L'ANALISI

Il nuovo regolamento sull’IA: alla ricerca di un delicato equilibrio normativo e tecnologico

I legislatori europei stanno discutendo la revisione della struttura di governance della legge sull’IA: il principio alla base di una eventuale intesa non sarà quello di regolare l’intelligenza artificiale in quanto tale, ma assicurare la sua concreta applicazione in equilibrio tra il terreno tecnologico e quello giuridico. Il punto

Pubblicato il 23 Nov 2023

M
Luca Marchese

Osint Junior Analyst, Hermes Bay

D
Gaia D'Ariano

Junior Osint Analyst, Hermes Bay

I membri del Parlamento europeo coinvolti nella legge sull’IA hanno discusso l’aspetto della governance alla luce delle recenti discussioni sui più potenti modelli di intelligenza artificiale.

Attualmente, la legge sull’IA è al suo ultimo stadio di un lungo iter legislativo, in cui il Parlamento europeo e il Consiglio concordano le disposizioni finali, lasciando alla Commissione il ruolo di intermediario tra le due istituzioni.

La Commissione, infatti, ha presentato il testo che coniuga le aspettative di entrambi gli organi legislativi, ricomprendendo anche la formulazione di una nuova proposta sulla regolamentazione dei modelli di intelligenza artificiale di uso generale.

Intelligenza artificiale più sicura, i paletti del G7 e di Biden

Suddividere la regolamentazione in base al rischio

Secondo il nuovo testo, il cosiddetto “Ufficio AI” ha il compito di monitorare e richiedere informazioni pertinenti per l’applicazione delle disposizioni della legge sull’IA ai fornitori di modelli di linguaggio “General Purpose of Artificial Intelligence” (GPAI), compresa la loro adesione ai codici di condotta già approvati.

WHITEPAPER
Sei sicuro della conformità ESG dei tuoi prodotti? Elimina ogni dubbio scaricando l'eBook!
Contract Management
Privacy/Compliance

L’approccio, già messo in atto per il Digital Markets Act e il Digital Services Act, è quello di suddividere la regolamentazione in base al rischio, prevedendo regole più intransigenti per coloro che hanno un impatto più forte e generale sulla società.

Nei recenti sviluppi della legge, la scorsa settimana si è verificata una battuta d’arresto sui modelli di fondazione, mezzi di intelligenza artificiale su cui possono essere costruiti altri sistemi di IA, come per esempio ChatGPT che è alimentato da GPT-4 di OpenAI.

A tal proposito, la Commissione europea ha diffuso il 19 novembre un possibile compromesso sulla legge sull’IA per rompere lo stallo sui tali modelli di fondazione, applicando l’approccio a più livelli e introducendo codici di condotta per modelli con rischi sistemici.

A seguito della crescente opposizione della Francia, sostenuta da Germania e Italia (pressate dalle varie aziende tecnologiche nazionali che temono di venire sfavorite rispetto alle concorrenti americane e cinesi), la presidenza spagnola di turno al Consiglio dell’UE ha chiesto una rivisitazione dell’approccio a tali modelli, poiché intende la regolamentazione come un compromesso che potrebbe mettere a repentaglio l’approccio basato sul rischio alla base della legge sull’IA.

Riguardo la proposta a più livelli con obblighi più stringenti per il modello di fondazione “ad alto impatto” – sul quale in origine sembrava esserci un consenso unanime – appare sussistere ancora una discussione a livello politico, poiché non avere obblighi per i modelli di fondazione non è considerata un’opzione plausibile per il Parlamento europeo e per gli eurodeputati.

Il progetto è volto a fare in modo che siano gli sviluppatori dei modelli di fondazione a definire le schede modello, ovvero una documentazione che comprenda tutte le informazioni sullo strumento così che chi ne entra in possesso ne conosca le capacità e i limiti del modello e le best practice da attuare.

I punti ancora in discussione

Per il compromesso, il Consiglio comprenderà un rappresentante per paese dell’UE con un mandato triennale e rieleggibile solo una volta.

Il Consiglio dovrà adottare ogni decisione interna a maggioranza dei due terzi e avere due sottogruppi permanenti che si occupano di sorveglianza del mercato e autorità di notifica.

Tale impostazione riprende la proposta del Parlamento di istituire un forum consultivo per le parti interessate, come rappresentanti del settore, PMI, start-up, società civile e mondo accademico di modo da fornire competenze tecniche al Consiglio di amministrazione e all’Ufficio per l’IA.

Seguendo l’esempio del comitato europeo per la protezione dei dati, il comitato per l’intelligenza artificiale sarebbe incaricato di garantire un’applicazione coerente del regolamento sull’IA in tutto il blocco, fornendo allo stesso tempo consulenza sulla legislazione secondaria, sui codici di condotta e sugli standard tecnici.

La composizione del Consiglio di amministrazione dovrebbe garantire la rappresentanza di genere e geografica. Il panel consiglia l’AI Office sui modelli di General Purpose AI (GPAI), in particolare, contribuendo allo sviluppo di metodologie per la valutazione delle capacità dei modelli e consigliando la classificazione dei modelli con rischi sistemici. Inoltre, gli esperti del gruppo dovrebbero allertare l’Ufficio AI quando ritengono che un modello GPAI presenti un rischio concreto a livello dell’UE o soddisfi i requisiti per classificarlo come modello con rischi sistemici.

Obblighi chiari sugli usi specifici dell’IA

Dunque, la proposta di regolamentazione mira a fornire agli sviluppatori, ai deployers e agli utenti requisiti e obblighi chiari in merito agli usi specifici dell’IA e, allo stesso tempo, a ridurre gli oneri amministrativi e finanziari per le aziende, in particolare per le piccole e medie imprese (PMI).

A tal proposito, la governance dell’IA gioca un ruolo determinante che può migliorare il quadro organizzativo e l’adozione stessa dei sistemi “intelligenti”, guidando l’innovazione e l’efficienza dei processi.

Inoltre, un adeguato modello di gestione può impedire la duplicazione degli sforzi nello sviluppo e nell’implementazione dei sistemi di intelligenza artificiale, evitando così investimenti affrettati e poco ponderati.

La governance dell’IA, quindi, dovrebbe essere ricondotta alla funzione di “compliance and risk”, ma dovrebbe essere intesa anche come un’iniziativa di business di ampio respiro predisposta e pianificata dalla leadership organizzativa.

Questo sentimento è condiviso non solo dai leader nello sviluppo di tecnologie AI, come Microsoft, IBM e Google. Aziende di altri settori, come Pfizer in quello farmaceutico e Mastercard in quello dei pagamenti, hanno dichiarato che stanno progettando dei propri processi di governance dell’IA, dotati di responsabilità funzionale incrociata in modo da affrontare il crescente uso di questi strumenti per le comuni attività aziendali.

Mantenere la fiducia di consumatori e stakeholder

La combinazione di un solido processo di privacy by design e di un framework per la governance dell’IA è, dunque, l’approccio giusto per mantenere la fiducia dei consumatori e degli stakeholder.

Il governo spagnolo sta spingendo affinché il Consiglio e il Parlamento adottino la nuova legge sull’IA dell’UE prima che la sua presidenza si concluda alla fine di quest’anno e durante il suo mandato ha svolto un ruolo attivo adottando misure significative per posizionarsi come un paese leader nell’IA e dimostrando il suo impegno a incoraggiare e garantire la sua corretta regolamentazione.

Tuttavia, potrebbe essere una sfida raggiungere un accordo sulla legge sull’IA prima della fine di quest’anno a causa dei blocchi nei negoziati, considerato che l’artificial intelligence è una tecnologia in rapida evoluzione.

La proposta ha un approccio a tale sistema tecnologico a prova di futuro, che dovrà consentire alla normativa di adattarsi e conformarsi sulla base degli sviluppi e dei cambiamenti tecnologici nonostante persista il pericolo che un’eccessiva regolamentazione possa soffocare il settore di riferimento.

Il principio alla base dell’intesa non è dunque quello di regolare l’intelligenza artificiale in quanto tale, ma assicurare la sua concreta applicazione in equilibrio tra il terreno tecnologico e quello giuridico.

WHITEPAPER
Gestione documentale e firma digitale: abilita un processo full digital sicuro
Fatturazione elettronica
Archiviazione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3