SOLUZIONI DI SICUREZZA

Zero Trust in ambito OT: come implementare una soluzione ZTA

Ora che molte organizzazioni non dispongono più di un perimetro di sicurezza chiaramente definito, è necessario adottare una strategia per un accesso sicuro “sempre e ovunque” alle risorse aziendali. Ecco come implementare una Zero Trust Architecture in ambito OT

Pubblicato il 17 Apr 2023

Andrea Razzini

Cyber Security Specialist CISSP, CEH, CCSK, CompTIA

Zero Trust Architecture in ambito OT

La sicurezza del mondo OT (e anche IT) si è sempre concentrata sulle difese perimetrali, ma molte organizzazioni non dispongono più di un perimetro chiaramente definito. Per proteggere un’impresa digitale moderna, le organizzazioni hanno bisogno di una strategia completa per un accesso sicuro “sempre e ovunque” alle proprie risorse aziendali (ad es. applicazioni, sistemi legacy, dati e dispositivi) indipendentemente da dove si trovino (es. smart working) e in quali condizioni.

Da qui la necessità di valutare fin da subito i rischi causati da eventuali minacce interne (Insider Threats) oppure esterne, proteggere sempre e ovunque la confidenzialità e integrità e disponibilità delle informazioni per limitare gli impatti sugli aspetti di Safety, di Privacy, su quelli legati all’Operatività e su aspetti Finanziari.

Zero Trust (ZT) è un modello di sicurezza, che comprende un insieme di criteri di progettazione dei sistemi (IT e OT) ed una strategia di coordinamento e gestione di cyber security.

Un’architettura zero trust (ZTA) utilizza i principi Zero Trust per pianificare l’infrastruttura e i flussi di comunicazione nel mondo OT e IT.

Zero trust presuppone che non vi sia alcuna fiducia implicita concessa alle risorse o agli account utente in base esclusivamente alla loro posizione fisica o di rete (ad esempio, reti locali rispetto a Internet) o basata sulla proprietà delle risorse (di proprietà aziendale o personale).

L’autenticazione e l’autorizzazione (sia dell’utente che del dispositivo) sono funzioni verificate prima che venga stabilita una connessione a una risorsa aziendale.

Zero trust è in sostanza una risposta ai nuovi perimetri della rete aziendale che includono utenti remoti, BYOD (Bring Your Own Device) e risorse basate su cloud che non si trovano all’interno di un perimetro di proprietà dell’azienda.

Per indicare soluzioni applicabili per i vari business cases, il NIST (National Institute of Standards and Technology), tramite il suo gruppo National Cybersecurity Center of Excellence (NCCOE), ha da poco creato il documento di linea guida per l’implementazione di questa architettura, grazie anche alla collaborazione di numerosi vendor del settore. I documenti sono ancora in Draft status, al momento di scrivere l’articolo.

Lo schema ad alto livello con i componenti della ZTA è il seguente:

In un precedente articolo abbiamo già illustrato i componenti “Core”, ovvero, PE, PA, PEP. Ricordiamo qui che essi servono per gestire l’accesso sicuro alle risorse dell’impresa.

Come si vede in figura la ZTA si interpone tra le funzioni di cyber security (Threat intelligence, compliance, endpoint security ecc.) e le risorse dell’azienda.

Per ogni richiesta di accesso, una ZTA verifica esplicitamente il contesto disponibile al momento dell’accesso: questo include sia informazioni statiche sul profilo dell’utente che informazioni più generali come l’identità e il ruolo del richiedente e informazioni dinamiche come la geolocalizzazione, lo stato e le credenziali del dispositivo richiedente, il livello della risorsa e se la richiesta è giustificata e in conformità con la logica della policy aziendale.

Se la policy definita viene soddisfatta, viene creata una sessione protetta per proteggere tutte le informazioni trasferite da e verso la risorsa. Per stabilire e mantenere l’accesso vengono eseguite verifiche in tempo reale, rilevamento di anomalie del modello di accesso, valutazione continua delle policy.

Più le risorse sono critiche e più è necessario l’adozione del modello Zero Trust.

Zero Trust in ambito OT: come mitigare la debolezza dei sistemi industriali basati sulla fiducia

Criteri per l’implementazione di una ZTA

Vediamo qui nel seguito quali sono i requisiti di base per iniziare ad implementare una ZTA.

È sicuramente importante costruire un modello di ZTA che sia interoperabile e open-source, ma che segua allo stesso tempo le linee guida NIST e gli standard di riferimento dei vari settori industriali.

È altresì ovvio che l’implementazione della ZTA dovrà seguire un approccio graduale di inserimento nel contesto aziendale.

Le tecnologie essenziali saranno legate ai firewall e ai server. Gli obiettivi principali saranno invece legati alla parte autenticazione & autorizzazione.

Come per tutte le nuove metodologie, fondamentale all’inizio è cercare di definire la tassonomia delle minacce e vulnerabilità.

Minacce della ZTA

Nel perimetro tradizionale delle reti OT, le minacce sono sempre state confinate e protette sia dalla segmentazione delle reti che da apparati di rete ma anche dal fatto che queste reti erano di fatto non raggiungibili da Internet.

