SICUREZZA INFORMATICA

Sistemi di IT automation: regole operative per una corretta implementazione

L’implementazione di sistemi di IT automation aumenta la produttività, ma anche la sicurezza. Ecco perché le piattaforme di orchestration hanno un impatto decisivo sulla cyber security

22 Mar 2021
S
Marco Schiaffino

Giornalista

Più che una scelta, è una necessità: l’implementazione di sistemi di automazione nel settore IT rappresenta una via obbligata per qualsiasi azienda: di fronte a un livello di complessità e articolazione sempre maggiori, l’uso di sistemi di IT automation sono l’unico strumento che permette di gestire in maniera adeguata l’ecosistema digitale e tenere sotto controllo i servizi e le risorse aziendali.

L’adozione di sistemi di orchestrazione e automatizzazione, però, hanno anche effetto sul livello complessivo di sicurezza dei sistemi. “Le ricadute sulla cyber security delle piattaforme di automation sono estremamente rilevanti” conferma Lorenzo Pellegrin, Senior SecDevOps di LumIT. “La possibilità di automatizzare le operazioni consente infatti di migliorare il livello di sicurezza sia direttamente, sia indirettamente”.

IT automation per ridurre l’incidenza degli errori

Il primo e più evidente legame tra automazione e cyber security riguarda la possibilità che un errore umano possa aprire la strada a un incidente di sicurezza.

Le casistiche, sotto questo punto di vista, sono estremamente ricche: configurazioni errate e mancanza di sistemi di autenticazione per l’accesso ai sistemi implementati rappresentano una buona fetta degli incidenti di sicurezza registrati negli ultimi anni.

L’automazione, sotto questo profilo, consente di utilizzare procedure predefinite per l’implementazione di risorse e servizi applicando immediatamente tutte le impostazioni che offrono il massimo livello di sicurezza. “L’uso di modelli predefiniti per il deployment dei servizi rappresenta uno strumento prezioso per evitare errori di configurazione” sottolinea Pellegrin. “Sapere che ogni nuovo componente messo in rete risponde già alle policy di sicurezza è un vantaggio enorme in termini di security”.

L’automatizzazione delle procedure di sicurezza, inoltre permette di tagliare notevolmente i tempi a livello di procedure. “La piattaforma di automazione consente di avviare operazioni che normalmente richiedono l’intervento di un’altra persona, come l’aggiornamento delle regole dei firewall” spiega Pellegrin. “L’automatizzazione di operazioni di questo tipo consente, in pratica, di tagliare i tempi morti e di agire con maggiore velocità rispettando tutti i criteri di security”.

Automatizzare gli aggiornamenti

Una delle frontiere più interessanti che coniugano IT automation e security è quella del patch management, in cui l’introduzione di sistemi di automazione permette di migliorare radicalmente le prestazioni nell’applicazione degli aggiornamenti.

Il problema dell’ampiezza della finestra di vulnerabilità tra il momento in cui viene segnalata la disponibilità di una patch e la sua effettiva applicazione sui sistemi aziendali, infatti, è uno dei “fronti caldi” in ambito security.

Secondo i dati raccolti dalle società di sicurezza, il 60% degli attacchi informatici subiti dalle aziende ha come origine la mancata tempestività nell’applicazione degli aggiornamenti che correggono vulnerabilità conosciute.

Si tratta di un problema ben noto, dovuto in parte alla necessità da parte delle aziende di eseguire, prima dell’applicazione delle patch, tutti i test che consentono di verificare la compatibilità degli aggiornamenti e preservare così la business continuity.

In molti casi, però, il problema si annida semplicemente in falle che interessano le procedure di aggiornamento. “Uno dei progetti che stiamo sviluppando all’interno di LumIT riguarda la possibilità di raccogliere le CVE (Common Vulnerabilities and Exposures) pubblicate e mettere a disposizione degli amministratori IT un sistema che gli permetta di identificare immediatamente i sistemi interessati” spiega Pellegrin. “In questo modo è possibile velocizzare le operazioni di patching e, soprattutto, mitigare il rischio che qualche dispositivo o applicazione possa sfuggire ai controlli”.

IT automation: dalla security alla gestione dei sistemi

L’adozione di un sistema automatizzato, in ambito patching, non offre solo vantaggi in termini di velocità, ma anche di pianificazione.

L’interrogazione attraverso sistemi automatizzati, infatti, permette di sapere subito quante sono (e quali sono) le macchine interessate dalla vulnerabilità. In questo modo è possibile pianificare con maggiore efficacia gli interventi necessari e ridurre l’impatto delle procedure di aggiornamento anche a livello di business continuity. “Sapere esattamente dove è necessario intervenire è un enorme vantaggio per i sistemisti” conferma l’esperto di LumIT. “In questo modo è molto più facile coordinare le attività e raggiungere il risultato nel minor tempo possibile”.

In altre parole, il miglioramento delle procedure legate all’ambito sistemistico si traduce direttamente in una migliore gestione della security a tutti i livelli (e non è una sorpresa).

L’automazione nella fase di response

Se aggiornamenti e gestione delle impostazioni in fase di implementazione impattano in chiave preventiva, l’uso di un sistema di IT automation può essere utile anche in chiave di response, quando cioè i responsabili IT devono reagire a un attacco informatico in corso. “Attraverso gli strumenti di orchestration è possibile applicare con estrema rapidità modifiche alle impostazioni di rete che, se eseguite manualmente, richiederebbero tempi notevolmente superiori” conferma l’esperto di LumIT.

In caso di compromissione di una macchina all’interno della rete aziendale, di conseguenza, è possibile utilizzare i sistemi di automatizzazione per isolare la porzione di rete interessata e impedire così la diffusione della minaccia.

Nel settore dell’automazione, però, parlare di funzionalità specifiche rischia di essere fuorviante.

Una volta attivata una piattaforma, è infatti possibile sviluppare procedure e strumenti su misura che, potenzialmente, possono rispondere a qualsiasi tipo di esigenza. “Quando si parla dei vantaggi dell’automazione, la valutazione deve essere fatta guardando a un bilancio di costi e benefici” conferma Pellegrin. “L’impatto dei processi di automazione a livello di sicurezza, in definitiva, dipende molto dalle peculiarità dell’ecosistema in cui ci si muove”.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con LumIT

Lumit - it automation - perché serve per proteggere il business
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr