CYBER RESILIENCE

Digital Europe Programme, i nuovi bandi di finanziamento: caratteristiche e opportunità

I fondi messi a disposizione dal programma “Digital Europe” consentiranno a imprese e PA di sviluppare, implementare e condividere standard elevati di sicurezza informatica per la protezione dei dati. Ecco i requisiti per partecipare ai bandi e le opportunità da cogliere

25 Nov 2022
A
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

V
Marco Vettore

Analyst, Hermes Bay

Il 15 novembre la Commissione ha lanciato un invito alle aziende, alle amministrazioni pubbliche e ad altre organizzazioni a presentare proposte di soluzioni innovative per la sicurezza informatica e a candidarsi per i finanziamenti previsti dal “EU funding under the Digital Europe Programme”.

I finanziamenti a fondo perduto, che ammontano a 176,5 milioni di euro, sono rivolti alle imprese e alle pubbliche amministrazioni dei Paesi aderenti allo Spazio Economico Europeo (SEE).

La formazione alla cyber security è un investimento che ritorna

Il programma europeo per lo sviluppo della sicurezza informatica

All’interno del Quadro Finanziario Pluriennale 2021-27, al Programma “Digital Europe” (DIGITAL)è riservato un bilancio complessivo di 7,59 miliardi di euro.

Questi fondi sono destinati ad incentivare i processi di sviluppo, implementazione e condivisione di standard elevati di sicurezza informatica da parte di imprese e pubbliche amministrazioni.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

Per raggiungere tali risultati, il progetto prevede una linea d’azione che si sviluppa attraverso cinque aree principali:

  1. il calcolo quantistico;
  2. l’Intelligenza Artificiale;
  3. la cibersicurezza;
  4. le competenze digitali avanzate;
  5. l’uso diffuso delle tecnologie digitali nell’economia e nella società.

Attenzione particolare, oltre che alla ricerca e allo sviluppo nell’ambito dei computer quantistici e delle nuove tecnologie, è rivolta anche alla riduzione delle criticità riscontrate nella diffusione e nell’adozione di capacità digitali da parte di PMI, grandi aziende e PA.

Nello specifico, le nuove proposte di progetto pubblicate dalla Commissione si vanno ad aggiungere a quelle già aperte nel’ambito del programma DIGITALe riguardano i seguenti settori, decisivi nel quadro della cyber security europea:

  1. la sicurezza delle infrastrutture digitali e delle tecnologie strategiche 5G;
  2. il potenziamento e l’integrazione dei Security Operations Centres;
  3. la resilienza, il coordinamento e la portata della sicurezza informatica comunitaria;
  4. il supporto all’implementazione della Direttiva NIS e delle Strategie Nazionali di Cybersecurity;
  5. la capacità di certificazione e testing;
  6. la condivisione di soluzioni di cybersecurity innovative;
  7. la creazione dei Centri di Coordinamento Nazionali nell’ambito del Centro europeo di competenza per la cibersicurezza nell’ambito industriale, tecnologico e della ricerca.

Le cose da sapere per accedere ai finanziamenti

Prima di presentare la domanda, i soggetti interessati devono iscriversi nel Registro dei Partecipanti; l’adesione è altresì ammessa insieme a entità affiliate, che otterranno parte dei contributi, e a partner associati, i quali prenderanno parte alla realizzazione dei progetti senza ricevere compensi.

I candidati devono disporre di risorse stabili e sufficienti per garantire una sufficiente implementazione del progetto.

Verifica della capacità finanziaria

La verifica della capacità finanziaria sarà effettuata sulla base dei documenti che verrà chiesto di caricare nel Registro dei Partecipanti durante la preparazione della sovvenzione (ad esempio, conto economico e bilancio, business plan, relazione di revisione contabile prodotta da un revisore esterno approvato, che certifichi i conti dell’ultimo esercizio finanziario chiuso ecc.).

Tali controlli saranno effettuati generalmente per tutti i partecipanti, a meno che non siano enti pubblici, organizzazioni internazionali o domandino una sovvenzione inferiore ai 60.000 euro.

Verifica delle capacità operative

Inoltre, per quanto riguarda le capacità operative, i candidati verranno successivamente valutati da un apposito comitato e dovranno dimostrare il possesso del know-how, delle qualifiche e delle risorse necessarie, compresa una sufficiente esperienza in progetti di dimensioni e natura comparabili.

Qualora un candidato dichiari informazioni false o emerga la sua implicazione in specifici reati e irregolarità, verrà escluso dal bando; nello specifico, i reati e/o le irregolarità che implicano tali esclusioni sono elencate in tutti i bandi di progetto sotto il capitolo 7, denominato “Financial and operational capacity and exclusion”, nella sezione “exclusion”.