Data la crescente convergenza tra mondo IT e OT da un lato e alla sempre maggiore apertura delle reti OT al mondo esterno, il concetto originale di perimetro di sicurezza è stato completamente stravolto.

Anche un semplice account compromesso può infatti permettere un movimento laterale fornendo la possibilità di infrangere le policy di autorizzazione in essere.

Zero Trust è il modello che intende assicurare che utenti, applicazioni, sistemi abbiano accesso alle risorse solo per quelle di effettiva necessità, così da ridurre il più possibile la superfice di attacco.

Inoltre, una volta concessa l’autorizzazione di accesso ad una determinata risorsa, mentre si usava concedere questo accesso a volte per un tempo prolungato, ora con il concetto ZT, si tende invece ad eseguire un monitoraggio continuo dell’accesso, mantenendo nel tempo la policy stabilita coerentemente con il livello di rischio accettabile.

Vulnerabilità della ZTA

Data l’eterogeneità delle risorse che fanno parte di una rete OT, dove spesso vige ancora l’assunzione di risorse per loro natura fidate e non facilmente raggiungibili rispetto ai sistemi IT, nasce la possibilità che molte di esse abbiano vulnerabilità nascoste o note, potenzialmente sfruttabili.

La ZTA porta con sé il vantaggio di poter identificare meglio queste vulnerabilità attraverso il monitoraggio continuo e in tempo reale e con analisi comportamentale. La stessa ZTA dovrà essere sottoposta ad assessment di sicurezza.

Come abbiamo visto, la ZTA si compone di policy engine (PE), policy administrator (PA), e policy enforcement point (PEP). Se uno di questi componenti contenesse già in fase di implementazione una vulnerabilità, l’intera rete protetta dalla ZTA sarà di conseguenza vulnerabile. Questo sarà il primo controllo da effettuare al momento dell’implementazione della ZTA.

Come implementare una ZTA in settori OT

Un giusto approccio alla implementazione Zero Trust è quello di partire da soluzioni che realizzano i principii cardine:

  1. mai fidarsi, sempre verificare;
  2. assumere che un avversario ha già effettuato un breach;
  3. verificare continuamente l’accesso alle risorse critiche.

Dalle linee guida NIST si ricavano gli step per fare una migrazione graduale verso una architettura Zero Trust (ZTA):

  1. identificare quali sono gli enti coinvolti;
  2. identificare i beni di proprietà dell’impresa (asset);
  3. identificare i processi chiave e valutare i rischi associati all’esecuzione del processo;
  4. formulazione delle policy ZTA;
  5. identificazione delle soluzioni;
  6. distribuzione iniziale e monitoraggio continuo.

I pilastri su cui fondare questa transizione sono:

  1. l’identità;
  2. il dispositivo;
  3. la rete;
  4. il carico di lavoro dell’applicazione;
  5. i dati.

In base al livello di maturità di ogni azienda questi pilastri potranno avere differenti gradi di protezione e complessità. Ad esempio, per il pilastro Identità possono essere definiti tre livelli come segue:

  1. tradizionale, basato su password o MFA (Multi Factor Authentication);
  2. avanzato: MFA e sistemi di autenticazione misti cloud/on premise;
  3. ottimale: monitoraggio continuo e algoritmi di machine learning per analisi in real-time.

Il primo passo è quindi quello di definire un Piano e delle Milestones di progetto. Seguirà un fase di Gap Analysis e Risk Assessment definendo obiettivi di maturità in accordo a esigenze di protezione e complessità di implementazione.

Esempio di applicazione di architettura

Vediamo in estrema sintesi un primo passo da effettuare per l’implementazione della ZTA in abito sanitario mediante il Telehealth Remote Patient Monitoring (RPM).

In linea di massima, una soluzione Zero Trust Architecture partirà dalla suddivisione in due parti: Data Plane e Control Plane. I dispositivi di gestione della microsegmentazione operano nel piano di controllo. Questi dispositivi di gestione forniscono funzionalità amministrative e di policy.

Componenti operativi, dispositivi biometrici, piattaforme di telemedicina, i servizi e i dispositivi ospitati dalle organizzazioni dell’assistenza sanitaria possono operare nel piano dati.

Inoltre, i dispositivi biometrici gestiti possono essere soggetti a minacce che possono essere presenti anche nella rete domestica del paziente. L’approccio corretto deve quindi segmentare anche i componenti RPM da altri dispositivi che potrebbero funzionare a casa del paziente.

Seguiranno poi tutti gli altri step di implementazione, mantenendo i criteri evidenziati in precedenza.

Conclusioni

La migrazione verso la ZTA deve iniziare da una corretta mappatura verso l’architettura esistente e/o uno standard di riferimento. Ad esempio, IEC 62443 per il mondo OT, oppure in generale il NIST-CSF o i controlli SP 800-53 possono aiutare a supportare un’implementazione ZTA.

Un’organizzazione che desidera implementare ZTA deve prima valutare le sue attuali capacità di sicurezza (gap analysis) in modo da poter pianificare come aggiungere funzionalità mancanti e migliorare le capacità esistenti al fine di implementare la ZTA.

Quindi, prima di tutto, si deve attuare la governance della sicurezza.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3