e organizzative al fine di garantire la sicurezza del trattamento”.

In altre parola, l’Autorità ci sta dicendo che nel considerare un adeguato livello di sicurezza, bisogna considerare i rischi presentati dal trattamento derivanti da distruzione, perdita, modifica, divulgazione non autorizzata o accesso, accidentale o illegale, a dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati.

Ma vi è di più.

Il Garante nelle condotte assunte da Benetton ha ravvisato altresì un vulnus a uno dei principi cardine dell’intero impianto normativo e cioè alla famigerata “accountability”, circa le comunicazioni di dati personali a soggetti terzi (TikTok e Facebook, quali partner commerciali) per finalità di marketing e profilazione.

Nel merito, il Garante ha argomentato affermando testualmente che “è rimasto poco definito e chiaro il rapporto con tali piattaforme relativamente ai trattamenti dei dati effettuati in nome e/o per conto di Benetton, nonché l’ambito e le modalità degli stessi, considerato che Benetton ha fornito al riguardo solo copia dei termini di servizio somministrati in via standard da tali due Società terze alla generalità dei propri utenti, senza spiegare né produrre documentazione relativamente al ruolo, nella fattispecie, di queste nel trattamento dei dati ed ad eventuali istruzioni operative date loro”.

In pratica, la società del Gruppo Benetton ha violato il principio di accountability per non avere rendicontato in maniera corretta, congrua e coerente i rapporti con i due colossi del social (Tik Tok e Meta).

Da qui, la quantificazione della sanzione irrogata per un importo pari a 240 mila euro. L’Autorità ha ritenuto di infliggere una multa (abbastanza) esemplare sulla base dell’elevato numero degli interessati coinvolti nonché la notevole durata delle violazioni, tenute conto le circostanze aggravanti come:

  1. la soggettività della condotta, gravemente colposa in ragione della difformità della condotta   alla luce della consistente attività provvedimentale dell’Autorità, con particolare riferimento alla conservazione dei dati (lett. d);
  2. il “volume d’affari” (510.143.722,00 euro).

Parimenti, in ottica di bilanciamento, l’Autorità ha altresì valutato le circostanze attenuanti, come:

  1. l’assenza di precedenti procedimenti;
  2. la collaborazione e trasparenza in sede ispettiva e più in generale durante l’intrea fase istruttoria.

Punti salienti del provvedimento e insegnamenti per tutti

Da questo lungo e, a tratti cavilloso, provvedimento emerge come i punti salienti siano sostanzialmente due: la gestione dei cookies e la data retention insegnando come ci si deve comportare e come non.

La gestione dei cookie

Circa la gestione dei cookies, richiamandoci per completezza alle Linee guida cookie e altri strumenti di tracciamento del 10 giugno 2021, il comportamento della società del Gruppo Benetton è stato mirabile al punto tale che, grazie alle tempestive, ancorché in corso d’opera e durante il procedimento, azioni correttive, sistematiche e radicali, ha fatto si che l’Autorità archiviasse su questo punto questo aspetto.

La data retention

Sulla data retention invece la condotta e relativa gestione della questione da parte della società in questione, non si può dire che costituisca proprio un esempio da imitare, pur tenendo conto che il tema sia decisamente spinoso.

Più in generale, richiamando quanto già scritto, la conservazione dei dati per finalità di marketing/profilazione, sarà difficile vedere alla luce criteri ufficiali, pur richiamando alcuni provvedimenti emessi dal Garante come il 181/2020 con il quale ha (finalmente) chiarito che “il limite per conservare dati personali, raccolti con il consenso dell’interessato, per scopi di marketing e profilazione, sia di due anni”.

Ne consegue che in termini di conservazione dei dati, non si può scegliere arbitrariamente, ma occorre sempre giustificarsi con ragionevoli motivi controllabili.

Ecco che, in pieno spirito di accountability, una società – titolare del trattamento – per essere conforme con questo delicato aspetto di compliance al GDPR occorre che sappia sempre spiegare, all’occorrenza, perché si è scelto un certo periodo (di conservazione) piuttosto che un altro. Qui famosi criteri cioè che andrebbero già indicati nell’informativa.

WHITEPAPER
Le strategie che fanno bene al business e alla cyber security
Cybersecurity
Disaster recovery
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4