PRODOTTI E SERVIZI ICT

Sistema UE di certificazione della cyber security: come adeguarsi al nuovo mercato digitale

Lo scorso 31 gennaio è stato adottato il primo sistema di certificazione di cybersecurity a livello europeo: lo European Union Cybersecurity Certification Scheme on Common Criteria. Ecco tutto quello che c’è da sapere per adeguarsi alle nuove regole e al nuovo mercato digitale

Pubblicato il 08 Feb 2024

C
Francesco Cerciello

Avvocato presso Gianni & Origoni

L’Unione Europea ha finalmente adottato il primo sistema europeo di certificazione in materia di cyber security che stabilisce un insieme di norme, procedure, regole e requisiti tecnici a cui vendor e fornitori di prodotti, servizi e processi ICT dovranno guardare con estremo interesse e attenzione.

L’obiettivo del nuovo sistema di certificazione è quello di aumentare e garantire il livello di affidabilità e di sicurezza dei prodotti, servizi e processi ICT immessi nel mercato dell’UE, attraverso la certificazione di hardware, software e componenti tecnologici (e.g., chip, smartcard).

Con l’European Union Cybersecurity Certification Scheme on Common Criteria (EUCC), che è solo il primo dei sistemi di certificazione della cibersicurezza attesi, è innegabile che l’Unione abbia compiuto un passo fondamentale nel consolidamento della propria strategia mirata ad innalzare i livelli di sicurezza cibernetica all’interno del mercato tecnologico e digitale europeo.

Ddl cyber security, l’Italia potenzia la guerra al cybercrime ma non basta: ecco perché

Sistema UE di certificazione cyber: il contesto normativo

Già dal 2019, con l’entrata in vigore del Cybersecurity Act, l’Unione Europea ha introdotto uno strumento normativo volto ad istituire un preciso quadro regolatorio sulla certificazione della sicurezza cibernetica di prodotti ICT e servizi digitali.

WHITEPAPER
Esplora i misteri dei File Log: scopri le soluzioni e gli strumenti per analizzarli al meglio!
Cybersecurity
Network Security

Infatti, il Cybersecurity Act ha stabilito il c.d. quadro europeo di certificazione della cibersicurezza, teso ad introdurre all’interno del mercato europeo dei sistemi di certificazione della cibersicurezza.

Tale attività è stata affidata principalmente all’ENISA, l’Agenzia per la cybersicurezza dell’Unione Europea, attraverso l’attribuzione di compiti e funzioni di promozione dell’uso delle suddette certificazioni e di incremento della trasparenza del livello di sicurezza dei prodotti ICT.

Lo European Union Cybersecurity Certification Scheme on Common Criteria (“EUCC”) è stato adottato proprio seguendo l’iter previsto dal Cybersecurity Act, secondo cui, dopo l’iniziale richiesta formulata dalla Commissione, l’ENISA – anche attraverso il contributo di un gruppo di lavoro istituito ad hoc – ha predisposto il sistema di certificazione oggi approvato.

Il regime di certificazione introdotto dall’EUCC

L’EUCC è un sistema di certificazione ad adesione volontaria che si applica a tutti i prodotti ICT, inclusi:

  1. i relativi documenti richiesti durante l’iter di certificazione;
  2. i Protection Profile forniti per l’ottenimento della certificazione e che evidenziano i processi ICT che stabiliscono i requisiti di sicurezza per i prodotti ICT.

Come detto, gli standard di valutazione per le certificazioni ai sensi dell’EUCC sono costituiti dallo standard Common Criteria (i.e., ISO/IEC 15408) e dalla metodologia CEM (i.e., ISO/IEC 18045).

I livelli di affidabilità

L’EUCC prevede due livelli di affidabilità per i prodotti ICT: quello “sostanziale” e quello “elevato”.

Tuttavia, diversamente da quanto stabilito dal Cybersecurity Act, il sistema non considera in alcun modo un livello c.d. “di base”, né disciplina la possibilità che la conformità dei prodotti sia attestata da un’autovalutazione del fabbricante o del fornitore.

È opportuno precisare che il livello di affidabilità viene sempre commisurato al livello del rischio associato al previsto uso del prodotto, servizio o processo ICT, in termini di probabilità e impatto di un incidente e, a seconda dei casi previsti, permette di comprendere se un prodotto, servizio o processo ICT soddisfi requisiti di sicurezza più o meno stringenti.

Valutazione e ottenimento della certificazione dei prodotti ICT

Nel procedimento di certificazione, il richiedente è tenuto a fornire all’ente di certificazione e all’ITSEF (“Information Technology Security Evaluation Facility”) tutte le informazioni necessarie a tal fine, inclusa evidenza di quanto richiesto dal Common Criteria e dalla CEM, nonché i dettagli del prodotto ICT e del suo codice sorgente, ove necessario.

