SICUREZZA NAZIONALE

Investimenti da 150 milioni per innovazione e tecnologia: così l’Italia disegna il suo futuro digitale



Indirizzo copiato

L’investimento di 150 milioni di euro nel settore delle startup tecnologiche italiane genererà un impatto significativo per l’intero contesto economico e tecnologico del paese, contribuendo ad aumentare il livello di sicurezza informatica e ad accelerare la diffusione delle nuove tecnologie. Ecco tutti i dettagli

Pubblicato il 14 mar 2024

Luisa Franchina

Presidente Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche



Investire nella difesa digitale

Rendere l’Italia protagonista nell’innovazione tecnologica: è l’obiettivo del recente decreto legge varato il 26 febbraio in Consiglio dei ministri che prevede un investimento di 150 milioni di euro destinati a supportare startup e imprese che operano nei settori dell’intelligenza artificiale, della cyber security, del 5G, del quantum computing e delle telecomunicazioni.

Questa mossa strategica, parte integrante del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), mira a catalizzare la trasformazione digitale del Paese, rafforzando al contempo la sicurezza informatica nazionale e promuovendo lo sviluppo di infrastrutture tecnologiche all’avanguardia.

150 milioni per innovazione e tecnologia: i dettagli

L’obiettivo è chiaro: posizionare l’Italia al vertice nella corsa globale verso l’innovazione tecnologica, creando un ecosistema fertile per la crescita di startup e imprese capaci di competere sul mercato internazionale.

Questi finanziamenti rappresentano una leva cruciale per attirare talenti e investimenti nel settore, nonché per stimolare la ricerca e lo sviluppo di soluzioni innovative in ambiti chiave per il futuro digitale del paese.

Il finanziamento del governo italiano di 150 milioni di euro si propone di accelerare la trasformazione digitale del paese, migliorare la sicurezza delle informazioni e favorire lo sviluppo di una infrastruttura tecnologica avanzata.

Le risorse saranno distribuite attraverso meccanismi di sostegno diretto alle imprese e attraverso fondi di venture capital, con l’obiettivo di stimolare la crescita economica, l’innovazione e la competitività del sistema produttivo italiano a livello globale.

In particolare, nel corso del 2024 Palazzo Chigi e l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (ACN) potranno utilizzare fino a 90 milioni di euro per fondi dedicati all’intelligenza artificiale, al quantum computing e alla cyber security.

Avranno anche la possibilità di impegnare fino a 44,7 milioni di euro per il settore delle telecomunicazioni, concentrandosi sullo sviluppo del 5G e altre tecnologie come il mobile edge computing e il web3.

In aggiunta, sono stati assegnati 300 mila euro all’ACN per la gestione biennale di questi investimenti.

L’obiettivo degli investimenti nelle nuove tecnologie

L’allocazione dei fondi si inserisce in un contesto di politiche mirate a incentivare la ricerca e lo sviluppo nel campo delle nuove tecnologie.

Grazie all’occhio di riguardo verso l’intelligenza artificiale, la cyber security e le reti 5G, il governo intende non solo stimolare la nascita di nuove imprese, ma anche consolidare la posizione di quelle già esistenti che si distinguono per capacità innovativa e potenziale di crescita.

Questi investimenti rappresentano un tassello fondamentale della strategia nazionale per la trasformazione digitale, volti a creare un ambiente fertile dove talenti e idee possano prosperare, generando un impatto positivo sull’economia e sulla società.

I bandi per gli investimenti nei progetti di intelligenza artificiale

Con particolare riferimento al settore dell’intelligenza artificiale, il PNRR prevede investimenti specifici. La Fondazione Fair, finanziata dal PNRR con 115 milioni di euro, ha lanciato bandi nazionali per finanziare progetti di intelligenza artificiale delle imprese italiane, con un budget di 12 milioni di euro.

I bandi mirano a riunire l’ecosistema AI italiano, coinvolgendo università, centri di ricerca e aziende. Saranno gestiti dai 10 “spoke” del progetto, con bandi pubblicati tra fine marzo e aprile, e le valutazioni tecniche previste fino al 31 luglio.

Il progetto finanziato si divide in tre categorie: ricerca industriale con 3,2 milioni di euro per sviluppare nuovi prodotti o servizi; studi di fattibilità con 6,3 milioni di euro per analizzare il potenziale di un progetto; e sviluppo sperimentale con 2,4 milioni di euro, incluso la costruzione di prototipi.

È rivolto a MPMI e grandi imprese con almeno il 20% del progetto a loro carico, offrendo un contributo a fondo perduto fino a 300mila euro per progetto, con un costo minimo di 80mila euro.

I criteri di selezione dei progetti di investimento

L’implementazione del piano di investimento del governo mira a imporsi con un approccio proattivo, focalizzandosi sull’ottimizzazione dei processi e sull’efficienza.

La trasparenza e l’equità nei criteri di selezione sono priorità, con l’obiettivo di garantire che una vasta gamma di startup innovative possa beneficiare dei fondi.

Inoltre, il programma è progettato per offrire un supporto continuativo alle aziende, promuovendo la loro crescita sostenibile nel contesto economico globale. I criteri di selezione per l’accesso ai finanziamenti includono l’innovatività del progetto, il potenziale di crescita e l’impiego di tecnologie avanzate.

Le modalità di accesso prevedono una procedura di candidatura e valutazione per assicurare che i fondi siano assegnati alle iniziative più promettenti e in grado di contribuire significativamente alla trasformazione digitale dell’Italia.

Quali scenari per le imprese italiane

L’investimento previsto dal governo italiano apre scenari promettenti per l’ecosistema delle startup e per il tessuto economico del paese. Le aspettative sono alte: migliorare la competitività delle imprese italiane sui mercati internazionali, aumentare il livello di sicurezza informatica e accelerare la diffusione delle nuove tecnologie.

Tuttavia, queste opportunità sono accompagnate da sfide significative, come la necessità di creare sinergie efficaci tra pubblico e privato e di superare eventuali resistenze culturali e organizzative all’adozione delle nuove tecnologie.

Guardando al futuro, l’iniziativa del governo si colloca come un passo importante verso la realizzazione di un’ambizione più ampia: fare dell’Italia un hub di riferimento per l’innovazione tecnologica in Europa e nel mondo.

L’efficacia di questi sforzi sarà misurata non solo dagli immediati ritorni economici ma anche dal più ampio impatto sociale, culturale e ambientale delle tecnologie promosse.

L’investimento di 150 milioni di euro nel settore delle startup tecnologiche italiane genererà un impatto significativo, sia per l’ecosistema delle startup sia per l’intero contesto economico e tecnologico del paese.

Contribuirà all’accelerazione della trasformazione digitale, alla creazione di posti di lavoro qualificati e al rafforzamento della posizione competitiva dell’Italia sul mercato globale.

I futuri passi del governo

L’investimento promosso segna un momento significativo per il settore della tecnologia e dell’innovazione in Italia, indicando il sostegno del governo all’innovazione e alla digitalizzazione.

Mirando a potenziare le startup e stimolare lo sviluppo tecnologico, il finanziamento è destinato a influenzare positivamente l’economia digitale italiana.

I futuri passi del governo potrebbero concentrarsi sull’ampliamento di questo sostegno e sull’ulteriore promozione dell’innovazione nel paese.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5