RESILIENZA

Nuova direttiva europea sulle infrastrutture critiche: punti salienti e innovazioni

Parlamento e Consiglio europeo hanno raggiunto l’accordo circa l’approvazione di nuove norme che mirano a rafforzare il livello di preparazione delle infrastrutture critiche di fronte a una serie di nuove minacce. Ecco i punti salienti e le innovazioni introdotte dalla direttiva CER

01 Set 2022
A
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

G
Gaetano Grech

Analyst, Hermes Bay

R
Martina Rossi

Analyst, Hermes Bay

Il 28 giugno il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea hanno raggiunto un accordo circa l’approvazione della Direttiva sulla resilienza delle infrastrutture critiche (CER), proposta dalla Commissione nel dicembre 2020.

Le nuove norme hanno lo scopo di rafforzare il livello di preparazione delle infrastrutture critiche di fronte a una serie di minacce, tra cui i rischi naturali, gli attacchi terroristici, le minacce interne o il sabotaggio, nonché le emergenze sanitarie come la recente pandemia di Covid-19.

Eni sotto attacco hacker, forse dalla Russia

Direttiva europea sulle infrastrutture critiche: gli obblighi

La nuova normativa stabilisce l’obbligo per gli Stati membri di:

  1. adottare misure volte a garantire la fornitura, nel mercato interno, dei servizi essenziali per la società e individuare i soggetti critici;
  2. rafforzare la loro resilienza e la loro capacità operativa;
  3. fissare regole sulla vigilanza e sull’applicazione delle norme nei confronti dei tali enti (art. 1, co.1).

Ogni Paese UE è chiamato ad adottare entro tre anni una sua strategia nazionale, tenendo conto delle priorità strategiche per migliorare la resilienza complessiva delle entità critiche, del quadro di governance, della valutazione dei rischi e del coordinamento tra le varie autorità competenti (art.3, co. 1). Tale strategia sarà aggiornata, ove necessario, ogni quattro anni (comma 2).

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

Allo stesso tempo, ogni Stato membro ha l’onere di indicare una o più autorità competenti responsabili della corretta applicazione e del rispetto della direttiva a livello nazionale (art.8, co. 1).

Inoltre, ogni Paese dovrà designare, all’interno dell’autorità competente, un unico punto di contatto per assicurare la cooperazione transfrontaliera con le autorità competenti degli altri Stati membri (comma 2).

Queste agenzie dovranno coordinarsi, ove richiesto, con altri enti nazionali, in particolare quelli incaricati della protezione civile, dell’applicazione della legge, della protezione dei dati personali e con le parti interessate (comma 5).

Nuove misure tecniche e organizzative per i soggetti critici

Gli Stati membri devono assicurarsi che i soggetti critici adottino misure tecniche e organizzative per garantire la loro resilienza, ivi comprese quelle di:

  1. prevenzione degli incidenti;
  2. protezione fisica delle aree sensibili;
  3. mitigazione delle conseguenze degli incidenti;
  4. recupero dagli incidenti;
  5. gestione della sicurezza dei dipendenti;
  6. aumento della consapevolezza tra il personale (art. 11, co. 1).

Il Gruppo per la resilienza delle infrastrutture critiche

Una novità introdotta dalla direttiva è la creazione del Gruppo per la resilienza delle infrastrutture critiche. Si tratta di un organo che ha il compito di supportare la Commissione nella cooperazione strategica e nello scambio di informazioni (art. 16, co. 1).

Ha altresì la funzione di valutare le varie strategie e di coadiuvare gli Stati nell’individuazione delle infrastrutture critiche (comma 2).

Infine, la direttiva prevede apposite misure affinché le autorità competenti dei vari Paesi possano valutare l’applicazione della normativa da parte delle entità critiche attraverso ispezioni in loco e audit (art. 18, comma 1).

Nel caso in cui sia necessario, le autorità competenti hanno la facoltà di ordinare ai soggetti critici interessati di adottare le misure necessarie per porre rimedio a qualsiasi violazione individuata (comma 3).

Qualora venissero riscontrate delle irregolarità, gli Stati membri sono incaricati di prescrivere sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive (art. 19).

Serve un continuo rafforzamento delle infrastrutture critiche

La proposta presentata dalla Commissione si inserisce in un panorama complesso e sempre più interconnesso. Le infrastrutture critiche sono oggetto di una serie di minacce che rendono necessario un continuo rafforzamento delle stesse, oltre a una serie di innovazioni proiettate ad una migliore prevenzione e mitigazione dei possibili rischi.

Come analizzato in precedenza, la Direttiva CER pone un nuovo approccio nei confronti delle infrastrutture critiche, più ampio ed inclusivo, che consentirà agli Stati membri di affrontare abilmente le interdipendenze transfrontaliere e i potenziali effetti di un incidente.

Come affermato da Ylva Johansson, Commissaria Europea per gli Affari Interni, “alla luce dell’attuale situazione geopolitica in Europa, rafforzare la nostra resilienza è di fondamentale importanza. […] La nuova direttiva garantirà la fornitura di servizi essenziali come l’energia, i trasporti, l’acqua e l’assistenza sanitaria, riducendo al minimo l’impatto degli incidenti naturali e provocati dall’uomo“.

Obiettivi della direttiva europea sulle infrastrutture critiche

Fra i principali obiettivi promossi vi sono quindi il miglioramento dei servizi essenziali per la collettività ed il conseguente aumento della resilienza dei soggetti che li forniscono. La presente proposta mira, inoltre, ad un elevato livello di cibersicurezza comune a tutti i Paesi membri, al fine di affrontare al meglio la crescente interconnessione tra il mondo fisico e quello digitale, della quale è necessario tener conto per progettare valide strategie di sicurezza nazionali e comunitarie.

La direttiva proposta risulta essere coerente con altre iniziative settoriali ed intersettoriali dell’Unione Europea riguardanti ad esempio la questione climatica, la protezione civile, la sicurezza informatica e finanziaria.

In particolare, è allineata alla Direttiva sui sistemi di rete e informazione (NIS) e alla proposta di direttiva sulle misure per un elevato livello comune di cibersicurezza in tutta l’Unione (NIS 2). La direttiva CER mira a garantire che le autorità competenti, designate della stessa e dalla proposta di direttiva NIS 2, adottino misure complementari e si scambino le informazioni necessarie in materia di gestione di rischi di varia natura e di resilienza delle strutture cibernetiche e fisiche.

Per quanto concerne l’incidenza finanziaria della proposta sul bilancio UE, le risorse economiche necessarie per attuare le disposizioni sono stimate in 42,9 milioni di euro per il periodo 2021-2027, di cui 5,1 milioni per le spese amministrative.

I costi dovrebbe essere suddivisi fra attività di supporto alla Commissione (retribuzione del personale, finanziamento di progetti e altre attività di ausilio), missioni consultive organizzate dalla stessa e riunioni periodiche del Gruppo per la Resilienza delle Infrastrutture Critiche ed altri gruppi.

Contesto applicativo della direttiva UE sulle infrastrutture critiche

La proposta di Direttiva sulla Resilienza delle Infrastrutture Critiche costituisce un cambiamento considerevole rispetto all’attuale Direttiva 2008/114/CE (ECI), che si basava sull’articolo 308 del Trattato Istitutivo della Comunità Europea, corrispondente all’attuale articolo 253 del TFUE. Tale Direttiva, che si applica solo ai settori dell’energia e dei trasporti, si concentra esclusivamente sulle misure di protezione e prevede una procedura per identificare e designare le infrastrutture critiche europee attraverso il dialogo transfrontaliero.

Tuttavia, la valutazione della Direttiva ECI condotta nel 2019, ha rilevato che, a causa della natura sempre più interconnessa e transfrontaliera delle operazioni che utilizzano infrastrutture critiche, le misure di protezione, relative ai singoli beni, da sole non sono sufficienti a prevenire il verificarsi di incidenti che possono potenzialmente interrompere le operazioni delle infrastrutture critiche.

Queste interdipendenze implicano che qualsiasi perturbazione, anche se inizialmente limitata a una infrastruttura o a un settore, può avere effetti a cascata, potenzialmente negativi e di lunga durata nella fornitura di servizi nel mercato interno.

La pandemia da Covid-19 ha mostrato la vulnerabilità delle nostre società sempre più interdipendenti di fronte ai rischi a bassa probabilità.

Allo stesso tempo, il contesto in cui operano le infrastrutture critiche è cambiato in modo significativo: il panorama dei rischi è più complesso rispetto al 2008, con una minaccia terroristica in evoluzione, pericoli interni, disastri naturali e cambiamenti climatici che possono ridurre la capacità e l’efficienza di determinati tipi di infrastrutture, qualora non siano in atto misure di prevenzione.

L’iter applicativo della nuova direttiva UE

L’accordo raggiunto tra Parlamento europeo e Consiglio ha quindi posto le basi per un nuovo quadro di sicurezza comune; il passo successivo sarà l’approvazione formale dei co-legislatori.

Una volta pubblicato il documento nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, entrerà in vigore trascorsi i successivi 20 giorni. Spetterà poi ai singoli Paesi definire, attraverso disposizioni nazionali, in che modo verranno realizzati gli obiettivi posti dalla direttiva stessa.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4