Inoltre, è richiesto il link al sito web del richiedente e alle informazioni supplementari sulla cibersicurezza del prodotto (e.g., raccomandazioni per l’uso dei prodotti, il periodo di assistenza garantita ecc.), nonché una descrizione delle procedure di gestione e segnalazione delle vulnerabilità.

In ultimo, ai fini della certificazione EUCC, possono essere valutate anche altre certificazioni ottenute precedentemente dal richiedente per il prodotto ICT da valutare.

La validità della certificazione viene stabilita dall’ente certificatore in virtù delle specifiche caratteristiche del prodotto ICT esaminato, e comunque entro un limite di cinque anni, a meno che un termine più ampio sia autorizzato dall’autorità di certificazione nazionale.

Successivamente, la certificazione EUCC può essere sottoposta alla revisione dell’ente, qualora il detentore ne faccia richiesta o per altre ragioni motivate, alla rivalutazione da parte dell’ITSEF e, conseguenzialmente, ad un regime di sospensione o revoca.

Il monitoraggio della conformità

Il sistema EUCC prevede un ampio ed articolato regime di monitoraggio del livello di conformità agli obblighi del Cybersecurity Act da parte degli enti di certificazione, dell’ITSEF e dei detentori delle certificazioni.

Invece, dei prodotti ICT certificati deve essere monitorato il livello di compliance ai requisiti e gli standard EUCC.

Le attività di monitoraggio affidate alle autorità nazionali di certificazione possono avviarsi in virtù di un input degli enti di certificazione o delle autorità di vigilanza del mercato, sulla scorta di informazioni derivanti da audit e ispezioni di altre autorità o anche per dar seguito ai reclami ricevuti.

Allo stesso modo, anche agli enti di certificazione e ai detentori di certificazioni sono attribuiti compiti di monitoraggio. In quest’ultimo caso, in particolare, ciascun detentore di una certificazione EUCC è tenuto a monitorare autonomamente le informazioni sulle vulnerabilità dei prodotti ICT certificati e il livello di affidabilità indicato nella certificazione.

Altri obblighi per i detentori di certificazioni

Anche laddove sia stata già ottenuta una certificazione, ciascun detentore è tenuto ad adottare e mantenere delle procedure di gestione delle vulnerabilità.

Oltre a ciò, il detentore della certificazione deve mantenere attivi e render pubblici dei canali di segnalazione ai quali possano essere inviate informazioni su vulnerabilità riscontrate nei prodotti ICT.

In caso di segnalazione, poi, è necessario procedere ad una “vulnerability impact analysis” e redigere un report, qualora sussista il rischio di compromettere la conformità del prodotto ICT.

In esito all’analisi d’impatto, in ogni caso, il detentore della certificazione deve predisporre e comunicare una proposta di remediation all’ente di certificazione.

Le strategie cyber di Europa e Stati Uniti a confronto

Verso un nuovo mercato digitale

Con l’imminente entrata in vigore dell’EUCC, i fabbricanti e i fornitori di prodotti, servizi e processi ICT avranno a disposizione un periodo transitorio di 12 mesi per adeguarsi al nuovo sistema di certificazione, eventualmente utilizzando le certificazioni ottenute secondo altri sistemi degli Stati membri e, in ogni caso, con la possibilità di sottoporre tali certificazioni ad un processo di revisione.

L’EUCC rappresenta di certo un altro forte segnale dell’Unione in direzione di una rivoluzione del mercato digitale e di un innalzamento del livello di sicurezza e resilienza dei prodotti ICT venduti e distribuiti in Europa.

Per di più, ad integrare il regime di certificazione definito dall’EUCC, si attende l’adozione di altri due sistemi di certificazione, che si trovano attualmente in preparazione presso l’ENISA: l’EUCS, relativo ai servizi cloud, e l’EU5G, sulla sicurezza delle reti 5G.

Indubbiamente, la necessità di consolidare la fiducia degli utenti e degli stakeholder verso i prodotti ICT pone oggi vendor e fornitori dinanzi ad un’opportunità che ha tutto l’aspetto di un potenziale cut-off dal nuovo mercato digitale.

Per tale ragione, il sempre più ricco quadro normativo europeo sulla cybersecurity (i.e., Direttiva NIS 2, Cybersecurity Act o i proposti regolamenti eIDAS e Cyber Resilience Act) chiama le imprese ad adeguare i processi di fabbricazione, sviluppo e distribuzione di prodotti, servizi e processi ICT ai nuovi requisiti e standard europei di security by design.

WHITEPAPER
Tutti gli strumenti per digitalizzare i processi documentali nel workspace ibrido
Cloud storage
SaaS
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5