I termini di presentazione dei progetti

Per quanto concerne i progetti presentati, i criteri di valutazione verteranno sulla loro pertinenza con gli obiettivi di lungo periodo, le loro modalità di implementazione e il loro impatto nel panorama europeo, tenendo in considerazione anche la loro sostenibilità ambientale. La loro presentazione dovrà avvenire entro il 15 febbraio 2023.

Obiettivo: coordinamento e condivisione di dati a livello UE

I sussidi erogati serviranno, secondo quanto espresso dalla Commissione, a rafforzare la cyber sicurezza nel settore pubblico e privato dell’Unione, riducendone le vulnerabilità di fronte alle minacce a livello globale. Un fine da realizzarsi in particolare attraverso il potenziamento delle reti di comunicazione e dei meccanismi di coordinamento tra gli Stati Membri e tra questi e le istituzioni europee.

Il lancio dell’iniziativa avviene in contemporanea con l’approvazione della nuova Direttiva NIS 2, adottata dal Parlamento Europeo il 10 novembre di quest’anno. I suoi punti chiave sono la resilienza e l’interoperabilità dei sistemi informativi. La nuova normativa, inoltre, amplia il perimetro applicativo della precedente NIS e introduce nuove categorie di settori critici, comprese tutte le aziende di medie e grandi dimensioni afferenti a questi.

Le proposte della Commissione si focalizzano infatti, oltre che sul rafforzamento dei livelli di protezione e delle capacità difensive, anche sul coordinamento e la condivisione di informazioni e procedure a livello comunitario.

Direttiva NIS2 approvata: ecco cosa cambia in materia di sicurezza di dati, reti e sistemi

I benefici per le Pubbliche Amministrazioni

Una delle iniziative più significative per le Pubbliche Amministrazioni è l’ampliamento delle infrastrutture cloud previste dal progetto denominato “EU Cybersecurity Resilience, Coordination and Cybersecurity Ranges”.

Secondo Leonardo Mangia, Senior Manager di Sopra Steria, tra i vantaggi di queste tecnologie figurano la capacità di gestione dei picchi di carico dei processi di elaborazione, la crescita del volume e della varietà dei dati, la presenza di servizi innovativi e la possibilità di usare una serie di strumenti e framework su architetture che evitano le duplicazioni e le sovrapposizioni.

Un altro settore che potrebbe essere interessato da nuovi investimenti è quello della comunicazione attraverso la tecnologia quantistica.

Un esempio in tal senso è stato il lancio a ottobre di Cipherbit, una soluzione sviluppata e realizzata dal Grupo Oesía, una multinazionale spagnola specializzata nell’ingegneria industriale e digitale.

Questo prodotto è stato realizzato da un team di 140 professionisti con esperienza nella messa in sicurezza dei sistemi delle Forze Armate, delle pubbliche amministrazioni e delle infrastrutture critiche. Il Grupo Oesía ha sottolineato che il suo lavoro ha ricevuto l’approvazione delle principali agenzie statali, come il Centro Nazionale di Crittografia (CCN), e di organismi internazionali come la NATO.

I benefici per le imprese private

Oltre al settore pubblico, i nuovi finanziamenti stanziati potrebbero apportare benefici anche alle imprese private.

Un aspetto che potrebbe essere maggiormente affrontato è quello della continuità operativa. La sua importanza all’interno di un contesto aziendale è stata ribadita più volte anche dalla Direttiva NIS.

Questa normativa richiede infatti agli Stati Membri dell’UE di garantire che i fornitori di servizi essenziali adottino misure adeguate per prevenire e ridurre al minimo gli effetti degli incidenti che compromettono la sicurezza della rete e dei sistemi informativi utilizzati.

Affinché ciò sia possibile, i differenti operatori devono disporre di specifiche procedure e infrastrutture di supporto, nonché di programmi di formazione del personale riguardo un possibile piano di risposta.

Vantaggi anche per la sicurezza delle catene di fornitura

Un altro elemento che potrebbe essere approfondito è quello della sicurezza delle catene di fornitura.

A tal rigurado, già nel 2020 l’UE ha avviato il progetto “Certifying the Security and Resilience of Supply Chain Services (CYRENE)”, il cui scopo è quello di soddisfare la necessità di creare strumenti e metodi atti a valutare e gestire in modo efficiente le minacce e le vulnerabilità legate alla sicurezza lungo le filiere di approvvigionamento globali.

Nell’ambito di questa iniziativa, è stata indetta una gara d’appalto a procedura aperta destinata a un’ampia serie di aziende, invitate a proporre servizi innovativi di sicurezza informatica o a valutare la piattaforma nei settori verticali.

Tra i soggetti che vi possono aderire figurano PMI, start-up, fornitori di sicurezza informatica e aziende di diversi settori verticali, come sanità, fintech, manifatturiero, agroalimentare, amministrazione digitale, commercio al dettaglio, edilizia, logistica e istruzione.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4