L'APPROCCIO CORRETTO

Threat modeling, cos’è e quali metodologie usare per l’identificazione delle minacce

Il Threat modeling fornisce un approccio strutturato alla sicurezza durante lo sviluppo e il successivo deploy di un prodotto, consentendo di comprendere le risorse da proteggere, le minacce e le vulnerabilità che introduce e di come verranno mitigate. Ecco le metodologie utilizzate

28 Apr 2020
P
Giuseppe Prò

Information security manager

Con Threat modeling ci si riferisce al processo di sicurezza con il quale vengono identificate, classificate e analizzate potenziali minacce, valutandone il rischio e fornendo le necessarie contromisure.

Adottato soprattutto come misura proattiva durante le fasi di design e sviluppo, o come misura reattiva successiva al deploy di un prodotto, questo processo fornisce un’analisi sistematica di quali controlli o difese debbano essere incluse.

In questo contesto, infatti, il Threat modeling permette di comprendere soprattutto le risorse che il prodotto sta cercando di proteggere (es. informazioni personali dei clienti), le minacce e vulnerabilità introdotte da questo (incluse quelle presenti nell’ambiente in cui questo viene distribuito), e i dettagli di come verranno mitigate tali minacce.

Ciò permette di accrescere la consapevolezza alla sicurezza del prodotto, estendendosi a tutti gli attori coinvolti, e rendendola parte integrante dell’intero processo di sviluppo.

La sicurezza è un elemento che deve essere considerato e gestito in maniera attiva, sin dalle prime fasi di progettazione di un prodotto, e per tutto il suo ciclo di vita. Questa considerazione ampiamente condivisa, giusto per citare un esempio, ha dato vita al noto framework Microsoft SD3+C, che unisce tre importanti strategie quali: la security by design, la security by default e la security by deployment.

Adottare il solo approccio proattivo, infatti, non basta. Non tutte le minacce possono essere previste durante la fase di progettazione, sottolineando la necessità di unire strategie reattive, che permettono di affrontare problemi inizialmente non previsti.

Un approccio reattivo alla modellazione delle minacce ha luogo dopo che un prodotto è stato creato e distribuito. Ciò è alla base dell’ethical hacking, penetration testing, source code review e fuzz testing, processi utili nella ricerca di vulnerabilità e minacce, che si traducono nella richiesta di ulteriori sforzi per la messa in sicurezza del prodotto e dell’ecosistema, richiedendo una attenta valutazione delle azioni da intraprendere.

Threat modeling: identificazione delle minacce

Esistono possibilità quasi infinite di minacce, quindi è importante utilizzare un metodo strutturato per l’identificazione di quelle più pertinenti al contesto, che può avvenire utilizzando uno o più dei seguenti approcci:

WHITEPAPER
Trend e prospettive future nel mercato del log management
Sicurezza
Cybersecurity
  1. Approccio incentrato sugli asset. Questo metodo utilizza i risultati dell’asset valuation e tenta di identificare le minacce connesse agli asset più di valore per il contesto.
  2. Approccio incentrato sugli attacker. Metodo che si basa sull’identificazione di potenziali attacker, individuando le minacce in base agli obiettivi che questi si possono prefiggere. Riconoscere ciò che gli attaccanti vogliono ottenere, infatti, permette di spostare il proprio focus sull’identificare e proteggere gli asset più rilevanti.
  3. Approccio incentrato sul software. Se un’organizzazione sviluppa software, può prendere in considerazione potenziali minacce che potrebbero colpire lo stesso.

Le principali metodologie di threat modeling

Quando si tenta di inventariare e categorizzare le minacce, è spesso utile utilizzare una guida o un riferimento. Vengono presentate di seguito le quattro più note e adottate.

STRIDE

Nel 1999 da Microsoft, fornisce agli sviluppatori un modo per individuare le minacce che potevano potenzialmente colpire i prodotti della casa di Redmond, sviluppando uno schema di categorizzazione delle minacce noto come modello di minaccia STRIDE, spesso utilizzato soprattutto in relazione alla valutazione delle minacce contro applicazioni o sistemi operativi. STRIDE sta per:

  • spoofing: attacco informatico che impiega in varie maniere la falsificazione dell’identità (spoof). Lo spoofing può essere utilizzato contro indirizzi IP (Internet Protocol), indirizzi MAC, nomi utente, nomi di sistema, identificatori di set di servizi di rete wireless (SSID), indirizzi e-mail e molti altri tipi di identificazione logica. Quando un utente malintenzionato falsifica la propria identità come entità valida o autorizzata, è spesso in grado di bypassare filtri e blocchi contro accessi non autorizzati e conseguenti azioni laterali;
  • tampering: qualsiasi azione che comporti modifiche o manipolazioni non autorizzate dei dati, sia in transit che at rest, violando integrità e disponibilità delle informazioni;
  • repudiation: la capacità di un utente o di un attaccante, di negare di aver eseguito una certa azione o attività. Attacco che permette a chi lo esegue di mantenere una negabilità plausibile in modo da non essere ritenuto responsabile delle sue azioni, con la possibilità di far incolpare terze parti innocenti;
  • information disclosure: Rivelazione o distribuzione di informazioni private, riservate o controllate, a entità esterne o non autorizzate, generata, ad esempio, anche a causa di informazioni di debug lasciate nel codice, mancata sanitizzazione degli input utente, o messaggi di errore troppo dettagliati;
  • Denial of Service (DoS): Attacco che tenta di impedire l’uso autorizzato di una risorsa. Condotto ad esempio attraverso exploitation di una qualche vulnerabilità, o traffic flooding. Un attacco DoS non comporta necessariamente la completa interruzione di una risorsa, ma può manifestarsi anche attraverso una parziale riduzione di disponibilità in termini di latenza che può comunque compromettere la produttività;
  • Elevation of Privilege (EoP): un attacco in cui un account utente limitato, viene trasformato in un account con maggiori privilegi, poteri, e accesso. Questo può avvenire, ad esempio, attraverso il furto credenziali di un account con alti privilegi come quello di un amministratore di sistema, o ancora, attraverso un exploit che concede temporaneamente o permanentemente ulteriori poteri a un account altrimenti limitato.

PASTA

PASTA (Process for Attack Simulation and Threat Analysis) è una metodologia di Threat Modeling incentrata sull’attacker, che si sviluppa attraverso un processo che segue sette diverse fasi, con lo scopo di selezionare e sviluppare le contromisure necessarie in relazione agli asset da proteggere, tenendo quindi conto degli obiettivi aziendali, dei requisiti tecnici oltre che degli aspetti legati alla compliance.

Lo scopo del metodo è fornire un processo dinamico di identificazione, enumerazione e valutazione delle minacce, dove una volta completato il threat model, sviluppare un’analisi dettagliata delle minacce identificate.

VAST

VAST è l’acronimo di Visual, Agile e Simple Threat. Metodologia di threat modeling basata sui principi di project management e programming Agile. L’obiettivo è quello di integrare threat e risk management all’interno di programmi di sviluppo Agile su base scalabile.

Alla base di questa metodologia c’è l’idea che la modellazione delle minacce è utile solo se comprende l’intero ciclo di vita di sviluppo del software (SDLC), incorporando tre diversi pilastri quali l’automazione, l’integrazione, e la collaborazione.

TRIKE

Trike è una metodologia di Threat modeling con approccio risk-based, il cui focus è quello di usare threat model in modo affidabile e ripetibile, così da poter essere usato per descrivere in modo accurato e completo le caratteristiche di sicurezza di un sistema, dalla sua architettura ad alto livello ai dettagli più a basso livello.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr