Sicurezza dei dispositivi aziendali: best practice e figure di riferimento

28 Set 2018

La sicurezza dei dispositivi aziendali è ormai imprescindibile. Il numero degli attacchi contro questi device è in aumento, ed è cresciuto il costo degli incidenti. Le piattaforme mobili, più dei PC, risultano al centro di tale tendenza, plausibilmente a causa dell’utilizzo crescente degli smartphone nei processi d’impresa. Le vulnerabilità dei sistemi operativi iOS e Android, inoltre, aumentano il rischio che malintenzionati possano sabotare o sottrarre dati aziendali, spesso senza la possibilità per gli amministratori di porvi rimedio con i comuni sistemi MDM (Mobile Device Management) e anti-malware.

È necessario trovare soluzioni per difendere i dispositivi mobili aziendali dagli attacchi indiscriminati o mirati, azione che spesso si scontra con la difficoltà nel far comprendere agli utilizzatori l’importanza della sicurezza su tali dispositivi e di fatto la necessità di utilizzo di sistemi di protezione.

Proprio su questo tema si è discusso durante la recente Tavola Rotonda organizzata da ZeroUno in collaborazione con Mobile Iron, dove è intervenuto Alessio Pennasilico, practice leader Information & Cybersecurity Advisory team di Partners4Innovation e presidente di AIP, evidenziando come sia fondamentale aumentare la percezione di importanza che gli utenti attribuiscono alla sicurezza, nell’articolo Come ottenere la massima sicurezza dai dispositivi mobili ripreso da ZeroUnoWeb.

Gli smartphone sono stati finora impiegati senza particolari protezioni ed i comportamenti degli utenti sono ingenui e imprevedibili: “Inevitabilmente la sicurezza introduce procedure e fastidi per gli utenti finali – spiega Pennasilico – ed è spesso molto difficile coniugare le esigenze aziendali con quelle degli utenti di usare i dispositivi senza complicazioni e perdite di tempo”.

A differenza di quanto accade con i PC aziendali, lo smartphone viene considerato un oggetto proprio, anche se è aziendale, pertanto risulta spesso complesso convincere l’utente ad accettare forme di controllo. Serve dare agli utenti soluzioni facili da installare che non rendano l’uso dello smartphone più complicato e rallentino il dispositivo. Soprattutto è fondamentale che il deploy di un MDM per il controllo e la gestione remota dei device mobili non interferisca con la privacy delle persone. La migliore strategia, di conseguenza, comporta il giusto accordo fra l’implementazione di procedure di sicurezza e ascolto delle esigenze degli utenti.

La cosa più importante è capire cosa proteggere – spiega Pennasilico – quindi agire sull’organizzazione, con consulenti e tecnologie. Gli strumenti tecnici non mancano, ma occorre saperli scegliere e capire come impiegarli. La decisione di come e cosa tutelare dipende dal tipo di azienda: se fa sistemi militari o svolge comuni attività commerciali. I rischi sono molto diversi se un documento con i termini di una gara o di una concessione fa gola a un’azienda concorrente oppure all’intelligence di un governo straniero. Va cercato il giusto bilanciamento tra obiettivo e oneri accettabili di difesa”.

Perché le cose funzionino serve il sostegno da parte del management aziendale. “Se l’amministratore delegato si aspetta che la sicurezza abbia impatti invisibili, gli va fatto capire che sbaglia, che la sicurezza richiede fatica e occorre decidere quanto impegno dedicare per ottenere un livello accettabile di tutela. Gran parte delle violazioni alle politiche aziendali di security è compiuta da persone in buona fede che cercano l’efficienza ma non capiscono il motivo per cui devono sottoporsi a oneri maggiori” aggiunge Pennasilico.

Si può quindi definire essenziale la necessità di stabilire delle priorità a livello di business e di sicurezza delle informazioni, infrastruttura, dati sensibili e reputazione pubblica, minimizzando i rischi su questi versanti che possono derivare da attacchi criminali.

Un “lavoro di squadra” che deve coinvolgere e riguardare le figure aziendali predisposte, all’interno dell’azienda, alla implementazione di tali processi: figure che spesso non esistono formalmente e che debbono invece assumere ruoli decisivi negli organigrammi aziendali.

Sulla base infatti delle evidenze della seconda edizione dell’Osservatorio Information Security & Privacy del Politecnico di Milano condotto su un campione di 951 CISO (Chief Information Security Officer), CSO (Chief Security Officer) e CIO (Chief Information Officer) di aziende italiane, emerge come in poco meno della metà del campione (il 46%) sia presente in modo formalizzato la figura del CISO, mentre nel 12% questa figura di fatto esiste anche se non è contemplata ufficialmente.

Capita che alcuni CIO si occupino anche di sicurezza, ma lo fanno spesso in modo generico e senza un vero e proprio set di skill adatto a queste mansioni, forse anche per questo, seguito dell’entrata in vigore del Regolamento UE 2016/679, meglio noto come GDPR (General Data Protection Regulation), le imprese stanno iniziando a prendere in considerazione la creazione di figure manageriali in grado di gestire le problematiche di information security.

Da tale esigenza nasce il ruolo dello Chief Information Security Officer (CISO) o del CSO (Chief Security Officer), un esperto in materia di sicurezza responsabile di definire la visione strategica, implementare programmi a protezione degli asset informativi e di identificare, sviluppare e mettere in campo processi volti a mitigare i rischi derivanti dall’adozione pervasiva delle tecnologie digitali.

Le aziende ed il management devono comprendere l’assoluta necessità di avere un CSO/CISO responsabile per la sicurezza, che avrà una prospettiva unica su come analizzare e mitigare i rischi, grazie alle le capacità di esaminare questi possibili scenari di minacce e rischi e di mettere in campo gli strumenti più idonei a prevenirli, come spiega l’accurato articolo di analisi verso questa nuova figura pubblicato da Digital4: Le nuove professioni della sicurezza: il ruolo del Chief Information Security Officer (CISO) e del Data Protection Officer (DPO).

Un CSO/CISO non deve inoltre limitarsi a capire i rischi e ad agire di conseguenza, ma deve anche essere in grado di aumentare la consapevolezza delle problematiche di cyber security grazie ad una maggior comprensione del business, interfacciandosi con i responsabili di prodotto, e comunicando ai top management i rischi derivanti dalle nuove minacce con una visione a 360°, discutendo questi scenari in un linguaggio che possa essere compreso e apprezzato anche da un CEO, un CIO e una qualsiasi altre figura dirigenziale all’interno di un’azienda.

Un CSO/CISO può portare un contributo notevole al tavolo delle decisioni e consigliare gli altri dirigenti non solo a livello di sicurezza, ma anche in questioni come il budget, allocazione di risorse e, più in generali, il business stesso dell’azienda.

A cura di Jusef Khamlichi Consulente senior presso P4I – Partners4Innovation e Gaia Rizzato, Information & Cyber Security Back Office Management Partners4Innovation

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr